Search
Novak 2022

Pavel Novak, appena arrivato già batte tutti…

12.06.2022
5 min
Salva

Nel ciclismo contemporaneo si parla sempre dei talenti precoci, tanto che questa definizione rischia di essere abusata a uso e consumo dei procuratori che piazzano fra le varie squadre giovani ancora acerbi promettendo mirabilie. Ci sono però storie che fanno davvero pensare di essere di fronte a un corridore baciato da capacità fuori del comune. Quella di Pavel Novak, il ragazzo della Repubblica Ceka che sta contrassegnando la stagione degli juniores, è una di queste.

A renderlo speciale non è solo il fatto che parliamo di un corridore che a dicembre compirà 18 anni, ma che ha un’esperienza ciclistica davvero minima, avendo iniziato a praticare ciclismo solamente un paio d’anni fa. Prima, per 10 anni si era dedicato all’hockey su ghiaccio che nel suo Paese è uno degli sport nazionali, sicuramente più praticato del ciclismo. Forse nell’hockey sarebbe stato uno dei tanti, sulle due ruote si è già saputo distinguere come un vero “killer”, dalla perfetta scelta di tempo nelle sue azioni e con qualità innate.

Un arrivo inaspettato

Com’è arrivato Novak dalle parti italiane? A spiegarlo è Marco Taddeo, presidente della Ciclistica Trevigliese che quando ne parla lascia trasparire un’attenzione come quella che si ha per un figlio acquisito.

«Eravamo in contatto con Marco Cattaneo – racconta – che aveva portato in Italia i fratelli Vacek e ci aveva suggerito di andare agli europei di Trento per vedere un ragazzo che doveva venire da noi. Lì, il suo contatto ceko gli sottopose un cambio, parlandogli di questo ragazzino appena approdato al ciclismo, ma che già si era guadagnato la nazionale.

Taddeo Romele 2021
Il presidente Marco Taddeo con un altro talento uscito dal team: Alessandro Romele
Taddeo Romele 2021
Il presidente Marco Taddeo con un altro talento uscito dal team: Alessandro Romele

Il test e quei dati strabilianti…

«Lo portammo da noi per fargli fare qualche test – prosegue Taddeo – alla fine guardammo il Garmin ed eravamo convinti che non avesse funzionato, c’erano valori enormi. Invece funzionava benissimo… Quella è stata la prima volta che Pavel ci ha stupito, ma certamente non è stata l’ultima…».

Quei numeri da pro’ sono diventati una costante, come anche lo stupore dei dottori in base ai suoi valori. Ma tutto questo potrebbe anche non bastare, se non fosse corroborato da una voglia innata di vincere.

«All’Eroica – riprende Taddeo – erano andati in fuga in 8, lui li ha ripresi e staccati tutti insieme, per vincere in solitudine. Come aveva fatto alla Piccola San Geo e alla Dondeo. Lui vince sempre così, di forza».

A fronte di un carattere così forte in corsa, c’è un ragazzino che ha preso il coraggio in mano e ha lasciato la famiglia per inseguire il suo sogno a migliaia di chilometri di distanza.

«E’ un bravissimo ragazzo – ancora Taddeo – e la cosa che mi colpisce è che è molto più maturo della sua età. Vive in una casetta vicino la nostra e si fa tutto da solo, taglia anche l’erba del prato… E’ un po’ timido, a volte sembra sulle sue, ma con i ragazzi va molto d’accordo».

A scuola di italiano

Un dato che possiamo testimoniare direttamente. Al di là dell’ostacolo linguistico, Pavel è uno che parla poco ma sempre in maniera diretta.

«Qui in Italia – racconta – mi sono trovato benissimo, la società mi ha messo a disposizione tutto quel che serve e ho trovato un ambiente ideale. Per me non è facile, sto imparando qualche parola di italiano ma è molto diverso dalla mia lingua. Comunque con i ragazzi attraverso l’inglese ci intendiamo benissimo e sono diventati tutti amici».

Tanto è vero, come testimonia Taddeo, spesso vanno a tenergli compagnia quando non ci si allena, avendo costituito un bel gruppo anche al di fuori del ciclismo.

