Villa al Tour du Rwanda, qualcosa di davvero inaspettato

03.03.2024
5 min
Salva

Nove ore di viaggio. Non verso l’altra parte dell’Atlantico, ma scendendo sempre più il Pianeta in senso longitudinale, giù giù fino al Rwanda. Per Giacomo Villa la partecipazione al Tour locale è stata un’autentica esperienza: la prima fuori dall’Europa, ma anche la prima gara a tappe nel nuovo team, la Bingoal WB, che ne ha subito fatto uno dei suoi alfieri.

La corsa africana aveva alla partenza 4 team professional, 6 nazionali e diverse continental (foto Tour du Rwanda)
La corsa africana aveva alla partenza 4 team professional, 6 nazionali e diverse continental (foto Tour du Rwanda)

Una trasferta difficile, in un Paese che si sta sempre più abituando alle due ruote agonistiche e che il prossimo anno arriverà addirittura ad ospitare i campionati mondiali. Il racconto di Villa parte proprio da questa constatazione, il confronto tra quel che sarà e la realtà attuale: «Non è facile organizzarsi, non è una gara come quelle a cui siamo abituati. La trasferta intanto è lunga e non si assorbe facilmente. Poi bisogna partire dal presupposto che si gareggia in un luogo molto diverso dai soliti, dove bisogna abituarsi allo stile di vita del posto, dove i ritmi sono più compassati, dove bisogna anche sapersi adattare. Se dovessi dire a mente fredda, è una bellissima esperienza, ma anche difficile».

Che cosa ti ha colpito di più?

Il grande calore del pubblico. Me ne sono accorto sin dalla prima tappa: a un certo punto ai bordi della strada trovavamo tanta gente festante e continuava così per 2 chilometri fino al passaggio nel paese e così ancora per altri 2 chilometri. Non capita così spesso da noi, se non per le grandi tappe di Giro e Tour. Ma il bello era che la gente si arrampicava sui pali o sui muri per assistere al nostro passaggio. Poi le scuole: 200-300 bambini che urlavano entusiasti. E’ qualcosa che mi è rimasto nel cuore.

Villa con i compagni di team, i belgi Meens, Teugels e Van Poppel e il danese Salby
Villa con i compagni di team, i belgi Meens, Teugels e Van Poppel e il danese Salby
I percorsi come ti sono sembrati?

Già quando si è nella Capitale, si sta a 1.500 metri di altezza e tutti i percorsi sono contraddistinti dall’altura, si toccano anche i 2.500 metri. Nella terza tappa ad esempio non si è mai scesi sotto i 1.800 metri. Di pianura ce n’è davvero poca, sono tutti saliscendi per lo più con pendenze molto morbide, 4-5 per cento.

Di gente in bici ne avete vista?

Tantissimi, nel senso che la bici è vista come il principale mezzo di spostamento, utilizzata addirittura come taxi o anche per trasportare tante materie prime. Tanto che ci chiedevamo come facessero a portare quei carichi… Dal punto di vista sportivo ho l’impressione che il ciclismo sia ancora considerato uno sport di nicchia: c’era la nazionale e un team locale, ma non c’è ancora quello sviluppo che ci si attenderebbe. Ogni tanto però si vedeva qualche ragazzino con la bici e una maglia di qualche vecchia squadra.

Tantissima gente ai bordi delle strade, il Paese si sta sempre più sensibilizzando verso il ciclismo (foto Tour du Rwanda)
Tantissima gente ai bordi delle strade, il Paese si sta sempre più sensibilizzando verso il ciclismo (foto Tour du Rwanda)
Veniamo all’aspetto agonistico: per te era la prima esperienza con la squadra belga?

Avevo già gareggiato a La Marseillaise, ma questa era la prima corsa a tappe con loro. Mi sono trovato bene, con i compagni stiamo legando molto superando anche il problema della comunicazione, con un misto di inglese e francese ci intendiamo bene tutti quanti. E’ un team professional che quindi deve fare i conti con il ranking Uci, c’è una caccia ai punti che contraddistingue tutta la nostra attività e credo di aver dato il mio contributo con qualche buon piazzamento.

L’inizio non è stato semplice, con l’11° posto nella cronosquadre.

Lì si vede la differenza di mezzi a disposizione. Ci siamo trovati ad affrontare formazioni che avevano potuto portare con sé anche le bici da crono, noi invece avevamo solamente quelle da strada e quindi eravamo svantaggiati. Per fortuna la cronosquadre contava solamente per la classifica dei team, il Tour vero e proprio è iniziato il giorno dopo.

La volata della quarta tappa vinta da Lecerf, Villa (in giallo) è quarto (foto Tour du Rwanda)
La volata della quarta tappa vinta da Lecerf, Villa (in giallo) è quarto (foto Tour du Rwanda)
Per buona parte della corsa sei stato anche in predicato di dare l’assalto alla Top 10…

Fino alla quarta tappa sono sempre stato nei primi 10, poi è arrivata la cronometro di 13 chilometri, ma tutta fra i 1.800 e i 2.300 metri di altitudine: bella tosta proprio per questo aspetto. Era come gareggiare a Livigno, se non sei abituato paghi. Io comunque ho chiuso 27°, ma il giorno dopo ho avuto problemi di stomaco e arrivato sull’ultima salita sentivo le gambe vuote. A quel punto la classifica è andata.

Dopo questa lunga trasferta che cosa ti attende?

Domenica (oggi, ndr) sarò al GP Jean Pierre Monseré in Belgio, poi dovrei seguire la stagione italiana con Milano-Torino, la Settimana Coppi e Bartali, il neonato Giro dell’Abruzzo. La mia speranza è di ricavarmi un posto per una delle Classiche, se vado forte potrei entrare nel roster per Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi e per me sarebbe un grande successo. Infatti sto puntando la Coppi e Bartali dove voglio fare risultato.

Il britannico della Israel Premier Tech Joseph Blackmore, vincitore della corsa africana (foto Tour du Rwanda)
Il britannico della Israel Premier Tech Joseph Blackmore, vincitore della corsa africana (foto Tour du Rwanda)
Come ti stai trovando avendo dovuto cambiare tutto?

