Casa Visma: non è ancora allarme, ma quasi…

08.04.2024
5 min
Salva

In un modo o nell’altro, i grandi cicli si somigliano tutti. Per questo quando la settimana scorsa è stato annunciato che Merijn Zeeman, numero uno dei tecnici Visma-Lease a Bike, passerà dal prossimo anno al calcio nelle file dell’Alkmaar, la mente è andata a quando Rod Ellingworth lasciò, sia pure per il solo 2020, il Team Ineos Grenadiers. In un modo o nell’altro quel passaggio di mano segnò l’inizio del ridimensionamento della squadra britannica, che vinse il Giro con Bernal e poi si mise in cerca di una nuova identità. Ellingworth fece in tempo a tornare e poi ad andarsene di nuovo e nel vuoto lasciato libero dagli inglesi si è infilata con prepotenza la squadra olandese di Vingegaard e Van Aert. Il loro ciclo avrà qualche ripercussione per la partenza di Zeeman?

Zeeman, capo dei tecnici della Visma, dal prossimo anno passerà al calcio
Zeeman, capo dei tecnici della Visma, dal prossimo anno passerà al calcio

Due cadute all’unisono

Il primo a saltare giù dalla nave è stato Primoz Roglic. La sua scelta non è legata alla partenza del tecnico, quanto piuttosto alla necessità di avere un proprio spazio al Tour de France. Nonostante ciò, la partenza dello sloveno ha aperto una voragine nell’organico del team che lo scorso anno ha vinto i tre grandi Giri e al momento rischia di non vincerne neanche uno. Chiaramente nel discorso entrano due cadute: quella di Van Aert a Waregem e quella di Vingegaard ai Paesi Baschi.

Già è parsa una forzatura la presenza del belga come uomo di classifica al Giro, ma adesso le incertezze sul suo recupero e quello del danese rendono il quadro ben più confuso. Al punto che la possibilità di Pogacar di fare la doppietta Giro-Tour, che fino a un mese fa sembrava irrealistica, adesso sembra meno remota. Con questi immensi campioni funziona così: se non hanno intorno rivali della loro grandezza, è difficile batterli. Come conferma il dominio di Van der Poel al Fiandre e ancor più alla Roubaix.

Anche Roglic coinvolto nella caduta dei Paesi Baschi, ma per una volta se l’è cavata con poco (foto Instagram)
Anche Roglic coinvolto nella caduta dei Paesi Baschi, ma per una volta se l’è cavata con poco (foto Instagram)

Linea verde per Roubaix

Proprio ieri, complice anche il forfait in extremis di Van Baarle, la presenza della Visma-Lease a Bike nella corsa del pavé è rimasta legata all’entusiasmo dei gemelli Tim e Mick Van Dijke e al talento di Per Strand Hagenes. Solo che quando si è varcato il muro dei 220 chilometri l’entusiasmo è stato scalzato dalla fatica, come è giusto che sia per atleti così giovani.

«Nel contesto dello sviluppo dei talenti – ha spiegato proprio Merijn Zeeman al belga Het Nieuwsblad – volevamo vedere fino a che punto potevano spingersi i nostri tre corridori più giovani. E loro hanno dimostrato di avere una prospettiva per il futuro. Naturalmente ci aspettavamo di più, sicuramente alla Roubaix, che per noi è un po’ più adatta rispetto al Fiandre. L’opening-weekend (vittorie di Tratnik e Van Aert, ndr) e la Dwars door Vlaanderen (vittoria di Jorgenson, ma caduta di Van Aert, ndr) sono state un sollievo per i risultati. Se avessimo avuto tutti i nostri leader lì, avremmo potuto lottare anche per la Roubaix, ma si è imposta la Alpecin-Deceuninck. E Mathieu era addirittura in una classe a parte».

Van Aert è convalescente in Belgio, sul mare di Knokke. Per ora la Visma non rivede i suoi piani (foto Instagram)
Van Aert è convalescente in Belgio, sul mare di Knokke. Per ora la Visma non rivede i suoi piani (foto Instagram)

Van Aert e il Giro

E adesso il gioco si fa spinoso. Manca meno di un mese all’inizio del Giro (4 maggio) e Van Aert si è fatto fotografare ancora fasciato e immobile sul balcone di un centro residenziale sul mare di Knokke. 

