Search

Viaggio nel casco che ha salvato la vita di Trentin

16.03.2022
4 min
Salva

L’immagine pubblicata su Twitter di Trentin con il casco in mano dopo la caduta alla Parigi-Nizza (foto di apertura). Le spiegazioni ricevute ieri da Adriano Rotunno, medico del UAE Team Emirates, a proposito della commozione cerebrale e un passaggio fra le sue risposte sulla necessità di osservare il casco. Già, il casco. Il Manta Mips di MET Helmets, che probabilmente ha salvato la vita a Matteo. Che cosa dicono nell’azienda valtellinese quando un loro prodotto assolve il suo compito, assorbe l’urto ed evita una tragedia?

«Siamo soddisfatti – dice Ulysse Daessle, responsabile della comunicazione di MET – perché si è trattato di un impatto importante. Quando il colpo arriva nella parte superiore del casco, vuol dire che c’è finito sopra il peso del corpo, quindi non è un incidente da poco. In questi casi per pronunciarci aspettiamo di ricevere il casco per poterlo analizzare e valutare come ha reagito».

Nel laboratorio MET Helmets si studia ogni tipo di impatto per realizzare il casco
Nel laboratorio MET Helmets si studia ogni tipo di impatto per realizzare il casco
E’ un tipo di impatto frequente?

Di solito il maggior numero di crash si riferisce a una parte più posteriore. In ogni caso, anche questo tipo di urto è già stato simulato e valutato nel laboratorio interno che si occupa proprio di replicare gli impatti, valutando anche quelli di tipo rotazionale, dove entrerà in funzione il MIPS (il sistema di sicurezza che prevede lo scorrimento di 10/15 millimetri all’interno del casco per fronteggiare proprio gli impatti rotanti, ndr).

Questo tipo di test aiuta a costruire caschi più sicuri?

Partiamo dal disegno in 3D per replicare gli impatti e insieme valutare l’aerazione e l’aerodinamicità del casco. Conciliando tutto, si va a creare la formula più performante.

Hai visto il casco di Trentin, come fate a essere certi che reggerà simili impatti?

Prima che il casco venga sottoposto alla validazione internazionale, prendiamo una serie di almeno 100 campioni ed effettuiamo test su tutte le taglie. Vogliamo avere uno standard di resistenza all’impatto superiore a quello che impongono le normative. Non siamo obbligati a fare tutto questo, ma abbiamo notato che ci sono delle variabili da considerare, per cui un casco può essere diverso anche se varia la temperatura di produzione. E’ bene testarli a fondo e in gran numero.

Questa immagine televisiva, già pubblicata ieri, mostra Trentin a terra dopo la caduta
Questa immagine televisiva, già pubblicata ieri, mostra Trentin a terra dopo la caduta
Avete già in mano il casco di Trentin?

Non ancora, credo lo abbia ancora la squadra. Quando lo riceveremo, allo stesso modo in cui riceviamo tutti i caschi che hanno subìto incidenti, il controllo qualità lo verificherà. In certi casi si arriva anche a tagliarlo per valutare in che modo abbia assorbito l’urto. Se un casco si fessura o si deforma, vuol dire che ha assorbito l’urto. Un po’ come i fascioni delle auto moderne, che si deformano. Una volta i paraurti erano indistruttibili, ma l’auto era così rigida che in caso di urto per gli occupanti c’erano conseguenze ben peggiori.

Quindi è bene che il casco sia deformato?

Si creano volutamente zone di deformazione, su cui influiscono anche la forma del casco e la quantità di materiale impiegato. Ad esempio, nei caschi per bambini piccoli, si fa una struttura interna. Grazie a questo, nella zona della fontanella cranica, il capo non entrerà mai in contatto con il casco. Avere i caschi incidentati ci permette di avere una statistica sui diversi punti. E devo dire che ne riceviamo davvero tanti.

Queste osservazioni si traducono poi in vantaggi nella produzione?

Ci permettono di definire i punti critici e valutare se il comportamento in caso di caduta corrisponda a quanto abbiamo elaborato. Questo tipo di riscontro ci viene anche dai ciclisti privati, non solo dagli atleti. Abbiamo un programma per cui se hanno una caduta in cui il casco subisce un danno, ci mandano la foto e gli viene riconosciuto il 50 per cento di sconto sull’acquisto del nuovo casco. Ma ovviamente a Trentin (ride, ndr) non abbiamo richiesto la foto, anche se l’ha fatta da sé. Gli abbiamo dato subito un nuovo casco…