Un passista scalatore

Tecnicamente Novak è il classico passista: «Gli piacciono molto i percorsi duri – dice Taddeo – le salite non gli fanno paura, anche se non è leggerissimo, infatti parte sempre sui tratti duri facendo la differenza».

«A me piacciono soprattutto le corse a tappe – rilancia lui – dove penso di poter emergere maggiormente». Infatti alla Corsa della Pace ha chiuso 6° e al Tour du Pays de Vaud aveva iniziato molto bene, con un 3° e un 8° posto, ma quando avrebbe dovuto affrontare la cronometro che poteva proiettarlo in vetta, è stato costretto al ritiro per un problema fisico. Non tutto il male però viene per nuocere, infatti ne ha approfittato per tornare a casa e stare un po’ in famiglia.

Novak Compagni 2022
Novak è arrivato quest’anno alla Ciclistica Trevigliese trovando molti amici (foto Eligio Bianchessi)
Novak Compagni 2022
Novak è arrivato quest’anno alla Ciclistica Trevigliese trovando molti amici (foto Eligio Bianchessi)

Subito pro’? Meglio aspettare…

Chiaramente, a dispetto della giovane età, l’obiettivo è bruciare le tappe: «Io voglio passare fra i pro’ prima possibile, ma molto dipenderà dai risultati che farò da qui alla fine della stagione».

Su di lui sono in tanti ad aver posato gli occhi, anche squadre del WorldTour, ma Taddeo getta acqua sul fuoco: «Di richieste ne abbiamo tantissime, ma ci siamo impegnati con la famiglia a valutare il meglio per lui, se necessario tenerlo ancora con noi e fargli fare tutti i passi necessari. Deve passare sulla base di un progetto, che contempli anche le necessarie esperienze fra gli Under 23».

Nel suo immediato futuro ci sono altre gare a tappe, soprattutto all’estero: «Stiamo sviluppando un calendario alternativo dopo la cancellazione del Giro del Friuli, per far fare esperienza a lui come agli altri ragazzi, poi chiaramente ci saranno gli impegni con la sua nazionale. Di una cosa però sono certo – afferma risoluto Taddeo – èun ragazzo che sa gestirsi e che gestiamo con attenzione, anche e soprattutto nei carichi di lavoro in allenamento, dove molto raramente tocca le 4 ore. E’ un diamante grezzo ma purissimo, che va protetto».

Milesi 2022

Milesi come Mattio, ora con una Roubaix in più

25.04.2022
5 min
Salva

Un paio di settimane fa, parlando con Pietro Mattio ci aveva accennato a quella sana rivalità che sta nascendo nell’ambiente con Nicolas Milesi, che si trasborda dalla strada alla mtb e viceversa. Dopo aver sentito il piemontese non potevamo non ascoltare l’altra campana, solo che nel frattempo quest’ultimo ha messo nel carniere un appuntamento importante, la sua prima esperienza alla Parigi-Roubaix juniores e lo ha fatto in maniera encomiabile, con un 17° posto, primo degli italiani, che ha molto valore.

Parlare con lui non è semplice. Le sue giornate sono piene, tra scuola, allenamenti e trasferte così si finisce per prendere un appuntamento in tarda serata e dalla sua voce si sente che quella esperienza sulle pietre gli è rimasta nel cuore prima ancora che nei muscoli doloranti: «E’ qualcosa di unico. Mi è piaciuta tanto, sin dalla ricognizione non stavo nella pelle per disputarla. Avevo capito che mi potevo trovare a mio agio e così è stato, ci tenevo a far bene perché era la mia prima convocazione nella nazionale su strada e credo di aver onorato la maglia azzurra come meglio non si poteva». 

Milesi Roubaix 2022
Nicolas Milesi è giunto 17° a Roubaix, a 32″ dal vincitore lussemburghese Michotte (foto Philippe Seys)
Milesi Roubaix 2022
Nicolas Milesi è giunto 17° a Roubaix, a 32″ dal vincitore lussemburghese Michotte (foto Philippe Seys)
Quanto ti è servita la tua esperienza in mountain bike?