«Nove giorni dopo l’intervento chirurgico – ha scritto su Instagram, prima di ringraziare tutti quelli che lo stanno sostenendo – e inizio a sentirmi di nuovo un po’ me stesso. Spero di tornare presto in sella alla mia bici, ma in questo momento il recupero completo delle ferite e delle ossa rotte ha la mia priorità assoluta».

In realtà non è ancora dato di sapere quando potrà riprendere gli allenamenti e questo, in un ciclismo che vive di calcoli millimetrici, è un bel problema. Quel che fa onore alla squadra olandese è voler per ora mantenere fede all’impegno del Giro, che potrebbe in ogni caso diventare un buon rodaggio sulla strada eventuale del Tour. Il recupero per ora procede.

«Si tratta di una combinazione di costole e clavicole rotte – spiega Zeeman – un polmone contuso e una vasta ustione sulla schiena. Le cose stanno migliorando, ma non possiamo ancora dire quando potrà riprendere ad allenarsi sui rulli. Non dico che non possa accadere presto, ma al momento resta da vedere. Non so dire neanche di quanto lavoro avrà bisogno Wout per arrivare bene al via del Giro. Tutto dipende dal punto di partenza, dalla condizione che gli sarà rimasta. Il principio di base è che in corsa dovrà essere al 100 per cento. E’ uno dei nostri leader e non andrà al Giro solo per pedalare: questo è chiaro come il sole. Il tempo è poco, ma speriamo di ottenere informazioni dettagliate sulla situazione di Wout nelle prossime settimane».

Vingegaard ha riportato fratture e un pneumotorace: è ancora in ospedale (immagine Eurosport)
Per Vingegaard fratture e un pneumotorace: è ancora in ospedale (immagine Eurosport)

Vingegaard e il Tour

Il Tour per fortuna è più lontano, anche se neppure le condizioni di Vingegaard sono così tranquillizzanti. Il danese è sparito dai radar, come è giusto che sia, ma il bollettino relativo alla sua caduta è nettamente peggiore rispetto a quello di Van Aert. Per lui si parla di costole e clavicole fratturate, di un polmone contuso e un polmone collassato.

«C’è un po’ più di tempo per Jonas – chiude Zeeman – perché ovviamente punta al Tour. Solo che abbiamo deciso di non mantenere il ritiro in quota di Sierra Nevada che dovrebbe iniziare il 6 maggio. Troveremo un altro avvicinamento. Ogni giorno migliora un po’, ma è ancora in ospedale e questo ovviamente dice abbastanza. Tutto quello che possiamo fare ora è pensare a quanti più scenari possibili. Wout potrebbe non arrivare pronto per il Giro, come Vingegaard potrebbe non essere pronto per il Tour. Speriamo di poter concretizzare tutto questo nelle prossime settimane».

Il duello del Catalunya si allunga sul Giro: 40 giorni al via

27.03.2023
5 min
Salva

L’ultima partita del Catalunya se la sono giocata a testate nel circuito del Montjuich. Remco Evenepoel e Primoz Roglic: l’aspirante vincitore e il leader della classifica. Sono arrivati all’ultima tappa con dieci secondi di vantaggio a favore di Roglic, ma il campione del mondo non ha mai pensato di accontentarsi del secondo posto. Così sulla salita più celebre nell’area di Barcellona ha sferrato il primo attacco e i soli a seguirlo sono stati Roglic e Soler. E quando poi ha mollato il secondo colpo, gli è rimasto attaccato soltanto lo sloveno. I due sono andati avanti così fino al traguardo. Evenepoel ha vinto la tappa, Roglic si è accontentato della classifica. Due tappe vinte per ciascuno e alla fine anche un abbraccio simbolo del nuovo corso: non ti regalo niente, ma ti rispetto.

