Search

Laurance, un iridato alla corte di VDP. Ora punta più in alto

10.02.2024
6 min
Salva

Quando vinci alla tua seconda gara nel team principale WorldTour, portandoti addosso il fardello di responsabilità del mondiale U23 vinto l’anno precedente, significa che c’è davvero stoffa. Axel Laurance ha iniziato la sua stagione come meglio non si poteva, mettendo la firma sulla prima tappa dell’Etoile de Bessèges.

Una volata imperiosa, lasciandosi alle spalle l’ex campione del mondo Mads Pedersen. Un successo che ha il sapore dolce delle belle avventure al loro inizio, che Laurance ha accolto con la consapevolezza di chi sa di valere. «Quando parti speri sempre di vincere e così è stato il giorno di Rousson. Poi penso che tutti sappiano che è molto, molto difficile vincere tra i professionisti, ma su quello strappo ho corso con intelligenza, cercando di risparmiare le energie per sparare tutto negli ultimi 150 metri».

La volata di Laurance stroncando Pedersen negli ultimi 150 metri. Nella corsa a tappe ha chiuso 12°
La volata di Laurance stroncando Pedersen negli ultimi 150 metri. Nella corsa a tappe ha chiuso 12°
Che cambiamenti hai notato passando dal devo team alla squadra principale dell’Alpecin Deceuninck?

Ovviamente, quest’inverno, c’è stato molto più seguito per me e ovviamente mi è stata anche data molta più fiducia. E’ chiaro che con il titolo mondiale molto è cambiato rispetto allo scorso anno, quando avevo vissuto un inverno complicato, dato che ero piuttosto teso per l’evoluzione della mia carriera. Sono tranquillo, ho trascorso un inverno intero e sono stato ben seguito.

Come hai iniziato a fare ciclismo?

Ho cominciato all’età di 4 anni e mezzo con la bmx. Ho continuato circa otto anni e poi sono passato al ciclismo su strada, alla pista e al ciclocross, tutte e tre le discipline contemporaneamente. Poi gradualmente ho interrotto la pista e ora faccio ancora un po’ di ciclocross di tanto in tanto in inverno. Il tutto finalizzato alla strada, che è diventata lo sport principale.

Laurance, 22 anni, è approdato all’Alpecin lo scorso anno, nel team di sviluppo
Laurance, 22 anni, è approdato all’Alpecin lo scorso anno, nel team di sviluppo
Ripensandoci oggi, che cosa ti è rimasto impresso della vittoria ai mondiali?

Penso che mi abbia fatto imparare molto sullo stress che una gara può causare, sulla pressione che viene esercitata. Riflettendo ho capito che alla fine, quando ero davvero rilassato e non avevo alcuna pressione, facevo le mie gare migliori.

Una lezione utile per il futuro?

Certamente mi aiuterà a gestirmi nei grandi appuntamenti, anche perché i campionati del mondo sono una grande gara, ci sono molte persone, tutti i media. Un po’ quello che succede nelle classiche o nei grandi Giri, con l’attenzione sempre a mille e dovendo gestire tutti gli aspetti.

Glasgow 2023. La lunga fuga sembra ormai fallire. Laurance se ne accorge e riparte
Glasgow 2023. La lunga fuga sembra ormai fallire. Laurance se ne accorge e riparte
Che cosa pensavi sul rettilineo finale quando Morgado e gli altri stavano rimontando, avevi paura?

E’ stato abbastanza difficile perché era già difficile pensare, ero davvero concentrato sullo sforzo perché ero a tutta. Tutto il mio corpo era lì solo per premere sui pedali. Ma sapevo che non erano molto lontani e speravo con tutto il cuore che quel che stavo facendo fosse sufficiente. Sapevo benissimo che ce n’erano parecchi dietro, ma anche che quando sono in tanti c’è in palio il titolo di campione del mondo, non tutti danno il 100 per cento. Quindi speravo che non ci fosse tanta coesione nel gruppetto inseguitore.

Hai visto giusto, insomma…

Avevo il mio vantaggio nell’essere tutto solo davanti. Dietro, anche se a volte collaboravano, spesso perdevano tempo guardandosi. Sono stato più di 27 chilometri davanti e pensavo che comunque non dovevo avere rimpianti: «Se mi prendono – dicevo a me stesso – è così: questa è la vita».

