Search

Cavalli, le ragioni della scelta: meglio sorridere e ripartire

07.09.2022
5 min
Salva

Un post di poche righe, metà in italiano e metà in inglese, per dire che al mondiale non ci sarà. Così Marta Cavalli – vincitrice quest’anno dell’Amstel, della Freccia Vallone e del Mont Ventoux – ha chiuso la porta sulla sfida di Wollongong, con parole che devono esserle costate veramente tanto. Anche perché la caduta che l’ha messa fuori combattimento e la traiettoria dell’australiana Nicole Frain che l’ha provocata continuano a non trovare una spiegazione accettabile.

Colpo di frusta

Ci eravamo sentiti quando tutto sembrava essersi incanalato nella giusta direzione, invece le cose si sono inceppate nuovamente. E davanti all’evidenza e al rischio di compromettere la ripresa, Marta ha alzato bandiera bianca.

«Clinicamente sono a posto – dice – ma in bici ho delle difficoltà quando inizio a ricercare l’alta intensità. Nella caduta ho riportato un colpo di frusta che ancora adesso mi impedisce di stare bene dopo tante ore di sella. Ho aspettato sino all’ultimo, ma già da qualche giorno mi rendevo conto che il tempo era sempre meno e le cose da fare sempre quelle. So cosa e quanto mi serve per andare in forma. E non avrebbe avuto senso azzardare tanto, andare laggiù e stare via per due settimane, senza riuscire ad essere pronta».

Seconda al Giro, in salita è stata la sola in grado di impensierire Van Vleuten
Seconda al Giro, in salita è stata la sola in grado di impensierire Van Vleuten
Quanto è stato duro scrivere quel messaggio?

Potevo andare al mondiale con ambizioni vere, quindi è costato parecchio. Non avrei mai pensato che i problemi della caduta si sarebbero protratti tanto a lungo. Da un primo controllo sembrava tutto a posto, poi quando siamo ripartiti, sono venuti fuori dei disturbi che ho tutt’ora. Sto lavorando in palestra per la mobilità, vedo fisioterapisti e osteopati. Sto migliorando, ma non abbastanza.

Sei stata a casa in questa fase o con la squadra?

Dopo la caduta, sono rimasta per 16 giorni senza toccare la bici e ne ho approfittato per andare quattro giorni al mare. Per la prima volta da quando corro in bici, sono riuscita a fare il mare d’estate come il resto del mondo. Poi sono andata in altura, ma non potendomi allenare sul serio, è stato il pretesto per prendere un po’ di aria fresca.

Le vittorie di primavera hanno reso Marta Cavalli una delle atlete più popolari. Il bimbo è uno dei nipoti di Elisa Longo Borghini
Le vittorie di primavera hanno reso Marta Cavalli una delle atlete più popolari. Il bimbo è uno dei nipoti di Elisa Longo Borghini
Più che altro, la preoccupazione riguarda la salute, giusto?

Infatti se da un lato mi dispiace per il mondiale, dall’altro sono contenta di avere il tempo giusto per guarire. Il consiglio dei medici è stato quello di ascoltare il mio corpo e di andare gradualmente. Tante volte per la fretta si rischia di compromettere salute e carriera. Così adesso riparto e punto a fare due corse di qui a fine stagione. Per fortuna ho già ottenuto i miei obiettivi. Se fossero stati tutti nella seconda parte di stagione, sarei stata fritta.

In pratica si tratta di ripartire da zero?

Più o meno, sì. Anche quando stacco d’inverno, non sto mai così tanto tempo senza muovermi, qualcosa faccio sempre. Perciò ora si tratta di fare allenamenti tranquilli e ricostruire la base, puntando sull’endurance in attesa di migliorare del tutto. Farò dei test per valutare la sopportazione della fatica. Con il mio preparatore facciamo aggiornamenti quotidiani. Sarà importante correre a ottobre, per non arrivare alla nuova stagione dopo cinque mesi senza gare.

Una bici e i cerchi olimpici dopo Tokyo: il ciclismo è la passione più grande
Una bici e i cerchi olimpici dopo Tokyo: il ciclismo è la passione più grande
Hai già un’idea di programma per il 2023?

Non ancora, ma ne parleremo a breve. Non credo di partire dall’Australia, ma con il mondiale anticipato ad agosto, si dovrà capire bene come fare con Giro e Tour (i mondiali 2023 si terranno a Glasgow dal 3 al 13 agosto e saranno una sorta di Olimpiade del ciclismo, ndr). Dovremo fare delle scelte.

Guarderai il mondiale in tivù?

Certo che sì, anzi mi stavo già organizzando per capire come fare con il fuso orario. Il mondiale è una delle corse che non puoi perdere.

Paolo Sangalli è stato vicino a Marta Cavalli nel prendere la difficile decisione
Paolo Sangalli è stato vicino a Marta Cavalli nel prendere la difficile decisione
Quando l’hai detto al cittì Sangalli?

Con Paolo c’è stato un contatto quasi quotidiano, la decisione l’abbiamo presa insieme. Anzi, il suo consiglio è stato decisivo. Mi ha detto che secondo lui la strada migliore fosse proprio questa, che gli dispiaceva, ma era giusto per me. L’abbiamo maturata con tutto il mio entourage, ma Paolo mi ha tolto la pressione che avrei avuto a prendere la decisione da sola. Mi ha rincuorato. Devo dire che si è creato attorno l’ambiente giusto, di persone sensibili, che mi hanno dato la serenità per fare la scelta giusta.