Tantissimo su quel percorso. Ci sono settori dove se sai guidare riesci non solo a procedere con maggiore sicurezza ma anche a guadagnare. Conta più la tecnica che le gambe, anche se poi chiaramente la resistenza ha un peso, ma su questo ero tranquillo grazie alla preparazione svolta con Luca Quinti.

Mattio ci raccontava della vostra rivalità che passa da un mezzo all’altro, anche tu hai questo saltare di disciplina in disciplina anche nello stesso weekend…

Con Pietro siamo amici, ci confrontiamo spesso proprio perché condividiamo questa passione per la multidisciplina. Ho letto del suo weekend, anch’io ho fatto la gara al sabato a Nalles in Mtb, ma ho avuto molti problemi con il fango e non è andata bene (è finita con un ritiro, ndr). Meglio alla domenica su strada dove sono rientrato nei primi 20, poi è arrivata la bella notizia della convocazione in azzurro.

Milesi Verona 2022
In mtb Milesi è protagonista all’Italia Bike Cup, con un 2° posto ad Albenga (foto Billiani)
Milesi Verona 2022
In mtb Milesi è protagonista all’Italia Bike Cup, con un 2° posto ad Albenga (foto Billiani)
La vostra duttilità è qualcosa di assolutamente nuovo nel ciclismo italiano, da che cosa nasce per te?

Bella domanda, se si pensa che fino a quando ho corso fra gli Allievi 2° anno non avevo neanche mai preso in mano la bici da strada. Un giorno, dopo che avevo vinto il titolo italiano di categoria nella mountain bike, il diesse della Ciclistica Trevigliese, Diego Brasi, mi ha proposto di provare e mi ha iscritto al Campionato Regionale. Poteva essere un salto nel buio, forse un po’ troppo per un neofita, invece ho chiuso 5° e la volta dopo sono giunto secondo. Così si è deciso per la doppia attività.

Una scelta loro o sei stato tu a chiederlo?

No, sono sempre stati favorevoli, anzi posso dire che lo scorso anno ero il solo a seguire il doppio calendario, ora invece ci sono altri due ragazzi della società che fanno lo stesso. I benefici sono evidenti.

Milesi pietre 2022
Sul pavé della Roubaix Milesi ha potuto sfruttare le sue doti di guida da biker (foto Seys)
Milesi pietre 2022
Sul pavé della Roubaix Milesi ha potuto sfruttare le sue doti di guida da biker (foto Seys)
Pratichi ciclocross?

No, perché fino all’inverno 2020-2021 ho fatto sci alpinismo a livello agonistico. L’ultimo inverno invece sono stato fermo per un incidente avuto a settembre, dovevo riprendere la preparazione e non avevo possibilità di inforcare gli sci. E’ una specialità che mi piace molto, ora è anche diventata disciplina olimpica, ma io voglio investire tutto nel ciclismo, credo che anche i prossimi inverni saranno dedicati alla preparazione su due ruote.

In base ai tuoi risultati su strada, anche tu sembri il classico passista-scalatore…

Direi di sì, in salita tengo, ma quel che amo è arrivare al traguardo da solo, fare davvero la differenza. Credo però che la mia evoluzione sia ancora parziale, ad esempio non ho mai disputato una cronometro e se non vai bene contro il tempo, che passista sei?

Da simili caratteristiche emerge un corridore che potrebbe far bene nelle corse a tappe.

Lo spero, ma come ho detto bisogna fare esperienza per capirlo. Lo scorso anno ho partecipato al Giro della Lunigiana, sono finito terzo fra i primo anno e 15° in assoluto, un risultato più che soddisfacente, ma è solo un risultato. In salita c’è gente che va più di me, che è più leggera – io peso 60 chili – diciamo che è un po’ tutto da scoprire.

Podio Roubaix junior 2022
Il podio della Parigi-Roubaix per juniores, con Michotte (LUX), fra l’estone Pajur e il francese Lozouet (foto Seys)
Podio Roubaix junior 2022
Il podio della Parigi-Roubaix per juniores, con Michotte (LUX), fra l’estone Pajur e il francese Lozouet (foto Seys)
Continuerai a fare la doppia attività?

