Vittoria e Haydale, una collaborazione con al centro il graphene

27.07.2022
4 min
Salva

E’ davvero un periodo ricco di novità per Vittoria. L’azienda di Brembate non smette infatti di presentare nuovi progetti e annunciare nuove collaborazioni. Nelle scorse settimane è stata inaugurata nei Paesi Bassi la sede comune di Vittoria e A Dugast che garantirà una maggiore vicinanza alla clientela nordeuropea.

Successivamente è stato rafforzato il rapporto di collaborazione con Deaneasy, azienda specializzata nello sviluppo e distribuzione di accessori avanzati ed innovativi per il ciclismo, con la quale Vittoria collaborava già da tempo.

Keith Broadbent CEO Haydale
Keith Broadbent CEO Haydale

Il graphene al centro

Nei giorni scorsi è arrivato l’annuncio di una nuova collaborazione. Questa volta si tratta di Haydale, gruppo globale che opera nei materiali avanzati. Haydale ha accumulato negli ultimi 10 anni un profondo know-how e capacità avanzate per produrre e funzionalizzare il graphene e altri nanomateriali per vari settori e applicazioni.

L’accordo fra Vittoria e Haydale avrà come suo focus principale l’innovazione e la fornitura di graphene. Va ricordato a tal proposito che a partire dal 2015 Vittoria ha introdotto l’applicazione del graphene nelle mescole degli pneumatici per bici.

Il nanomateriale ha dimostrato miglioramenti sostanziali in termini di grip, resistenza al rotolamento, resistenza alle forature e durata. 

Ted P. Thirapatana CEO di Graphene Creations
Ted P. Thirapatana CEO di Graphene Creations

Nuove mescole

Come primo passo nella loro collaborazione, Vittoria e Haydale hanno sviluppato insieme nuove mescole avanzate unendo la loro esperienza nella funzionalizzazione e nella miscelazione del graphene. Test di laboratorio e sul campo hanno dimostrato che queste mescole migliorano ulteriormente le prestazioni degli pneumatici.

La fornitura di graphene di ultima generazione è già iniziata. A conferma di tutto ciò è prevista nei prossimi mesi la consegna da parte di Haydele di un primo ordine di 1 tonnellata di graphene funzionalizzato. Utilizzando il nuovo reattore al plasma HT1400 ad alta capacità, Haydale è in grado di soddisfare i requisiti di produzione di Vittoria e i severi standard di qualità richiesti.

Vittoria ha deciso di avviare la produzione di graphene funzionalizzato direttamente in Thailandia
Vittoria ha deciso di avviare la produzione di graphene funzionalizzato direttamente in Thailandia

Prospettiva Thailandia

Nel medio termine, Vittoria e Haydale valuteranno la possibilità di avviare la produzione di graphene funzionalizzato direttamente in Thailandia, vicino agli stabilimenti del Gruppo Vittoria. Per questo motivo è stata firmata una lettera di intenti tra Haydale e Graphene Creations Limited (“Graphene Creations”).

Stiamo parlando di una realtà all’avanguardia nell’impiego del graphene in Thailandia, creata nel 2017 per sfruttare l’enorme potenziale del graphene nell’economia thailandese. Vittoria è fondatore e uno dei principali azionisti di Graphene Creations.

Stijn Vriends Vittoria President & CEO
Stijn Vriends Vittoria President & CEO

Parola ai protagonisti

Keith Broadbent, CEO di Haydale, ha commentato così lo sviluppo della collaborazione con Vittoria: «Siamo entusiasti di lavorare con Vittoria sui loro pneumatici da ciclismo potenziati dal graphene. Sono la dimostrazione tangibile dell’impatto che la nostra tecnologia di funzionalizzazione HD Plas può avere sul mercato degli pneumatici e, più in generale, degli elastomeri. Non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con Graphene Creations e di combinare la nostra esperienza tecnica con le loro capacità di sviluppo del business».

Stijn Vriends, presidente e CEO di Vittoria Group, ha aggiunto: «Il nostro know-how unico sul graphene ci aiuta a realizzare gli pneumatici per biciclette più avanzati del pianeta. Siamo molto lieti di collaborare con Haydale per innovare ulteriormente in questo campo, e di avere come obiettivo comune la produzione di graphene in Thailandia».

Chiudiamo con il pensiero Ted P. Thirapatana, CEO di Graphene Creations: «Abbiamo lavorato con Haydale negli ultimi due anni su progetti di ricerca e di sviluppo di future applicazioni del graphene. Siamo quindi estremamente fiduciosi che combinando l’esperienza tecnica unica di Haydale sui nanomateriali e la nostra capacità di accesso al mercato, espanderemo ulteriormente la commercializzazione del graphene in vari settori. La nostra piattaforma di sviluppo delle applicazioni ha fondamenta solide: tanti anni di dati raccolti attraverso i processi di approvvigionamento, funzionalizzazione e produzione. È solo l’inizio».

