Search

Così è nato il boom del ciclismo britannico

06.08.2022
5 min
Salva

Qualche giorno fa, parlando con Caucchioli, l’ex pro’, oggi stabilitosi in Florida, sottolineava come al suo tempo, a cavallo del secolo, le scuole che dominavano erano quelle classiche (Italia, Spagna, Belgio), mentre i Paesi che oggi vanno per la maggiore quasi non esistevano e fra questi menzionava anche la Gran Bretagna e il ciclismo britannico.

Quella Gran Bretagna che sappiamo essere ormai un riferimento assoluto. Dai Tour di Wiggins e Froome alle volate anche iridate di Cavendish, dai successi dei fratelli Yates al nuovo che avanza attraverso Pidcock e Hayter. Com’è riuscito il Paese britannico a diventare così forte sulle due ruote?


Ripercorrere la sua storia recente può essere anche di buon esempio per l’Italia. Tenendo però in considerazione un fattore: parliamo di un sistema che è stato messo in piedi per supportare tutto lo sport e da questo punto di vista, pur considerando i britannici una delle nazioni guida del movimento sportivo come anche Tokyo 2020 ha dimostrato, dall’altra parte non possiamo non considerare il fatto che l’Italia sta vivendo stagioni davvero floride in ambito sportivo, con un numero di successi mai visto.

Il problema è che il ciclismo, che una volta era uno degli sport di riferimento, ora è confuso nella massa. Si affida quasi esclusivamente alle straordinarie imprese delle ragazze e dei pistard.

Nel 1996 la Gran Bretagna vinse 2 medaglie, grazie a Sciandri su strada e Boardman nell'inseguimento
Nel 1996 la Gran Bretagna vinse 2 medaglie, grazie a Sciandri su strada e Boardman nell’inseguimento
Sciandri Atlanta 1996
Nel 1996 la Gran Bretagna vinse 2 medaglie, grazie a Sciandri su strada e Boardman nell’inseguimento

Da Atlanta a Tokyo

La Gran Bretagna, oggi quasi dominante nello sport, è figlia di una debacle clamorosa, del suo punto più basso raggiunto alle Olimpiadi di Atlanta 1996: proprio mentre l’Italia chiudeva al sesto posto nel medagliere con 13 ori, 10 argenti e 12 bronzi e le imprese di Chechi, Vezzali ma anche di Collinelli, Bellutti e Pezzo.

La Gran Bretagna invece scivolava addirittura al 36° posto con un solo oro, quello del “due senza” di canottaggio grazie a Redgrave e Pinsent. Solamente in sei sport gli albionici erano saliti sul podio e fra questi c’era già il ciclismo, ma si trattava ancora di presenze sporadiche.

Le edizioni precedenti non erano state eccezionali, ma certamente non si era mai toccato un punto così basso e la cosa destò enorme scalpore. Al punto che il governo dovette prendere in mano la situazione: c’era un sistema da rifondare. Allora premier era John Major, che diede tempo sei mesi per pensare a qualcosa in grado di rilanciare lo sport nel suo complesso.

Nel maggio 1997 venne così presentato l’UK Sports World Class Performance Programme: si trattava di una porta di accesso a un sistema di professionismo mascherato. Gli atleti considerati di punta in ogni disciplina, papabili per una medaglia olimpica, sarebbero stati seguiti con uno staff di primo livello. Con un regolare stipendio commisurato alle prestazioni. Per finanziare il sistema che necessitava di un fiume di denaro si è attinto a una lotteria pubblica. Essa ha garantito qualcosa come un miliardo di sterline per ogni quadriennio olimpico.

Performance Pathway
Il gerarchico sistema inventato per rilanciare lo sport britannico e in funzione ancora oggi
Performance Pathway
Il gerarchico sistema inventato per rilanciare lo sport britannico e in funzione ancora oggi

Accademia divisa in due livelli

La crescita dei risultati è stata netta: già quattro anni dopo a Sydney gli ori da 1 sono diventati 11. Poi sono continuati a crescere e il programma si è cementato nel sistema sportivo inglese. Oltretutto c’erano da preparare le Olimpiadi casalinghe del 2012, dove si è arrivati a 29 ori e quel trend non si è più invertito.

