Search

Matteo Milan: la Lidl-Trek e il confronto (positivo) con i grandi

05.02.2024
5 min
Salva

Abbiamo parlato tanto, in questi giorni, del confronto positivo di cui beneficiano i ragazzi dei devo team o direttamente delle formazioni WorldTour. Pedalare accanto a gente che va forte, e che rappresenta l’elite di questo sport accende qualcosa. Ce lo aveva detto inizialmente Giulio Pellizzari, analizzando la vittoria di Del Toro al Tour Down Under. Sono seguite, alle parole del giovane marchigiano, le frasi di Markel Irizar, responsabile della Lidl-Trek Future Racing.

«I ragazzi – ha detto – crescono tantissimo nel confronto. Soprattutto quando ci alleniamo tipo gara e ne escono con tanta fiducia in più. Un giorno in ritiro, Mads Pedersen ha voluto radunarli e parlarci. Non so cosa abbia detto, ma alla fine del ritiro li abbiamo trovati cresciuti nelle performance e nella consapevolezza».

Matteo Milan (a destra) ha esordito con la maglia della Lidl-Trek alle gare di Maiorca (foto Lidl-Trek)
Matteo Milan (a destra) ha esordito con la maglia della Lidl-Trek alle gare di Maiorca (foto Lidl-Trek)

Pedersen il faro

Quando un corridore come Mads Pedersen prende un’iniziativa del genere, va seguita e approfondita. Allora abbiamo deciso di chiedere a uno di questi giovani cosa vuol dire vivere certe situazioni, e Matteo Milan ha risposto alle nostre domande. 

«In squadra non c’è distinzione – racconta Matteo – vogliono farci sentire parte dello stesso gruppo. Questo vale per tutti team: uomini, donne e under 23. Pedersen è stato uno di quelli che, dal lato dei corridori, ha voluto spingere molto su questo concetto. Ci ha detto che non dobbiamo intimidirci, ma parlare, chiedere e confrontarci. Soprattutto in ritiro, dopo 15 giorni insieme si abbattono un po’ tutte le barriere. Ci ha detto che crede in un gruppo amalgamato, perché in futuro noi potremmo trovarci a tirare per lui. Ma non ha escluso, con grande umiltà, che se un giorno verrà fuori un campione dalla nostra squadra, anche lui potrebbe tirare per noi. E allora è giusto conoscersi e pedalare insieme».

Correre con i pro’ alza il livello e dà una marcia in più quando torni tra gli U23 (foto Lidl-Trek)
Correre con i pro’ alza il livello e dà una marcia in più quando torni tra gli U23 (foto Lidl-Trek)
Come siete usciti dopo questo colloquio?

Motivati, cresciuti, insomma migliorati. Sia nelle performance che nella consapevolezza che il percorso è quello giusto. 

Vi siete confrontati anche su strada con loro?

Sì, io ho sfidato Tao (Geoghegan Hart, ndr) e Skjelmose in salita. Ci siamo sfidati, durante il ritiro, anche se la salita non è esattamente il mio campo. Una simulazione di gara, controllata, ma pur sempre a tutta. E’ uscita una sfida dura, anche perché fatta con gente di un certo calibro. Quando loro aprono il gas si va. Da Tao e Skjelmose mi sono staccato, però mi sono divertito, mi sono gasato, sono anche sensazioni belle da provare a inizio stagione. Provi a starci dietro, vedi che ce la fai…

E loro che ti dicevano?

A tavola Geoghegan Hart mi prendeva un po’ in giro, dicendo che mi aveva visto staccarmi. Però aspetterò il confronto in volata, quello è più il mio campo e posso difendermi meglio (dice con una risata, ndr). Ma mi trovo anche a scherzare e parlare con Consonni o con mio fratello Jonathan. 

Che rapporti hai con lui ora che siete praticamente sotto lo stesso tetto?

Ogni tanto gli chiedevo dei pareri. In ritiro qualche volta bussavo alla sua camera per parlare e fare delle domande. A casa ci vediamo di più, anche se capita di incrociarci per pochi minuti. Jonathan ha guardato le mie gare a Mallorca e mi ha dato dei consigli: posizione, dove spingere o cosa avrei potuto fare. Al di là che sia mio fratello, è sempre bello imparare da chi ne sa. Spesso ci troviamo anche a confrontare i dati delle nostre corse. 

E com’è andato l’esordio in Spagna?

