Search

Il tappone dei Sibillini, il terremoto, il sorriso di Scarponi

13.05.2021
8 min
Salva

Scarponi disse subito di sì. In realtà lo fecero tanti e si ritrovarono il 23 ottobre del 2016 a Posta, un paesino della provincia di Rieti per portare il messaggio del ciclismo fra le terre straziate dal terremoto di agosto. La manifestazione la chiamammo #NoiConVoi2016 e grazie a Cristian Salvato incassò subito l’appoggio dell’Accpi. Per questo e per antiche amicizie, i corridori aderirono in gran numero.

C’erano Bartoli, Marta Bastianelli, Bettiol, Cacciotti, Cataldo, Colagè, Valerio Conti, Coppolillo, Roberto De Patre, Azzurra D’Intino, Ferrigato, Angelo Furlan, Nardello, Luca Panichi, Paolini, Petacchi, Piepoli, Pozzovivo, Proni, Marina Romoli, Salvato, Sbaragli, Scarponi, Stacchiotti, Simone Sterbini, Tonti, Visconti, Zanini e la maglia nera Bruno Zanoni. Vennero persino Paolo Belli e suo fratello.

Stacchio e Scarpa

La tappa di oggi, dalle Grotte di Frasassi a San Giacomo, percorrerà in parte le stesse strade e sarà dura rendersi conto che là in mezzo nulla o poco è cambiato.

«Il raduno di partenza era presto – ricorda Stacchiotti – per cui Scarpa passò a prendermi di buon mattino. Avevamo finito con le corse per quell’anno. Ci fermammo in autogrill per cappuccino, cornetto e le cavolate che sparava a raffica. Poi ci trovammo ad Ascoli con Stefano Giuliani e Formichetti. Avevano loro l’ammiraglia e ricordo che Formichetti, grande appassionato di ciclismo, se ne moriva di stare nella stessa macchina con Michele. Per quei 50 chilometri fino alla partenza lo sommerse di domande. E Michele gli dava corda, perché era sempre gentile con tutti».

Stacchiotti-Scarponi amici da una vita
Stacchiotti-Scarponi amici da una vita

Giro addio

Riccardo ha ripreso ad allenarsi da due settimane. Lui il Giro non avrebbe potuto farlo comunque per una mononucleosi scoperta un mesetto fa. Ripartirà nei prossimi giorni dal Tofeo Bro Leon in Francia, mentre il resto della squadra sarà al Giro di Ungheria. Non ce l’avrebbe fatta a reggere il ritmo. Poi, dopo le tre tappe francesi, correrà a Gippingen.

Un mondo ferito

La tappa passerà attraverso un lungo elenco di paesi fantasma. A distanza di ormai cinque anni, la gente vive nelle casette, ordinate come nelle fiabe, come camici d’un ospedale da cui non si riesce a venir fuori. Magari i corridori non riusciranno a vedere nulla. Un po’ perché saranno super concentrati. O forse perché, a parte i relitti di case franate, non c’è molto da vedere a parte la natura imponente dei Monti Sibillini. E quella la sentiranno sotto le ruote. Forca di Gualdo. Forca di Presta dopo il passaggio attraverso quel che resta di Castelluccio. Le rovine di Pretare, Piedilama, Arquata e Trisungo e poi la corsa vorticosa lungo la Salaria verso la salita finale.

Sosta davanti al monumento ai caduti realizzato dai Vigili del Fuoco
Sosta davanti al monumento ai caduti realizzato dai Vigili del Fuoco

Miglior amico di tutti

«Arrivammo alla partenza – ricorda Stacchiotti – e Michele sparì in mezzo agli altri corridori. Sembrava davvero una gara di quelle importanti, c’erano davvero tutti. Ci teneva, ricordo che ne parlammo. Mi propose lui di venire insieme, perché il terremoto lo avevamo sentito anche noi. Noi ciclisti siamo gente alla mano e soprattutto si trattava di raccogliere fondi per delle persone in difficoltà. Passare là in mezzo a tutti quei muri sfasciati per noi marchigiani fu davvero un’emozione. Michele ovviamente era uno dei più conosciuti. Lui poteva anche non averti mai visto, ma dopo cinque minuti eravate i migliori amici. Per questo parlò con ognuno delle centinaia di partecipanti e per questo è rimasto nel cuore di tutti. L’anno scorso sono tornato in quelle zone, per fare una distanza dalle parti di Frontignano e Castelluccio. Ed è tutto come prima».