Il Montjuich con Barcellona sullo sfondo è stato il teatro dell’ultima sfida alla Volta a Catalunya
Il Montjuich con Barcellona sullo sfondo è stato il teatro dell’ultima sfida alla Volta a Catalunya

Roglic in ripresa

Nel racconto della sfida e nella sua proiezione sul Giro d’Italia è mancata in questi giorni la consapevolezza che Roglic ha iniziato la preparazione in forte ritardo. A causa della brutta frattura della spalla alla Vuelta, nel giorno di Tomares, Primoz ha dovuto rimanere fermo a lungo. Quando lo abbiamo incontrato nel quartier generale del Team Jumbo-Visma in Olanda, ci aveva raccontato che il suo obiettivo minimo era riuscire a essere pronto per il primo ritiro. Per cui le sue vittorie alla Tirreno-Adriatico e ora al Catalunya sono ancora più notevoli. Al confronto con il vincitore uscente della Vuelta, che ha potuto condurre un inverno sul filo della perfezione.

«Sono molto contento – ha detto Roglic – il Giro di Catalogna mancava ancora dalla mia lista dei successi. E’ una corsa molto dura e il fatto di averlo vinto proprio quest’anno significa molto per me. La squadra mi ha aiutato. I miei compagni mi hanno protetto tutto il giorno e mi hanno tenuto sempre nella giusta posizione. Per fortuna avevo anche le gambe per andare con Remco. Sapevo che nell’ultima tappa ci avrebbe riprovato».

Nella quinta tappa del Catalunya con arrivo in salita, Roglic ha piegato la resistenza di Evenepoel
Nella quinta tappa del Catalunya con arrivo in salita, Roglic ha piegato la resistenza di Evenepoel

Rivali e alleati

Proprio prima del via, i due sono stati per qualche minuto accanto. E proprio Evenepoel ha raccontato di uno scambio di battute. Roglic gli ha detto che si aspettava un suo attacco. E il campione del mondo ha risposto che non gli avrebbe reso la vita facile, ma sapeva che non se lo sarebbe tolto di ruota.

«Il rapporto tra me e Roglic – ha spiegato Evenepoel dopo la corsa – da fuori sembra più competitivo di quanto sia in realtà. Primoz è uno che vuole combattere, forse è più difensivo di me, ma sono convinto che al Giro d’Italia questo nostro duello ci renderà anche alleati. Penso a quanto abbiamo visto ad Harelbeke tra Van Aert, Van der Poel e Pogacar. Certi corridori sanno che per vincere devono collaborare e non farsi dispetti. Quindi, anche se qualche momento di tensione lo abbiamo avuto, penso che abbiamo costruito un certo legame e che al Giro avremo bisogno l’uno dell’altro. Allo sprint ce la giochiamo. In salita penso che ci sia ben poca differenza. Sarà tutto da giocare…».

Evenepoel ha vinto l’ultima tappa a Barcellona, Roglic si accontenta della vittoria nella generale
Evenepoel ha vinto l’ultima tappa a Barcellona, Roglic si accontenta della vittoria nella generale

Re di una settimana

Roglic, che ha vinto per tre volte la Vuelta ed è uno dei corridori più vincenti nelle corse a tappe di una settimana. Dal 2014, ne ha vinte ben 18, fra cui 13 nel WorldTour: dai Paesi Baschi al Romandia, passando per UAE Tour, Tirreno-Adriatico e Parigi-Nizza. La sola sfida con Evenepoel in un grande Giro si stava attuando lo scorso anno alla Vuelta, con il belga in vantaggio di 1’26” all’inizio della terza settimana.

«Questo inizio di stagione – ha detto Merjin Zeeman, allenatore della squadra olandese – è incredibile. Dopo essersi infortunato alla spalla, Primoz non ha potuto pedalare per molto tempo. Non ci saremmo mai aspettati che al suo ritorno vincesse subito due gare World Tour. Ma sappiamo anche che quello che va bene oggi non va più bene domani. Dobbiamo migliorare ogni giorno per essere al top della forma al via del Giro».

Sul podio di Barcellona, oltre a Roglic ed Evenepoel, è salito Almeida, altro pretendente per il Giro
Sul podio di Barcellona, oltre a Roglic ed Evenepoel, è salito Almeida, altro pretendente per il Giro

Le crono del Giro

E così, in attesa di vedere bene le carte degli altri sfidanti, il duello del Catalunya si allunga sulla sfida rosa. E si capisce bene dalle parole del campione del mondo, che l’analisi dei dettagli sia piuttosto avanzata.