Il sistema, come detto, è andato perfezionandosi, vediamo come è applicato nel ciclismo. Ogni anno vengono selezionati un gran numero di corridori e inseriti nelle accademie di base a due livelli, junior e senior, in base all’età.

Si lavora in previsione di Parigi 2024 ma anche di Los Angeles 2028, dando tempo ai più giovani di potersi avvicinare gradualmente ai vertici della specialità prescelta. Interessante è il criterio: i ragazzi devono inviare una domanda di accettazione (quest’anno il termine era posto per il 21 luglio) e la risposta, positiva o no, arriverà entro il 18 agosto per i senior e il 31 per gli junior.

Wiggins Tour Parigi 2012
Bradley Wiggins nel 2012 lanciò il dominio britannico al Tour, foriero di altri trionfi
Wiggins Tour Parigi 2012
Bradley Wiggins nel 2012 lanciò il dominio britannico al Tour, foriero di altri trionfi

Quasi come gli Usa

La scelta viene fatta in base a tre discriminanti: 1) le performance e i risultati degli ultimi tre anni. 2) Test e dati considerati degni di attenzione. 3) Analisi soggettiva dell’allenatore in base a criteri concordati con il responsabile tecnico nazionale della disciplina e il Performance Pathway Manager, che sovrintende al lavoro di tutto il gruppo.

A quel punto l’atleta può essere inserito nell’accademia in pianta stabile oppure considerato “sub judice”: gli verrà accordato un periodo di 3 mesi in un programma di conferma, al termine del quale si stabilirà se sarà idoneo per salire di livello. In questo secondo caso però l’atleta non è finanziato e deve dare la sua disponibilità nei fine settimana. Chi non viene preso può presentare domanda l’anno successivo.

Chi è accettato farà vita simile a quella degli studenti-atleti americani, abbinando lo studio alla pratica sportiva in bicicletta per ottenere il massimo in entrambi i settori. Il programma è molto intenso e competitivo, performante e responsabilizzante.

Non basta avere grandi capacità tecniche, ma serve anche avere un carattere forte, capace di gestire la vittoria come la sconfitta, esattamente come avviene oltreoceano.

Walls Tokyo 2020
Un successo recente: Matthew Walls primo nell’omnium a Tokyo 2020 (6 ori per i britannici)
Walls Tokyo 2020
Un successo recente: Matthew Walls primo nell’omnium a Tokyo 2020 (6 ori per i britannici)

Vincere e guadagnare

Il programma è dedicato prevalentemente alle specialità della pista, del bmx e della mtb che rientrano nel programma olimpico.

L’accademia junior va dai 16 ai 18 anni (ma per il bmx si parte dai 14), quella senior fino ai 22. Chi nel frattempo mostrerà davvero progressi al punto di scalare il ranking internazionale e dare sufficienti garanzie di poter lottare per il podio olimpico approderà all’Olympic Podium Programme, che garantisce un lauto stipendio.

Che il sistema funzioni lo dicono i risultati nei vari campi: la sfida d’oltremanica per i britannici è già iniziata…

Attenti, un Thomas così forte non si vedeva da tanto

07.07.2022
5 min
Salva

«Mi sento bene ad esser sincero – dice Thomas sui rulli – è stato bello vedere che il gruppo era ormai piccolo e abbiamo provato a fare qualcosa. Non avevo pianificato di cadere, ma è successo. Pidcock era con me e mi ha aiutato a rientrare, è bravissimo in queste cose. Qualche volta è inevitabile, sappiamo che qualche volta può succedere ed è successo, ma alla fine sarebbe potuto finire peggio. Non ho realizzato che ci fosse pure Roglic, mentre ho visto Jack Haig per terra e ho cercato di rimettermi subito in piedi e finire bene la corsa».