Sì, è un cambiamento profondo e me ne sto accorgendo sempre di più. Prima alla Biesse Carrera avevo tutto a portata di mano, ad esempio il diesse Nicoletti abita proprio vicino a me ed era un costante punto di riferimento. Ora mi muovo sempre da solo, gli spostamenti sono con l’aereo. Inoltre bisogna ragionare molto come squadra, inquadrando gli obiettivi del team che sono incentrati sull’ottenimento di più punti possibile. Per la Bingoal poi il target, anche per i rapporti con gli sponsor, sono le classiche e bisogna lavorare per quelle. Per questo per me esserci significherebbe tantissimo in questo primo anno.

Villa e Persico, diteci tutto della Bingoal

19.01.2024
6 min
Salva

Davide Persico e Giacomo Villa sono i volti nuovi, giovani e italiani della Bingoal WB. I due neo professionisti si sono affacciati al mondo dei grandi e lo hanno fatto dalla finestra della professional belga. Sicuramente il mondo è ormai più globalizzato che mai, ma le forti tinte nere, gialle e rosse, in questa enclave del Nord, rimangono. Entrare in una squadra straniera porta tanta curiosità e richiede una buona dose di adattamento. Persico e Villa arrivano da due continental italiane, qualche ragazzo straniero c’era, ma la lingua parlata era la nostra. 

I due ragazzi sono rientrati dal primo ritiro fatto con la squadra, in Spagna, hanno indossato le nuove divise e messo insieme tanti chilometri. Persico e Villa, insieme, ci raccontano questi giorni e cosa hanno visto e imparato. 

Dal 9 al 18 gennaio la Bingoal è stata a Calpe per il secondo ritiro stagionale (photonews)
Dal 9 al 18 gennaio la Bingoal è stata a Calpe per il secondo ritiro stagionale (photonews)

Primi passi

VILLA: «Siamo stati in ritiro dal 13 al 21 dicembre. Abbiamo fatto sei giorni di allenamento intenso e uno di riposo. Prima di questo ritiro ci eravamo trovati, insieme alla squadra, un paio di giorni in Belgio, a novembre, avevamo conosciuto compagni e staff. La squadra ha noleggiato il velodromo di Zolder e ci siamo allenati lì».

PERSICO: «Io avevo già fatto l’esperienza da stagista, ad agosto, quindi avevo già assaggiato l’ambiente. La differenza maggiore che ho notato è che qui ci si deve arrangiare da soli. In Italia sei più coccolato. Il team è davvero organizzato, non ci manca nulla. Vero che non siamo una squadra WT ma non possiamo lamentarci». 

Il gruppo italiano della Bingoal, da sinistra: Tizza, il diesse Spezialetti, Persico e Villa (photonews)
Alessandro Spezialetti, diesse del team, insieme ai due nuovi arrivati Persico e Villa (photonews)

Due fari italiani

Al fianco di Villa e Persico, all’interno della Bingoal ci sono due punti di riferimento: il diesse Spezialetti e il loro compagno Marco Tizza

VILLA: «Lo staff e l’ambiente sono molto tranquilli, non c’è assillo. Bisogna imparare ad esprimersi bene in inglese, entrambi lo parliamo, ma viverci è diverso. Dobbiamo essere più espliciti nelle domande e permetterci di chiedere due o tre volte la stessa cosa. Nessuno ci giudica o rimprovera per questo, come non ci dicono nulla se facciamo errori nel modo di esprimerci».

PERSICO: «Confermo quello che dice Villa. Ma avere al nostro fianco Spezialetti e Tizza è altrettanto importante. Spezialetti, essendo un diesse, conosce meglio tutte le dinamiche di gara e organizzazione. Mentre Tizza rimane il punto di riferimento tra i vari compagni».

Allenamenti e preparatori

Una prima settimana di ritiro ha permesso di prendere le misure anche sul modo di lavorare e di allenarsi. Le differenze ci sono, ma non spaventano. 

VILLA: «Non ho sofferto tanto la quantità di ore fatte, ma più il carico complessivo di lavoro. Abbiamo già inserito dei lavori specifici come forza e qualche sprint, non ancora salite e cambi di ritmo. C’è un preparatore della squadra che durante i ritiri ci dà i lavori da fare, ma poi giorno per giorno sceglie sei corridori da seguire».

PERSICO: «A casa ci segue il nostro preparatore, mentre in ritiro c’è quello della squadra. Siamo noi corridori che facciamo da tramite tra l’uno e l’altro. La squadra è sponsorizzata da Training Peaks quindi usiamo questa piattaforma per gestire tutto. Vi faccio un esempio: prima del ritiro il preparatore della squadra ci carica il piano, poi noi insieme al nostro preparatore, a casa, decidiamo come allenarci nel periodo precedente».

Bici De Rosa

L’altra parte italiana della squadra riguarda le bici, che per la Bingoal WB sono fornite da De Rosa. Come si sono adattati i due ragazzi al nuovo modello?

VILLA: «Le geometrie sono simili alla Carrera che usavo l’anno scorso. Il manubrio, ad esempio, è esattamente lo stesso. Ho trovato subito la posizione precisa e non mi sono mai dovuto fermare a cambiare misure. L’unica difficoltà l’ho avuta con la sella, perché Repente fa modelli diversi rispetto alla struttura e al buco centrale. In questo caso ho dovuto provare due o tre modelli prima di avere riscontro positivo».

PERSICO: «Era la prima volta anche per me con De Rosa. Durante lo stage avevo usato la Cinelli della Colpack. I primi 1.000 chilometri servono per abituarsi al nuovo modello, poi ci si prende la mano. Io ho avuto qualche difficoltà con il manubrio, ne avevo uno standard, ma l’attacco era troppo corto. Però per il resto è andato tutto bene».

Pronti via e si corre

Ma dopo i due ritiri (con il secondo che sta avvenendo in questi giorni) sarà il momento di mettere il numero sulla schiena. Arrivano i primi esordi, e non propriamente dietro casa.