«Al Giro ci sono tre cronometro – spiega Remco – in quelle voglio prendere vantaggio su Roglic. Sarà anche campione olimpico, ma io penso di andare meglio. Passo parecchio tempo sulla bici da crono e continuerò a farlo. Voglio approfittarne al Giro, in modo da arrivare alle tappe di montagna già in vantaggio, in modo da dovermi difendere e poterlo controllare. Ma prima voglio vincere anche altre corse. Per cui ora rimarrò un paio di giorni a Barcellona, quindi festeggerò a casa il compleanno di mia madre e da giovedì sarò nuovamente sul Teide. E prima di venire in Italia, farò un altro giretto alla Liegi…».

Zeeman e Ten Hag, un’amicizia nata pensando al Tour

16.11.2022
5 min
Salva

Quando hai la guida del team numero uno del ranking Uci, quello che ha vinto il Tour de France e un’infinità di altre gare, e vedi che le avversarie si sono rafforzate intorno ai loro leader, che cosa fai? E’ la domanda che Merijn Zeeman (nella foto di apertura Anp con Vingegaard) si è posto a fine stagione, ragionando sui programmi della Jumbo Visma ed è partito da un presupposto, una massima che è stampata a chiare lettere nella sua mente ed è alla base del lavoro del team olandese: “Se fai quello che hai fatto, ottieni quello che hai”.

Era sulla base di questo detto che un anno fa, dovendo rimettere mano al team, chiese aiuto a Erik Ten Hag, uno dei più acclamati allenatori di calcio, prima all’Ajax tornato con i giovani agli antichi fasti e poi al Manchester United, che sta cercando di riportare in auge. Un giorno Zeeman chiese appuntamento al suo collega per confrontare le loro esperienze: la Jumbo veniva dalla seconda sconfitta al Tour, con Roglic caduto e Vingegaard ancora acerbo per contrapporsi a Pogacar, il “minatore sloveno” come lo chiamava con un pizzico di malizia Tom Dumoulin vedendo la sua posizione nelle cronometro.

Zeeman con Richard Plugge e Frans Maassen, due dei diesse della squadra
Zeeman con Richard Plugge e Frans Maassen, due dei diesse della squadra

Il grande lavoro sul percorso

Fu allora che Ten Hag gli disse quella frase, per fargli capire che serviva un cambiamento, ripensare tutta la struttura del team. Zeeman chiamò a raccolta tutti i diesse e i responsabili di settore. Una riunione animata ma fruttuosa, nella quale chiese a ognuno di contribuire con idee sulla base di domande semplici ma basilari: che cosa cambiare per fare meglio, che cosa non ha funzionato, come si muovono gli altri in confronto a noi. E dopo quella ci furono altre riunioni, mentre Zeeman teneva con Ten Hag un filo diretto costante.

Il principio di base fu che se hai a disposizione più campioni, devi anche pensare a più tattiche, sfruttare il loro talento per non essere prevedibile. Per farlo, si lavorò sul percorso del Tour, studiandolo fin nei minimi particolari, cercando sempre di prevedere le mosse di Pogacar, considerandolo diverso da quello del 2020. Allora lo sloveno aveva vinto da solo, ma due anni dopo aveva una squadra salda al fianco, luogotenenti fortissimi e votati alla causa come Majka. Bisognava capire i punti deboli.

Pogacar nella morsa di Vingegaard e Roglic in vista del Granon: sarà il suo calvario…
Pogacar nella morsa di Vingegaard e Roglic in vista del Granon: sarà il suo calvario…

La tattica giusta

Sono state analizzate anche le interviste dello sloveno, finché nella mente di Zeeman prese forma la strategia: se Pogacar spreca tante energie prima di una salita lunga, diventa vulnerabile. Ma serve che qualcuno si sacrifichi. Il Tour proponeva tappe adatte? Sì, la 11 con il Col di Granon e la 12 con l’Alpe d’Huez. La scelta cadde su Roglic, un po’ più lontano in classifica di Vingegaard ma ancora pericoloso per la classifica, chiamato a spremere il connazionale. Attacchi alternati, lontano dal traguardo. Pogacar alla lunga si è sfibrato e Vingegaard, a 5 chilometri dal traguardo, è andato via.