Dopo l’arrivo della tappa di ieri sul pavé, Thomas parla con Ellingworth e Van Baarle
Dopo l’arrivo della tappa di ieri sul pavé, Thomas parla con Ellingworth e Van Baarle

Rilassato e fresco

La tappa del pavé è finita da poco e il corridore della Ineos Grenadiers gira le gambe su rulli che cigolano e un po’ lo fanno ridere e un po’ chiede al meccanico che li faccia smettere. I compagni arrivano alla spicciolata. Van Baarle, il vincitore della Roubaix, si ferma più a lungo degli altri e ai due si avvicina anche Rod Ellingworth, il capo della performance del Team Ineos Grenadiers. Confabulano. E quando si sono chiariti, l’olandese sale sul pullman, mentre Geraint continua a girare e di colpo fa un cenno ai giornalisti rimasti ad aspettarlo.

Racconta la sua storia in tre battute, non oltre. Ma sorride e appare super sereno. E questo, a capo di una tappa così dura, è sinonimo di freschezza e buon umore.

Pidcock ha aiutato Thomas a rientrare dopo la caduta ed è arrivato con lui a 1’04” assieme a Yates
Pidcock ha aiutato Thomas a rientrare dopo la caduta ed è arrivato con lui a 1’04” assieme a Yates

Parliamo col capo

A guardarlo da vicino si ha la sensazione che il gallese abbia la testa libera e di conseguenza le gambe forti. A questi livelli si può dare per scontato che il grande atleta abbia valori di eccellenza, soprattutto uno così che ha vinto un Tour e qualche titolo fra mondiali e Olimpiadi. Il fatto è che spesso quei valori non riescono ad esprimerli. E forse essere in un Team Ineos non più condannato a vincere il Tour, ha permesso a Geraint di arrivarci con la leggerezza necessaria per andare forte divertendosi.

Per questo appena lui sale sul pullman, ci avviciniamo a Ellingworth, che lo guidava sin dai tempi della pista. E sorridendo gli diciamo che sembra di vedere il Nibali leggero del Giro. Partito senza pressioni e arrivato a un passo dal podio.

«Credo che Geraint stia proprio bene – conferma – lo si può vedere. Basta vedere i numeri e la sua mentalità. Negli anni ha acquisito molta esperienza, credo ne abbia viste tante. Una corsa come il Tour si costruisce giorno dopo giorno e lui ha fatto bene tutto l’anno. Il suo impegno con la squadra è stato bellissimo. E trovo molto bello sentirgli dire che quest’anno alle corse si sta divertendo». 

Ancora una volta la sensazione, parlando con Ellingworth, di una rifondazione nel Team Ineos
Ancora una volta la sensazione, parlando con Ellingworth, di una rifondazione nel Team Ineos
Il Tour insomma è solo la fine del cammino?

E’ un piacere lavorare con lui, ma non c’è solo lui. Ci sono un sacco di bei ragazzi, sono insieme in questo viaggio da dicembre. E’ un bel gruppo che si impegna molto l’uno per l’altro. Sì, ci sono proprio delle belle vibrazioni.

Pensi che il paragone con il Nibali del Giro sia giusto?

Probabilmente Thomas corre con lo stesso atteggiamento. Credo che anche lui abbia il rispetto del gruppo, perché ha già vinto il Tour e non ha niente da perdere. E’ certamente più grande di età ed è più saggio di quando ha iniziato, ma penso che stia facendo proprio bene anche in questo gruppo così giovane. Abbiamo anche due nuovi allenatori che stanno lavorando bene, anche Nibali ha cambiato preparatore, giusto? Ci stiamo muovendo, abbiamo idee nuove.

Thomas ha vinto il Tour nel 2018, subito dopo la grande vittoria di Froome al Giro
Thomas ha vinto il Tour nel 2018, subito dopo la grande vittoria di Froome al Giro
Al Villaggio si incontra spesso Wiggins, Froome è appena passato con la sua nuova maglia. Thomas è l’ultimo di quel gruppo, che cosa sta cambiando nel team?