La caratteristica principale di Laurance è la sua propensione ad andare all’attacco, ma saper anche giocarsi la volata
La caratteristica di Laurance è la propensione ad andare all’attacco, ma saper anche giocarsi la volata
Che tipo di corridore sei?

Sono un ciclista piuttosto incisivo. Penso che la bmx mi abbia aiutato molto. Mi piacciono gli sforzi piuttosto brevi e intensi, come abbiamo visto a Bessèges. So di essere abbastanza veloce nello sprint quando la gara è un po’ difficile. Dopo sono abbastanza completo, ma devo continuare a lavorare sui punti forti e anche su quelli deboli per migliorare.

Molti ti paragonano ad Alaphilippe: in che cosa gli assomigli e in che cosa sei diverso?

Penso che la somiglianza con Julian ci sia in termini di potenza, impatto, esplosività. Quando attacchiamo, siamo esplosivi e facciamo la differenza. Ma poi penso che Alaphilippe sia ancora più completo di me. L’abbiamo visto, al Tour de France, superare bene le montagne. Contro il tempo è molto bravo. Rispetto a lui forse sono un po’ meno scalatore e un po’ più veloce nello sprint. Chiaramente non parlo del curriculum, ci vorrà tantissimo per raggiungere i suoi livelli. Lui ha già avuto buona parte della sua carriera con grandi vittorie. E’ uno dei più grandi corridori francesi e ha ancora tanto da fare.

I complimenti di Pedersen battuto dal giovane francese. Un ingresso trionfale nel ciclismo che conta
I complimenti di Pedersen battuto dal giovane francese. Un ingresso trionfale nel ciclismo che conta
Quanto è importante la vicinanza con Van der Poel, vi allenate mai insieme?

Sì, pedaliamo insieme nei raduni che abbiamo avuto. E’ anche bello vedere come lui, come corridore, gestisce le gare, perché c’è molta pressione da parte dei media. Posso imparare molto, osservendo ciò che sta attraversando e guardando come funziona. Penso che la cosa più importante sia che abbiamo il miglior esempio nella squadra.

Hai un programma molto ricco, con Sanremo e tante classiche del Nord. Quali sono quelle più adatte a te e che cosa ti aspetti?

Per il momento non posso sapere quale gara mi si addice meglio, perché non le ho mai fatte. Quest’anno mi permetterà di scoprire molte gare, classiche e non, e vedere cosa fa per me. Penso che potrei farmi un’opinione a fine stagione e dirmi a quali posso puntare, che cosa mi si addice per il futuro.

Festeggiamenti da tutta la nazionale a Glasgow dopo la grande impresa mondiale
Festeggiamenti da tutta la nazionale a Glasgow dopo la grande impresa mondiale
Hai fissato un obiettivo da qui a fine stagione?

L’obiettivo era ovviamente vincere. Ne ho già vinta una, quindi è fantastico, ma penso che l’obiettivo sia vincerne di più. Non mi pongo un obiettivo perché come ho detto è un po’ una scoperta, per cui adotto una visione più globale e mi dico che l’obiettivo è cercare di vincere il più possibile.

In Francia tutti aspettano un corridore che possa rivincere il Tour de France. Per voi giovani questo porta maggiore pressione addosso?

No, non credo. Penso che noi della stessa generazione siamo molto lucidi al riguardo e sappiamo cosa dobbiamo fare. Poi, ovviamente, le dimensioni fisiche e le capacità faranno sì che alcuni corridori forse un giorno saranno capaci di vincere il Tour rispetto, ad esempio, a me. Sappiamo tutti che la Francia è una grande Nazione nel ciclismo, ma alla nostra età è difficile immaginarlo, dire: «Ok, un giorno forse vincerò il Tour de France». E’ un obiettivo così alto che quando sei giovane e vuoi emergere, è meglio non averlo troppo in giro per la testa.