VILLA: «Io inizierò in Francia a La Marseillaise il 28 gennaio e poi andrò a Besseges. La trasferta più lunga sarà a metà febbraio quando andrò al Tour of Rwanda. Non ci sono necessità di risultato, soprattutto nelle prime uscite, ma poi entrerà in ballo anche per noi il discorso dei punti. Quindi meglio farsi trovare pronti.

PERSICO: «Partirò più avanti, dal Tour Colombia. Ci sono due tappe adatte alle mie caratteristiche e magari mi butterò in qualche sprint. La cosa migliore sarà unire i benefici dell’altura a quelli della gara».

Al Tour Colombia ci sarà anche Cavendish. Che sensazioni hanno pensando di incontrarlo. Villa fa un sorriso divertito, gliene chiediamo il motivo. 

VILLA: «Ho sorriso perché Cavendish ha più di quindici anni di carriera. Noi, quando lui esordiva, eravamo dei bambini. Penso che per Persico sia un obiettivo che si è concretizzato, sono questi i casi in cui ti rendi conto di avercela fatta».

PERSICO: «Sono contento. Vedremo cosa succederà, ma sono contento anche solo di scontrarmi con lui. Poi magari torno a casa con una vittoria (conclude ridendo, ndr)».

Bingoal WB sempre più italiana. Ora c’è anche Villa

20.10.2023
5 min
Salva

La Bingoal WB è sempre più a trazione italiana e soprattutto ha deciso d’investire sui giovani corridori del nostro Paese in grado di trovare spazi importanti fra i pro’. Dopo l’arrivo di Davide Persico che ha già fatto molto bene come stagista, soprattutto al Tour of Britain, è la volta di Giacomo Villa che proprio nella squadra belga ha trovato l’approdo per la massima serie, completando il suo cammino di crescita.

Una promozione che arriva al termine di una stagione buona, anche se dopo il successo al Trofeo Piva d’inizio anno non sono più arrivate grandi vittorie (a parte il Trofeo Sportivi Briga di agosto), ma Villa è stato sempre lì sul pezzo, con piazzamenti e contributi importanti ai successi altrui, con un comportamento complessivo che faceva capire come fosse ormai maturo per passare.

«E’ vero, vittorie di quel livello non ne sono arrivate – ammette il ventunenne monzese – ma io sono soddisfatto di quel che ho fatto perché se guardate l’andamento della mia stagione, sono andato forte sempre, non ho avuto cali di condizione».

La vittoria di Villa al Trofeo Sportivi Briga, battendo Simone Piccolo e Manuel Oioli (foto Rodella)
La vittoria di Villa al Trofeo Sportivi Briga, battendo Simone Piccolo e Manuel Oioli (foto Rodella)
Hai ormai chiaro che tipo di corridore sei e quindi che ambizioni puoi avere nella categoria superiore?

Io so di essere un corridore che va forte sul passo, ma anche, anzi soprattutto, nei percorsi nervosi, con strappi veri ma non troppo lunghi. Credo di averlo dimostrato quest’anno, anche se certamente si poteva fare qualcosa di più.

Hai comunque fatto vedere di essere molto adatto a lavorare per gli altri, pensi che questo sia stato l’elemento che ha portato i dirigenti del team a investire su di te?

Sono un corridore che se ne ha la possibilità, cerca sempre di vincere, questo sia chiaro. Se però devo aiutare un compagno, perché quel dato percorso non è adatto a me o perché non sono nella giusta giornata non mi tiro certo indietro. Penso comunque che effettivamente questo particolare sia emerso durante la stagione. So che è un aspetto sul quale i direttori sportivi pongono l’accento, ma io ho comunque delle ambizioni, passo di categoria per farmi vedere il più possibile anche fra i grandi.

Villa impegnato al Tour de l’Avenir nella prima tappa, chiusa al secondo posto (foto Instagram)
Villa impegnato al Tour de l’Avenir nella prima tappa, chiusa al secondo posto (foto Instagram)
Se guardi indietro c’è qualche gara che ti è rimasta sul gozzo, nella quale potevi ottenere di più?

Di occasioni sfumate la mia stagione è stata abbastanza densa. Ad esempio ad agosto, quando ho vinto a Briga Novarese, era un periodo nel quale mi sentivo davvero bene e avrei sperato di continuare con altri successi, sono arrivato anche 2° a Poggiana. Era il periodo dei mondiali, sentivo che avrei potuto far bene anche lì. In fin dei conti, considerando che sono stato in nazionale all’Avenir e gli europei, mi è mancata solo quell’esperienza. Il percorso scozzese era nelle mie corde, con strappi brevi dove comunque non potevi risparmiarti mai. Avrei fatto la mia figura.

Quando è nato il contatto con la Bingoal?

Verso la fine dell’estate. C’era un’altra squadra che era interessata a me ma la tirava un po’ per le lunghe, invece con la Bingoal tutto si è svolto velocemente, prima degli Europei avevo siglato l’accordo. La squadra la conoscevo abbastanza, lì c’è Tizza che abita a una trentina di chilometri da me. So poi che il mio diesse Milesi aveva parlato con il suo collega del team al Giro Next Gen, eravamo nello stesso hotel.

Per il monzese l’esperienza di 3 anni alla Biesse Carrera è stata fondamentale (foto Instagram)
Per il monzese l’esperienza di 3 anni alla Biesse Carrera è stata fondamentale (foto Instagram)
Troverai altri corridori che parlano italiano…

Sarà utile, ma non è per questo che ho scelto la Bingoal. Parlo abbastanza bene inglese, quindi non avevo problemi da quel punto di vista. La cosa che mi incuriosisce di più e che ha influito sulla mia scelta è che lì c’è un ciclismo molto diverso dal nostro, si vede che da quelle parti è quasi una religione, te ne accorgi a ogni gara e fare quel calendario mi ispira molto.

Hai già gareggiato in Belgio?