Alla fine la gente va avanti. Alcuni smettono, altri vanno altrove. Alcuni fanno affidamento sulla propria esperienza e continuano, come Froome. Ragazzi così non li dimentichi, ma ci sono stati molti cambiamenti negli anni. Competere è competere e devi adattarti. Devi essere scaltro e credo che Thomas, ma anche Martinez e Pidcock faranno bene.

Richard Carapaz secondo al Giro: «Non si può sempre vincere»
Richard Carapaz secondo al Giro: «Non si può sempre vincere»
Avete sempre vinto almeno un grande Giro all’anno. Il Giro è andato, restano Tour e Vuelta…

Abbiamo sempre detto negli anni che siamo una squadra di corse a tappe, è il nostro principale target. Abbiamo sempre voluto vincere un grande Giro. E’ la storia da cui veniamo, quello che abbiamo sempre fatto. Carapaz è arrivato secondo al Giro quest’anno, credo che abbia fatto un’ottima gara. La squadra ha fatto un’ottima gara. Siamo stati battuti da Hindley davvero per poco, alla fine questo è lo sport. Si tratta di competere e credo che ogni squadra provi il massimo per cercare di vincere. Non le possiamo vincere tutte, ma certamente l’obiettivo è quello. E come conseguenza, vincere.

Wiggins 2012

Il Tour di Wiggins, quando nacque l’epopea Sky

26.04.2022
5 min
Salva

Dieci anni fa. Quello che ricorrerà quest’estate non è un anniversario qualsiasi. Probabilmente allora non ce ne accorgemmo, ma la vittoria di Bradley Wiggins al Tour de France avrebbe avuto un peso enorme sull’evoluzione del ciclismo. Era iniziata l’epopea della scuola britannica (in quel Tour arrivarono ben 7 vittorie albioniche), ma soprattutto era iniziata l’epopea del Team Sky. Ancora oggi, con il nuovo nome Ineos Grenadiers, ci facciamo i conti e le ultime settimane, fra Martinez, Kwiatkowski e altri lo hanno detto a chiare lettere.

Oggi Wiggins segue le corse dalla moto di Eurosport: qui dopo l’ultima Roubaix
Oggi Wiggins segue le corse dalla moto di Eurosport: qui dopo l’ultima Roubaix

Come una rockstar

Quel Tour ha lasciato enormi strascichi anche nei suoi protagonisti. Sembra strano, ma forse Wiggins (nella foto di apertura con l’allora bimbo Ben, oggi corridore guidato dal padre di Pidcock) ha “digerito” quel successo solo negli ultimi anni, tanto è vero che tempo fa ha ammesso di aver vissuto quel trionfo nella maniera sbagliata.

«Mi sentivo come una rockstar – ha detto – alla quale tutto era dovuto. Oggi, guardando indietro, posso dire che ero polemico e volgare, veramente assurdo e infantile. Questo ha avuto un impatto sulle relazioni intorno a me».

Il suo rapporto con il Team Sky andò incrinandosi fino all’addio nel 2015 e il distacco avvenne in maniera davvero dolorosa. E oggi che Wiggins opera nell’ambiente come commentatore per Eurosport ammette che la responsabilità è stata sua.

Cavendish Boasson 2012
Cavendish vinse 3 tappe in quel Tour. Qui l’iridato è con il norvegese Boasson Hagen
Cavendish Boasson 2012
Cavendish vinse 3 tappe in quel Tour. Qui l’iridato è con il norvegese Boasson Hagen

Una squadra padrona

Per capire da che cosa nacquero i dissidi bisogna tornare indietro nel tempo, raccontare un Tour che venne gestito dai ragazzi del Team Sky come volevano e come avrebbero fatto negli anni successivi, fino all’avvento di un certo Pogacar. Nel cronoprologo Wiggins finisce a soli 7” da Cancellara, che chiaramente non è un fattore per la classifica.

Fino alla settima tappa non avviene nulla di eclatante. Lì, sull’ascesa di Planche des Belles Filles si palesa il dominio britannico, con Chris Froome che vince con 2” su Wiggins che prende la maglia gialla, con 10” su Evans.