Iride U23 alla Francia. Milesi prova, gli altri cadono

12.08.2023
7 min
Salva

GLASGOW – A Loch Lomond la pioggia ha dato tregua giusto il tempo che gli under 23 partissero, poi sul penultimo mondiale di questa rassegna così enorme si è abbattuto il diluvio universale. E lo scenario, anche quello tecnico, è cambiato dal giorno alla notte. Per questo, quando Milesi ha visto partire una fuga più numerosa di altre, si è infilato dentro e ha preso il largo. Non si poteva prevedere, ma certo immaginare in che razza di toboga si sarebbe trasformato con l’acqua il circuito finale. E’ bastato metterci sopra le ruote e tutti i piani sono saltati.

Milesi si è giocato la corsa: è arrivato quinto, ma ha avuto a lungo una medaglia nel mirino
Milesi si è giocato la corsa: è arrivato quinto, ma ha avuto a lungo una medaglia nel mirino

L’attacco e la borraccia

Tre ore e mezza dopo, il cielo di Glasgow è ugualmente grigio, ma per fortuna ha smesso di piovere. Il mondiale degli under 23 è andato nelle mani di Axel Laurence, compagno di squadra di Van der Poel, che per vincere ha scelto un attacco simile, ma da più lontano. C’era anche lui nella fuga del mattino assieme a Milesi e sarebbe forse ingeneroso nei suoi confronti dire che per staccarli di ruota ha aspettato il momento in cui l’italiano si spostava dalla fila su Montrose Street per prendere un rifornimento. L’attacco lo ha raggiunto come un colpo sotto al mento e per qualche centinaio di metri non è stato in grado di reagire.

«Diciamo che in quel momento – spiega trafelato Milesi dopo l’arrivo – stavo prendendo la borraccia. Lui ha attaccato sulla sinistra e ho perso un attimo. E se concedi quei 2-3 metri e sei già al limite, rientrare diventa dura. Ho rischiato 5-6 volte di cadere, ho scodato un po’ dappertutto, però vabbè, ci sta: era uguale per tutti, quindi va bene così».

Il tempo che il gruppo mettesse le ruote nel circuito (questa è Montrose Street) e la corsa è esplosa
Il tempo che il gruppo mettesse le ruote nel circuito (questa è Montrose Street) e la corsa è esplosa

In fuga da lontano

Laurence corre con la Alpecin-Deceuninck Development Team e non è un ragazzino qualunque. Quest’anno ha vinto tappe al Circuit des Ardennes e al Tour of Alsace, gare di classe 2, ma lo scorso anno, quando ne aveva 21, ha avuto la… sfrontatezza di arrivare secondo dietro Van Aert a Plouay.

«Non era nei piani attaccare dal mattino – dice della sua presenza nella prima fuga – ma a causa della pioggia la corsa è diventata dura e nervosa in ogni curva, così ho deciso di seguire un gruppo. Alla fine è stato meglio essere davanti e mantenere il mio ritmo. Ho aspettato a lungo per attaccare e sapevo che la differenza era costantemente di circa 40-50 secondi. Sono stato in grado di salvare le gambe il più possibile e quando da dietro sono arrivati i primi inseguitori, io me ne sono andato. Dovevo provarci e le gambe sono andate bene».

Tutti giù per terra

Il primo dei nostri a cadere è stato Belletta che ne esce con due punti sul ginocchio, a causa del taglio rimediato: il rischio concreto è di non andare al Tour de l’Avenir. Nella stessa caduta sono andati giù anche Busatto, Buratti e Romele. I nostri avevano un piano che prevedeva la superiorità numerica, invece in pochi giri gli azzurri si sono ritrovati uno per angolo, senza la possibilità di comunicare fra loro.

«Milesi – racconta Amadori davanti al pullman – era nell’azione giusta al momento giusto. Sapevamo che in un percorso del genere, specialmente se pioveva e la strada era bagnata, chi si trovava davanti, faceva meno fatica di quelli dietro. Con Milesi dovev esserci anche un altro, ma va bene così. Invece quello che è successo dopo non è dipeso da problemi fisici, ma da incidenti e cadute. Romele è stato eliminato. Buratti è stato eliminato. Busatto e Belletta, la stessa storia. Se questi ragazzi fossero rimasti in gara, nel finale con Svrceck e Morgado ci sarebbe stato anche uno di loro veniva tutta un’altra corsa».

«Questi mondiali li abbiamo preparati tantissimo. Abbiamo fatto altura, abbiamo fatto una corsa in Francia proprio in preparazione. Abbiamo lavorato tantissimo a questo mondiale perché ci credevamo e avevamo dei corridori adattissimi a questo tipo di percorso e l’hanno dimostrata. Peccato, perché purtroppo contro la sfortuna possiamo fare ben poco».