A tutto ciò, Zeeman ha pensato spesso nelle ultime settimane. La gioia per i successi ha presto lasciato spazio alle riflessioni sul 2023, perché ripetersi è sempre più difficile che scalare il colle per la prima volta. Il manager della Jumbo Visma ha pensato allora di tornare dal suo amico, ma questa volta in una situazione diversa. Per entrambi.

Ten Hag con Ronaldo, stella del Manchester United messo di lato senza alcuna remora (foto Sky Sport)
Ten Hag con Ronaldo, stella del Manchester United messo di lato senza alcuna remora (foto Sky Sport)

L’esperienza di Ten Hag

Zeeman ha preso spunto proprio da quel che Ten Hag sta passando. Nelle file del suo team è tornato Cristiano Ronaldo, che a 37 anni reclama ancora (e in base alle sue giocate anche giustamente) spazio e attenzione. Ten Hag non ci ha pensato due volte, quando il portoghese non girava, a metterlo in panchina, ma il multimilionario portoghese non ha gradito e i rapporti fra i due sono irrimediabilmente compromessi.

Il tecnico della Jumbo Visma teme che possa avvenire la stessa cosa, non tanto fra Roglic e Vingegaard che vanno d’accordo al punto che sembra possibile programmare per i due anche impegni diversi (Roglic al Giro?), quanto per integrare i nuovi innesti. Il pensiero di Zeeman è riassumibile nella seguente maniera: «La Uae ha preso Yates e Vine in supporto a Pogacar, la Ineos si è rafforzata con Arensman, noi abbiamo preso due pezzi pregiati come Kelderman e Van Baarle, ma come integrarli? Saranno disposti a ruoli di supporto, a “stare in panchina” alla bisogna?».

Il timore è soprattutto per il primo, alla sua chiamata estrema per dimostrare di che pasta è fatto, dopo che sia alla Sunweb che alla Bora Hansgrohe non solo ha perso diversi treni, ma non è sembrato l’elemento ideale per far gruppo, per votarsi alla causa.

Wilco Kelderman, ultimo arrivo alla Jumbo-Visma: che ruolo avrà e come sarà gestito?
Wilco Kelderman, ultimo arrivo alla Jumbo-Visma: che ruolo avrà e come sarà gestito?

Beninteso, spazio ai giovani…

Per questo, prima ancora dei ritiri prestagionali, Zeeman ha preso l’aereo ed è volato a Manchester, dal suo amico e davanti a una birra hanno iniziato a discutere: «Come si gestisce gente che ha già vinto tanto – ha raccontato a Helden Magazine – e che vuole spazio, come gli chiedi di sacrificarsi per un altro, per la causa o addirittura di lasciar spazio e restare ai margini? In passato era più facile accettarlo, c’erano gerarchie più definite, un capitano e tanti gregari. Ora non è più così, bisogna pensare all’approccio umano che è fondamentale».

Che cosa gli abbia suggerito Ten Hag non è dato sapere, ma Zeeman, sempre nell’intervista concessa al magazine olandese, ha lasciato intendere qual è l’orientamento generale: «Noi vogliamo assolutamente vincere ancora il Tour e portare a casa quel che ancora non abbiamo vinto, come una classica monumento tra Fiandre e Roubaix e il Giro d’Italia. Quando avverrà? Spero presto, ma so che per farlo dovremo affidarci a corridori che sono cresciuti con noi, guidandoli nel loro intero processo di affermazione». Chi viene da fuori, se lo ricordi…

Jumbo Visma, la corazzata rinata dal fango. Oggi vince Laporte

22.07.2022
8 min
Salva

Da dove nasce la Jumbo Visma che sta guidando il Tour e che oggi ha lanciato al successo Laporte? E’ davvero una fortezza inespugnabile come in altri anni il Team Sky di Wiggins e Froome, oppure c’è qualcosa di diverso?

Come sempre, quando un team si rivela così vincente, apre una strada che gli altri si affrettano a copiare. Anche per questo, la differenza fra ciò che viene mostrato e quel che effettivamente c’è è piuttosto marcata. La Jumbo Visma arriva da molto lontano, dalle ceneri della Rabobank che nel 2007 vestiva saldamente la maglia gialla con Rasmussen. Almeno fino al giorno in cui Cassani raccontò, in diretta e in buona fede, di averlo visto dove non doveva essere e in breve il giallo e il contratto vennero strappati. La Rabobank se ne andò a fine 2012, scossa da casi e sospetti di doping. Il team di Vingegaard e Van Aert nacque dalle sue radici e da quel fango.