Vittoria

Vittoria Corsa N.EXT, carcassa in nylon e mescola tutta nuova

22.07.2022
8 min
Salva

Vittoria lancia una nuova gomma che si ispira alla famiglia Corsa. Vittoria Corsa N.EXT (acronimo di nylon extended) è uno pneumatico sviluppato per essere longevo, ma garantire al tempo stesso le prestazioni che hanno reso celebre i modelli Corsa. Ci sono una carcassa in nylon e una mescola tutta nuova che combina la silice al grafene.

N.EXT è disponibile nelle versioni TLR (tubeless) e copertoncino. Entriamo nel dettaglio anche grazie ai primi feedback che mettono a confronto le due versioni.

Lo pneumatico N.EXT con la camera d’aria super light
Lo pneumatico N.EXT con la camera d’aria super light

Subito sotto agli pneumatici in cotone

La costruzione con la carcassa in cotone è una prerogativa della famiglia Corsa. Elasticità e grande capacità di adattamento, smorzamento delle vibrazioni e velocità, queste le caratteristiche principali degli pneumatici Corsa con la struttura in cotone. Lo sviluppo di N.EXT parte proprio da queste risposte, tanto apprezzate dai corridori, ma con la volontà di aumentare la longevità tecnica di una gomma destinata ai macinatori di chilometri. Non solo, perché un altro fattore chiave è stata la volontà di offrire uno pneumatico capace di confrontarsi con gli alto di gamma, ma ad un prezzo più contenuto.

Come è fatto il nuovo N.EXT
Come è fatto il nuovo N.EXT

Trenta tester al lavoro

«Dopo anni di duro lavoro da parte di tutto lo staff Vittoria – spiega Tommaso Cappella, product specialist di Vittoria – in modo particolare del reparto sviluppo prodotto, con Corsa N.EXT abbiamo finalmente raggiunto un obiettivo ambizioso. Ovvero replicare le prestazioni e sensazioni tipiche del Corsa in cotone in un copertoncino con carcassa in nylon, una soluzione costruttiva in grado di offrire maggiore resistenza e durabilità. Il fine ultimo di Vittoria Corsa N.EXT è quello di soddisfare le esigenze dei ciclisti che cercano le migliori prestazioni combinate alla durata e resistenza di un copertoncino in nylon, in gara e nelle uscite di ogni giorno.

«Il test ha coinvolto oltre 30 tester in ogni continente e condizioni meteo e stradali per oltre 30.000 chilometri raccolti con la versione finale della gomma. La creazione del prodotto che vediamo oggi è partita diversi anni addietro, approcciando diversi progetti. Ad esempio la ricerca sui materiali, per poter combinare Silica insieme al Grafene, senza mai scordare il Corsa feeling».

Come è fatto

Partendo dallo scheletro del Corsa N.EXT, la nuova carcassa è in nylon 100 Tpi, soluzione comune alle due versioni (clincher e tubeless ready). La struttura prende forma grazie a tre strati di nylon sovrapposti che inglobano anche il cerchietto (che è pieghevole). In questa zona è stata aggiunta una bandella di rinforzo, che protegge lo stesso cerchietto e irrobustisce il tallone. Nella parte superiore, tra la carcassa e il battistrada c’è un inserto protettivo, utile contro le forature e che influisce positivamente sulla durata della gomma. Ma non è tutto, perché questo inserto non è applicato a caso, in quanto non deve influire in modo negativo sulla scorrevolezza.

Si arriva alla mescola, la 2C che combina la silice con il grafene con una formula rinnovata. Anche in questo caso il focus primario è combinare delle performances paragonabili alle gomme al top del listino, con una durata elevata. Il design del battistrada ricorda da vicino (è praticamente uguale) i top di gamma Corsa, con degli intagli direzionali e distanziati nella parte centrale, ravvicinati ai lati.

Perché questa soluzione? Una maggiore spaziatura al centro, tra un canale e il successivo garantisce un’ampia superficie di contatto, offrono un rotolamento ottimale e il mantenimento facilitato delle alte andature. Le righe ai lati sono più vicine perché offrire un grip maggiore, aderenza e facilità di adattamento dello pneumatico.

Etichetta esaustiva e intuitiva

Con l’ingresso di Vittoria Corsa N.EXT cambiano anche il modo di leggere le specificità del prodotto. Ci sono il logo dell’azienda e il nome del prodotto, ci sono i dettagli di come usare al meglio la gomma. Il nuovissimo QR Code posizionato su un lato non è un semplice dettaglio, ma permette di accedere a contenuti aggiuntivi, come una sorta di carta d’identità. Ad esempio ulteriori consigli per l’utilizzo, caratteristiche tecniche e ulteriori specifiche.

