Search

Paternoster, la svolta c’è stata. Adesso si fa sul serio

16.09.2023
4 min
Salva

MISANO ADRIATICO – In una pausa tra autografi e foto, Letizia Paternoster tira un po’ il fiato e si racconta. L’Italian Bike Festival ci inonda con le note basse, lo scorrere delle bici e il luccicare degli occhi di tanti appassionati davanti a biciclette come gioielli. La trentina ha il sorriso giusto e gli occhi che guardano fissi. La stagione volge al termine e la sensazione, questa volta più di altre, è che il personaggio e l’atleta comincino di nuovo a coincidere. Non è facile convivere con un’etichetta appioppata da altri che trovano più semplice sentenziare che capire, ma forse quello che serviva per scrollarsela di dosso era risollevare il capo e scoprire i denti. Letizia adesso vuole vincere. Sa che la strada per battere le prime della classe è ancora lunga, ma adesso è sulla strada giusta. Per togliersi di dosso tutto quello che in qualche modo le impediva di farlo ha avuto bisogno di qualche mese. Ed è lei a spiegarlo.

«Bene – risponde – sto molto bene. In questa stagione sono cresciuta tanto, ho ritrovato veramente me stessa e sogno le Olimpiadi per il prossimo anno. Quindi continuo a lavorare a testa bassa. Il 2023 è stata una stagione dove veramente avevo bisogno di fare tanta strada, come ho fatto quest’anno. Ho lavorato molto e la mia squadra mi ha veramente supportato tanto. Sono andata al Simac Ladies Tour, ho finito con un quarto e un sesto posto. Comunque ho ritrovato i miei numeri, i miei livelli e so che ho ancora tanto da dare, lavorando con Dario Broccardo e con Marco Pinotti come supervisore».

Nel 2022 per Paternoster appena 21 giorni di corsa, quest’anno nel nuovo team è già a 32
Nel 2022 per Paternoster appena 21 giorni di corsa, quest’anno nel nuovo team è già a 32
Che cosa mancava a Letizia all’inizio dell’anno?

Per tanti anni ho messo la strada un po’ da parte, ma sicuramente mi mancava soprattutto la serenità giusta per poter affrontare la stagione. Cambiando squadra ho veramente ritrovato un team intorno a me, che mi ha supportato tanto. Ho iniziato a lavorare con Paola Pagani, una mental coach che mi ha fatto crescere e mi ha fatto fare una svolta. Sicuramente avere un team intorno mi ha aiutato ad uscire un po’ dalla gabbia. E’ stato fondamentale e ora ho finalmente la serenità e la cattiveria giusta.

La strada resta funzionale rispetto alla pista oppure è un terreno su cui vuoi fare bene?

No, la strada è un obiettivo fondamentale. Sicuramente in vista del prossimo anno e delle Olimpiadi, la pista è l’obiettivo più grande, poi però voglio continuare a crescere in questa squadra. E’ un posto in cui sto bene.

Foto e autografi, soprattutto sono state tante ieri le piccole cicliste che hanno cercato Paternoster
Foto e autografi, soprattutto sono state tante ieri le piccole cicliste che hanno cercato Paternoster
Hai parlato di gabbia, puoi descrivere cosa intendi?

Sicuramente non ero in un momento super felice, super sereno. Non avevo la tranquillità giusta. E sicuramente aver costruito un team intorno a me mi dà sicurezza, mi ha aiutato semplicemente per aver creduto in me. Sicuramente avere persone che credono in te ti dà la forza per risalire.

Bene le gambe, insomma, ma la testa fa la vera differenza?

La testa e l’ambiente, passa tutto per questo.

Che effetto fa stare in mezzo ai tifosi in questo mare di bici?

E’ sicuramente bello. Sono veramente felice di vedere tanti appassionati e la cosa che mi rende ancor più felice è vedere tante ragazze, tante donne appassionate della bici. Quello del ciclismo femminile è sicuramente un ambiente in crescita e questo è davvero bello.

Paternoster e Chiappucci sono testimonia rispettivamente fi Giant e LIV: due marchi dello s tesso gruppo
Paternoster e Chiappucci sono testimonia rispettivamente fi Giant e LIV: due marchi dello s tesso gruppo
Stagione finita o si corre ancora?

Ho ancora l’Emilia, la Tre Valli Varesine, poi la Cina. Forse la nota meno bella di questa bella annata sono stati i mondiali. Li ho chiusi con un po’ di amaro in bocca dopo l’omnium, ma non facevo una gara di gruppo così da due anni. E’ stato bello poter ripartire con la corsa a punti giocandomi una medaglia. Ci ho creduto fino alla fine, purtroppo c’è stata quella caduta nel momento più sbagliato. Ma sento di essere sulla strada giusta e questo finalmente mi dà tanta serenità. 

Mondiali deludenti? Bragato proietta i suoi numeri su Parigi

27.08.2023
5 min
Salva

Non nascondiamocelo: i mondiali di ciclismo a Glasgow potrebbero aver lasciato una punta di amaro in bocca in sede di consuntivo per la rappresentativa italiana. Nelle discipline olimpiche (e quando si è nell’anno preolimpico è a quelle che bisogna soprattutto guardare) sono arrivati un argento e un bronzo, sempre con Ganna di mezzo. A mente fredda è il caso di riesaminare quanto avvenuto nelle due settimane in terra scozzese proprio proiettando quanto avvenuto – e soprattutto le indicazioni emerse – verso il 2024 e nessuno più di Diego Bragato è adatto a farlo.

Bragato, oltre che parte integrante dello staff tecnico di Villa per il ciclismo su pista è il responsabile del Team Performance e appena chiusa la rassegna iridata ha ripassato al computer la marea di dati emersi, traendone idee utilissime per l’avvicinamento all’appuntamento di Parigi 2024.

Il quartetto femminile ha lavorato poco insieme, eppure i dati dicono che ha grandi prospettive
Il quartetto femminile ha lavorato poco insieme, eppure i dati dicono che ha grandi prospettive

«Il bilancio secondo me è positivo – esordisce subito Bragato – non dobbiamo dimenticare che ai mondiali ci sono anche gli altri e una rassegna preolimpica è sempre qualcosa di diverso rispetto alle altre. Tutti sanno di giocarsi molto, ma più che guardare fuori guardiamo in casa nostra e a come siamo arrivati a questo appuntamento».

Che cosa intendi?

Sono stati per noi mondiali molto diversi dagli altri. Gli infortuni sparsi e l’attività su strada hanno influito sulla nostra compagine più che sulle altre. Io devo commisurare i risultati ottenuti proprio in base a questo cammino di avvicinamento e per questo posso dire che nel complesso siamo andati bene.