Duro, con tanti corridori di alto livello e in buona condizione. E’ difficile essere competitivi, ma sono soddisfatto di quanto dimostrato, in particolar modo a livello di valori e performance. Era anche giusto che non fossi al top, i miei obiettivi stagionali saranno più avanti.

I ragazzi del devo team devono sentirsi pienamente parte del progetto (foto Lidl-Trek)
I ragazzi del devo team devono sentirsi pienamente parte del progetto (foto Lidl-Trek)
Cosa porti a casa?

Consapevolezza e fiducia. So che se ti confronti con i professionisti quando torni a gareggiare con gli under 23 hai una marcia in più. Non è il risultato che conta ma la crescita. 

E l’ambiente Lidl-Trek come lo trovi?

Bello, stimolante e stancante. Gli allenamenti sono tosti, e si fanno sentire. Però l’ambiente è fantastico, mi sembra tutto nuovo, di vivere una struttura di squadra diversa. Siamo trattati come i pro’, come avrete capito da quello che ho detto prima, facciamo quasi le stesse cose. Mi piace, e sono contento di queste prime esperienze.

Skjelmose è pronto a prendersi tutto. Parola di Andersen

23.06.2023
5 min
Salva

Di Mattias Skjelmose si parla da tempo come uno degli elementi di spicco del nuovo ciclismo, uno di quei corridori capaci di entusiasmare. Al Giro della Svizzera è stato capace di dare scacco matto a gente come Evenepoel e Ayuso, ossia corridori della sua generazione, ma già capaci di prendere parte a classiche e grandi Giri vestendo il ruolo del favorito. Sarà questo il futuro del danese della Trek Segafredo?

Chi lo conosce bene è Kim Andersen, diesse di lungo corso con un lungo passato da pro’ negli anni Ottanta e Novanta. Kim lo seguiva già dalle categorie inferiori, ha fortemente insistito per portarlo alla Trek e i risultati gli stanno dando ragione.

«Ho sentito parlare di lui da chi segue il mondo delle corse juniores – racconta il dirigente danese – e mi sono fidato, ho iniziato a seguirlo e ho visto che ha grandi qualità, tali da convincermi a portarlo nel team e per certi versi a bruciare le tappe».

A destra Kim Andersen, ex pro’ di 65 anni nello staff della Trek sin dal 2012
A destra Kim Andersen, ex pro’ di 65 anni nello staff della Trek sin dal 2012
Quali sono i suoi punti di forza e i suoi punti deboli?

Innanzitutto è molto dedito al suo lavoro e fa di tutto per questo. E ovviamente fisicamente ha anche de buoni valori. Può fare bene sia a cronometro che in salita, ma soprattutto moltiplica tutto ciò perché ha la testa del corridore e questo pesa molto.

Che cosa è stato determinante per la sua vittoria in Svizzera?

Penso che il primo passo sia stato in salita perché vista la gente che c’era, le differenze erano minime tra i più forti. Nelle tre tappe di montagna, è arrivato primo, terzo e secondo, con una continuità e una costanza che a questi livelli fanno la differenza, poi nella cronometro finale ha avuto una grande prestazione meritandosi la vittoria finale.

Skjelmose è migliorato molto a cronometro. Ieri è giunto secondo ai campionati nazionali
Skjelmose è migliorato molto a cronometro. Ieri è giunto secondo ai campionati nazionali
Lo vedi più come corridore per corse a tappe o per le classiche?

Quest’anno abbiamo scoperto che in realtà è fortissimo anche nelle corse d’un giorno perché è bravissimo sia nel gestirsi, sia nella guida della bici, ma io non sono rimasto sorpreso, si era visto anche negli anni scorsi che aveva tutte le qualità per essere un corridore completo, me ne sono subito accorto e per questo l’ho voluto con noi, ora poi è cresciuto ulteriormente anche nelle cronometro e questo lo fa crescere ancora in autostima.

La sua più grande delusione è stata probabilmente il Giro d’Italia dello scorso anno: che cosa gli mancò allora?