La mia prima esperienza è stata alla Liegi-Bastogne-Liegi U23 di quest’anno (ha chiuso 17°, ndr). Era la mia prima con la nazionale, è stata un’esperienza esaltante sia per la maglia che portavo, sia per l’entusiasmo che si respirava. E’ stato davvero bello.

Potrai comunque allenarti a casa…

Sì, anche se mi hanno già avvertito che ci saranno periodi abbastanza lunghi in cui soggiornerò lassù, ad esempio per tutta la durata della stagione delle classiche. Bisogna invece ancora vedere che cosa fare come preparazione, se continuerò ad essere seguito qui o mi daranno un riferimento loro, ma è difficile perché non riescono a seguire tutti, soprattutto gli stranieri.

Il lombardo è stato spesso in nazionale. Qui agli europei, chiusi al 34° posto
Il lombardo è stato spesso in nazionale. Qui agli europei, chiusi al 34° posto
Che cosa ti proponi?

Spero di poter fare le gare più importanti già nella prima stagione, intanto per dare una mano agli altri, ma vorrei anche avere qualche opportunità per me, per mettermi in luce.

Alla Veneto Classic hai concluso la tua stagione, ma anche la tua esperienza alla Biesse Carrera: che cosa ti lasci indietro?

Tre anni davvero importanti, fondamentali per raggiungere il mio obiettivo. Mi dispiace soprattutto per i compagni, anche perché da giugno in poi ci siamo visti abbastanza poco, tra il ritiro al Sestriere e le trasferte con la nazionale. E’ un bel gruppo, dove tutti hanno la possibilità di emergere e di vincere. Se sono qui lo devo alla crescita che ho potuto fare con loro.

Spezialetti in Bingoal ha trovato la sua dimensione

18.10.2023
4 min
Salva

La Tre Valli Varesine ha chiuso la prima stagione in Bingoal WB di Alessandro Spezialetti, il diesse arrivato a stagione in corso nel team belga, dopo l’esperienza con Savio e una carriera radicata in Italia. 

«Mi preparo per le vacanze – racconta da casa Spezialetti – da qualche giorno ho firmato il contratto per la prossima stagione, quindi parto sereno. Avrei dovuto chiudere la stagione con le due gare in Veneto, ma poi la squadra ha deciso di andare in Turchia e al seguito dei corridori sono andati altri due diesse».

Arriva Persico, per Spezialetti un corridore che potrà dire la sua nelle corse veloci (foto NB srl/Jacopo Perani)
Arriva Persico, per Spezialetti un corridore che potrà dire la sua nelle corse veloci (foto NB srl/Jacopo Perani)

La novità 2023

L’anno ancora in corso per Spezialetti ha portato la tanto attesa novità di un’esperienza all’estero. Il Belgio lo ha accolto e lui ha preso le misure con un ciclismo diverso, cosa ha visto in questi suoi mesi valloni?

«Dopo le prime gare ho iniziato a fare conoscenza con lo staff ed i corridori – dice – sono entrato pian piano nei meccanismi del team. Mi sono trovato bene fin da subito, ho perfezionato l’inglese e mi sono ambientato nella maniera giusta. Devi entrare in contatto con la loro cultura e la loro mentalità, che è diversa dalla nostra. Sono molto più tranquilli e schematici di noi, hanno un modo di approcciarsi alla corsa molto differente dal nostro. Nel 90 per cento delle corse piove, questo però non modifica le tattiche in corsa. Altrimenti ogni settimana dovresti avere un piano diverso».

Villa è un corridore interessante, dalle caratteristiche che si avvicinano molto alle corse del Nord (foto Boldan)
Villa è un corridore interessante, dalle caratteristiche che si avvicinano molto alle corse del Nord (foto Boldan)
C’è tanta differenza tra una professional italiana e una belga?

Non così tanta come ci si potrebbe aspettare. Cambia principalmente l’approccio alla gara, loro non hanno l’assillo di andare in fuga per “mostrare la maglia”. Chiaramente essendo una professional, dove non arrivi con i risultati lavori per altri obiettivi, come può essere la fuga. Alla Coppa Agostoni, al Giro dell’Emilia abbiamo fatto così. 

La Bingoal WB è una squadra che però nel frattempo ha accolto tanta Italia…

Vero, anche il calendario si è allargato tanto, io alla fine ho fatto Wallonie e Austria, per il resto ho seguito tutte le corse in Italia. Abbiamo De Rosa come marchio di bici e due corridori italiani (Tizza e Malucelli, ndr). 

L’anno prossimo arriveranno altri due ragazzi: Davide Persico e Giacomo Villa.

Ho consigliato io di portarli da noi, ne abbiamo parlato con la squadra e ho detto la mia sui ragazzi. 

Alla Bingoal i due nuovi giovani troveranno Tizza, che ha chiuso la sua seconda stagione nella professional belga (foto Simone Panzeri)
Alla Bingoal i due nuovi giovani troveranno Tizza, che ha chiuso la sua seconda stagione nella professional belga (foto Simone Panzeri)
Cosa hai visto in loro?

Persico è un bel velocista, che ha già fatto lo stage con noi in questa stagione ed è andato bene. Può crescere ancora molto e darci tante soddisfazioni, in gare come il Giro di Turchia o il Saudi Tour avrà le giuste chance. Deve migliorare sul fondo, come tutti i ragazzi che passano professionisti, le gare in Belgio potranno aiutarlo molto a crescere e mettere fatica nelle gambe. 

Per Villa, invece?

Per le caratteristiche della Bingoal e per come siamo strutturati può trovare la sua dimensione nelle gare in Belgio, Francia e Italia. Lo vedo come un corridore adatto a gare simili alla Freccia Vallone, alla Liegi o all’Amstel. Non gli si chiederanno subito i risultati, ma con il tempo imparerà e crescerà. E’ un bel corridore, l’ho visto in azione e appena ho potuto sono andato da Milesi con il mio capo per fargli una proposta

Persico lo avete visto in azione nello stage, quando vi siete convinti di prendere Villa?