Viviani è l’esempio di come sia necessaria una maggiore attività su pista per i nostri atleti olimpici
Viviani è l’esempio di come sia necessaria una maggiore attività su pista per i nostri atleti olimpici
Misurare il ciclismo non è facile: salvo che nell’inseguimento a squadre e, parzialmente, nella velocità (facendo sempre riferimento alle prove del programma olimpico) non si hanno numeri che quantifichino subito la prestazione…

Infatti, il mio compito è valutare ogni singolo caso, guardare alla prestazione complessiva in base alla prova affrontata. Guardate ad esempio Viviani: è arrivato al mondiale decisamente in forma, ma gli mancava l’approccio alla gara a causa della desuetudine. Non basta essere pronti fisicamente, serve anche correre più volte le gare anche per commisurarsi agli altri, vecchi e nuovi. Lo stesso vale per le ragazze: la Paternoster era competitiva come da tanto non accadeva, ma le mancavano i giusti meccanismi. Questo è un primo aspetto sul quale ragionare in vista di Parigi: fare in modo che i nostri riacquistino dimestichezza.

Essendo proprio un mondiale così delicato, la scelta di lasciare responsabilità di decisione alle ragazze non è stata un po’ affrettata?

E’ un quadriennio delicato, più corto e le ragazze sono alle prese con mille cambiamenti nel WorldTour – sottolinea Bragato – Villa ha ritenuto opportuno non sovraccaricarle, sapendo che c’era un prezzo da pagare. Se guardo all’inseguimento a squadre, il cronometro mi dice che non siamo così distanti dal vertice. Nella finale per il bronzo abbiamo perso di soli 3 decimi contro la Francia che aveva ragazze che, per essere lì al massimo, avevano rinunciato al Tour de France, la gara di casa. Anche questo va valutato in positivo.

Per Amadio si prospetta un autunno delicato, nel quale tracciare il cammino verso Parigi 2024
Per Amadio si prospetta un autunno delicato, nel quale tracciare il cammino verso Parigi 2024
E’ però un’esperienza sulla quale bisogna porre le basi per un approccio olimpico ben diverso.

Su questo non si discute. C’è bisogno di un accordo organico con i team di appartenenza di tutti i nostri ragazzi. Dopo la Vuelta il team manager Amadio supportato dai tecnici di settore ha in programma una serie d’incontri con tutti i manager delle squadre WT di riferimento, al maschile e al femminile, per tracciare il cammino verso Parigi. Villa come Bennati e Sangalli deve iniziare il lavoro con una certezza di tempi e modi. Anche perché la stagione su pista inizierà subito, con gli europei in programma dal 10 al 14 gennaio e bisognerà fare bene in quell’occasione.

Poi ci saranno anche tre tappe di Nations Cup da febbraio ad aprile…

Bisognerà trovare la quadra, dare la possibilità a ragazzi e ragazze di lavorare su pista con continuità, ma anche avere occasioni di confronto vere in gara e la challenge sarà utilissima in tal senso. Certo, conciliarla con il calendario su strada non sarà semplice, per questo le settimane subito dopo la fine della stagione saranno importantissime.

Ganna a Parigi sarà impegnato già il primo giorno di finali. Ci si giocherà tanto…
Ganna a Parigi sarà impegnato già il primo giorno di finali. Ci si giocherà tanto…
Torniamo su un tema dibattuto subito dopo Tokyo: per noi del ciclismo come per tutte le altre federazioni di riferimento non sarebbe utile avere un contraltare costituito da un settore Preparazione Olimpica del Coni con diversi poteri, che possa svolgere un ruolo di controllo e di affiancamento nel cammino di qualificazione per i Giochi Olimpici?

Ci addentriamo in un argomento spinoso – avverte Bragato – le discipline sono molto diverse, il ciclismo ha esigenze che non sono certo quelle di atletica e nuoto, per fare due esempi. Noi abbiamo un rapporto consolidato e molto stretto con la Scuola dello Sport, ci confrontiamo spesso per alzare il livello delle nostre discipline. Tanto per fare un esempio, dalla Scuola abbiamo avuto tutta una serie di attrezzature per la registrazione e la visualizzazione specifica dei lavori effettuati a Montichiari e questo ci serve molto. Sempre con la Scuola stiamo affrontando anche il discorso di discipline specifiche come il bmx freestyle dove partiamo da zero, abbiamo bisogno di reclutare giovanissimi e possiamo farlo guardando anche ad altre discipline simili.

Obiettivamente, ti senti ottimista?

Io sono convinto che possiamo fare davvero bene in ogni disciplina dalla strada alla pista alle altre. Siamo forti e lo sappiamo, anche le gare che non ci hanno premiato a Glasgow ci dicono comunque questo. Serve qualcosa in più, serve entusiasmo, ritrovare quell’energia che c’era a Tokyo e che si respirava già a mesi di distanza. Bisogna partire col piede giusto e fare in modo che tutto s’incastri al meglio. Oltretutto cominceremo subito – afferma Bragato – nella prima giornata di finali ci saranno le cronometro su strada e sappiamo che ci giochiamo molto, noi del ciclismo e l’intera spedizione azzurra, vediamo d’iniziare col piede giusto…

Aveva ragione Sangalli: Paternoster sta tornando

Giada Gambino
02.07.2023
4 min
Salva

Al via del Giro d’Italia Donne rinviato di un giorno per il brutto tempo, ma che l’ha vista in testa nella cronometro, Letizia Paternoster ci racconta delle sue sensazioni dell’ultimo periodo e di come il ciclismo sia centrale nella sua vita. Il resto è un contorno, le critiche lasciano il tempo che trovano. Dopo i campionati italiani, il tecnico azzurro Sangalli l’ha inserita fra le sorprese più belle.

Prima della crono cancellata, il riscaldamento di Paternoster era stato deciso ed efficace
Prima della crono cancellata, il riscaldamento di Paternoster era stato deciso ed efficace
La tua forma fisica dell’ultimo periodo…

Avevo preso il Covid come tanti ciclisti a fine aprile, ma passato quello sembrerebbe che tutto sia andato per il meglio. In altura mi sono allenata tanto, più di quanto abbia mai fatto. Sto bene, sono pronta. Ho lavorato tanto, vedremo come sarà questo Giro. Dopo il campionato italiano su strada (ha conseguito il settimo posto, ndr) ho creato molte aspettative su me stessa. Spero di non deluderle, ma penso che non sarà così. Il mio obiettivo sarà quello di scoprire i miei limiti, che forse ancora non conosco

Il Giro d’Italia con il nuovo team.