Attacco per il podio

A questo punto del discorso, Milesi fa fatica a sentirsi deluso. Gli scoccia il modo un po’ frettoloso con cui ha gestito il finale, tirando quasi la volata agli altri, ma mettendo sulla bilancia la vittoria nel mondiale a cronometro, questo quinto posto è un podio sfumato, ma anche la conferma della condizione e della consistenza.

«C’è un po’ di disappunto per come me la sono giocata alla fine – ammette – però ci ho provato ed è andata come è andata. Non posso essere deluso. Due giorni fa ho vinto la crono e non posso dire che fosse un discorso scontato. Ero venuto per provare il podio, ma non puoi mai sapere come andrà a finire. Oggi ho fatto quinto: una medaglia era meglio, ma sono contento.

«Era difficile fare diversamente. Ho provato ad attaccare sull’ultimo strappo per provare a prendere il francese, ho visto che c’era un piccolo buco e ho deciso di tirare dritto per fare almeno il terzo posto. Invece hanno chiuso. Se si poteva prendere prima? Quando sono rientrati da dietro, potevano benissimo lasciarci lì, allora ho fatto un po’ il furbo e dopo un po’ che tiravano i livelli si sono avvicinati e ce la siamo giocati quasi alla pari».

Ha visto le stelle

Lo scorso anno, come molti, Laurance è rimasto senza squadra per lo scioglimento della B&B Hotels-KTM. Per questo si è accasato nel team belga, correndo a metà fra la continental e la WorldTour. La sua scelta di partire in contropiede ha pagato, anche se il suo vantaggio è rimasto sempre intorno ai 15 secondi e la sensazione che potessero riprenderlo non se ne è andata se jon sul traguardo.

«Sapevo che su questo percorso era possibile fare qualcosa del genere – dice – ma non ci ho creduto fino agli ultimi 500 metri. Ero completamente al limite. E’ incredibile, ho dato tutto e nell’ultimo giro ho visto le stelle».

Sul podio l’hanno raggiunto i genitori, in uno di quei fuori programma cui fi fa fatica a credere trattandosi di un mondiale. Quella foto la terranno sul camino per il resto dei loro giorni. Anche se la qualità del ragazzo fa pensare che altre vittorie di certo verranno.

Ferron, Axel Laurance e quel ponte. Una storia a lieto fine

11.02.2023
5 min
Salva

Momenti. Pochi secondi. Attimi nei quali tutta la tua vita ti passa davanti. A Valentin Ferron è capitato pochi giorni fa. Era il 3 febbraio, seconda tappa dell’Etoile de Bessèges, a 24 chilometri dalla conclusione. Un momento era in bici a controllare la corsa, in mezzo al gruppo. Neanche qualche secondo dopo era sul bordo del ponte, ma non affacciato ad ammirare il panorama, no, appeso con le braccia al parapetto, le gambe penzoloni, con il forte rischio di cadere senza sapere che cosa ci fosse sotto.

Oggi Ferron ci ride sopra, divertito da quelle immagini che si ripetono di continuo su Internet senza soluzione di continuità. Allora però non rideva. In quei secondi gli è passato davanti di tutto: gli inizi in bici, il seguire la sua passione trovando approdo a 19 anni nel Vendee U Pays de la Loire, i lunghi anni di apprendistato alla TotalEnergies dove milita dal 2019 e con la quale ha conquistato una tappa al Tour du Rwanda nel 2021 e al Delfinato l’anno successivo. Tutto bello, tutto giusto, ma rischiava di finire tutto anzitempo.

L’ultimo successo del 25enne di Vienne, all’ultimo Giro del Delfinato
L’ultimo successo del 25enne di Vienne, all’ultimo Giro del Delfinato

Una tragedia scampata

Il ciclismo non è nuovo a storie tristi. Ne abbiamo raccontate fin troppe sulle strade. In corsa, come Simpson cotto dal sole del Ventoux o Casartelli su quel maledetto paracarro del Portet d’Aspet. Fuori corsa, come le scomparse di Scarponi e Rebellin che gridano ancora vendetta. Di raccontarne un’altra, francamente si faceva anche a meno. Ferron rischiava di essere l’ennesimo, l’ultimo prima che la serie riprendesse.

