Search

Blockhaus, Santa Cristina e Fedaia: quale farà più male?

21.11.2021
5 min
Salva

Il prossimo Giro d’Italia si annuncia a dir poco tosto. Propone tante salite, ma tre sembrano essere più dure delle altre. Non solo, ma si annunciano anche decisive visto che sono all’arrivo. Di quali scalate parliamo? Blockhaus, Santa Cristina e Fedaia (in apertura il tratto spettacolare nei Serrai di Sottoguda).

Per analizzare meglio questi tre “giganti” ci siamo rivolti a Gilberto Simoni che queste salite le conosce bene. Nella sua carriera le ha affrontate in corsa sin da dilettante, come il Blockhaus. Gibo di scalate se ne intende visto che ci ha costruito i suoi successi più prestigiosi.

Simoni al termine della Chieti-Blockhaus al Giro 2009
Simoni al termine della Chieti-Blockhaus al Giro 2009

Numeri simili, durezze differenti

Si tratta di tre salite lunghe e, almeno numericamente, somiglianti. Il Blockhaus misura: 13,6 chilometri, 1.141 metri di dislivello e ha una pendenza media dell’8,4 %. Il Santa Cristina: 13,5 chilometri, 1.078 metri di dislivello e una pendenza media dell’8%. Infine il Passo Fedaia conta: 14 chilometri, 1.062 metri di dislivello e una pendenza media del 7,6%.

Ma in salita i numeri contano fino a un certo punto. Porzioni, segmenti, tipologia dei tornanti (se spianano o tirano), meteo… Ogni scalata ha la sua storia e il suo DNA.

Il Blockhaus si scalerà nel corso della 9ª tappa (187 chilometri) con partenza da Chieti
Il Blockhaus si scalerà nel corso della 9ª tappa (187 chilometri) con partenza da Chieti

La lunghezza del Blockhaus

«Il Blockhaus  – ricorda Simoni – lo feci la prima volta da dilettante. Arrivai secondo. Mi sembra salissimo dal versante di Passo Lanciano. Ero con il mio compagno Amilcare Tronca che morì poi per un incidente stradale. Io ero in maglia di campione italiano e la squadra voleva che vincessi. Quasi litigammo affinché si prendesse quella tappa. Lui voleva essere fedele agli ordini di squadra. Ma io avevo già vinto 16 corse e gli dissi di stare tranquillo. Tante volte mi aveva aiutato ed era giusto che vincesse lui».

«Per il resto – aggiunge Gilberto – si tratta di una salita molto lunga. E’ la prima vera scalata del Giro. Anche l’Etna non è cosa da poco, ma lì si può stare bene anche a ruota. Chi attacca sul vulcano rischia di fare la fine del topo con quella pendenza e la strada larga. Sul Blockhaus invece non è così.

«Queste salite appenniniche di inizio Giro recano sempre un po’ d’incertezza. Fanno paura, non si sa mai come sono i valori in campo. In ogni caso questa salita sarà un bello spartiacque e metterà subito in evidenza i veri protagonisti del Giro. Il dislivello è importante».

Il Santa Cristina non è sede di arrivo ma è vicinissima al traguardo dell’Aprica
Il Santa Cristina non è sede di arrivo ma è vicinissima al traguardo dell’Aprica

Gli strappi del Santa Cristina

Gibo ha sottolineato il dislivello e la lunghezza del monte abruzzese e infatti parliamo di scalate che durano oltre 40 minuti che, come detto, sono molto simili. Ipotizzando una VAM (velocità ascensionale media) di 1.500 metri all’ora, queste tre salite durano rispettivamente: 45′, 43′ e 42′. Chiaramente questo “su carta”, poi s’innescano discorsi tattici, la fatica che si accumula in una corsa a tappe, il meteo. L’anno scorso per esempio Yates toccò una VAM di 1.700 quando vinse a Sega di Ala.

«Il Santa Cristina – riprende Simoni – di solito lo si faceva dopo aver scalato il Mortirolo e scendendo dall’Aprica, stavolta invece si attacca dal basso. Quindi per la prima parte la strada è quella che porta all’Aprica, appunto, ma dal versante valtellinese. Poi dal bivio, a circa metà salita, cambia tutto. La strada diventa stretta, ci sono dei tornanti. Ricordo che ci sono delle rampe con strappi duri.

«Una scalata del genere non la puoi subire. Devi attaccare, devi stare davanti, altrimenti se ti difendi con tutti quei cambi di ritmo rischi di fare molta fatica ad inseguire».

Il Passo Fedaia è l’ultima grande scalata del Giro. I 5 chilometri finali sono durissimi
Il Passo Fedaia è l’ultima grande scalata del Giro. I 5 chilometri finali sono durissimi

La durezza del Fedaia

Gibo esalta subito la durezza della Marmolada. Per lui questa è la più dura delle tre, anche se, numeri alla mano, sembra la più “gentile”, ma è per questo che ascoltiamo il parere dei corridori!

E poi conta il profilo. E allora nel caso del Fedaia se si considera che nei tratti iniziali spesso la strada spiana, quel 7,6 per cento di pendenza media è ingannevole. Esattamente come diceva ieri Fabbro del Kolovrat: «E’ 9 per cento, ma nel mezzo spiana e c’è discesa». 

«Queste salite troppo dure – conclude Simoni – a volte bloccano la corsa. Un po’ come si è visto su Mortirolo o Zoncolan. Se attacchi, rischi di pagare. E allora per me non devi guardare nessuno. Devi prendere e salire al meglio che puoi: né attaccare, né difenderti. Se attacchi magari guadagni 10”. Però è anche vero che siamo nel finale del Giro e bisognerà vedere quali saranno i giochi in ballo.

«Per me non cambierà troppo le sorti del Giro. Tante volte la tattica conta poco in questi casi. Sai che arrivi lì e ti giochi tutto, semmai conta maggiormente in tappe più facili».

Fedaia: i 5 chilometri finali sono durissimi. In fondo l’uscita dai “drittoni” in corrispondenza di Capanna Bill
Fedaia: i 5 chilometri finali sono durissimi. In fondo l’uscita dai “drittoni” in corrispondenza di Capanna Bill

Quei 24′ sul Fedaia

E probabilmente alla fine Gibo ha ragione quando dice che la mitica Marmolada, il Passo Fedaia, è il più duro. E anche i numeri sono dalla sua parte. No, non ci stiamo contraddicendo!

Consideriamo anche la quota. E’ l’unica di queste tre salite che supera i 2.000 metri, è l’ultima del Giro e poi il troncone duro è il più impegnativo. Perché alla fine, proprio per ovviare al dato della pendenza media, bisogna sezionare il tratto più tosto.

Il Blockhaus è il più regolare: tolto l’inizio è tutto impegnativo. Per 10 chilometri si sale attorno al 10 per cento e con una punta del 14 per cento.

Al contrario il Santa Cristina è il meno costante. Il suo troncone duro misura 6,6 chilometri nei quali la pendenza media è del 10,1 per cento con una punta del 16 (anche se l’altimetria ufficiale recita 13).

Infine il tratto duro del Fedaia è il più breve: “appena” 5,35 chilometri, da Malga Ciapela (uscita dei Serrai di Sottoguda) al valico, ma con una pendenza media dell’11,2 per cento e una punta del 18. 

Se dovessimo tornare a quei famosi dati VAM ipotizzati, i tre segmenti durerebbero rispettivamente: 36′, 27′ e 24′. E fare 5 chilometri in 24′ la dice lunga…