Sono molto entusiasta, un pochino agitata perché è il primo Giro, la prima grande corsa a tappe. E’ tutto nuovo. Ma farlo con questa squadra, questa famiglia, mi rende super serena e soprattutto sono tanto motivata. 

Nel 2023 ha debuttato nella Roubaix (65ª al traguardo), poi come molti ha ripreso il Covid
Nel 2023 ha debuttato nella Roubaix (65ª al traguardo), poi come molti ha ripreso il Covid
Cosa più ti spaventa del Giro?

L’imprevisto! Sono contenta delle mie prestazioni, della mia preparazione e di come sto andando. Ho lavorato molto e bene. Quindi sì, l’imprevisto è ciò che più mi spaventa. Ci può sempre essere, ma non voglio nemmeno pensarci, non accadrà. 

A breve i mondiali su pista… 

Dopo il Giro la mia concentrazione e determinazione si sposteranno unicamente su quelli. La maglia azzurra mi dà tanta carica e la motivazione, se il Giro andrà bene, sarà quella giusta. 

Qual è la differenza principale tra il team Italia e la nuova avventura nel team Jayco-AlUla?

C’è un ambiente un po’ diverso, nel Team Jayco-AlUla mi sento a casa. Faccio un po’ di difficoltà a trovare delle differenze, è tutt’altra cosa.

La Vuelta Burgos l’ha proiettata sui tricolori, cui è arrivata dopo tanto lavoro in altura. E ora il Giro
La Vuelta Burgos l’ha proiettata sui tricolori, cui è arrivata dopo tanto lavoro in altura. E ora il Giro
A volte ti vengono mosse delle critiche per il tuo essere attiva sui social e per le tue sponsorizzazioni, di vario genere, che mettono in risalto la tua bellezza e femminilità… 

Non faccio la modella! Fortunatamente ho degli sponsor vicino a me che hanno voglia di lavorare e che mi danno modo di farlo. Forse questo dà anche modo al ciclismo femminile di emergere e di essere un po’ piu’ conosciuto di quanto già sia. Al di là di questo, ho capito che l’invidia è umana e spesso chi parla non ha i miei stessi sponsor. Del giudizio delle persone ho imparato a… fregarmene (ride, ndr )!

In sport come il calcio, gli sportivi fanno tantissime sponsorizzazioni, eppure nessuno li giudica, è la normalità… 

Esattamente! Quello che amo fare è andare in bici e andare forte. Ho manager intorno a me che sanno quando mi posso dedicare ad altro o meno. La priorità nella mia vita l’ha sempre il ciclismo e quando ho tempo do spazio anche al resto, ma è semplicemente un valore aggiunto. Non dimentichiamoci che anche quello è un lavoro, un introito in più. Siamo seri, chi rifiuterebbe una collaborazione, ad esempio, con la Nike (sorride, ndr)? Le persone che parlano sono quelle che probabilmente pagherebbero per quello che ho io. 

Con Martina Fidanza agli europei di Grenchen 2022, in pista Paternoster ha vinto 6 mondiali e 15 europei sin da junior
Con Martina Fidanza agli europei di Grenchen 2022, in pista Paternoster ha vinto 6 mondiali e 15 europei sin da junior
Dai un consiglio a Letizia per la stagione estiva.

Vai dritta per la tua strada, continua in questa direzione. Hai sofferto troppo per cose che non ne volevano la pena. Vai dritta verso i tuoi sogni senza farti fermare da nessuno. 

In quale momento della gara esce la tua cattiveria agonistica?

Dal momento in cui prendo il via in una gara in cui ci credo e so che posso fare bene, dalla partenza! Voglio vincere!

Bufera a Chianciano, crono annullata. “Pater” beffata

30.06.2023
6 min
Salva

CHIANCIANO TERME – La beffa è grossa. Letizia Paternoster fa buon viso a cattivo gioco. Nel momento in cui la crono di apertura del Giro d’Italia Donne viene cancellata, la trentina ha il miglior tempo. Un altro passo avanti dopo le due belle prove ai campionati italiani, invece di colpo bisogna far finta di nulla.

Nulla lasciava presagire un simile epilogo. Il mattino aveva il sole, mentre i commissari dell’UCI misuravano le bici per la crono imminente. Quella di Elisa Longo Borghini rimandata in officina perché trovata più lunga di un centimetro, poi la crono è partita e dopo la prima atleta, il cielo si è chiuso. e quando si è riaperto, è venuto giù il mondo…

Il protocollo UCI

La pioggia, la grandine, l’acqua sulla strada, le foglie. Le cadute. Mavi Garcia, una di quelle che deve fare classifica, ha perso un minuto e la sua diesse (Giorgia Bronzini) è fuori dalla grazia di Dio. Finché l’organizzazione, i commissari UCI, il CPA e anche i rappresentanti del Team Jayco AlUla (squadra delle prima in classifica) prendono la decisione: tappa neutralizzata.

«Quando siamo partiti c’era il sole – racconta Giuseppe Rivolta, che un tempo organizzava la corsa – invece subito dopo la prima atleta è cominciato il brutto tempo. E’ arrivata anche la grandine e abbiamo dovuto per forza sospendere per 15 minuti dopo le prime 37 partenti. Sembrava che si potesse ricominciare, infatti abbiamo ripreso. Poi è arrivato ancora il diluvio universale e a quel punto abbiamo dovuto applicare il protocollo UCI sul maltempo. Sospendere la gara era la decisione giusta da prendere. Pioveva. La strada era piena anche di foglie e quindi non c’era più sicurezza. In più c’erano anche strade allagate, quindi la gara oramai era falsata e non era il caso di continuare. Da qui la necessità di applicare il protocollo ufficiale».

Prudenza e tensione

Pioggia violenta. Il percorso di Chianciano Terme è tecnico, l’asfalto bagnato sembra liscio. A vederle provare prima della partenza, quando c’era il sole, il pensiero era stato di quanto fossero brave a guidare la bici, soprattutto nel finale che ha un tornante e una curva chiusa che immette sul traguardo.

Alla partenza, Davide Arzeni dispensava consigli alle ragazze del UAE Team Adq. Dopo la caduta di Chiara Consonni, l’imperativo è diventato portare a casa la pelle. Perciò quando sul blocco di partenza è salita Silvia Persico, “Capo” ha dato un consiglio di grande esperienza.

«Non rischiare nulla – ha detto alla bergamasca – fai come nel ciclocross. Spingi quando puoi e quando hai aderenza, vai prudente nel resto del percorso».

Bronzini nel frattempo è sparita. Ha cercato di spiegare a tutti il suo punto di vista: non sarebbe stato giusto continuare, si rischiava di falsare la corsa e alla fine il ragionamento ha fatto breccia.