Penso che puntando alla maglia di miglior giovane abbia fissato un obiettivo troppo alto per quel momento. Qualcosa nell’allenamento non aveva funzionato e i risultati sono stati di conseguenza. Ora ha trovato un suo equilibrio, anche con l’alimentazione, l’allenamento, la gestione dell’altura. Ha fatto tesoro di quella grande delusione. Non dimentichiamo che veniva da due anni difficili con attività ridotta a causa del Covid. Molti dicono che ha pur sempre la stessa età di Evenepoel, ma ognuno matura con i suoi tempi, quelli di Mattias sono solo un po’ più lenti, ma si vede che sta arrivando…

Il danese con Evenepoel. Alla fine Mattias ha vinto lo Svizzera con 9″ su Ayuso e 45″ sull’iridato
Il danese con Evenepoel. Alla fine Mattias ha vinto lo Svizzera con 9″ su Ayuso e 45″ sull’iridato
Come persona che tipo è?

E’ un ragazzo molto simpatico, il tipico ragazzo di città, con tutti gli interessi della sua età, ma ripeto ha una grande concentrazione per quello che fa e per certi versi ciò mi stupisce. E’ una persona con cui è molto piacevole lavorare perché è con i piedi per terra, sa cosa vuole ed è davvero dedito a fare di tutto per raggiungerlo.

In Svizzera ha battuto campioni come Evenepoel e Ayuso: secondo te è ormai ai livelli dei più forti?

Lo dice il ranking, se sei il numero dieci nella classifica mondiale significa che non ci sei arrivato in una sola gara, è quello il tuo status attuale, in questo caso i numeri non mentono. Non penso che Remco fosse comunque al top, ma anche quando non sta bene vuole sempre vincere e non c’è riuscito. Ha vinto Mattias, quindi ovviamente significa che la crescita lo sta portando a quei livelli, dove non deve temere nessuno. Ora lo cercano tutti, ma verranno anche giorni in cui avrà brutte giornate e dovrà essere bravo a superarle.

Il danese della Trek ha vinto la terza tappa finendo sul podio nelle due successive
Il danese della Trek ha vinto la terza tappa finendo sul podio nelle due successive
Al Tour de France che cosa ti aspetti da lui?

Bella domanda. Penso che in realtà possa fare abbastanza bene, ma non rimarrò deluso se un giorno dovesse perdere l’aggancio in classifica. Penso che sappiamo tutti che il Tour è qualcosa di speciale, di molto difficile. E’ tutto. E’ la gara con più stress, ma penso che possa gestirla e la stiamo affrontando con gli occhi aperti e l’obiettivo che deve essere innanzitutto quello di imparare. Lo prendiamo giorno per giorno. Non si era allenato per essere vincitore del Giro di Svizzera, probabilmente è al top della forma. Abbiamo studiato bene il percorso, lo conosciamo, ma c’è ancora molta strada per arrivarci. Quindi vedremo, ma in realtà penso che possa fare abbastanza bene.

Mattias ha ancora 22 anni: secondo te al mondiale sarebbe più utile correre fra gli Elite o fra gli Under 23?

Non correrà mai fra gli under 23, è un capitolo che abbiamo chiuso da molto tempo. Ormai deve guardare al vertice assoluto, senza discussioni.

Cataldo racconta Skjelmose, il nuovo bambino terribile

27.02.2023
5 min
Salva

Ha solo 22 anni, lo scorso anno si era messo in mostra sorprendendo tutti al Giro del Lussemburgo, portando a casa tappa e classifica finale. Quest’anno è partito alla grande, con vittorie all’Etoile de Besseges e al Tour des Alpes Maritimes e il podio alla Faun-Ardeche Classic di sabato dietro Alaphilippe e Gaudu, ma soprattutto con una condotta di gara sempre all’attacco, giorno dopo giorno, com’è solito fare un certo Tadej Pogacar. Il suo nome è Mattias Skjelmose e sul suo conto c’è molto da dire.

E’ alla Trek Segafredo dal 2020, nel team è entrato in piena era Covid, è stata una scommessa che lo squadrone americano ha voluto fare a tutti i costi seguendo da tempo questo ragazzo, sin da quando era ragazzino.

«Era stato Kim Andersen a portarlo in squadra – ricorda Dario Cataldo – lo teneva d’occhio sin dalle categorie giovanili. I suoi risultati e soprattutto il suo comportamento in gara dimostrano che aveva colto nel segno».

Podio alla Faun-Ardeche Classic, primo inseguitore di Alaphilippe e Gaudu
Podio alla Faun-Ardeche Classic, primo inseguitore di Alaphilippe e Gaudu
Tu sei uno dei più esperti in carovana, che cosa ti ha colpito di lui?