Tra Poggiana e Capodarco. Io ho fatto anche il Giro Next Gen con la nostra Devo e l’ho visto in azione anche in quel caso (in apertura alla presentazione della corsa rosa under 23, foto LaPresse). E’ emerso tanto nella seconda parte di stagione, con una bella prova pure al Tour de l’Avenir. 

Per il team belga non solo corridori e diesse italiani, ma anche le bici, fornite da De Rosa (foto Instagram)
Per il team belga non solo corridori e diesse italiani, ma anche le bici, fornite da De Rosa (foto Instagram)
Come ti sei trovato a lavorare con i giovani?

Mi è piaciuto molto: seguirli, vederli crescere e soprattutto insegnarli la fatica. Con Michiel Lambrecht proprio a Capodarco, abbiamo fatto una bellissima prestazione. E’ facile vincere con i campioni, a me piace prendere i giovani, formarli e vedere arrivare i risultati pian piano. 

Quindi sarai il mentore dei due nuovi italiani in “Erasmus”?

Assolutamente, non vedo l’ora di lavorarci insieme. Non manca poi molto: a novembre faremo un mini ritiro e poi da dicembre si ripartirà ufficialmente.

Milesi e Nicoletti registi del grande anno della Biesse-Carrera

16.10.2023
8 min
Salva

Quando la tua formazione vive un’annata ai vertici può essere difficile scegliere i momenti migliori. Il tandem formato dai diesse Marco Milesi e Dario Nicoletti ha continuato sempre a seminare e per la loro Biesse-Carrera il 2023 è stata la stagione del raccolto. L’ennesima in cui i loro prodotti più buoni si sono messi in mostra, riuscendo a trovare – per alcuni di essi – mercato tra i pro’.

Per il team continental bresciano parlano i numeri, forse i più alti raggiunti nelle ultime stagioni. Quattordici vittorie, diciannove podi e altri ventitre piazzamenti nelle top five sono il bottino ottenuto da marzo ad ottobre. Nel mezzo anche le solite buone prove offerte nelle gare con i “big” della categoria superiore. E così assieme ai due tecnici andiamo a ripercorre per sommi capi la storia della stagione appena conclusa buttando uno sguardo al 2024.

Parla Milesi

Marco Milesi è alla Biesse-Carrera dal 2018 e da allora ha sempre saputo ottimizzare il lavoro sviluppato. I risultati non sono mai mancati, così come i ragazzi da far passare tra i professionisti. Quest’anno è stato tutto amplificato, ma non è frutto del caso.

«Se calcoliamo vittorie e piazzamenti – analizza l’ex pro’ di Liquigas e Domo Farm Frites – abbiamo davvero vissuto la nostra migliore stagione. In passato avevamo avuto belle annate, ma tenendo conto di tanti aspetti che compensavano un numero di successi minore. Ad esempio ricordo il biennio 2019-20 dove abbiamo fatto sei vittorie in tutto però facendo passare prima Ravanelli poi Colleoni e Conca. Stavolta abbiamo fatto meglio. Siamo stati competitivi da inizio a fine stagione, con gli ultimi due mesi buonissimi. Abbiamo conquistato vittorie di peso e disputato un calendario di un certo spessore. Tra elite/U23 siamo sempre andati per fare risultato pieno o podio, tra i pro’ abbiamo corso all’attacco per farci vedere e fare tanta esperienza».

«Ad esempio al Giro del Veneto – prosegue Milesi – Francesco Galimberti e Arrighetti sono arrivati attorno alla 25ª posizione a soli 15 secondi dal vincitore (Godon della Ag2R Citroen, ndr) in un arrivo particolarmente difficile al termine di una corsa molto dura. Non sono vittorie, ma piazzamenti del genere ci riempiono di tanta soddisfazione, specie se raggiunti da giovani interessanti come loro. Arrighetti è addirittura un 2004».

Pronti al grande salto

Chi passa dalla Biesse-Carrera sa cosa serve per diventare pro’. Milesi e Nicoletti sono ottimi insegnanti in questo senso, non solo perché li sono stati anche loro, ma perché sono capaci di lavorare con i giovani. E questo genera un volano di credibilità.

«Dario ed io siamo conosciuti da tanto – spiega Milesi – e i dirigenti delle formazioni pro’ si fidano di noi anche se i nostri ragazzi migliori ottengono meno risultati di altri. Abbiamo entrambi un bel passato con i giovani o con corridori che non erano così conosciuti. A volte penso a cosa è diventato Almeida, che ho avuto nel 2017 nella Trevigiani e forse non era così considerato. Pensiamo sempre alla figuraccia che faremmo se consigliassimo male le squadre professionistiche sui nostri ragazzi. Forse è anche per quello che ormai si è instaurato questo rapporto di fiducia. Però il merito è anche, ad esempio, di Carrera che ci ha fornito materiali per ridurre il gap con le formazioni più attrezzate sotto quel punto di vista».

«Anche quest’anno – va avanti – siamo riusciti a far passare due bei corridori. Foldager andrà nel WorldTour con la Jayco-AlUla. Lui ci ha regalato forse la vittoria più bella al Giro NextGen. Villa invece è stato preso dalla Bingoal. Anche lui ha fatto una bella stagione con due successi, tra cui il Trofeo Piva. Loro due hanno fatto primo e secondo nella tappa inaugurale dell’Avenir. Un altro grande momento per noi. Stiamo lavorando per piazzare tra i pro’ anche Francesco Galimberti. C’è una professional italiana che è interessata a lui e vedremo come andrà. Se non passa siamo contenti di tenerlo fra noi e fargli fare un ulteriore salto di qualità».

Per tanti che passano, c’è anche chi smette. Purtroppo Ciuccarelli ha disputato l’ultima gara della carriera al Giro del Veneto. Il suo non è un nome qualunque se consideriamo che aveva dovuto rimandare il passaggio per due anni in pratica. «Doveva passare l’anno scorso con la Drone Hopper – racconta Milesi – ma dopo le note vicende è rimasto ancora con noi perché volevamo rilanciarlo moralmente. Si è impegnato tutto l’anno come sempre, è andato bene, ma quella vicenda lo ha mandato in crisi. Ci dispiace veramente tanto che abbia fatto questa scelta, benché spero possa cambiare idea».