Il colpo di mano di Laporte rende la prima vittoria francese del Tour. Festa alla Jumbo
Il colpo di mano di Laporte rende la prima vittoria francese del Tour. Festa alla Jumbo

La maglia bianca

Il lavoro di questi giorni degli inviati al Tour è stato il viaggio a ritroso nella loro storia, fino all’inverno del 2015, quando Merijn Zeeman, responsabile della preparazione, e il manager Richiard Plugge, misero mano alla rifondazione.

Anni difficili, dovuti sostanzialmente alla mancanza di mezzi. Stage invernali in altura dormendo in hotel fatiscenti. Le rinunce imposte da un budget risicato, dopo anni in cui la corazzata arancione poteva permettersi di guardare tutti dall’alto. Quando nel 2012 Rabobank decide di lasciare il ciclismo dei pro’, la squadra cambia nome e passa a Blanco, come il colore della maglia. A significare che si sarebbe ripartiti da un foglio ancora da scrivere. C’è sempre la banca a coprire le spese, avendo ancora un contratto, ma il 2013 è l’ultimo.

«Siamo passati dall’avere il secondo budget al mondo, a doverci accontentare del più piccolo – ha raccontato Zeeman a L’Equipe – eravamo lo zimbello del gruppo. Il ciclismo era immerso in una cultura del doping e questa non era neanche più una buona squadra. Zero comunicazione, trasparenza, coesione. Era tutto negativo, tanti preferirono abbandonare la nave, i corridori non facevano risultato. Ed è stato a quel punto che abbiamo deciso di tracciare una linea».

Condivisione totale

Zeeman ha studiato scienza della formazione. Richard Plugge è un ex giornalista, formato in programmazione neurolinguistica. La linea tracciata prevede di ripartire dagli uomini e non dalle regole. Da interviste approfondite in cui ciascuno possa ragionare sul suo comportamento dentro e fuori la gara.

«Ad alcuni corridori non piace essere spinti – ha spiegato Plugge – ma se invece della persona ne analizzi il comportamento, allora l’approccio cambia. Non diciamo loro cosa devono fare, cerchiamo di creare un ambiente in cui i corridori pensino da soli e prendano le proprie decisioni. La motivazione intrinseca è fondamentale, si chiama assunzione di responsabilità, sia che si tratti di stabilire il programma di allenamento, sia la dieta…».

Tra i fedelissimi della prima ora c’è Gesink: c’era nel Team Blanco e ha il contratto Jumbo Visma fino al 2023
Tra i fedelissimi della prima ora c’è Gesink: c’era nel Team Blanco e ha il contratto fino al 2023

Gli All Blacks e l’Ajax

Nessuna costrizione, insomma, quanto piuttosto il coinvolgimento. Si parla di tutto davanti a tutti e tutti sono coinvolti nello sviluppo della struttura. Nessuna invenzione cervellotica però, tiene a precisare ancora Plugge con L’Equipe, bensì l’ispirazione da un lato agli All Blacks (la leggendaria squadra neozelandese di rugby), passati per una rifondazione analoga dopo il tracollo dovuto all’alcol, dall’altro al calcio totale dell’Ajax di Cruyff.

«Fra le dieci regole di condotta interna – spiega – ho voluto inserirne una ispirata proprio agli All Blacks. E quella che chiamano “lasciare la maglia in un posto migliore”, il fatto che ogni giocatore abbia il compito di rendere la maglia più prestigiosa di quando l’ha ricevuta. Così ognuno può lasciare al gruppo una sorta di eredità personale.

«E come insegnato dal calcio totale, vogliamo praticare un ciclismo che ci permetta di essere forti e vincere con tutti i corridori. Vogliamo essere sempre davanti. L’Ajax e la nazionale di quegli anni giocavano insieme, tutti in attacco e poi tutti in difesa. Sarebbe fantastico se un giorno, la gente parlasse della nostra squadra gialla come noi abbiamo parlato di quella arancione».