Wiggins chiaramente sfrutta al meglio le sue doti di passista, di grande specialista delle prove contro il tempo. Nella crono di Besançon accumula altri 35” su Froome che sale al terzo posto in classifica a 2’07” dal connazionale, in mezzo Cadel Evans a 1’53”. L’australiano due tappe dopo cederà, mentre intanto si affaccia sul podio Vincenzo Nibali. Si arriva così alla 17ª tappa, quella con arrivo a Peyragudes, quella del “fattaccio”.

Attacca Alejandro Valverde, che vive una delle sue tante giornate epiche. Ma l’Embatido non ha velleità di classifica. Dietro i due britannici fanno il vuoto e restano soli all’inseguimento. A un paio di chilometri dalla conclusione, dopo un tornante, Froome stacca Wiggins e inizia a guadagnare.

Wiggins podio 2012
Gli sguardi di Froome e Wiggins sul podio finale tradiscono la tensione reciproca
Wiggins podio 2012
Gli sguardi di Froome e Wiggins sul podio finale tradiscono la tensione reciproca

Il rapporto va in pezzi

Valverde è davanti, ma neanche troppo lontano, potrebbe prenderlo. Dall’auricolare il manager Dave Brailsford urla a Froome: «Fermati!», Wiggins fa lo stesso, ma con quel poco fiato che ha è quasi un’invocazione: «Aspettami». Froome obbedisce, Valverde vince la tappa, Froome si dovrà accontentare della seconda piazza in classifica e anche nella crono finale.

Nelle dichiarazioni del dopo tappa c’è un fair play che maschera il dissidio. Wiggins ammette che «Chris voleva vincere la tappa, me lo ha chiesto e ho risposto sì. Ma poi ho perso la concentrazione, ero arrivato al limite e la mente non c’era più».

Froome davanti ai taccuini dei giornalisti rilascia frasi di circostanza improntate al successo di squadra (seguendo sempre gli ordini superiori) intanto però la fidanzata (e poi moglie) Michelle Cound twitta: «All’improvviso non sono più dell’umore di andare a Parigi. Che presa in giro…».

La realtà si saprà solo molto tempo dopo. Nel chiuso del pullman Sky Wiggins e Froome litigano di brutto e di fatto chiudono i rapporti. Solo molto tempo dopo, quando anche l’anglokenyano avrà lasciato la Ineos, i due avranno modo di chiarirsi e riappacificarsi.

Wiggins Nibali 2012
Quel Tour fu anche il primo sul podio per Vincenzo Nibali, che chiuse a 6’19” da Wiggins (alle sue spalle)
Wiggins Nibali 2012
Quel Tour fu anche il primo sul podio per Vincenzo Nibali, che chiuse a 6’19” da Wiggins

Dopo allora, niente più Tour

Wiggins il Tour, dopo quella vittoria non lo correrà più, continuerà a gareggiare fino al 2016, ma era già un’altra persona. A ben guardare, quella vittoria fu un po’ un controsenso del quale sono capaci solo i grandi campioni, perché Wiggins era un pistard prestato alla strada. Per vincere la maglia gialla, per un anno si concentrò solo sulle corse su strada, ma la pista restava padrona del suo cuore (5 titoli olimpici e 6 mondiali per 19 medaglie complessive, bastano questi dati per chiarire il concetto…).

Wiggins Sky 2012
Il britannico portato in trionfo dai compagni, ma quel Tour lascerà strascichi fino all’addio nel 2015
Wiggins Sky 2012
Il britannico portato in trionfo dai compagni, ma quel Tour lascerà strascichi fino all’addio nel 2015

Tutto per i Giochi

Anche recentemente Sir Bradley conferma quella scelta, senza il minimo pentimento: «I Giochi sono famosi in tutto il mondo, si disputano ogni quattro anni, quando vinci è come se entrassi in una famiglia privilegiata, ma enorme. Io ho vinto in 5 edizioni diverse, quando avvenne a Sydney 2000 erano pochissimi gli sportivi britannici che riuscirono in una simile impresa, a Rio 2016 eravamo una delle nazioni più medagliate. No, per me non è la stessa cosa».