Ciuccarelli ha deciso di smettere. Ha pagato il contraccolpo psicologico dopo la vicenda della Drone-Hopper con cui doveva passare (foto Rodella)
Ciuccarelli ha deciso di smettere. Ha pagato il contraccolpo psicologico dopo la vicenda della Drone-Hopper (foto Rodella)

Il punto di vista di Nicoletti

La grande sintonia tra i due tecnici della Biesse-Carrera è alla base di tutto. Assieme non solo studiano tattiche o si dividono le gare cui partecipare ma c’è molta complementarità su tanti punti di vista.

«Rispetto a quello che ha già detto Marco – commenta Nicoletti – posso aggiungere che oltre alla qualità delle vittorie è che abbiamo vinto e conquistato risultati con tanti ragazzi, ben nove per la precisione su dodici atleti in squadra. Significa che c’è stato un grande lavoro, che l’impronta data l’anno scorso ha dato i suoi frutti. Credo che il successo di Villa al Trofeo Piva ci abbia fatto capire di essere entrati in una nuova dimensione. Lì la stagione ha svoltato. E poi far passare pro’ due ragazzi del nostro organico è un’altra percentuale di cui andiamo orgogliosi».

«Marco ed io siamo legati da una profonda amicizia – continua l’ex atleta Mapei – che affonda le radici negli anni ’90 quando eravamo compagni di squadra con Olivano Locatelli. Ormai sono le squadre dei pro’ che vengono da noi ad inizio anno a chiederci che corridori interessanti abbiamo da proporre. Ci fa piacere che si fidino di noi. Per il 2024 abbiamo già la squadra fatta e l’obiettivo è mantenere la linea di questi ultimi due anni».

Chi va e chi viene

Proprio il cosiddetto ciclomercato è un argomento attuale per la Biesse Carrera. La formazione per l’anno prossimo vivrà di alcune conferme, qualche addio e nuovi innesti che si preannunciano stimolanti. Anche in questo caso entrambi i diesse la pensano in maniera uguale.

«Abbiamo tenuto – dice Milesi – sei corridori (Oliosi, Motta, Francesco e Lorenzo Galimberti, D’Amato e Arrighetti, ndr). Anche D’Amato è pronto per passare a fine 2024 se lavorerà nello stesso modo di quest’anno. Arrighetti uguale. Per Belleri invece abbiamo preso una decisione condivisa. Dopo quattro anni con noi, abbiamo provato a farlo passare, ma non siamo riusciti così ci siamo accordati con la Hopplà-Petroli Firenze che ha una porta aperta con la Corratec. Michael è un corridore che merita di passare, uno che va sempre all’attacco e che sa sgobbare per la squadra, sollevandola da certi lavori in corsa. Speriamo faccia una buona annata per passare pro’».

Nicoletti è arrivato nel 2022 e ha subito sposato la filosofia della Biesse Carrera (foto facebook)
Nicoletti è arrivato nel 2022 e ha subito sposato la filosofia della Biesse Carrera (foto facebook)

«I nuovi arrivati – aggiunge Nicoletti – saranno Pettiti, Dati e Montoli. Soprattutto quest’ultimo sarà la nostra nuova scommessa come era stato Garosio. Non si è lasciato male con la Eolo, tutt’altro, solo che voleva tornare a fare un calendario italiano importante. Se dovesse fare bene, Basso ci ha già detto che vuole riprenderlo con sé. Infine avremo anche quattro junior. Maggia, Donati, Grimod e il polacco Gruszczynski. Li abbiamo cercati e scelti perché tutti sanno prendere vento in faccia, in linea con la nostra filosofia, e perché tre di loro hanno già un profilo internazionale grazie alla partecipazione di europei e mondiali tra strada e pista. Siamo pronti per ripetere il 2023».

Il super Avenir dell’Italia visto con gli occhi di Amadori

31.08.2023
5 min
Salva

La voce di Marino Amadori è carica di emozioni e felicità, il Tour de l’Avenir appena concluso ha dato tanti motivi per essere contenti. La vittoria dell’ultima tappa firmata da Giulio Pellizzari è stata solamente la ciliegina sulla torta di un trasferta in Francia di otto giorni. Tappe dure, dove gli azzurri sono stati sempre presenti e combattivi, tanto da vincere la classifica a squadre con un margine di 14 minuti sulla Colombia. 

Sul podio finale due italiani: Pellizzari secondo (a destra) e Piganzoli terzo (a sinistra, foto Tour de l’Avenir)
Sul podio finale due italiani: Pellizzari secondo (a destra) e Piganzoli terzo (a sinistra, foto Tour de l’Avenir)

Due su tre

Due gradini del podio occupati, il secondo e il terzo, rispettivamente da Pellizzari e Piganzoli. L’Italia partiva con grandi ambizioni e si è dovuta inchinare solamente davanti a Del Toro, ma quando chiediamo ad Amadori se si poteva fare qualcosa di più risponde senza troppi dubbi.

«Di meglio possiamo fare solo i complimenti a chi ha vinto – dice – Del Toro è stato impressionante. Gli ultimi quattro giorni aveva una condizione super, imbattibile. Noi ci abbiamo provato, ma il ragazzo ha risposto sempre bene agli attacchi. E giusto riconoscere il merito a chi è stato più forte, con la serenità di aver fatto il possibile e anche qualcosa oltre».

Alla prima tappa maglia gialla sfiorata per l’Italia, Villa si arreso solamente al compagno di team Foldager (foto Tour de l’Avenir)
Alla prima tappa maglia gialla sfiorata per l’Italia, Villa si arreso solamente al compagno di team Foldager (foto Tour de l’Avenir)

Preparati

Gli azzurri (in apertura alla presentazione delle squadre, foto Tour de l’Avenir) sono stati protagonisti in otto tappe su otto, dalla prima all’ultima. Una costanza che ha portato la firma di Busatto: il quale nelle prime cinque tappe non è mai uscito dai primi dieci.