Al Tour 2020 Roglic superiore a Pogacar, ma lo ha spesso graziato, forse per la comune nazionalità
Al Tour 2020 Roglic superiore a Pogacar, ma lo ha spesso graziato, forse per la comune nazionalità

L’istinto tradito

I colori della maglia sono la conseguenza di un ragionamento nel ritiro invernale 2016, con la dominante gialla chiaramente ispirata al Tour. A fine 2015 è arrivato Roglic dal salto con gli sci, che nel 2016 vince una crono del Giro e nel 2017 centra la prima tappa al Tour. Nel 2019 Kruijswijk sale sul podio della Grande Boucle dietro Bernal e Thomas. Nel 2020, la squadra si presenta al via da Nizza con il coltello fra i denti e domina dall’inizio. Salvo fermarsi contro il muro della crono a La Planche des Belles filles che rivela al mondo la stella di Pogacar.

«Pensavamo troppo a fare i nostri calcoli – racconterà Roglic, rivivendo la pagina più drammatica della sua carriera sportiva – io in particolare. Mi facevo tante domande, non correvo in modo naturale e nemmeno la squadra. Non ci piaceva affatto il divertimento, l’istinto. Avevamo scelto di controllare tutto e ci siamo chiusi su noi stessi».

Lo spirito libero

L’anno scorso, l’uscita di scena di Roglic in avvio di Tour compie il miracolo, come l’uscita di scena di Thomas al Giro del 2020 permise alla Ineos di diventare simpatica.

«Contrariamente ai nostri grandi discorsi – spiega Plugge – nel 2020 ci è mancato il coraggio quando in certe fasi avremmo dovuto chiudere la partita. Nel 2021 l’abbandono di Roglic e il fatto che Vingegaard fosse ancora giovane e al primo Tour ci hanno permesso di correre senza pressioni e sono venute quattro vittorie di tappa. Al contempo però abbiamo spinto maggiormente sui miglioramenti. Ogni nuovo corridore viene scelto per la capacità di inserirsi nel progetto e supportato per raggiungere il meglio delle sue possibilità. A ogni livello, corridori e staff».

Tour con tre punte

I direttori sportivi e gli allenatori vengono aggiornati con il supporto di formatori esterni. Lo staff è stato ampliato inserendo cinque cuoche-nutrizioniste, tutte dipendenti a tempo indeterminato come gli altri dirigenti della squadra. La precarietà, dice chiaramente Plugge, è un deterrente al fatto che si partecipi davvero allo sviluppo del progetto. Dopo aver cambiato le bici, passando da Bianchi a Cervélo, l’anno scorso il focus verteva sull’alimentazione. Per cui, in collaborazione con i Supermercati Jumbo, è stata sviluppata un’app che offre ai corridori menù e quantità in base ai tempi di allenamento o di gara. Infine la strategia, per anni punto debole di una squadra che si stava costruendo.

«Abbiamo scelto di rischiare con Vingegaard, Roglic e Van Aert nella stessa squadra – dice Zeeman – ma solo dopo molti ragionamenti con i corridori. Era necessario tenere conto del loro ego, per sapere cosa fossero pronti a sacrificare, sapendo che la ricerca più alta era la vittoria finale».

L’apoteosi nella tappa di Hautacam, con Van Aert che tira per Vingegaard e stacca Pogacar
L’apoteosi nella tappa di Hautacam, con Van Aert che tira per Vingegaard e stacca Pogacar

Il gigante verde

La risposta di Van Aert è stata illuminante e la sua condotta irreprensibile. «Ho bisogno di avere la speranza di vincere le tappe per me stesso – ha spiegato nell’ultimo giorno di riposo – e penso di essere più utile alla squadra con questa possibilità che essere un semplice gregario per tre settimane. Mi motiva avere la prospettiva di vittoria e mi permette di aiutare meglio gli altri».

Quello che ha fatto ieri a Hautacam lo ha confermato fugando ogni dubbio. Ciascuno di loro ha fornito un contributo decisivo. E’ presto per dire che abbiano davvero inventato il ciclismo totale. Di sicuro sono sulla strada giusta per fare di quel giallo la loro prossima conquista.

Sarà vero che Van Aert correrà la Roubaix da gregario?