Resta però il fatto che da quel Tour iniziò un modo diverso di correre, più “di squadra”. Dipendeva molto anche da come il Team Sky era costruito, dal fatto che puntava quasi tutto sulle tre settimane in terra francese. Ora le cose sono cambiate: per volontà e per necessità, la squadra sta mutando pelle. E forse un Bradley Wiggins oggi farebbe ancora comodo.

Wiggins 2022

Wiggins a tutto campo, con un po’ di nostalgia…

04.04.2022
5 min
Salva

Una mattina in mezzo alla settimana, una come tante, in un fast food in Belgio. Una tazza di caffè davanti, avventori che scorrono alle spalle, un PC di fronte collegato in videoconferenza con il mondo. Bradley Wiggins a disposizione per qualsiasi tipo di domanda.Per poco meno di un’ora il cinque volte olimpionico e vincitore del Tour de France si è messo a rispondere alla stampa, parlando di tutto. Raccontando soprattutto come vede il ciclismo attuale dall’alto della sua esperienza, con quella lunga barba che dà alle sue parole il sapore della saggezza.

Wiggins siamo ormai abituati a vederlo commentare le corse ciclistiche su Eurosport, al seguito del gruppo sulla moto e questo gli dà un luogo di osservazione privilegiato. Dalle sue parole traspare sempre quel senso di meraviglia bambinesca di chi vive nel mondo dei suoi giochi preferiti e guarda i protagonisti con quell’ammirazione con cui è guardato lui. L’intervista parte dal trionfo di Biniam Girmay alla Gand-Wevelgem e dalle implicazioni future di quel che a tutti gli effetti è stato un momento storico.

Wiggins stampa 2022
Un momento della conferenza stampa virtuale di Wiggins, 18 i giornalisti accreditati
Wiggins stampa 2022
Un momento della conferenza stampa virtuale di Wiggins, 18 i giornalisti accreditati

«Altri Paesi emergeranno come l’Eritrea»

«Lo capiremo con il tempo, ma siamo alle prese con una rivoluzione. Il ciclismo ora è molto più inclusivo e un campione può nascere dappertutto, è uno sport sempre più universale. Biniam sarà un ispiratore per tanti altri Biniam, nel suo Paese e in altri. Una volta a vincere le corse erano ciclisti di poche nazioni, quelle con la tradizione alle spalle, ora possono vincere tutti. Imprese come quelle di Girmay fanno capire che sono possibili a chiunque e questo è il vero segno del cambiamento».

Sembra che Wiggins abbia smesso un secolo fa, eppure era ancora sul podio olimpico a Rio 2016. Per sua stessa ammissione, da allora il ciclismo è cambiato molto. «Seguo le gare di mio figlio fra gli juniores – racconta – e mi accorgo che, come lì si parte a tutta e si va avanti fino alla fine, lo stesso avviene al massimo livello. Quando correvo io no: agli inizi – ricordo in particolare il Giro del 2003 dove c’erano Cipollini in maglia iridata e Pantani – si partiva piano e man mano si accelerava. Ora, testa bassa e andare. E’ cambiato l’allenamento, sono cambiate le tattiche di gara, è cambiato anche l’impatto sociale del ciclismo. Ora grazie a tivù e social puoi vedere ciclismo ogni giorno a ogni ora, questo trasforma tutto».

E’ mutato anche l’impatto economico: «Sì, ma questo è il meno, non c’è stato ancora quel boom come per la Formula Uno, ad esempio. Ci sono grandi aziende che investono, ma lo fanno spinte dalla passione di chi è ai vertici più che per un vero ritorno economico. Questa forse sarà una frontiera futura».

