Search

Persico fa a spallate con Cavendish e Gaviria in Colombia

15.02.2024
5 min
Salva

Un velocista vive di brividi, di attimi, perché quando sei lanciato a tutta verso il traguardo ogni decimo è prezioso, ogni momento conta. Così quando alla Vuelta Colombia Davide Persico non è riuscito a infilare Fernando Gaviria deve aver pensato di aver perso una bella occasione. Che la corsa a tappe dall’altra parte del mondo fosse il suo esordio tra i grandi, Persico ce lo aveva già detto. Come ci aveva raccontato dell’emozione all’idea di sfidare un mostro sacro come Mark Cavendish. 

Lo scalo ad Amsterdam ci dà l’occasione di agganciare il velocista della Bingoal-WB e di parlare un po’. Queste prime volate sono state una bella presentazione e un modo per spiare i fenomeni da vicino.

«Dopo dieci ore di volo dalla Colombia – dice Persico – siamo arrivati ad Amsterdam questa mattina (martedì, ndr). Arriverò a Milano nel pomeriggio e poi avrò ancora un’ora e mezza di macchina fino a casa. Al Tour Colombia è andata bene, peccato perché si sarebbe potuto vincere».

Il riferimento è alla prima tappa dove hai fatto secondo, vero?

Non solo, ma anche alla quarta, dove sono arrivato ottavo. A livello di obiettivi personali sono contento, ero partito con l’idea di fare qualche buon piazzamento nei dieci e torno a casa con due volate su due in top 10. Poi però la vittoria è stata così vicina.

Che un po’ spiace?

Cavolo! La prima volata non sai mai come stai, si hanno tanti dubbi. Invece stavo bene, nel chilometro finale mi sono messo sulle ruote dell’Astana e ai 200 metri ho provato ad uscire sulla sinistra di Gaviria. Deve essersi accorto del mio arrivo, perché con una mossa molto astuta mi ha chiuso e io non sono riuscito a passare. Avrei potuto vincere, ero lanciatissimo. 

Persico ha avuto modo di vedere da vicino due mostri sacri delle volate: Cavendish e Gaviria
Persico ha avuto modo di vedere da vicino due mostri sacri delle volate: Cavendish e Gaviria
Cosa ti è rimasto del secondo posto?

Rimane un po’ di amaro in bocca. Quando ci sei e vedi di stare bene, punti alla vittoria. 

Com’è stato confrontarsi con due grandi come Gaviria e Cavendish?

Il primo lo avevo già incontrato al Tour of Britain, mentre Cavendish era la prima volta che lo affrontavo. E’ stato bello, Mark era il velocista più forte al mondo quando ero piccolo e lo guardavo correre in televisione. Ricordo ancora la sua vittoria al mondiale di Copenhagen.

Cosa hai notato di curioso guardandolo da vicino?

Di Cavendish mi ha sorpreso la tranquillità. Ha tanta esperienza e si fida ciecamente della squadra, e in particolare del suo ultimo uomo: Morkov. Avere qualcuno come lui che ti pilota deve essere incredibile, tu velocista devi preoccuparti solo degli ultimi 200 metri. Noi giovani possiamo provare a seguirli, ma non saremo mai piazzati bene come loro. Me ne sono accorto alla quarta tappa, dove ho fatto ottavo.

Panorami e strade mozzafiato che Persico ha scoperto insieme ai compagni della Bingoal-WB (foto Instagram)
Panorami e strade mozzafiato che Persico ha scoperto insieme ai compagni della Bingoal-WB (foto Instagram)
Perché?

La frazione era impegnativa e abbiamo deciso di fare corsa dura per liberarci degli avversari più pesanti. Ad un certo punto eravamo rimasti in 40 nel gruppo di testa, Cavendish e Gaviria si erano staccati. Sono riusciti a rientrare negli ultimi 30 chilometri e hanno fatto la volata vinta da “Cav” proprio su Gaviria. Io ho provato a seguire, ma ero rimasto senza squadra. Ii miei compagni si erano spremuti per non farli rientrare. Mi sono trovato da solo all’ultimo chilometro.

E contro gli squadroni non hai potuto nulla…

Restare senza squadra ai mille metri dal traguardo non è semplice. Ti piazzi dove pensi possa svolgersi bene la volata, ma è sempre un’incognita: se parti troppo presto resti al vento e se lo fai in ritardo rimani imbottigliato.

Abbiamo anche visto l’altimetria della tappa regina, con una salita finale di 30 chilometri. Da velocista deve essere stata un bell’ostacolo.

Alla partenza di quella tappa, la quinta, pioveva anche (dice con una risata, ndr) poi per fortuna ha smesso. Partivamo da 2.500 metri d’altitudine, siamo scesi fino a 800 e c’era un caldo incredibile. La prima parte di tappa prevedeva una breve salita e poi una lunga discesa, che sarebbe stata poi la scalata finale di 30 chilometri. Mentre andavamo giù per la valle pensavo: «Cavolo, poi mi tocca anche risalire!»

Una “dolce” sorpresa per Persico in Colombia: ecco una bevanda con la sua faccia sopra (foto Instagram)
Una “dolce” sorpresa per Persico in Colombia: ecco una bevanda con la sua faccia sopra (foto Instagram)
Come l’hai affrontata?

Nei tratti ondulati prima dell’inizio della salita ufficiale, Gaviria e Cavendish si sono staccati. Io invece sono voluto rimanere il più possibile in gruppo, per risparmiare qualcosa. Poi mi sono staccato insieme a un mio compagno di squadra. Dopo qualche chilometro da dietro è rientrato un gruppetto con Gaviria e un suo compagno in testa. Probabilmente avevano capito di essere fuori tempo massimo e hanno accelerato?