14.04.2022
4 min
Salva

Alla fine Van Aert ha scelto di correre il rischio e sarà regolarmente al via della Roubaix, dopo aver saltato per Covid il Fiandre che aspettava da un anno. L’unica concessione che ha fatto ai medici della squadra è stato non prendere parte al sopralluogo di questo pomeriggio. Probabilmente questo sarà un vantaggio per i suoi avversari, ma dato che il campione belga ha avuto il via libera per la ripresa degli allenamenti soltanto martedì scorso, la squadra ha preferito tenerlo sotto stretta osservazione per il maggior tempo possibile.

Gli ultimi aggiornamenti arrivano in diretta proprio dalle strade assolate della Roubaix, dove questo pomeriggio il Team Jumbo Visma composto da Affini, Laporte, Roosen, Teunissen, Van Dijke e Van Hooydonck ha provato prevalentemente i materiali e lo stato del pavé.

Con questo post su Twitter, il campione belga ha ufficializzato il suo ritorno alle gare
Con questo post su Twitter, il campione belga ha ufficializzato il suo ritorno alle gare

Ripresa in Spagna

Come Van der Poel prima di lui, ma per differente motivazione, il belga è andato in Spagna per ripartire al caldo e ottimizzare le poche giornate di allenamento, con la ferma raccomandazione della squadra di non caricare le sue uscite su Strava.

La decisione di schierarlo al via della Roubaix è venuta solo dopo l’ultima distanza, effettuata a ritmo gara nei giorni scorsi, in cui Van Aert ha dimostrato di aver ritrovato un livello accettabile. Essendo tuttavia rimasto in isolamento per una settimana e avendo poi ripreso con estrema gradualità, è evidente che la sua condizione non sia perfetta come prima. Per cui Wout non sarà il solo leader della Jumbo Visma, ma dividerà i gradi con gli altri.

Immagini del sopralluogo 2021 della Roubaix: alla vigilia il pavé era asciutto
Immagini del sopralluogo 2021 della Roubaix: alla vigilia il pavé era asciutto

Prima la salute

La salute del campione belga ha la priorità assoluta. La squadra dà per scontato che Van Aert non avrà le gambe migliori. Solo dopo la Roubaix ci sarà una nuova valutazione che permetterà di stilare il suo programma successivo. L’opzione Liegi-Bastogne-Liegi è attualmente sul tavolo, ma dipenderà da come Wout uscirà dall’Inferno del Nord.

«Dopo un’infezione da Covid – ha spiegato il diesse Merijn Zeeman – siamo estremamente attenti alla salute dei nostri atleti. Lo staff medico ha un ruolo importante in questo ed è un fattore determinante. Lo abbiamo seguito molto da vicino insieme. Un medico ha visitato Wout per quattro giorni consecutivi, per monitorare la risposta del suo corpo all’allenamento. Ha sostenuto anche esami molto approfonditi al cuore prima di riprendere ad allenarsi. All’inizio di questa settimana, lo staff medico ha dato il via libera, stabilendo che Wout poteva iniziare a sostenere carichi importanti come si addice a un professionista».

Lo staff tecnico e quello medico sono stati accanto a Van Aert durante tutta la ripresa degli allenamenti
Lo staff tecnico e quello medico sono stati accanto a Van Aert durante tutta la ripresa degli allenamenti

Cuore a posto

Un’attenzione particolare è stata dedicata appunto al suo cuore, dato che proprio il cuore negli ultimi tempi si sta rivelando l’anello debole nella ripresa post Covid, senza che nessun medico riesca ancora a spiegarne appieno il legame. Van Aert, fra l’altro, ha evitato di sottoporsi alla terza dose di vaccino, rinviandola proprio alla fine delle classiche di primavera.

«La salute di Wout – dice ancora Zeeman – è completamente a posto. Ma dopo una settimana di isolamento, ovviamente, la forma migliore non è più possibile. La rincorsa alla Roubaix è fallita. Gli mancherà anche la ricognizione di oggi e tutto sommato questa è tutt’altro che una preparazione ideale. Ciò non toglie che un corridore come Wout possa ancora avere un ruolo importante, ad esempio nel supportare Laporte, Teunissen o Van Hooydonck. Non partire non è mai stata un’opzione. Wout è in forma e in salute. Il Fiandre e la Roubaix erano i grandi obiettivi. Dopo aver perso il primo, non avrebbe mai accettato di saltare anche la seconda».