Search

AIR 2023: corsa cancellata. A Corropoli un silenzio rumoroso

21.09.2023
5 min
Salva

CORROPOLI – La piazza di questo paesino delle colline teramane è vuota e silenziosa. Sul balcone del municipio ci sono i palloncini bianchi, azzurri e verdi: i colori dell’Adriatica Ionica Race. Sotto c’è un camion con le transenne, ancora sul cassone. I cartelli con divieto di sosta indicano che i parcheggi sono riservati ai mezzi della gara, ma sono vuoti. Doveva essere una festa. Niente di tutto ciò.

Vi raccontiamo dunque la storia di una giornata surreale. L’Adriatica Ionica Race è stata annullata a meno di 24 ore dal via. La gara di Moreno Argentin si ferma dunque dopo quattro anni. E lo fa in malo modo.

Corropoli è vuota. Si aspettava la corsa: tutto annullato
Corropoli è vuota. Si aspettava la corsa… tutto annullato

Piazza deserta

Già dal pomeriggio di ieri iniziavano a circolare delle voci insistenti circa le difficoltà nel far svolgere dell’evento. Niente gara. Poi al contrario arrivavano delle rassicurazioni.

In realtà i problemi c’erano e avevano radici ben più lontane. Sei mesi secondo Argentin, quando non trovò l’accordo con la Lega del Ciclismo Professionistico per i diritti tv. Inizio settembre secondo altre fonti, quando in prefettura a L’Aquila, al momento della richiesta di permessi e scorta tecnica, emersero delle inadempienze da parte della società organizzatrice Asd Sportunion e da lì tutta una serie di difficoltà.

Ma andiamo con ordine. Si fa, non si fa: alla fine tra passa parola e comunicati ufficiali che tardano ad arrivare si arriva al pomeriggio di oggi, con una comunicazione definitiva attesa entro le 16.

La festa prevista

Il fatto è che a Corropoli non solo la piazza è vuota. Ma anche la sede della gara nel teatro comunale. C’è una piccolissima parte dell’organizzazione, guidata dalla bravissima Marilena Zangrando che ci ha messo la faccia e ha svolto un ruolo di mediazione unico. Ci siamo noi giornalisti, tra cui uno australiano arrivato da Sydney, c’è il sistema di cronometraggio e basta.

Niente giudici, niente giuria né chaperon, niente rappresentati di sponsor, speaker, radio corsa… e tutto quel che si trova solitamente ad una corsa di ciclismo. 

E dire che il vicesindaco chiedeva se avessimo notizie fresche. Era dispiaciuto in quanto aveva organizzato una festa per la sera dopo la presentazione delle squadre, con musica, cibo tipico per tutti… Era dispiaciuto perché la sua Giunta ci aveva creduto e temeva anche la figuraccia agli occhi dei cittadini.

E come già al Comune di Corropoli, è trapelato che anche Puglia e Calabria soprattutto non abbiano preso affatto bene la notizia dell’annullamento.

I direttori sportivi parlottano tra loro. Mezzi spostati, spese di voli e viaggi gettati al vento
I direttori sportivi parlottano tra loro. Mezzi spostati, spese di voli e viaggi gettati al vento

Arrivano i diesse

A un certo punto, sono più o meno le 15, ecco comparire i direttori sportivi delle 16 squadre presenti. In realtà ne mancavano quattro all’appello: Mg-K Vis, GW Shimano, Novo Nordisk e Team Corratec.

Sono qui perché di fatto non hanno ricevuto comunicazioni ufficiali.

Stefano Zanatta, direttore sportivo della Eolo-Kometa, si è fatto portavoce di tutti gli altri: «Non potevamo non venire, basandoci su una telefonata non ufficiale da parte di un membro della Lega nel pomeriggio di ieri. Non funziona così. La Lega Ciclismo ci dovrebbe tutelare. Aspettavamo una comunicazione ufficiale e l’unica che abbiamo letto è stata quella di questa mattina, in cui l’organizzazione si riservava di sciogliere i dubbi entro le 16. Noi quindi ci siamo regolarmente presentati».

Le squadre hanno fatto il loro. Si sono presentate in effetti, ma senza una punzonatura in programma, che cosa avrebbero potuto fare? Nulla… E nulla hanno fatto. Allo scoccare delle 16, accompagnate dal suono delle campane di Corropoli, tutti si sono riversati verso l’unica referente dell’AIR, appunto la signora Zangrando. Alle 16,15 Argentin avrebbe tenuto una call.

La call di Argentin

E alle 16,15, su Zoom, Argentin parla ai dodici team presenti, al capo della Polizia e a qualche giornalista. Sostanzialmente, nei 20 minuti di videochiamata, l’ex corridore ha spiegato la situazione dicendo che le inadempienze economiche di cui è accusato da parte di Lega Ciclismo e Federciclismo, sarebbero state sanate nei tempi previsti. Non solo, ma sono stati onorati anche i premi per gli atleti.

Argentin, che parla da casa, enuncia le sue ragioni e accusa in modo diretto l’intento politico della Lega Ciclismo di remare contro l’AIR, in quanto lui e qualche giorno prima anche Pozzato col mondiale gravel, (anche se le storie sono in apparenza differenti) non si sarebbero accordati con la stessa Lega sui diritti tv. 

Come spesso accade in Italia, in realtà dietro ci sarebbero anche dei conflitti “politici”. Ed è per questo motivo, secondo Argentin, che l’UCI non ha fatto arrivare i suoi giudici.

Se tutto era in regola e c’era la scadenza delle 16 per sanare le ultime cose, perché queste figure già dal giorno prima non hanno preso la via di Corropoli? Chi le ha imbeccate? Almeno su queste domande i dubbi di Argentin sono legittimi. Di contro, perché ridursi all’ultimo se si è consapevoli di tali problematiche?

I colori delle targhe della AIR, tutto era pronto. Il Garibaldi? Qui si chiamava il Marco Polo
I colori delle targhe della AIR, tutto era pronto. Il Garibaldi? Qui si chiamava il Marco Polo

Fino alla fine

Dalla call emerge che Argentin, al lavoro con il suo avvocato e smuovendo la politica sportiva abruzzese, stava cercando di salvare il salvabile, rimediando una giuria e la scorta tecnica. Ha pertanto chiesto di attendere ancora un’ora, un’ora e mezza al massimo. Cosa che sarebbe andata oltre i limiti consentiti (le 16,45 della vigilia del via) dal regolamento UCI ma che, vista la situazione, ha trovato la collaborazione da parte dei direttori sportivi a sforare il limite delle 16,45. Il problema è che non c’era nessuno.

Dopo neanche mezz’ora, la solita Zangrando è uscita dal teatro e ai diesse che parlottavano ha dato il via libera: «Andate a casa».

Sono le 17, suonano ancora le campane e termina così una giornata surreale. Una giornata che porterà con sé molte polemiche, rimpalli di responsabilità, molti dubbi, una brutta pagina di sport e una lunga battaglia legale.

P.S. Mentre scriviamo questo articolo, nella sede della gara c’è il caos per la logistica: chi rientra a casa anzitempo, chi resta, cosa si deve fare con l’evento cicloturistico parallelo all’Adriatica Ionica Race. Altro che giornata finita, la serata si annuncia ancora lunga…