Pogacar Belgio 2022
In Pogacar, nel suo voler gareggiare in prove apparentemente non sue, Wiggins vede un ritorno al passato
Pogacar Belgio 2022
In Pogacar, nel suo voler gareggiare in prove apparentemente non sue, Wiggins vede un ritorno al passato

La Ineos deve cambiare strategie

Ineos è l’emanazione di Sky, la “sua” Sky e si sente, nel parlarne, come un pezzo di cuore sia rimasto legato lì. Allora era la squadra dominante, ora? «I vertici sono altrove, combattere con campioni come Pogacar non è facile. La Ineos ha grandi corridori, ma non all’altezza sua o di Roglic o Van Aert. Questo significa dover cambiare modo di correre per cercare di sovvertire le gerarchie e non è facile. Io sono convinto che, per i grandi Giri, l’uomo giusto per il futuro sia Pidcock, ma ci vorrà ancora un po’ di tempo per farlo maturare».

Pogacar ricorre spesso nelle sue parole, Wiggins è un suo grande ammiratore: «Mi piace soprattutto il suo modo di mettersi in gioco a 360°, non puntare solamente alle “sue corse”. Il fatto che provi a vincere un Giro delle Fiandre è enorme. Per uno con i suoi obiettivi potrebbe essere un rischio, potresti compromettere obiettivi futuri ma lui non ha paura e lo fa. E’ un po’ come avveniva una volta, stiamo tornando al passato e per me è una buona cosa perché ne guadagna lo spettacolo. Poi, se mi chiedete come batterlo al Tour, penso che il modo migliore sia pagarlo profumatamente per non correrlo…».

Wiggins ora 2015
L’ennesima impresa di Wiggins, la conquista del record dell’Ora, poi superato da Campenaerts nel 2019
Wiggins ora 2015
L’ennesima impresa di Wiggins, la conquista del record dell’Ora, poi superato da Campenaerts nel 2019

Il problema non è la bici…

Se si parla della Ineos, non si può dimenticare che per ora (e ancora per un po’) bisognerà fare a meno di Bernal. Molto si è discusso sul suo incidente e sull’opportunità di utilizzare le bici da cronometro in allenamento. Qui il britannico è netto: «Ostacolare il progresso è un errore, non possiamo nasconderci la verità, dipende sempre dalle nostre azioni. Se hai la tendenza a tenere la testa abbassata, a guardare manubrio, potenza, frequenza cardiaca, sei distratto. Non vedi quel che c’è attorno e non bisogna dimenticare che ci si allena su strada, in mezzo alle macchine. Tutto sta all’attenzione e alla responsabilità di chi guida la bici, non a quale bici stai guidando».

Wiggins ha avuto parole di elogio anche per Filippo Ganna, a proposito della sua idea di attaccare il record dell’Ora: «Ne ho parlato con lui e mi ha chiesto se mi piacerebbe esserci quel giorno, chiaramente gli ho detto di sì, che sono anche pronto a consigliarlo, ma lui ha già davanti la sua strada e io posso dirgli ben poco. Lo conosco da tempo e so quel che può fare, io credo che possa anche andare vicino al limite fantascientifico dei 60 orari, ma serve molto lavoro per questo. Comunque, se mi vuole come portafortuna, io ci sono…».

Wiggo e Schleck danno una spintarella a Uran e Carapaz

09.07.2021
4 min
Salva

Due ex non di poco conto si aggirano per le strade del Tour. Uno l’ha vinto, Bradley Wiggins. L’altro ne aveva quasi fatto un’ossessione, Andy Schleck. Entrambi si sono chiesti (e gli è stato chiesto) se alle spalle della maglia gialla Pogacar, stia covando una minaccia sudamericana. Quella di Uran e di Carapaz. Quando il verdetto sembra già scritto, di solito si fa così. Si cercano appigli cui aggrapparsi per continuare un racconto che da grande film si va sempre più trasformando in una serie tivù. Con tanti episodi e pochi veri colpi di scena.

Uran ha messo fuori il naso per la prima volta sul Ventoux: è 2° in classifica
Uran ha messo fuori il naso per la prima volta sul Ventoux: è 2° in classifica

Crederci di più

Secondo Wiggins e Schleck, gli unici che potrebbero dare una spallata al Tour sono Uran e Carapaz, ma bisogna che entrambi cambino atteggiamento e smettano di pensare che il podio vale quanto una vittoria: quel ragionamento vale soltanto alle Olimpiadi. Fatte salve rare eccezioni, il secondo del Tour è semplicemente il primo dei battuti.