Finora l’ho fatto, ma ora le sovrapposizioni sono troppe. Ci sono molte gare importanti nel calendario su strada e non bisogna dimenticare che c’è anche la scuola. Per ora la mtb la metto da parte, d’altronde sono dell’opinione che è meglio fare una sola cosa ma bene, che rischiare di far troppo e non ottenere nulla. Poi più avanti vedremo, soprattutto nel 2023 faremo le scelte necessarie.

Guardando un po’ più in là ti vedi come un corridore alla Van Der Poel o Pidcock, in grado di seguire strade diverse nello stesso anno?

Stiamo parlando di fenomeni assoluti, è difficile fare come loro. Quando avrò fatto le mie esperienze e capito dove potrò emergere, dovrò fare una scelta. Il mio obiettivo è avere un futuro nel ciclismo, trovare un ingaggio importante, vedremo come e dove.

Prossimi obiettivi?

Beh, visto come sono andato alla Roubaix ora guardo con molto interesse all’Eroica del 22 maggio, credo che si sposi bene alle mie caratteristiche.

Romele tricolori junior 2021

Romele, il tricolore sulle orme di Gimondi

17.07.2021
5 min
Salva

Di Alessandro Romele si parla da tempo, nell’ambiente junior, ben prima della sua vittoria tricolore. A Pieve di Soligo, in giugno, aveva fatto scalpore la sua condotta di gara nella sfida internazionale, finendo terzo e vincitore della volata degli inseguitori di Romain Gregoire (vincitore, campione francese nel 2020) e Cian Uijtdebroeks (belga che salterà del tutto gli under 23 per passare il prossimo anno alla Bora-Hansgrohe), due nomi non di poco conto considerando che sono finiti nello stesso ordine all’Ain Bugey Valromey Tour, una delle principali gare a tappe disputata a metà luglio: «Avevo sbagliato io a non andargli dietro, era il momento che rifiatavo dopo aver risalito il gruppo in salita, mancavano 500 metri alla cima, dovevo provarci. Tutta esperienza…».

Sul podio di Pieve di Soligo con Gregoire vincitore e Uijtdebroeks
Sul podio di Pieve di Soligo con Gregoire vincitore e Uijtdebroeks

Il tricolore junior non lo ha solo vinto: l’ha dominato, infliggendo distacchi molto pesanti su un percorso difficile ma non così selettivo. Alessandro è uno di quelli che lo guardi e dici “è un predestinato”. Lui lo sa, da sempre, da quando seguiva i suoi fratelli Simone ed Elisa nelle gare giovanili: «Loro sono arrivati alla G6, io al tempo mi dedicavo al calcio ma senza grande passione, quella l’ho sempre riservata alla bici».

Come furono i tuoi primi approcci con le gare?

Non è che furono entusiasmanti: la prima caddi, pioveva a dirotto, eppure non mi persi d’animo. Alla seconda arrivai nelle retrovie ma rimasi calmo anche allora. Intanto imparavo, poi sono emerso piano piano.

4 successi da Esordiente, 2 da allievo e poi il passaggio di squadra, dalla Cicli Peracchi Sovere alla Ciclistica Trevigliese

Alla Peracchi era casa mia, ma non avevano la categoria junior, alla società erano arrivate un po’ di proposte così scelsi la Ciclistica Trevigliese perché era vicino casa. Fra gli junior ho vinto 4 volte, fra cui il campionato regionale studentesco quest’anno, al sabato e alla domenica ne ho vinta un’altra a Treviglio.

Romele Lombardia 2021
Romele con la maglia della selezione lombarda, con cui ha corso il Campionato Italiano
Romele Lombardia 2021
Romele con la maglia della selezione lombarda, con cui ha corso il Campionato Italiano
Quali sono le tue caratteristiche?

Mi ritengo un passista veloce: sugli strappi brevi, fino a 3 chilometri e con pendenze inferiori al 10% tengo brillantemente, anzi spesso provo io a lanciare l’azione. Le situazioni ideali per me sono le fughe di piccoli gruppi nei quali posso giocarmela in volata. Sulle salite più lunghe diciamo che devo testarmi ancora, non ne ho affrontate abbastanza per sapere se ho tenuta.