I rischi di “Pater”

Davvero un peccato, anche perché nel momento stesso in cui ne stiamo scrivendo, su Chianciano è arrivato il sole. Non si fosse trattato di una cronometro, sarebbe stato diverso, ma così le bici erano inguidabili.

«Ci credevo – dice Letizia Paternoster con un sorriso scanzonato – perché alla fine le più forti erano tutte dietro e mancavano 2-3 ragazze che sinceramente temevo, però il podio era sicuro. Il percorso era allagato in vari punti, è stato giusto fermare tutto. Arrivo a domani con la certezza che sto andando bene e con la certezza che ho lavorato bene. Sono felice della mia performance, di quello che sono riuscita a esprimere sui pedali. Penso e spero che sia un arrivederci: tutto torna e se non me lo merito io. Per fare questo tempo ho rischiato tanto, per poco non vado dritta. A saperlo, avrei rischiato un po’ meno…».

Paternoster se ne va con un sorriso beffardo, ma la crono conferma che ha buone gambe
Paternoster se ne va con un sorriso beffardo, ma la crono conferma che ha buone gambe

Lavori in corso

La carovana si è messa in strada verso Firenze, per la seconda tappa da Bagno a Ripoli a Marradi. E’ come se non si fosse corso, la classifica è a zero per tutte. Il Giro d’Italia ha avuto una gestazione faticosa e una partenza altrettanto impegnativa. L’organizzazione sta mettendo a posto i meccanismi della logistica, si capisce che ci sono alcuni aspetti da definire.

Le previsioni del tempo danno acqua anche per domani, poi in teoria sarà nuovamente estate. Paternoster ha appena lasciato il palco, tornando verso il pullman. Fuori adesso c’è davvero il sole.

Destinazione AlUla: il ciclismo apre le porte al turismo

04.01.2023
8 min
Salva

Per la prima volta da quando è nata e fatto salvo l’abbinamento tecnico con Scott dal 2017 al 2020, la squadra riconducibile al gruppo GreenEdge Cycling viene affiancata da un marchio non australiano: AlUla. Finora li avevamo conosciuti come Orica-GreenEdge, poi Mitchelton-Scott, quindi Bike Exchange. Per i prossimi tre anni la squadra guidata da Brent Copeland si chiamerà Jayco-AlUla. Ed è proprio il team manager sudafricano a spiegarci l’abbinamento e la sua origine.

Al-‘Ula è una città della regione di Medina nel Nord-Ovest dell’Arabia Saudita. Si trova sulla Via dell’Incenso, all’interno del Governatorato di ‘Ula: uno dei sette nella regione di Medina.

«AlUla è anche la regione – dice Copeland – in cui nel 2022 abbiamo corso le cinque tappe del Saudi Tour. E’ una regione molto bella e particolare. Ci hanno trovato tombe di 2000 anni fa, non so se ricordate le immagini della corsa (foto Getty Images, in apertura). E’ un’area con montagne molto particolari in cui hanno creato un distretto turistico che si chiama Luxury Destination. Sono tutti hotel 5 stelle, 5 stelle deluxe, che richiamano una clientela di altissimo profilo».

In che modo lo sport può funzionare da traino?

Credono nello sport e anche nel ciclismo. Al Tour de France 2021 hanno fatto una prova con noi, mettendo il nome sulla spalla, e hanno visto che in 18 mesi la visibilità e il ritorno sono stati molto alti rispetto ad altri investimenti che fanno abitualmente

Ad esempio?

Investono molto sui concerti. Bocelli è stato già per due volte lì a cantare. Però hanno visto che il ciclismo, soprattutto quello internazionale che fa il giro del mondo, dà tanta visibilità per il turismo. Poi c’è da dire che chi va in bici adesso e può permettersi bici da 15.000 euro è anche il tipo di cliente che sceglie determinati hotel.

Per questo hanno deciso di aumentare l’impegno?

Adesso hanno uno spazio importante sulla maglia, non è più solo una spalla. L’accordo del Tour è durato 18 mesi, ma durante quest’anno abbiamo iniziato a parlare, proponendo di fare un progetto più ampio. Di non fare solo una sponsorizzazione, ma della possibilità di parlare con la Federazione.

Con quale obiettivo?

Vedere se c’è qualche corridore di laggiù che possiamo mettere alla prova, portarlo in ritiro. Proviamo ad aprire le porte ai loro atleti e l’idea gli è piaciuta molto. E poi, approfondendo il discorso, hanno visto il tipo di ritorno possibile e hanno accettato la nostra proposta.

Ci sono atleti con cui lavorare?

Qualcuno sì, non sono tantissimi però stanno cercando di fare sempre di più, anche a livello sportivo. Stanno cercando di promuovere il ciclismo, la corsa a piedi e ovviamente il calcio. Ma il ciclismo piace, ho visto che hanno fatto un accordo anche con Movistar appunto per questo… 

Gerry Ryan che finora ha pagato tutto di tasca sua si sarà sentito sollevato?

In passato, c’era stato Orica, che era un’azienda australiana. Poi sponsor tipo Scott e Giant che non erano suoi. Però lui ha sempre coperto con le sue aziende l’80 per cento del budget. E’ molto presente e importante per la squadra.

Avete già portato qualche corridore in ritiro con voi?

No, ne faremo uno dopo il Saudi Tour. Rimaniamo lì un paio di giorni, facciamo una presentazione con Laura Martinelli per quanto riguarda l’alimentazione. Facciamo una riunione con gli allenatori. Sarà un ritiro strutturato così ogni giorno, in cui sarà inclusa anche una pedalata.

In questi hotel di super lusso c’è spazio anche per il cicloturismo?

Certo. Hanno già fatto percorsi molto belli. Tra l’altro ne hanno fatto uno tutto in mezzo alle coltivazioni dei datteri e stanno aumentando il numero delle ciclabili. Andare in bici ad AlUla è bellissimo in questo periodo, mentre in estate è praticamente impossibile. Durante l’inverno è perfetto, l’anno scorso avevano pochi alberghi completati. Per quest’anno al Saudi Tour, ho sentito che riescono a mettere tutte le squadre nei loro hotel. In un anno hanno fatto cose spaziali.

Ad esempio?

Hanno costruito un aeroporto in meno di due anni e hanno già iniziato con voli diretti per l’Europa e altri Paesi. Hanno 6-7 voli al giorno. E alla fine guardando le statistiche, sono pieni di turisti italiani e anche svizzeri. L’anno scorso lungo il lago di Lugano c’era una mostra fotografica dedicata ad AlUla di cui non sapevamo niente.

