Search

Paladin, com’è stato il tuo mondiale a bordo strada?

14.10.2022
5 min
Salva

Il mondiale in Australia avrebbe preferito correrlo, è un’ovvietà. In un qualche maniera però Soraya Paladin è stata in gara in modo attivo sul circuito di Wollongong. Al termine dello strappo mozzafiato di Mount Pleasant c’era proprio la 29enne di Cimadolmo a dare indicazioni alle sue compagne azzurre, seguendo le direttive del cittì Sangalli con cui era in contatto.

La mancanza delle radioline nelle competizioni per nazionali è una assurdità – se si pensa che durante il resto della stagione non è così – ma obbliga sempre i vari staff ad organizzarsi nel migliore dei modi nei punti più delicati. E per chi resta fuori dalle titolari è l’occasione di dare il proprio contributo. Paladin che aveva disputato le prove iridate di Imola, Yorkshire e Innsbruck (quelle con percorsi duri, per intenderci), come ha vissuto questa esperienza a bordo strada? Glielo abbiamo chiesto al rientro dal Tour de Romandie, la sua ultima fatica stagionale nella quale ha vinto la classifica a punti. E naturalmente la chiacchierata non si è limitata solo a quello…

Soraya ha chiuso la stagione al Romandia vincendo la classifica a punti
Soraya ha chiuso la stagione al Romandia vincendo la classifica a punti
Soraya togliamoci subito il dente. Sei rimasta molto delusa di non aver corso?

E’ scontato dire che avrei voluto partecipare anche perché il tracciato mi piaceva, adatto alle mie caratteristiche. C’è un po’ di amarezza e mi ha fatto male vedere le mie compagne da fuori però non è stata una decisione a sorpresa. Sapevo che ero in dubbio, lo avevo capito e ne avevo parlato con Paolo (il cittì Sangalli, ndr). Ero in ballottaggio con Vittoria (Guazzini, ndr), ma forse era giusto che corresse lei visto che aveva una grande condizione.

Se fossi rimasta in Italia avresti avvertito meno la delusione?

Non lo so, forse avrei detto di sì subito. Essere in Australia, provare il percorso con le mie compagne e poi restare fuori… la vivi molto più intensamente. Però se ci penso a mente più fredda, sono contenta di aver fatto questa trasferta. Intanto mi sono guadagnata la convocazione, che è sempre una bella soddisfazione e un grande onore. Poi sono comunque stata d’aiuto alla squadra, come mi era stato chiesto: una cosa che da casa non avrei potuto fare.

Nel 2022 Paladin ha disputato 8 corse a tappe, compresi Giro Donne e Tour Femmes.
Nel 2022 Paladin ha disputato 8 corse a tappe, compresi Giro Donne e Tour Femmes.
Che sensazione è stata essere a bordo strada?

Sono riuscita subito a metabolizzare l’esclusione e concentrarmi immediatamente sul mio compito. Con lo staff azzurro si era deciso che in cima alla salita più dura del circuito dovesse andarci un’atleta, perché conoscendo e correndo sempre insieme non solo alle compagne, ma anche alle nostre avversarie, avrebbe potuto avere un occhio più attento su chi poteva avere più difficoltà od essere più in palla. Alla base di questa scelta e di conseguenza del mio ruolo, c’è il fatto che in nazionale ognuna di noi sa sempre cosa fare. In corsa o fuori, il dialogo da noi è importante, un vantaggio. Mi sono accorta una volta di più che essere dentro alla nazionale dà sempre tanti stimoli. Il primo? Tornarci per essere in gara.

Nel punto in cui eri tu chi ti ha colpito di più? Erano impressioni veritiere o meno?

Ero in cima al tratto con pendenze attorno al 20 per cento. Non si poteva fingere. Durante i primi giri vedevo pedalare molto bene la Vos. Pensavo diventasse il solito brutto cliente, ma alla fine credo che abbia pagato la mancanza del ritmo gara visto che non correva da un po’. Al contrario vedevo passare sofferente la Van Vleuten. Non era quella di sempre perché negli ultimi due giri sarebbe stata con quelle di testa e probabilmente avrebbe attaccato. E forse, per assurdo, magari non avrebbe vinto perché l’avrebbero inseguita tutti dato che non era facilissimo fare il vuoto. Credo che Annemiek stavolta abbia vinto davvero di classe. Ha corso in modo intelligente e nel finale ha piazzato un’azione che ha preso davvero tutte in contropiede. D’altronde non aveva nulla da perdere e ha tentato.

Paladin qui all’europeo 2021. E’ stata una pedina importante anche in tre mondiali consecutivi: Innsbruck, Yorkshire e Imola
Paladin qui all’europeo 2021. E’ stata una pedina importante anche in tre mondiali consecutivi: Innsbruck, Yorkshire e Imola
Delle nostre invece cosa avevi percepito?

Balsamo è una che corre sempre piuttosto davanti quando sta bene. Inizialmente quando la vedevo passare un po’ indietro credevo che stesse salvando la gamba, ma giro dopo giro ho capito che non aveva una grande giornata. Qualcuno dice che potrebbe aver sentito la pressione, ma anche lei non aveva nulla da dimostrare. Ci sta assolutamente vivere una giornata del genere e nessuno gliene può fare una colpa. Longo Borghini è stata la solita attaccante che si è mossa nel punto più duro e nei momenti decisivi. Silvia (Persico, ndr) ha colto una medaglia incredibile al suo esordio in azzurro. Vittoria è andata forte. Però Cecchini e Bertizzolo per me hanno fatto un garone! Tutto il giorno sempre davanti a lavorare per le nostre punte. Abbiamo gestito la corsa in modo ottimale e non abbiamo nulla da recriminare.

Mentre passavano davanti a te cosa vi dicevate?

Principalmente ero io che parlavo perché loro ero a tutta (sorride, ndr). Gli davo gli aggiornamenti su chi era davanti e dietro, sui distacchi, su chi c’era da fare attenzione. Gli trasmettevo gli ordini di squadra. A volte bastavano solo degli sguardi o dei cenni. Alla fine, quando la gara è entrata nel vivo, erano più incitamenti che altro. Le caricavo a non mollare per aiutarle a scollinare perché quando sei in acido lattico, passi via una salita più di testa che di gambe. E’ stato bello vederle da questo punto di vista, si soffre e ci si esalta. Però vi ripeto che è meglio correre (sorride nuovamente, ndr).

Paladin qui al Tour Femmes. La sua Canyon Sram ha vinto la classifica a squadre
Paladin qui al Tour Femmes. La sua Canyon Sram ha vinto la classifica a squadre
A questo punto, cosa cerchi dal 2023?

Vi confesso che ancora non ci ho pensato. Voglio prima godermi una mini-vacanza a Lisbona dove vado a fare il tifo per mia sorella Asja (che è stata elite fino al 2020, ndr) che nel weekend correrà un ironman. Però per dare una risposta dico che vorrei fare bene alle classiche di primavera perché un risultato lì è un buon modo per guadagnare morale per le gare successive. Quest’anno ero partita forte con due podi (in una tappa della Valenciana e a Cittiglio, ndr) poi mi aspettavo qualcosa di più da Giro e Tour. Ho chiuso bene la stagione tra Olanda e Svizzera ma l’anno prossimo vorrei avere più continuità.