Search
Mathieu Van der Poel, Soudal Scheldecross 2020

VdP un gigante, agli altri le briciole

12.12.2020
3 min
Salva

VdP ha davvero cattive intenzioni. Avevano evidentemente ragione i belgi, che alla vigilia della tappa del circuito X20 Badkamers Trofee ad Anversa dicevano di non fidarsi delle dichiarazioni di facciata del campione del mondo di ciclocross, né del suo presunto fisico ancora appesantito dalla sosta post-stagione su strada. I fatti hanno dato loro ragione, perché l’olandese dell’Alpecin-Fenix ha dato loro un’autentica lezione.

Mathieu Van der Poel, Soudal Scheldecross 2020
Fasi iniziali. I belgi provano a tenere cucito il gruppo
Mathieu Van der Poel, Soudal Scheldecross 2020
I belgi provano a tenere cucito il gruppo

Maledetta foratura

La sfida tanto attesa con Wout Van Aert non c’è stata, perché il belga ha cambiato programma e ha deciso di non partecipare. Ma lo spettacolo non ne ha sofferto. Si è visto sin dall’inizio che la sfida era “uno contro tutti” (anche se con il ritorno di Van der Poel anche l’altro olandese Lars Van Der Haar è sembrato di ben altra pasta rispetto alle gare d’inizio stagione). 

Il vincitore del Giro delle Fiandre non ha atteso poi tanto prima di dare vita alla sua solita strategia: stroncare gli avversari sul ritmo e la tattica sarebbe stata anche quella giusta, solo che a metà gara la sua Canyon Inflite ha iniziato a fare i capricci, forse a causa dello scivolone che VdP aveva avuto sulla sabbia nel quarto giro. Una foratura gli impediva praticamente di avanzare sui tratti meno scorrevoli, soprattutto sulla stessa sabbia e il campione europeo Eli Iserbyt si è riagganciato e posto davanti quando VdP ha effettuato il necessario cambio bici. Il “folletto fiammingo” a quel punto ha rallentato l’azione, così da dietro sono rientrati in tanti, formando un gruppo in fila indiana di ben 8 corridori.

Mathieu Van der Poel, Ely Iserbyt, Soudal Scheldecross 2020
Iserbyt ripreso dopo la foratura: Mathieu ha strada libera
Mathieu Van der Poel, Ely Iserbyt, Soudal Scheldecross 2020
Ripreso Iserbyt, Mathieu ha via libera

Spallata regolare

A tre tornate dalla fine l’episodio che forse ha deciso la corsa e che molto ci dice del carattere del campione olandese. Davanti Iserbyt (Pauzels-Sauzen Bingoal) su un lungo tratto su sabbia provava la fuga, dietro il suo compagno di colori Vanthourenhout faceva un po’ da tappo. Durante la corsa a piedi con bici al fianco, VdP ha affiancato il belga dandogli una bella botta (ricordate il discorso sul concetto di rispetto nel ciclocross?), facendolo quasi rimbalzare sulle transenne seppur senza commettere un gesto antiregolamentare.

Ripreso Iserbyt

L’olandese si è posto così in caccia di Iserbyt, riprendendolo dopo poche battute. Poco prima della campana dell’ultimo giro, su un tratto in salita, Van der Poel ha aperto il gas, staccando il rivale in maniera secca e netta, con un vantaggio che è andato moltiplicandosi per tutta l’ultima tornata. Fino a quando, sentitosi sicuro, VdP ha rallentato sistemando la sua maglia da campione del mondo per il rettilineo finale.

Di ben altro tenore rispetto alla vigilia le sue dichiarazioni all’arrivo.

«Sto meglio di quando ho esordito lo scorso anno – ha detto – il mio obiettivo sono i mondiali e solo per allora sarò al massimo, ma quando gareggio io parto sempre per vincere…».

Mathieu Van der Poel, Soudal Scheldecross 2020
Nell’ultimo giro la gara è il suo show personale
Mathieu Van der Poel, Soudal Scheldecross 2020
La gara uno show personale

Il Re è tornato

Vittoria quindi per il Re con 6” su Iserbyt (comunque contento per aver rinforzato la sua leadership nella classifica del circuito), mentre terzo arrivava un altro big della strada e del cross, il britannico Tom Pidcock, rimasto nascosto per tutta la gara, ma emerso in maniera prepotente nel finale, dando scacco matto a quel che era rimasto di un’armata belga partita con grandi intenzioni ma ridotta a più miti consigli.

Tripletta olandese fra le donne, ma ad Anversa è arrivato lo stop al filotto di vittorie di Lucinda Brand, reduce da quattro successi consecutivi ma questa volta battuta da Denise Betsema.