In quelle zone si sta investendo molto nel ciclismo, da UAE Emirates a Bahrain: c’è un po’ di emulazione?

Non fanno mai confronti con chi c’è già, però anche io ho questa sensazione. Stanno investendo in vari sport. Sostengono Manchester City e Paris Saint Germain. Anche il Qatar si muove in questa direzione. E parallelamente si stanno muovendo anche con le federazioni per introdurre i vari sport. Sono nazioni che stanno portando gli sport di base nelle scuole e questo sia per un fatto di sport sia anche per questioni benessere.

L’ultima tappa del Saudi Tour 2022 è stata vinta da Dylan Groenewegen (foto Getty Images)
L’ultima tappa del Saudi Tour 2022 è stata vinta da Dylan Groenewegen (foto Getty Images)
Il Saudi Tour dello scorso anno aveva anche una tappa di salita…

Ci sarà anche quest’anno: una salita di 5 chilometri se non mi ricordo male, davvero dura. Ma a parte quello, c’è un altro strappo e tutto il resto è pianura. Come percorsi non è il massimo per andare in ritiro, come meteo sì. Ma se parliamo di turisti, prendi una e-bike o una mountain bike e te ne vai in giro a guardare le tombe. Sono bellissime, una roba pazzesca da vedere. Prima di andare, mi chiedevo come fosse. Ero un po’ scettico, cosa vuoi trovare in mezzo al deserto? Invece sono rimasto impressionato dal posto.

C’è qualcuno nel board di Luxury Destination che conosca il ciclismo?

C’è un americano, Philip Jones che arriva da Dallas. E’ già venuto al Giro e anche al Tour de France. E adesso verrà al Tour Down Under, dove faremo una presentazione. E’ giusto che si parta da Adelaide, manchiamo da due anni…

Bike Exchange, il nuovo anno inizia dalla tavola

27.10.2022
6 min
Salva

Cambiare squadra è più complesso del ricevere una maglia d’altro colore e un nuovo modello di bici. Spesso significa entrare in un ecosistema in cui le differenze riguardano la lingua, la preparazione e anche il modo di mangiare. Se il nuovo team ha infatti una struttura all’avanguardia, metterà a disposizione del corridore anche professionalità con le quali dovrà interagire per raggiungere gli obiettivi concordati. Laura Martinelli è dal 2022 la nutrizionista della Bike Exchange-Jayco, chiamata dal team manager Brent Copeland con cui aveva lavorato già dai primi tempi al Team Bahrain-Merida. E se il suo lavoro è ormai avviato con gli atleti che già c’erano, come Sobrero ad esempio o Michael Matthews, questo è il periodo in cui si gettano le basi per la conoscenza dei nuovi e non è sempre una fase di poco conto.

«Farei un distinguo iniziale – spiega – se l’atleta è esperto o non lo è, perché l’esperienza è preziosa. Se l’atleta è esperto, mi può dare anche un giudizio affidabile di cui posso fare veramente tesoro, risparmiando anche un po’ di tempo. Mentre magari con i giovani siamo noi che dobbiamo dare dei punti di riferimento. Con l’atleta giovane ci si trova non dico una tabula rasa, però lui per primo potrebbe dare delle opinioni legate a esperienze passate, che magari non sono proprio così veritiere. Perché ha 18-19 anni e quindi potrebbe avere una visione falsata di quello che è effettivamente bene per lui. Mentre l’atleta esperto sa già cosa va bene e cosa non va bene, quindi nell’anamnesi iniziale do paradossalmente più spazio all’atleta esperto, perché so già che andrà a facilitare il mio lavoro».

Con Matthews, qui vincitore della tappa di Mende al Tour, si tratta di dare un seguito al lavoro già impostato
Con Matthews, qui vincitore della tappa di Mende al Tour, si tratta di dare un seguito al lavoro già impostato
DI solito i preparatori studiano i file e ricevono le tabelle di allenamento del nuovo atleta. Per il nutrizionista è la stessa cosa?

Per come lavoro io, chiedere il materiale di altri colleghi è l’ultima cosa, proprio per rispetto verso di loro. Poi se è l’atleta che lo vuole condividere, allora perché no? Alla fine è proprietà sua. Piuttosto vado a chiedere informazioni sul percorso fatto finora. Gli chiedo quale tipo di cammino abbia seguito. Difficilmente, se c’è una necessità di cambiamento, l’atleta arriva e mi fa vedere la tabella del vecchio nutrizionista. Magari me lo dice a voce. Se invece vuole darmela, mi serve come base di partenza. Io ho un approccio forse molto… latino, molto caldo. Quindi preferisco sempre guardarli negli occhi, soprattutto all’inizio. E chiedergli come stiano mangiando, sganciandomi dalla tabella, che magari neanche sono sempre riusciti a seguire.

Ci sono abitudini diverse in ogni squadra, in ogni atleta, in ogni parte del mondo…

Diciamo che ci sono sempre più modi di fare le cose fatte bene, secondo me, per arrivare a certi livelli, soprattutto ad una certa età. Quindi se prendiamo Letizia Paternoster che, pur essendo giovane, ha dalla sua una buona impostazione alimentare, anche se non ottima, ha il fisico che le permette di compensare le eventuali lacune. Invece mi è capitato di lavorare con un atleta di 35 anni, che mi ha detto: «Proprio perché sto invecchiando, mi accorgo che non riesco a compensare fisicamente, per cui vorrei aggiungere più attenzione alimentare». Non aveva mai lavorato con un nutrizionista, ma se era arrivato bene a quell’età, evidentemente l’impostazione era corretta. Perché l’atleta vede, sente e percepisce che se ad esempio mangia lo spezzatino prima di andare in allenamento gli viene mal di pancia. Se invece mangia il porridge sta bene. Quindi magari tante volte ci si arriva con tentativi empirici

Tra i nuovi alla Bike Exchange c’è Zana, con cui il lavoro parte dall’anamnesi per individuare semmai nuove linee guida
Tra i nuovi alla Bike Exchange c’è Zana, con cui il lavoro parte dall’anamnesi per individuare semmai nuove linee guida
Hai parlato di Paternoster, che nel 2023 sposterà l’attenzione dalla pista alla strada: cambia anche l’alimentazione?