«Busatto ha fatto vedere di cosa è capace – replica Amadori – purtroppo per un motivo o per l’altro non è riuscito a vincere, ma non è da tutti avere questa costanza. Non dobbiamo però dimenticare tutti gli altri, a partire da Villa che nella prima tappa ha sfiorato il successo, battuto solamente dal suo compagno di squadra Foldager. Peccato per Romele che ha avuto dei problemi fisici all’inizio ma poi è stato davvero importante. Anche Pinarello si è comportato molto bene, era il suo primo Tour de l’Avenir e una caduta gli ha complicato le prime tappe.

«Questo Tour de l’Avenir – continua – lo abbiamo preparato nella maniera migliore, e per questo dobbiamo ringraziare la Federazione. Siamo andati a visionare le tappe e curato tutto nei minimi dettagli. Ma il plauso più grande va fatto ai ragazzi, mentre un grazie importante è per le società. Senza il loro benestare non avremmo potuto lavorare così tanto e bene. I corridori, alla fine, sono di loro proprietà e privarsene per quasi due mesi non è facile. Noi come nazionale cerchiamo di dare quel qualcosa in più che serve ai ragazzi per crescere e l’Avenir è una di queste gare».

A ognuno la sua occasione

L’Italia ha conquistato la classifica a squadre, così come lo scorso anno. Non è un caso, Amadori ha portato sei corridori in grado di fare bene ovunque. Ragazzi forti e preparati, ai quali è stata concessa l’occasione di mettersi in mostra. 

«Vedo queste corse – ci racconta Amadori – come un modo per dimostrare che abbiamo tanti ragazzi forti e in gamba. Non si possono impostare questi appuntamenti come se fossimo una squadra WorldTour, non avrebbe senso. Sarebbe ingiusto chiedere ad un ragazzo di mettersi a completa disposizione di un compagno annullando le sue possibilità di fare bene. Chiaramente tutti sapevano che Pellizzari e Piganzoli sarebbero stati i due uomini di classifica, viste le loro caratteristiche, e per questo bisogna avere un occhio di riguardo. Ma poi ad ogni ragazzo veniva concessa l’occasione di fare il suo». 

Piganzoli è stato il regista in corsa, la sua esperienza è risultata fondamentale per il podio finale (foto Tour de l’Avenir)
Piganzoli è stato il regista in corsa, la sua esperienza è risultata fondamentale per il podio finale (foto Tour de l’Avenir)

Duo Pellizzari-Piganzoli

Quando la strada ha iniziato ad impennarsi sotto le ruote dei corridori sono emersi Pellizzari e Piganzoli. I due scalatori giovani che tanto stanno crescendo e che hanno già fatto molto bene. Non si arriva secondo e terzo al Tour de l’Avenir senza una preparazione adeguata, vero, ma poi servono delle qualità innate per rimanere davanti ogni giorno e giocarsi la vittoria

«Piganzoli – spiega Amadori – è stato il regista in squadra, visto che in queste gare si corre senza radiolina. I ragazzi devono inventare delle strategie ed agire al volo, lui era al suo secondo Avenir e ha fatto delle belle esperienze. Ora è il momento di puntare a qualcosa di più, è giusto così. Piganzoli partiva con i gradi, tanto da aver programmato questo Avenir fin nei minimi dettagli. Ha curato la preparazione al cento per 100 ed è arrivato al meglio delle sue possibilità.

«D’altro canto – dice ancora – Pellizzari ha fatto vedere grandi qualità per essere alla sua prima esperienza. L’idea era quella di tenere due pedine da giocarci per la classifica finale, entrambi ci hanno provato ed entrambi hanno attaccato. Giulio non è mai uscito dai primi cinque nelle ultime tappe, quelle di montagna. E’ chiaro che con un corridore del genere si voglia puntare a fare meglio il prossimo anno, e meglio del secondo posto c’è solo la vittoria (conclude con una risata, ndr)».

Villa: la vittoria al Piva e l’emozione della maglia azzurra

06.04.2023
6 min
Salva

La stagione di Giacomo Villa è iniziata con una bella vittoria al Trofeo Piva (in apertura foto Boldan), la seconda nella categoria under 23: la prima era arrivata l’anno scorso al San Daniele. Quella di domenica tra le colline di Valdobbiadene è stata una vittoria inaspettata per molti, ma forse non per Villa, che nelle sue qualità ha sempre creduto.

Villa dopo l’arrivo sprofonda nell’abbraccio del diesse Nicoletti (foto Boldan)
Villa dopo l’arrivo sprofonda nell’abbraccio del diesse Nicoletti (foto Boldan)

Gioco d’anticipo

Il corridore della Biesse-Carrera, sul traguardo di Col San Martino ha anticipato tutti i favoriti. Una volata lunga, ma ben calibrata, per portarsi a casa un successo che ha un sapore diverso. Tra pochi giorni usciranno le convocazioni per la Liegi U23 e Villa spera di aver convinto il cittì Amadori.

«La gara, nel suo complesso – ci dice – è stata molto tranquilla, forse fin troppo. Non essendoci delle squadre nettamente favorite hanno provato tutti a prendere la corsa in mano, senza troppo successo. Nel momento in cui sono iniziati i giri finali, con la scalata del muro di San Vigilio, oltre a quella del Combai, la miccia si è accesa. Ma, anche se tutti provavano a scattare, si vedeva poca convinzione. Quando Martinelli, De Pretto e Buratti si sono messi a fare il forcing sull’ultimo passaggio ne ho risentito, perdendo dieci metri che però ho prontamente recuperato in discesa.

«Nel momento della volata tutti hanno atteso molto, l’ultima curva era ai 300 metri dall’arrivo e nessuno si decideva a partire. Così, una volta passati sotto il cartello dei 150 metri ho chiuso gli occhi e mi sono lanciato, anticipando tutti. Dalle immagini si vede che Zamperini, che era a ruota di De Pretto, nel momento in cui scatto si sposta prima verso destra e poi improvvisamente cambia lato. Non si aspettavano un mio scatto».