E’ stato proprio lui a raccontare come tutto è successo, appena dopo l’arrivo di tutta la carovana e la neutralizzazione della corsa (foto di apertura). Con voce calma, ma quel leggero tremolio faceva capire che dentro, la paura ancora era padrona del suo corpo.

«C’è stato un grosso incidente mentre eravamo sul ponte – racconta – io sono rimasto coinvolto, poi altri corridori da dietro si sono ammucchiati su di noi. Sembravano non finire mai, come un’onda del mare. Io sono stato spinto sulla destra contro il muro, poi mi sono staccato dal suolo e riversato oltre. Neanche mi sono accorto di come sono finito fuori dal ponte…».

Una voce indimenticabile

Secondi interminabili, aspettando che qualcuno si accorga della situazione. Ma da quel caos di uomini misti a carbonio e tubolari, trovare qualcuno che riuscisse nel bailamme a sentire la sua voce non era semplice.

«Era una brutta situazione – dice – solo dopo mi sono accorto che il ponte non era poi così alto. Ma se fossi caduto, come minimo mi facevo molto male a caviglie e ginocchia. E io con le gambe ci lavoro… In quei momenti è difficile mantenere la calma. A un certo punto ho sentito una mano che con forza mi ha preso e mi ha tirato su, non dimenticherò mai quella voce».

Quella voce era di Axel Laurance, uno dei tanti coinvolti, uno dei giovani appena passati al team Devo dell’Alpecin Deceuninck, che era stato chiamato proprio per la corsa francese a rinforzare la squadra maggiore. Un esordio fra i pro’ davvero indimenticabile, ma per motivi inaspettati.

«Ho cercato di liberarmi dal groviglio prima possibile – ricorda – avevo visto che nella caduta qualcosa era andato storto. Il ponte era abbastanza stretto e i bordi non così alti. Ho sentito gridare e mi sono accorto che Valentin non era in una bella situazione. Lì non pensi certo a chi sia, a che maglia indossi, se è un compagno di squadra. In quei frangenti il ciclismo passa in second’ordine, eravamo uomini coinvolti nello stesso casino».

Un sorridente Laurance all’arrivo della tappa “incriminata”. Un giorno da ricordare
Un sorridente Laurance all’arrivo della tappa “incriminata”. Un giorno da ricordare

Alla fine fortunato

Quelle mani lo afferrano, forse per l’adrenalina, forse per quella voglia di dire no a un destino infausto, Axel lo tira su quasi fosse un fuscello. Altri si accorgono, si precipitano a dare una mano. Ferron è in salvo.

«Alla fine sono stato fortunato – sentenzia davanti ai giornalisti – c’è chi in quella baraonda se l’è passata peggio di me». Il riferimento è ai due principali infortunati della gigantesca caduta, Lars Van den Berg con una frattura al gomito e Ben Healy che si è rotto una mano.

Di fatto la corsa è finita lì. Claudine Fangille, che ha raccolto l’eredità dal padre nell’allestimento della prima corsa a tappe francese dell’anno, non ha avuto dubbi nella scelta: «I corridori erano rimasti fermi per più di 10 minuti, erano ormai freddi e non aveva più senso ripartire. Tanto più che le 3 ambulanze al seguito della gara avevano dovuto lasciare la carovana per portare i feriti al più vicino ospedale, non c’erano quindi le condizioni di sicurezza per far ripartire la corsa».

La volata della terza tappa. Ferron è subito protagonista, ma De Lie lo priva del successo
La volata della terza tappa. Ferron è subito protagonista, ma De Lie lo priva del successo

Senza quel De Lie…

Capita anche che le storie più difficili possano avere un lieto fine. Ferron nella notte ha messo da parte tutte le paure e il giorno dopo è tornato in carovana come se nulla fosse, anzi si è messo a battagliare fino alla volata finale è c’è voluto il sontuoso Arnaud De Lie di questo inizio stagione per togliergli quella vittoria che avrebbe avuto un sapore particolare. In mezzo al gruppo, 33°, arrivava Laurance, la sua vittoria più bella l’aveva avuta 24 ore prima…