I numeri di Vittoria Corsa N.EXT

Se dovessimo immaginare il portfolio delle gomme Vittoria troveremmo: Corsa in cotone all’apice, subito sotto la famiglia N.EXT, per poi passare a Rubino e Zaffiro. Di fatto il Corsa N.EXT è inserito in una fascia di mercato chiamata competition. Ha un prezzo di listino di 67,95 euro per la versione TLR, 57,45 per il copertoncino. E’ disponibile in sei larghezze: 700×24, 26, 28 e 30, 32 e 34, con dei pesi inclusi tra 190 e 240 grammi dichiarati (da 260 a 340 per il TLR).

Volendo fare un confronto con il Vittoria Rubino Pro da 25, l’N.EXT (copertoncino) da 26 è più efficiente del 20% nelle fasi di rotolamento, più resistente del 9% alle forature e più leggero del 14% (i dati si riferiscono al copertoncino). Mentre per il TLR l’aumento di prestazioni è ancora più considerevole: rispettivamente +23%, 30% e 8%.

Canale da 19 e larghezza in linea con le aspettative
Canale da 19 e larghezza in linea con le aspettative

Gomme più larghe? Conta anche il cerchio

Lo shape di N.EXT e lo sviluppo delle sezioni, tiene conto anche di un aumento delle larghezze dei cerchi e della combinazione/compatibilità proprio tra pneumatico e ruota. Oggi troviamo numerose tipologie di ruote in commercio, con una larghezza del canale interno che varia tra i 15 e i 23 millimetri (con l’ingresso delle ruote hookless si aumenterà ulteriormente la larghezza). La combinazione tra la larghezza della gomma e il canale interno del cerchio diventa fondamentale ai fini di sfruttare lo pneumatico al massimo delle sue potenzialità. Una gomma con un valore WAM (width as measured) ottimale è più performante.

Un paio di esempi: la sezione da 26 millimetri trova un’interfaccia ottimale con il canale da 19, quella da 28 con il canale da 21, perché la larghezza originale della gomma è rispettata e il prodotto è perfettamente in linea al cerchio.

I valori VAM, sempre più considerati per lo sviluppo delle gomme
I valori VAM, sempre più considerati per lo sviluppo delle gomme

Le impressioni sulla versione TLR

A tratti sembra di avere in dotazione il modello Corsa tradizionale, quello che per molti ha i fianchi color para. N.EXT trasmette un feeling immediato, scorrevole e rotondo, una gomma facile da interpretare fin dalle primissime pedalate. Man mano che passa il tempo e si sfruttano anche differenti pressioni di utilizzo e non è cosa rara la tendenza di abbassare la pressione.

Si adatta davvero bene alle varie situazioni, stili di guida e pressioni di esercizio, dalle più basse (grazie anche ai bordi che non collassano mai), fino a quelle più estreme. Anche in quest’ultimo caso colpisce il suo equilibrio, per un tubeless che non diventa mai un “sasso”. Il valore alla bilancia non è eccessivo ed è assolutamente accostabile agli pneumatici TL di altissima gamma.

Il design del battistrada, DNA Corsa
L’indicatore di usura TWI

I feedback del N.EXT copertoncino

Anche in questo caso abbiamo utilizzato la larghezza da 28 millimetri. Conferma quella grande dote che è la versatilità. N.EXT è capace di soddisfare gli amanti delle gomme da gara e questa versione clincher ha anche un valore alla bilancia molto basso. Rispetto alla versione TLR, il tube type ha un range di sfruttabilità delle pressioni che è più contenuto. Sono necessarie un paio di uscite, con percorsi diversificati, per capire come sfruttare il prodotto, interpretare la sua scorrevolezza e anche la guidabilità nei tratti più tecnici. Non è un dettaglio da far passare in secondo piano, perché è sinonimo di un prodotto ricercato, con una propensione corsaiola che è tipica della famiglia Corsa, ma con una secchezza maggiore nelle risposte.

In conclusione

Vittoria Corsa N.EXT è di sicuro una delle migliori produzioni dell’azienda lombarda, considerazione che abbraccia e mette insieme diversi fattori. Perché ha una carcassa in nylon, quasi una novità per Vittoria in questo segmento di prodotti. Ha una longevità eccellente, ma al tempo stesso ha un feeling che richiama la pastosità delle gomme Corsa al top del listino. C’è il design del battistrada di derivazione Corsa, un vantaggio anche in fatto di utilizzo dello pneumatico con diverse condizioni di terreno e di meteo. Questa gomma è un pò per tutti, a prescindere che si utilizzi il tubeless oppure il copertoncino.

Vittoria