Discesa pericolosa

A Castelluccio ci arrivi facendo Forca di Gualdo: 10,4 chilometri al 7,4% di pendenza media e tratti al 12. Forca di Presta sul sito del Giro non la danno neanche, perché il versante duro di quella salita si farà in discesa. Però occhio all’ultimo chilometro, dritto e contro vento, perché potrebbe fargli andare di traverso una discesa che sarà velocissima, su asfalto a pallettoni e con curvette veloci e stretta nel centro di Pretare, uno di quei paesi che non c’è più.

Scarponi e Pozzovivo, tutto il percorso fianco a fianco
Scarponi e Pozzovivo, tutto il percorso fianco a fianco

“Pozzo” ricorda

Pozzovivo partì da casa per unirsi alla manifestazione. Dormì ad Ascoli da un amico e poi raggiunse la partenza in bicicletta.

«La prima #NoiConVoi – ricorda – è come se fosse stata ieri. Anche io ci tenevo tanto ad esserci, perché ho frequentato tanto la zona dei Sibillini per allenamento e a volte mi sono spinto anche nella vallata del Tronto e ho scalato anche San Giacomo, l’arrivo di oggi. Vedere quei posti distrutti è stato veramente un grosso colpo anche per me. Quando iniziaste a organizzare l’iniziativa, per me fu quasi un obbligo venirci. La giornata con Michele fu una di quelle in cui lui dava il meglio di sé, capace di stare in mezzo alla gente, a scherzare. Abbiamo fatto praticamente tutto il tragitto a ridere. Ancora ricordo poi quella sorta di volata che abbiamo fatto alla fine con gli amatori arrivando nel centro di Ascoli. Comunque fu una giornata che mi è rimasta nella mente».

Un piccolo Ventoux

Dall’arrivo si può vedere il mare, da questa montagna che vista da lontano fa pensare a un piccolo Mont Ventoux, tutto spelacchiato in cima, con distese di cardi e alberi bassi più in alto dove si riconoscono le piste da sci. Di quel 23 ottobre del 2016 i 700 partecipanti portarono via ricordi indelebili, che li spinsero a tornare per tre anni a seguire, ma già nel 2017 Michele non c’era più.

La giusta compassione

Da quella seconda volta, la manifestazione fu intitolata a lui. Tanti di quei ragazzi sono al Giro d’Italia. Visconti, Conti, Cataldo e Pozzovivo in corsa, come pure Puccio presente nel 2019. Zanini, che pedalò per tutto il giorno con un guanciale in tasca, sull’ammiraglia dell’Astana e con lui Martinelli, presente nel 2018. Tonti è il tour operator ufficiale del Giro, mentre Salvato segue la corsa rosa come delegato del Cpa. Giada Borgato, in postazione Rai, partecipò all’edizione del 2019 e come lei tanti altri.

Ma oggi, in questo giorno in cui il gruppo solcherà le splendide strade dei Sibillini, socchiudendo gli occhi su una di quelle cime, siamo certi che ci sembrerà di sentire ancora la risata di Michele. Mentre davanti a quelle case ancora distrutte e agli sguardi buoni e rassegnati delle persone proveremo la rabbia che ogni anno si rinnova. E avremo un sorriso tirato, come quando Michele voleva farti capire che non era contento. Sarà certo una grande giornata di ciclismo, a patto che troveremo il modo di viverla con la giusta compassione.