Search

Bramati, la sosta di Bennett e il piano che crolla

21.03.2021
3 min
Salva

Bramati aveva per la Sanremo tutta un’altra tattica e questa non prevedeva la sosta di Bennett per foratura e che Alaphilippe scattasse sul Poggio: alla partenza Trentin aveva letto bene nei movimenti della sua ex squadra. Il piano della Deceuninck-Quick Step prevedeva di fare la corsa sui due uomini veloci, tenendo il campione del mondo come specchietto per le due grandi allodole del giorno: Van Aert e Van der Poel.

«Invece in meno di 20 chilometri è andato tutto in aria – ammette mestamente il bergamasco – prima con la sosta di Bennett fra i Capi e poi con Ballerini che ai piedi del Poggio ci ha detto di non sentirsi troppo bene. E a quel punto abbiamo detto a Julian di provare lui qualcosa, sapendo però che non fosse al livello del 2019 e soprattutto al livello degli altri due».

Alaphilippe era lo specchietto per le allodole, ma a causa della foratura di Bennett, alla fine è toccato a lui
Alaphilippe era lo specchietto per le allodole, ma alla fine è toccato a lui

Piano sfumato

Il dietro le quinte di una corsa come la Sanremo è spesso la parte più interessante da raccontare ed ha sapori diversi in base all’esito della gara. Se fossimo qui a parlare di una vittoria, ci sarebbe da tessere le lodi dello stratega. Invece siamo qui a commentare il 16° posto finale di Alaphilippe e il distacco di 29” di Ballerini e Bennett.

«Ha fatto un bello scatto – dice Bramati parlando di Alaphilippe – ma si sono mossi che il Poggio ormai stava finendo e partendo soprattutto da una velocità proibitiva per chiunque. Sapete chi ha scritto la storia della Sanremo, anche se alla fine non hanno portato a casa niente neanche loro? Ganna. Sul Poggio, Pippo ha fatto male a tutti, con la sua forza. Le sue accelerazioni hanno impedito a chiunque di scattare. Per questo là in cima non ci sono state differenze, si andava troppo forte. Non so che cosa avessero in mente».

Bennet come Ewan

E’ stata la sensazione di tutti, sebbene lo stesso Ganna alla partenza avesse detto di non sentirsi un granché e abbia invece scoperto lungo la strada di avere nelle gambe i cavalli giusti. Chissà che cosa sarebbe cambiato se avesse avuto in partenza la consapevolezza di tanta forza.

«Sapevamo che tutti aspettavano Julian – prosegue Bramati – e arrivare in cima al Poggio senza scattare era il quadro perfetto per portare gli altri due alla volata. Praticamente è riuscito tutto alla perfezione, solo che non avevamo gli uomini per la volata. Bennett ha speso davvero tanto per rientrare dopo la foratura. Si è mosso da solo fra le ammiraglie e poi con l’aiuto di Stybar, ma quando arrivi alla Cipressa già in affanno, poi si complica tutto. Però devo dire che senza quella foratura, Sam sarebbe stato là davanti. Insomma, se c’era Caleb Ewan, poteva starci benissimo anche lui».

Ballerini era una delle carte del team, ma ai piedi del Poggio ha scoperto di non stare bene
Ballerini ai piedi del Poggio ha scoperto di non stare bene

Ora Coppi e Bartali

La pagina è da voltare, in una stagione che ha dato lampi di vittorie che sarebbero state certo maggiori non dovendo fare i conti con i due fenomeni del cross.

«E infatti adesso ce ne andiamo al Coppi e Bartali – dice – dove avrò un po’ di ragazzi interessanti. Ci saranno Mauri Vansevenant e anche Honoré. E poi ci sarà anche Cavendish. La sfida sarà dura per lui, il percorso non è da velocisti, ma diciamo che nella prima tappa si potrebbe pensare di arrivare in volata. Invece Masnada è sceso dal Teide e andrà al Catalogna. E’ sceso anche Remco (Evenepoel, ndr), ma non sappiamo ancora dove correrà. Forse direttamente al Giro…».