Ha una straordinaria determinazione e voglia di emergere, è difficile vedere uno così giovane tanto attento a ogni aspetto della nostra professione: l’allenamento, l’alimentazione, la cura della bici. Non molla mai la concentrazione e s’impegna sempre al massimo, ha una maturazione soprattutto mentale inconsueta per la sua età.

C’è qualcosa da cui si desume che è così giovane?

Beh, in gara in certi frangenti è ancora un po’ acerbo, soprattutto nella lettura della corsa, ma sarebbe strano il contrario considerando i suoi 22 anni. Un esempio si è visto lo scorso anno al Giro: era partito motivatissimo, voleva spaccare il mondo e puntava apertamente alla maglia bianca, ma poi ha capito che una corsa di tre settimane è qualcosa di molto diverso da come se la aspettava. Ma è stata un’esperienza utile, ha imparato.

Due vittorie in Francia per il giovane Skjelmose, 22enne di Copenhagen già primo in Lussemburgo nel 2022
Due vittorie in Francia per il giovane Skjelmose, 22enne di Copenhagen già primo in Lussemburgo nel 2022
Che corridore è Mattias?

Uno scalatore, ma di quelli di nuovo stampo, con un buon spunto veloce. Anzi è proprio su questo punto che deve lavorare, perché spesso da giovani si hanno punte di velocità che poi si perdono nel corso della carriera, lui deve lavorare per mantenerlo pur progredendo in salita. Io dico che ha un gran motore, è quasi un ibrido, di quelli che possono far bene sia nelle classiche che nei grandi Giri, deve solo maturare tatticamente.

E’ un giovane che ascolta?

Tantissimo, è molto attento, rispettoso, accetta i consigli. E’ chiaro che un po’ dell’esuberanza tipica della sua età c’è, qualche piccolo peccato di presunzione può anche capitare, ma è uno che accetta le critiche, analizza che cosa ha sbagliato insieme ai tecnici e ai più anziani, recepisce e applica. E’ consapevole che per crescere bisogna anche saper ascoltare.

Cataldo è chiamato spesso a guidarlo, nelle fasi di approccio alle salite
Cataldo è chiamato spesso a guidarlo, nelle fasi di approccio alle salite
In questo momento qual è la sua dimensione ideale?

Quella delle brevi corse a tappe, come si è visto anche in questo avvio di stagione. La cosa importante è che faccia di queste corse non un fine, ma un mezzo. Spesso gli faccio l’esempio di Richie Porte, grandissimo corridore, forse il miglior interprete nelle corse a tappe brevi per un buon periodo di tempo, ma nei grandi Giri ha sempre faticato, trovando il podio solo a fine carriera. Lui deve usarle per maturare, per affinare la sua resistenza.

In queste due stagioni ti sei trovato con lui in gara, a gestirlo, accompagnarlo in salita?

Beh, in salita ormai, per tenere il passo dei più forti devi essere anche tu uno scalatore. Nelle salite importanti, nei frangenti importanti ci sono anche altri deputati a sostenerlo, ma capita nel corso della gara di affiancarci, guidarlo, indirizzarlo. Io cerco di portarlo nelle migliori condizioni all’attacco delle salite. Lui segue molto, ma non per imposizione. E’ capace anche di prendere le sue iniziative, di muoversi nel gruppo anche se è stressante e qualche volta si vede che morde un po’ il freno.

Per il danese della Trek Segafredo un Giro ’22 buono (40°), ma non come sperava
Per il danese della Trek Segafredo un Giro ’22 buono (40°), ma non come sperava
Per emergere nelle corse a tappe serve affinare le sue doti a cronometro. Come se la cava?

Non è uno specialista, quindi ci deve lavorare, non ha neanche avuto molte occasioni per cimentarvisi. E’ però molto attento, guarda alla posizione in bici e a tutti quei piccoli ma fondamentali aspetti che servono a limare secondi. Ci si sta dedicando, per questo attende con molta curiosità le occasioni contro il tempo che verranno.

E fuori gara com’è?

Molto socievole, con tanti interessi, ci si sta bene insieme, si è integrato con tutti. Soprattutto è di carattere, non posso dimenticare un episodio dello scorso anno. In discesa era caduto da un dirupo, davvero brutta roba: quando è tornato su era pieno di lividi ed escoriazioni, dall’ammiraglia volevano controllare le ferite, lui invece smaniava per avere la bici e ripartire. E’ fatto così…