Come ti trovi nelle corse a tappe?

Mi piacciono molto, finora ho fatto il Giro del Friuli e una gara in Ungheria lo scorso anno. Mi piacciono quelle brevi, fino a 4 giorni, penso che siano la mia dimensione ideale sulla quale puntare per il futuro. Penso però di essere ancora molto giovane, per capire bene che tipo di corridore potrei essere.

Quali sono le gare che preferisci?

Quelle che mi affascinano di più sono tutte quelle del Nord, le Classiche, Fiandre in testa. Mi piacerebbe tanto un giorno essere protagonista su quelle strade.

Quanto ti alleni?

Relativamente poco, nel senso che quest’anno ho parzialmente cambiato metodo rispetto allo scorso anno, facendo meno quantità ma più lavori specifici. Ogni seduta curo un aspetto: la forza, la cadenza… Esco in bici comunque pressoché tutti i giorni, salvo il lunedì dopo le gare quando effettuo solo una passeggiata per sgranchire le gambe, ma in questo modo è più divertente.

Romele crono 2021
Il giovane tricolore lombardo è sicuro: «Anche a cronometro posso dire la mia»
Romele crono 2021
Il giovane tricolore lombardo è sicuro: «Anche a cronometro posso dire la mia»
Anche tu sei uno dei tanti ragazzi che abbina la strada ad altre specialità?

Finora ho provato solo la pista e gareggerò ai tricolori junior con la Lombardia nel quartetto dell’inseguimento. Ho iniziato a praticarla l’ultimo inverno, mi ha visto anche il Cittì Marco Villa che mi ha detto come inseguimento a squadre e individuale siano molto adatti a me. Mi piacerebbe poi provare il ciclocross, ma non ho avuto mai la possibilità.

Come concili il ciclismo con la scuola?

Non è facile devo essere sincero. Frequento il Liceo Scientifico Sportivo a Lovere e questo mi ha dato dei vantaggi, sono anche rientrato nel Piano Formativo per atleti di alto livello, il che mi ha agevolato per il computo delle assenze. Devo dire che i professori, chi più chi meno, sono abbastanza comprensivi verso i miei impegni sportivi, ma conciliare le due cose non è facile. Ho rischiato anche un debito a fine anno, sono riuscito a recuperare proprio in extremis.

Gareggiare d’estate è più semplice, non essendoci la concomitanza con la scuola?

Sicuramente, mi sento più libero di testa e risultati si vedono. A inizio preparazione faccio molta fatica proprio perché devo mettere insieme le due cose, ora invece mi viene tutto più facile.

Ti aspettavi il titolo italiano?

Diciamo che era il mio obiettivo, ma vincere con distacchi simili (1’40” su Edoardo Zamperini e Federico Biagini, 3’45” sul resto del gruppo, ndr) mi ha sorpreso molto. All’inizio dell’anno l’avevo promesso al presidente che avrei fatto di tutto per portare a casa la maglia tricolore, anche perché si gareggiava a 10 chilometri da casa mia, su strade che sono il mio terreno di allenamento.

Romele azzurro 2021
Romele ha già vestito la maglia azzurra, ora il suo obiettivo è puntare a europei e mondiali
Romele azzurro 2021
Romele ha già vestito la maglia azzurra, ora il suo obiettivo è puntare a europei e mondiali
Eri quindi favorito?

Un po’, anche se il percorso completo avevo potuto provarlo solo la domenica precedente e farlo in mezzo al traffico, avendo mille occhi non è proprio la stessa cosa… E’ chiaro però che quelle strade sono casa mia.

Ti ci vedi corridore professionista?

L’ho sognato sin da bambino, ma allora mi sembrava irrealizzabile, oggi voglio fare di tutto per farlo diventare realtà.

Hai dichiarato che il tuo idolo attuale è Mathieu Van der Poel, ma se torni indietro a quando eri bambino e iniziavi a pedalare, chi era il corridore dei tuoi sogni?

Seguendo un po’ l’indirizzo di casa, era Felice Gimondi, una figura che mi è sempre rimasta impressa e che mi ha insegnato una cosa: per essere grandi corridori bisogna prima essere grandi uomini.