Cambierà proprio tutto. L’alimentazione sarà completamente diversa perché diverse sono le esigenze. Anche in termini di composizione corporea, le cose cambiano totalmente. Quindi, già in termini di rapporto potenza/peso le esigenze della pista sono diverse rispetto a quelle della strada, per cui sarà una bella sfida. Ne abbiamo parlato insieme proprio a Torino alle visite mediche. Ci siamo guardate negli occhi e le ho detto: «Bene, qua bisogna tirarsi su le maniche». Una letteratura che studi chi faccia insieme strada e pista non c’è. La letteratura magari studia i pistard e studia i ciclisti su strada, quindi ho detto: «Letizia, uniamo le forze spalla a spalla!». Poi lei è super, nel senso che è partita carichissima. Dobbiamo cercare l’equilibrio, perché è difficilissimo secondo me farli andare forte in pista e anche su strada.

Perché?

I periodi non devono coincidere e non è banale farlo comprendere alla squadra, che magari vede di buon occhio che un atleta oggi vada in pista, purché domani sia lì a fare la volata. Senza considerare che le esigenze fisiche sono totalmente diverse

Stybar, qui seguito da Van der Poel al mondiale gravel, sarà uno dei nuovi innesti nel Team Bike Exchange-Jayco
Stybar, qui seguito da Van der Poel al mondiale gravel, sarà uno dei nuovi innesti nel Team Bike Exchange-Jayco
Fra i nuovi c’è Stybar, non proprio l’ultimo arrivato…

L’approccio del corridore fa la differenza e io da lui sono rimasta veramente molto stupita in positivo. Inizialmente gli ho offerto anche la possibilità di non coinvolgermi troppo, dato che parliamo di un vincitore di classiche. Di andare avanti come sempre e poi di iniziare a collaborare. Lui invece era curioso di sapere in cosa potrebbe ancora migliorare. A questi livelli, gli errori ci sono raramente. Ci possono essere delle imperfezioni, ma soprattutto delle situazioni, delle abitudini, degli scenari che andavano bene una volta e non vanno più bene ora.

Ad esempio?

L’arrivo di un bambino, che magari ti costringe a cambiare gli orari della cena, come nel caso di Stybar. Sono situazioni da analizzare e non trascurare. Quindi magari si possono trovare delle soluzioni migliori rispetto a quelle che ci sono. A volte si continua a fare come si è sempre fatto, senza capire che da un lato si può perdere l’effetto e dall’altro il corridore potrebbe aver cambiato abitudini. Tante volte non ci sono errori, però ci sono cambiamenti necessari, chiamiamoli così.

Come per l’allenamento, in fondo…

Il corpo di per sé è restio al cambiamento, per cui una volta che lui trova il suo equilibrio, si ferma lì. Stybar invece è molto proattivo e propositivo e ha già detto che dovremo sederci a tavolino, io gli spiegherò come lo vedo e poi lui con la sua esperienza valuterà se provare o non provare.

Al via del Giro 2022 da Budapest, Laura Martinelli con Eros Stangherlin, chef del Team Bike Exchange
Al via del Giro 2022 da Budapest, Laura Martinelli con Eros Stangherlin, chef del Team Bike Exchange
Quanto tempo serve per poter dire di conoscere il nuovo atleta? 

Non c’è una scadenza. Lo capisco quando viene da me e mi chiede di bere un caffè insieme. Quando si comincia a interagire, anche non per necessità. Per piacere è un parolone, però capita appunto che l’atleta venga e non sei tu ad averlo chiamato. Quindi magari ti vede al bar, ti vede a fare una camminata, si affianca e si comincia a parlare. In questo devo dire grazie a Brent Copeland che ci permette di vivere questa fase senza fretta. So di squadre in cui l’obiettivo comanda sui rapporti umani, per cui si imposta una tabella e da quella non si prescinde. Francamente, preferisco il nostro modo di fare.

Pronto per Paternoster un calendario con tanta strada

25.10.2022
4 min
Salva

Se c’è un piccolo rimpianto, a parer nostro, nella carriera (finora) di Letizia Paternoster c’è il fatto che a un certo punto abbia dovuto interrompere la sua collaborazione con Giorgia Bronzini. Ormai la piacentina è una delle colonne portanti della LIV Racing Xstra, mentre a breve Letizia lascerà la Trek-Segafredo e si trasferirà alla Bike Exchange-Jayco. Si è parlato sorridendo del ritorno alla terra del padre, di origine australiana, ma soprattutto della ricerca di nuovi stimoli.

Che cosa hanno visto in lei nella squadra australiana? Quali sono gli argomenti che li hanno spinti a investire sulla ragazza trentina, che negli ultimi anni ha battuto ogni record quanto a tamponi positivi e infortuni? Lo abbiamo chiesto a Martin Vestby, il tecnico del team femminile, che nella vita ha sposato Emma Johansson, ex atleta svedese con due argenti ai mondiali e due alle Olimpiadi. A sua volta Vestby, norvegese di 45 anni, ha corso per cinque stagioni fra i professionisti.

Nel 2019, al secondo anno da elite, Paternoster vince la prima tappa del Down Under
Nel 2019, al secondo anno da elite, Paternoster vince la prima tappa del Down Under
Conoscevi Letizia?

La prima volta che l’ho osservata fu quando vinse la prima tappa al Tour Down Under del 2019 battendo la nostra Sarah Roy. E’ un grande talento in pista, ma anche su strada. E’ indicativo il fatto che appena passata da junior a elite, abbia avuto subito buoni risultati.

Poi però è andato tutto storto…

Ha avuto un paio di anni difficili, fra Covid e incidenti. Quello che si vede bene adesso è il grande potenziale che ha, sperando che il brutto sia ormai passato. Per cui l’obiettivo è tornare alla forma e al suo potenziale.

Rientrata ai mondiali dopo la frattura della clavicola, Paternoster ha partecipato solo all’inseguimento individuale
Rientrata ai mondiali dopo la frattura della clavicola, Paternoster ha partecipato solo all’inseguimento
In che modo concilierete la strada e la pista?

Ci sono tanti vantaggi che la pista dà alla stradista. Solo che va trovato il giusto bilanciamento. Di certo però nel 2023 potenzieremo di molto il suo programma della strada. Ha dimostrato che le classiche le si addicono. E’ veloce, una velocista di alto livello. Speriamo solo in una stagione con poche interruzioni. Ma forse è anche presto per metterle addosso la pressione della vittoria. Ora Letizia ha bisogno del nostro supporto per tornare a crescere.

Più strada significa anche un inverno diverso dal solito?

Ci saranno dei cambiamenti. Il focus sarà sulla strada e sul modo più indolore per superare le salite. Non sto parlando di lavori per farne una scalatrice, ma della base per digerirle meglio e avere ancora gambe per la volata. Metteremo mano alla nutrizione e apporteremo alcuni cambiamenti.

Martin Vestby, qui con il figlio, è il capo dei tecnici della Bike Exchange-Jayco donne
Martin Vestby, qui con il figlio, è il capo dei tecnici della Bike Exchange-Jayco donne
Avrete per lei un treno?