Quando hai visto tornare sotto Gaviria hai pensato che avresti potuto risparmiare un po’ di fatica restando con lui?

In realtà sì, ma mi sono gestito bene. Non sono mai andato fuori giri, cosa fondamentale a quelle altitudini. Mi sono alimentato in maniera corretta, non è stata troppo una faticaccia. Però poi nell’ultima tappa ho seguito il gruppetto fin da subito. L’idea all’inizio era di rimanere con i primi se il ritmo ce lo avesse permesso. Poi gli uomini di classifica si sono dati battaglia fin da subito e abbiamo rinunciato. Alla fine è stata una gran bella esperienza e torno a casa contento anche di come ho lavorato in inverno. 

Van Petegem: il ciclismo moderno e il nuovo ruolo alla Bingoal

25.01.2024
4 min
Salva

Nel ritiro spagnolo della Bingoal-WB era presente, in una nuova veste, Peter Van Petegem. L’ex corridore fiammingo ricopre dal 2024 il ruolo di Sport & Business Development Manager. Il suo arrivo ha un gran significato. La sua storia, il suo carisma ed il suo nome vanno di pari passo con la crescita della professional belga. Nello specifico il ruolo ricoperto da Van Petegem è quello di trovare sponsor e di coordinare l’attività della Bingoal. 

Peter Van Petegemè il nuovo Sport & Business Development Manager della Bingoal-WB (foto Instagram)
Peter Van Petegemè il nuovo Sport & Business Development Manager della Bingoal-WB (foto Instagram)

Sempre più costi

Abbiamo così contattato direttamente il due volte vincitore del Giro delle Fiandre e di una Roubaix per farci raccontare di questa sua nuova avventura. 

«Lavoro a stretto contatto con Christophe Brandt, General Manager del team – spiega Van Petegem – ieri abbiamo fatto un meeting a proposito dei prossimi impegni. Entro ufficialmente in squadra da quest’anno, ma già dal 2023 ho collaborato con loro. La ragione per la quale mi trovo qui è far crescere la Bingoal, vogliamo provare a fare un passo in avanti. Mi occupo di trovare gli sponsor e recuperare così il budget. Non è semplice, anche qui in Belgio. I costi crescono sempre di più e non è facile trovare qualcuno che ha così tanti soldi da mettere. Parliamo anche di cifre di 2-3 milioni di euro per il top sponsor».

Van Petegem insieme a Christophe Brandt, General Manager del team (photonews)
Van Petegem insieme a Christophe Brandt, General Manager del team (photonews)
Il costo per una squadra di ciclismo sta aumentando sempre di più…

E’ vero, come detto servono sempre più soldi. I costi si alzano costantemente e molta parte del budget viene spesa per la gestione. Ci sono sì gli stipendi dei corridori, ma ormai gli staff diventano sempre più grandi e questo fa lievitare i costi.  

Tra le spese ci sono anche i training camp, siete rientrati da poco dall’ultimo in Spagna.

I viaggi hanno un prezzo elevato. Devi trasportare tantissimo personale, una cosa che ha un peso sul budget. Considerate che anche noi abbiamo fatto un ritiro a dicembre e uno ora a gennaio. Tutto è cresciuto rispetto a qualche anno fa: staff, costi per il cibo, viaggi…

Com’è stato tornare in un ritiro?

Bello, è sempre una sensazione speciale, anche se vissuta in maniera diversa. I ragazzi si allenano molto, anche a dicembre e gennaio, ma è giusto così, ora si parte presto a correre. Quello che vogliamo fare è costruire un ambiente familiare, far sentire ognuno di loro come se fosse a casa. Arriveranno anche le corse di casa, quelle del Nord, e per una squadra come la nostra è sempre qualcosa di speciale. Speriamo arrivi anche qualche bella prestazione. 

Van Petegem è stato presente ad entrambi i ritiri invernali della Bingoal a Calpe (photonews)
Van Petegem è stato presente ad entrambi i ritiri invernali della Bingoal a Calpe (photonews)
Anche in Belgio, patria del ciclismo, si fa fatica a trovare sponsor?

Ci sono tante persone interessate nel mondo del ciclismo, questo non cambia. Però quello che nel tempo si è modificato è il budget per fare un certo tipo di attività. La passione delle persone resta, ma quando parli di soldi c’è chi si tira indietro, magari anche giustamente. 

La Bingoal come reagisce a tutto questo?

Anche solo la mia presenza all’interno del team aiuta. Alla Bingoal piace questa cosa, i corridori mi chiedono tante cose e vedo un ambiente sereno. Il mio obiettivo è far sì che il team cresca, non è facile perché molti ragazzi giovani ora chiedono contratti sempre migliori. 

“Colpa” dei Devo team del WorldTour?

Sicuramente i ragazzi ora hanno maggiori occasioni di entrare nell’orbita di certe squadre. I ragazzi giovani e forti ci sono, chiaro che quando arriva una squadra WorldTour competere diventa complicato. Il nostro obiettivo rimane comunque lavorare con i giovani. Lo facciamo da tempo e la nostra filosofia non deve cambiare. 

La Bingoal punta tanto sui giovani, come Villa e Persico, appena arrivati dall’Italia
La Bingoal punta tanto sui giovani, come Villa e Persico, appena arrivati dall’Italia
Il ciclismo belga, invece, conta su tanti atleti forti, ognuno diverso: Evenepoel, Van Aert, Philipsen e il giovane De Lie.

Vero, il periodo è piuttosto bello per il ciclismo belga, negli ultimi cinque anni ci sono stati tanti giovani che sono emersi. E’ emozionante guardare le corse e sapere di avere tanti corridori che possono fare bene. I risultati forse potrebbero essere migliori, ma c’è tempo per crescere e raccogliere i frutti del lavoro fatto fino ad adesso.