Sulle rampe del muro di San Vigilio, Villa ha perso qualche metro, prontamente recuperato in discesa (foto Rodella)
Sulle rampe del muro di San Vigilio, Villa ha perso qualche metro, prontamente recuperato in discesa (foto Rodella)

Cambio di rotta

Vincere a inizio anno cambia le prospettive, anche se per Giacomo Villa queste erano parse già diverse dalla seconda metà del 2022. Da quel momento in avanti per lui c’è stato un crescendo continuo, che ha portato al primo ritiro con la maglia azzurra, sotto l’occhio di Amadori. Lo stesso cittì era presente anche domenica al Piva…

«Il cittì – racconta Villa – era curioso di conoscermi, dal giugno dello scorso anno ho avuto un bel salto in avanti per quelle che sono le mie qualità. E’ arrivato tutto dopo il Giro d’Italia U23, ho visto che da quel momento in poi ho avuto una buona forma fisica, che mi ha permesso di mettermi in luce con dei buoni piazzamenti, come il quinto posto a Capodarco e al Ruota d’Oro. E alla fine si è aggiunto anche il sesto al Piccolo Lombardia. Poco prima di questi impegni, a fine luglio, sono caduto in allenamento, fratturandomi un dito del piede. In quella settimana di stop non ho perso la concentrazione e mi sono riposato, arrivando in forma agli appuntamenti di fine stagione.

«La convocazione con la nazionale per il ritiro in Puglia – prosegue – è stata già di per sé un sogno. Indossare la maglia azzurra e vedere scritto il nome del proprio Paese è incredibile, davvero emozionante».

Una volata d’anticipo lanciata ai 150 metri mette tutti nel sacco (foto Boldan)
Una volata d’anticipo lanciata ai 150 metri mette tutti nel sacco (foto Boldan)

Crescita graduale

Quella di Giacomo Villa, classe 2002, si può considerare una crescita per gradi. Arrivato nel 2021 all’ancora Biesse-Arvedi ha preso le misure con la nuova categoria, portando a casa tante esperienze, senza essere soffocato dalle pressioni. 

«Il mio obiettivo, al primo anno da under 23 – racconta serenamente – era quello di imparare. Dovevo capire le gare, i percorsi e mettermi a disposizione dei compagni più grandi, come Ciuccarelli o Belleri. Sacrificarsi e fare esperienza, questi erano i miei dogmi: non importava di finire una gara o meno, l’importante era dare il massimo per i miei compagni. Al secondo anno ho trovato la prima vittoria al San Daniele, arrivata anche quella con una volata giocata d’anticipo. Lì ho capito che quando ci sono le giuste condizioni, riesco a dire la mia e a fare la differenza».

Villa riceve il premio direttamente dal suo creatore, Valentino Mori (foto Boldan)
Villa riceve il premio direttamente dal suo creatore, Valentino Mori (foto Boldan)

Gare dure e salite brevi

«Come detto – riprende con voce calma – il ritiro in Puglia è stata la prima volta nella quale ho indossato la maglia azzurra. Ora non nascondo che mi piacerebbe farlo anche in corsa, una prima occasione potrebbe essere la Liegi under 23. So di essere tra i dieci corridori papabili per correrla, spero di aver convinto Amadori fino in fondo. I giorni trascorsi insieme in Puglia sono stati molto belli, ed allo stesso tempo tranquilli. L’obiettivo era allenarsi bene e imparare a conoscerci, sia tra noi ragazzi, ma allo stesso tempo con il cittì. E’ stato importante soprattutto dal punto di vista umano. Penso che Amadori le scelte le abbia già chiare in testa. 

La Liegi U23 è una gara dura, con salite brevi che richiedono una buona esplosività, come quelle che Villa affronterà tra pochi giorni al Belvedere e al Recioto. Fare un paragone con le internazionali italiane potrebbe suonare un po’ estremo, ma non è tanto il percorso a fare la corsa, bensì i corridori. 

«Mi piacciono le gare dure, toste – spiega Villa – che sia dal punto di vista altimetrico o del ritmo imposto. Mi sono accorto che quando la corsa si “incendia” ho qualcosa in più nel finale, il mio fisico reagisce bene allo sforzo. Ho un buono spunto veloce in piano e nelle salite corte, da 2 o 3 chilometri. Il percorso della Liegi si avvicina molto a queste caratteristiche.

«Non nascondo anche che andare a correre all’estero sia un passo che mi piacerebbe fare. Ho parlato con Foldager e mi ha raccontato che al Nord le gare sono imprevedibili. Anche un altro mio compagno, D’Amato, che è stato alla Gent-Wevelgem con la nazionale, mi ha raccontato tante cose. Diciamo che non ci arriverei preparato, ma mi hanno messo la pulce nell’orecchio».

Giacomo Villa e Andrea D’Amato durante il ritiro collegiale della nazionale in Puglia (foto Instagram Biesse-Carrera)
Giacomo Villa e Andrea D’Amato durante il ritiro collegiale della nazionale in Puglia (foto Instagram Biesse-Carrera)

Oltre la Liegi

Ma quali sono gli obiettivi del ventunenne lombardo per questo 2023? Va bene il sogno Liegi, però poi la stagione prosegue ed il cassetto dei desideri non è di certo vuoto. 

«Voglio farmi trovare pronto – conclude – sempre. Non sarà facile, ma questo è l’obiettivo. Mi piacerebbe provare a correre il Giro d’Italia U23 con l’obiettivo di fare classifica, ma non conoscendo ancora il percorso è difficile capire se sarà adatto alle mie caratteristiche. Poi ci sono le classiche di fine stagione, come Capodarco e Ruota d’Oro. Anche se, il grande sogno è quello di vincere il Piccolo Lombardia, la gara di casa. Mi alleno tutti i giorni su quelle strade e correrci sopra è una bella emozione, figuriamoci poi se riuscissi a vincere».