No, non per ora, anche se cercheremo di portarla alla volata nelle migliori condizioni possibili. Ci sarà un focus per lavorare su questo aspetto. L’esperienza in pista per questo sarà utilissima, perché comunque sa cavarsela anche da sola.

Primi ritiri già fissati?

Faremo un training camp a gennaio con il team maschile. Prima non avrebbe senso farlo, visto che parecchi dei nostri corridori non sono più in Europa. Non credo che Letizia avrà bisogno di spostarsi in Spagna per lavorare al caldo, perché di solito si allena sul Garda, dove il clima è più mite.

Letizia Paternoster ha 23 anni. Nel 2022, causa vari malanni, ha corso solo 21 gare
Letizia Paternoster ha 23 anni. Nel 2022, causa vari malanni, ha corso solo 21 gare
Hai avuto contatti con lei?

Il giorno di Torino, quando abbiamo fatto le visite mediche. E poi con un meeting su Skype, quando si è trattato di definire gli obiettivi.

Come l’hai trovata?

Aperta ed entusiasta. Molto professionale e con grandi ambizioni. Inizia ad avere l’età giusta per maturare. Penso che inizierà dall’Europa e non dall’Australia, oltre non posso ancora dire. Ma di una cosa sono certo: non vedo l’ora di cominciare a guidarla in corsa.

Paternoster a Parigi, l’inseguimento del tempo perduto

12.10.2022
6 min
Salva

Il sogno di Parigi per cancellare l’incubo di Monaco. Lo scorso 13 agosto ci aveva fatto stare tutti col fiato sospeso dopo il tremendo botto durante l’eliminazione nel velodromo bavarese, ma ora Letizia Paternoster torna a risplendere in azzurro. Non sarà il mondiale che sperava perché il tempo è stato troppo poco per ritornare al top, ma sarà l’occasione per prendere le misure sulla pista che tra meno di due anni metterà in palio le medaglie olimpiche.

Con questa foto su Instagram e un post molto intenso, Letizia Paternoster ha annunciato il ritorno in azzurro
Con questa foto su Instagram e un post molto intenso, Letizia ha annunciato il ritorno in azzurro

Inseguimento individuale

Per vederla sfrecciare nella rassegna iridata dovremo aspettare sabato, quando sarà in programma l’inseguimento individuale, mentre per le altre prove l’appuntamento è soltanto rimandato. Letizia vuole che il 2023 sia l’anno del riscatto dopo che le ultime stagioni sono state costellate di imprevisti e la svolta deve arrivare soprattutto su strada: per questo la ventitreenne trentina ha scelto la Bike Exchange-Jayco, con cui si è ritrovata già lo scorso weekend a Torino prima di volare in Francia. Una svolta australiana, per la felicità di papà Paul nato proprio nella Land Down Under.

Finalmente si torna in azzurro, una bella liberazione per te: come ti senti?

Avrei preferito arrivare a Parigi con un altro tipo di condizione, ma diciamo che devo anche ricordarmi dov’ero un mese fa, per cui va bene così e sono riuscita nel mio obiettivo, che era di strappare la convocazione per il mondiale e basta. Aspetto soltanto di voltar pagina tra poco.

Nell’estate, Paternoster ha corso la Sei Giorni delle Rose insieme a Martina Fidanza (foto Instagram)
Nell’estate, Paternoster ha corso la Sei Giorni delle Rose insieme a Martina Fidanza (foto Instagram)
Cosa rimane di quel tremendo 13 agosto?

In realtà, non ho proprio ricordi di due giorni perché ho battuto forte la testa e perso i sensi. Mi resta la rabbia per quanto successo perché è arrivato in un momento in cui stavo veramente bene e diciamo che non ci voleva. Detto ciò, ho imparato anche da questo infortunio.  

Da leonessa quale sei però ti sei ritirata su in poco più di un mese, con l’aiuto di famiglia e fidanzato. Come hai fatto?

Appena uscita dall’ospedale, avevo ancora dolori forti dall’operazione complessa in cui mi hanno messo una placca con le viti, perché la clavicola era rotta in quattro. Eppure, il mio primo pensiero è stato quello di chiamare un fabbro, che mi montasse qualcosa per far sì che potessi tornare il prima possibile almeno sui rulli. Così è stato, sono andata anche un po’ contro quello che diceva il medico, bruciando i tempi, perché il pensiero nella testa era di arrivare nel miglior modo possibile ai campionati del mondo, pur sapendo che i miracoli non li potevo fare. Arrivare in perfetta forma era impossibile, perché per evitare sollecitazioni ho dovuto allenarmi soltanto su pista e non su strada. Ho fatto il possibile e l’unica cosa che volevo era arrivare a Parigi senza rimpianti. Ce l’ho fatta, darò il massimo e come andrà, andrà.

L’Italia arriva a questo mondiale sull’onda lunga del record dell’ora incredibile di Filippo Ganna: che spinta avrete in più?

Più che sabato, Pippo mi ha impressionato già le settimane precedenti, in cui faceva le prove in allenamento. Mi dicevo: «Ma da dove la prende tutta ‘sta forza?». Non gliela volevamo “tirare”, ma già tutti eravamo consapevoli di quello che era capace di fare e che ce l’avrebbe fatta. Avere qui Elia (Viviani, ndr) e Pippo come grandi pilastri del gruppo rappresenta una fortuna enorme. Spesso e volentieri li cerco e gli chiedo consigli per colmare alcune lacune. Avere due sportivi di alto livello in squadra ci aiuta a crescere e ci aiuta a prendere la direzione giusta. Per me è fondamentale e li dobbiamo ringraziare ogni giorno.  

Quando ti vedremo in pista?

Sabato, perché farò soltanto l’inseguimento individuale. Purtroppo le corse di gruppo non le posso ancora fare perché non si è ancora saldata del tutto la clavicola e sarebbe troppo rischioso.

Gli anni alla Trek sono stati un concentrato di sfortuna e incidenti, con 3 vittorie su strada (foto Instagram)
Gli anni alla Trek sono stati un concentrato di sfortuna e incidenti, con 3 vittorie su strada (foto Instagram)
Dopo Tokyo non è scoccata la scintilla in cui speravi. Nell’estate poi, è arrivato anche il cambio di squadra, come a voler dare una svolta: che cosa ti aspetti dal passaggio alla Bike Exchange?

