Search
Campionati europei ciclocross 2020, s'Hertogenbosch, partenza

Il ciclocross? Una questione di rispetto…

09.12.2020
4 min
Salva

Cross, sportellate e rispetto. Tutto è nato parlando con il Cittì Fausto Scotti, di ritorno dalla Coppa del mondo di Tabor.

«Nella gara degli Europei – aveva detto il cittì azzurro – Jakob Dorigoni al primo giro ha preso un sacco di… sportellate. Non lo conoscevano, a ogni curva o ostacolo i grandi volevano spazio, dicevano “Chi è questo qui?”. Arrivati a Tabor, in Coppa del mondo, gli ho detto: “Saluta, fatti conoscere, tu sei il campione d’Italia!”. E in gara le cose sono andate già un po’ meglio…».

Chi l’avrebbe mai detto che il ciclocross è uno sport di contatto? Abbiamo voluto saperne di più, capire che cosa significa affrontare una gara sui prati mettendo in conto anche scontri fisici e magari qualche sgarbo.

Jakob Dorigoni, europei cross 's Hertogenbosch 2020
Jakob Dorigoni, qualche difficoltà e qualche spallata agli europei
Jakob Dorigoni, europei cross 's Hertogenbosch 2020
Per Dorigoni, qualche spallata agli europei

Dorigoni ricorda

Non si poteva che iniziare dal diretto interessato. «E’ vero – racconta Dorigoni – a s’Hertogenbosch il primo giro è stato un continuo di spallate, toccate, spintoni. Il fatto è che all’inizio tutti vogliono prendere le prime posizioni e i favoriti hanno paura che davanti si formi un buco. Se non sei conosciuto, gli altri non sanno come te la cavi. Temono di perdere terreno, poi riprendere è dura… Sui percorsi veloci, se molli anche solo 5 metri, poi non li recuperi più. E’ così dappertutto. In Italia però le parti sono invertite, sono io a chiedere strada, a evitare di tirare i freni. Ci sono delle gerarchie da rispettare.

Tabor, Coppa del mondo ciclocross 2020, gruppo
Quando belgi e olandesi prendono la posizione, scalzarli diventa difficile
Tabor, Coppa del mondo ciclocross 2020, gruppo
Belgi e olandesi sono difficili da scalzare

Questione di rispetto

Il discorso è complesso e unisce la tecnica alla tattica, la necessità di trovare spazio al rispetto per gli altri. Le parole di Dorigoni a proposito delle gerarchie fanno pensare.

«Ha ragione – sentenzia Luca Bramati – nel ciclocross non s’inventa niente. Devi guadagnarti il tuo posto piano piano, per arrivare davanti devi scalare una montagna… Le botte non ci sono solo all’inizio. Chi “comanda” non si fa scalzare facilmente, devi essere pronto sia mentalmente che fisicamente a quella che è una battaglia, ogni gara è così. E se sei “nuovo”, davanti non ci arrivi alla prima e neanche alla seconda. Con il tempo devi guadagnarti il rispetto degli altri. Prova a fare lo stesso a Van Der Poel o Van Aert: se gli dai una spallata rimbalzi indietro…».

Il video su YouTube di cui parla Bramati: guardate Bart Wellens e il tifoso sul percorso…

Occhio agli eccessi

Detta così, sembra una giungla. «E un po’ lo è, devi trovare il tuo posto. L’importante è che tutto avvenga nel rispetto del regolamento. Qualche corridore più “cattivo” degli altri c’è sempre stato, qualcuno che magari va anche sopra le righe. Su YouTube gira ancora il video di Bart Wellens che, inferocito, assale uno spettatore con un calcio… Non si devono raggiungere questi eccessi, ma è certo che se vuoi emergere devi avere quel pizzico di furbizia in più e non farti mettere i piedi in testa».

Fra le donne è diverso? «Sei matto? Anzi, sono anche più cattive, a mia figlia Lucia sto insegnando a farsi rispettare, sempre».

Sara Casasola, caduta, Tabor, Coppa del mondo 2020
La partenza è una fase concitata: qui Casasola in Coppa a Tabor
Sara Casasola, caduta, Tabor, Coppa del mondo 2020
Partenze ad alto rischio: qui Sara Casasola a Tabor

Partenza decisiva

Il rispetto, un concetto che nel ciclocross è fondamentale: «Non sono contatti cattivi o scorretti – dice la sua l’ex iridato Daniele Pontoni – è solo l’unico modo per far valere il tuo stato come nel mondo animale. La partenza è fondamentale, direi decisiva e devi imparare subito a difenderti senza tirare i freni, sennò perdi posizioni. Se serve allargare un po’ il gomito, lo fai, senza mai staccare le mani dal manubrio, altrimenti sarebbe una scorrettezza regolamentare. Non conta la stazza fisica: io ero mingherlino, ma anche con i giganti mi sapevo far rispettare…».

Potere fiammingo

Allora chi vuole scalare le gerarchie, come deve fare? «Spingi, cerchi spazio: i belgi e olandesi di seconda fascia non guardano in faccia a nessuno, cercano spazio. Ma tu devi fare altrettanto, anche farti sentire. Io spesso mi arrabbiavo. Il rispetto si guadagna con il tempo. Io e Sven Nys battagliavamo, ma senza scorrettezze, magari si tirava il freno un attimo prima per non intrupparsi. Guardate le gare femminili: chi è “cattiva” fa la differenza».