«Rigo è un buon amico – ha detto Wiggins, che con Uran ha condiviso parecchie avventure negli anni al Team Sky – ed è anche un corridore molto coerente. Si comporta sempre bene nelle grandi corse come il Tour de France e il Giro d’Italia. Indubbiamente sa gestire i suoi sforzi ogni giorno, ma mi piacerebbe vederlo attaccare di più e spingere più forte. Non è che non creda in se stesso, ma penso che dovrebbe crederci di più. E’ uno dei migliori ciclisti al mondo oggi».

Andy Schleck crede che Uran attaccherà in modo più incisivo e che Carapaz dovrebbe cambiare tattica
Andy Schleck crede che Uran attaccherà in modo più incisivo e che Carapaz dovrebbe cambiare tattica

Attesa o astuzia?

E qui il ragionamento, soprattutto fra i giornalisti colombiani, si fa pepato. Uran ha salvato le forze, facendo una gran cronometro, pensando di attaccare nella terza settimana, oppure semplicemente sta facendo il furbo, cercando la scalata al podio mentre tutto intorno i rivali si perdono per strada? Attualmente la classifica lo vede secondo a 5’18” da Pogacar. Secondi posti in carriera non gli mancano: può vantare quello del Tour 2017 dietro Froome e quelli del Giro 2013-2014, dietro Nibali e Quintana.

Il forcing di Carapz sul Ventoux non ha prodotto effetti e ne ha tratto vantaggio Vingegaard
Il forcing di Carapz sul Ventoux non ha prodotto effetti e ne ha tratto vantaggio Vingegaard

Carapaz poco incisivo

Per questo l’intervento di Andy Schleck, sollecitato da Cyclingnews porta un elemento di valutazione in più.

«Non so se Uran andrà all’attacco o meno – ha detto – ma la sua cronometro è stata molto efficace e sta conservando le riserve per quando ne avrà bisogno nei Pirenei. Ha molta esperienza quando si tratta di gare come questa e non lo vedo certo rallentare più avanti nella gara. Sulla carta forse Carapaz è un corridore migliore del colombiano, ma è già andato all’attacco tre volte e non ha portato a casa risultati. Se fossi in lui, non cercherei di guadagnare qualche secondo qua e là, perché è chiaro che non sta facendo grandi differenze. Mentre Uran non ha ancora fatto un solo attacco e credo ci proverà più avanti».

Quintana in maglia a pois: va bene col brutto tempo e soffre con il caldo: sudamericano atipico o c’è altro?
Quintana in maglia a pois: va bene col brutto tempo e soffre con il caldo: sudamericano atipico o c’è altro?

Come sta Nairo?

E visto che ricordando il Giro d’Italia del 2014 s’è fatto il nome di Quintana, non vi sembra singolare che Nairo vada forte nelle giornate di cattivo tempo e si perda in quelle di sole? Va avanti così da qualche tempo, dalla famosa nevicata sul Gavia a quella sul Terminillo alla Tirreno. Mentre nei giorni scorsi ha perso terreno con il grande caldo e si è ben difeso nelle giornate di cattivo tempo. Verrebbe da pensare che al pari di tanti altri corridori del gruppo, il colombiano possa soffrire di allergia. E se così fosse, avrebbe probabilmente una brutta gatta da pelare, dato che la sua squadra (la francese Arkea-Samsic) aderisce all’Mpcc e lo statuto dell’associazione impedisce ai suoi atleti di usare i farmaci necessari contro le allergie. Il Tour va avanti, insomma, con lo sguardo fisso ai sudamericani. E poi ricordiamoci che fra Uran e Carapaz c’è ancora Vingegaard. Nel suo caso, puntare e raggiungere il podio, visto che si tratta di un atleta al debutto, non sarebbe una sconfitta, ma una ghiotta anticipazione di futuro.