Voglio lasciare il segno anche su strada, ci credo tanto. Direi che le sfighe me le sono lasciate alle spalle, perché anche quest’anno ho avuto di nuovo il Covid e per due volte, poi la mononucleosi che è durata 3 mesi. Mi sono ripresa, ma sono caduta e mi sono rotta la clavicola. E’ stato un altro anno da metterci una croce sopra, però non voglio neanche pensarci su. In me c’è una voglia pazza di cominciare una nuova stagione su strada, sono tanto motivata da loro e mi aiuta a tirare fuori ancor più grinta e voglia di riscatto. Spero di poter far tante corse, improntate sulla strada, perché solo così si riesce ad aumentare il “motore” della persona.

Ne sogni qualcuna più di tutte tra le classiche?

Sicuramente il Fiandre è quella d’eccezione. Tante non ne conosco ancora perché non le ho fatte, però Fiandre e Gand-Wevelgem sono le mie due preferite senza dubbio.

La scelta della Bike Exchange è perché un po’ di Australia ce l’avevi già dentro?

Sono tornata in patria (sorride, ndr)! Il papà è australiano e quando l’ha saputo, era entusiasta. Mi ha detto: «Vedi che alla fine i cerchi si devono chiudere prima o dopo?!». Lui è il mio primo tifoso, per cui è sempre fiero di quel che faccio e che farò.

Lo scorso anno, Paternoster iridata nell’eliminazione ai mondiali di Roubaix
Lo scorso anno, Paternoster iridata nell’eliminazione ai mondiali di Roubaix
Quando non pedali, che cosa combini?

Appena finisco quest’intervista, ho lezione online di recupero. Mi sono messa sotto con l’Università e ho dato tre esami in questi due mesi. Sto studiando Scienze Politiche alla Luiss di Roma e quindi sto intraprendendo questa strada, grazie anche al supporto dei professori e della scuola stessa che mi mette a disposizione un tutor online, che mi segue quando sono impegnata in lunghe trasferte. Sto inseguendo anche questo traguardo, che per me è importantissimo.

Un’altra corsa da vincere?

Mi sa che però è più difficile questa rispetto alle classiche su strada.

Paternoster all’australiana. Letizia alla BikeExchange…

06.08.2022
5 min
Salva

Per lei sarà quasi come correre per la squadra di casa. L’annuncio di Letizia Paternoster (in apertura foto Cavalli) alla BikeExchange-Jayco è qualcosa che va oltre alla semplice trattativa di ciclo-mercato.

A partire dal 2023 la ventitreenne trentina passerà nella formazione australiana dopo quattro stagioni alla Trek-Segafredo, vissute con più ombre che luci nonostante un bel primo anno. Nel 2019 infatti esordì con un successo al Tour Down Under e quindi inanellò una serie di buoni risultati, tra cui il titolo europeo U23 su strada ad Alkmaar. Poi arrivarono i momenti difficili.

Ora però Letizia ha ritrovato veramente il sorriso e ce lo mostra mentre la incontriamo alla Sei Giorni delle Rose a Fiorenzuola. L’iridata dell’eliminazione ha appena vinto la madison in coppia con Martina Fidanza (iridata dello scratch) e con lei approfondiamo il suo trasferimento, cercando di fare un piccolo bilancio.

Come è nato il contatto con la tua futura squadra?

Un po’ per caso e un po’ voluto. Ho Manuel Quinziato come procuratore e conosce bene la BikeExchange-Jayco. Sapeva che loro cercavano nuove figure e da lì è arrivata la proposta. Ho firmato per due anni e per me è come un bel raggio di sole. Lui mi dice che è una bella realtà con un un ambiente speciale. Come una famiglia. Ed è così che voglio interpretare l’inizio con loro. E poi c’è una componente affettiva, chiamiamola così

Quale?

Sono italo-australiana con doppio passaporto. Mia nonna è australiana e mio padre è nato a Fairfield, a circa venti chilometri da Sydney, dove poi è cresciuto. E già mio nonno, dopo che si era trasferito laggiù, aveva contribuito alla costruzione del Sydney Harbour Bridge, uno dei ponti più famosi della città. Quindi capirete che mi faccia davvero piacere poter correre con loro.

Avete già parlato di programmi?

Sì, anche se ancora non in maniera approfondita. Loro mi hanno detto subito che credono in me e questo mi ha dato subito tanto entusiasmo. Il nostro obiettivo condiviso è quello di crescere assieme. Loro vogliono farmi fare tante gare, cosa che finora non ho fatto, specie se andiamo a vedere i numeri negli ultimi anni. E’ vero che sono al quinto anno elite ma, tra Covid e vari problemi anche di natura fisica, come esperienza è come se fossi al primo. Correre su strada mi farà crescere tanto e, volente o nolente, mi darà un livello migliore. Voglio conoscere bene le compagne, sperando poi di creare un gruppo affiatato. Sono pronta e non vedo l’ora di iniziare.

Che anni sono stati quelli in Trek-Segafredo?

Sono state stagioni stupende. La mia prima vittoria con loro l’ho fatta proprio in Australia. Devo dire un infinito grazie a Luca Guercilena e a tutta la squadra, una seconda famiglia. Sono tutte persone speciali, a cui devo dire addio a malincuore. Ci tengo a spendere belle parole per loro. Gli auguro davvero il meglio. A fine anno, quando correrò l’ultima corsa, pubblicherò qualcosa di particolare e sentito. Questo cambio di squadra lo faccio soprattutto per me stessa, per avere nuovi stimoli.

Quali diventano i tuoi nuovi obiettivi?

Non dico in quale disciplina perché non vorrei gufarmela, ma il mio grande sogno è quello di riuscire a vincere un oro olimpico. Penso già a Parigi 2024, ma anche dopo. Questo è per ciò che riguarda la pista. In strada invece devo crescere ma sogno in grande lo stesso. Vorrei diventare una delle migliori sprinter del panorama internazionale. Vincere è la motivazione più grande che ho dentro di me.

Letizia a giugno è tornata al Tour de Suisse dopo due mesi senza gare. Poi a luglio ha ottenuto un buon terzo posto al Baloise Tour
Paternoster a giugno è tornata al Tour de Suisse e a luglio ha ottenuto un buon terzo posto al Baloise Tour
Il finale di stagione come sarà?

Dovrei fare gli europei in pista a Monaco di Baviera (dall’11 al 16 agosto, ndr) e poi su strada il Simac Ladies Tour in Olanda dal 30 agosto al 4 settembre. Spero di guadagnarmi la convocazione per i mondiali su pista mentre il programma delle ultime gare con la Trek-Segafredo è ancora da definire. Ho ancora tanti impegni con loro e voglio tutti onorarli al meglio. Cerchiamo di finire bene questa annata poi, solo allora, proietterò la mente alla nuova avventura che mi aspetta.