Search

Sette tappe, Mortirolo e Fauniera: il Giro d’Italia U23 è servito

13.04.2022
6 min
Salva

Lo abbiamo atteso a lungo e adesso finalmente conosciamo il Giro d’Italia U23. Lo scorso anno fu uno spettacolo. Una manifestazione organizzata alla grandissima, sotto ogni punto di vista a partire da quello tecnico e del parterre, dagli eventi collaterali, dalla logistica (650 addetti), dal doppio speaker, dalla comunicazione… e anche dal percorso.

Percorso che quest’anno, ed è la novità maggiore, purtroppo è stato “mutilato” di tre frazioni. Una taglio resosi necessario per ovvi motivi economici-organizzativi: alcune località si sono tirate indietro all’ultimo minuto. Ma a primavera inoltrata ExtraGiro non poteva aspettare oltre. E quindi avanti così: sette tappe, ma davvero belle ed entusiasmanti, dalle quali uscirà un gran vincitore.

E allora scopriamolo questo “Giro baby” numero 45. L’appuntamento è dall’11 al 18 giugno.

Il percorso

Si parte dalle Marche, da Gradara, con una tappa per velocisti. Giustamente aggiungiamo noi, così che anche loro abbiano la possibilità di indossare la maglia rosa. Lasciate le Marche si punta subito verso Nord e si passa in Emilia-Romagna già nel corso del primo giorno. L’arrivo infatti è ad Argenta, in provincia di Ferrara.

Un lungo trasferimento in auto ed ecco che già nella seconda tappa c’è odore di montagne. Da Rossano Veneto a Pinzolo: due Gpm e una seconda parte di tappa davvero impegnativa. Perfetta per gli attaccanti e per chi vuol preparare qualche imboscata.

La terza frazione potrebbe già essere decisiva, di sicuro influirà parecchio sulla classifica finale. Da Pinzolo si va infatti a Santa Caterina Valfurva. Bastano i nomi di due salite per capire di cosa parliamo: Passo del Tonale e Passo del Mortirolo. Senza contare l’Aprica e la lunga risalita a Santa Caterina che in pratica è la prima metà del Gavia.

Gambe permettendo, la tappa numero 4, Chiuro-Chiavenna, potrebbe strizzare l’occhio alle ruote veloci, però il finale tende a salire e tutto appare molto incerto.

Il Colle della Fauniera è stato spesso affrontato dal Giro dei pro’, mentre è una novità per gli U23. Qui, uno scatto del 2003
Il Colle della Fauniera è stato spesso affrontato dal Giro dei pro’, mentre è una novità per gli U23. Qui, uno scatto del 2003

Cuneo: storia e salite

Nelle ultime tre tappe si passa in Piemonte e in particolare nella provincia di Cuneo, che ha accolto alla grande il Giro U23. Un abbraccio così forte quello piemontese dovuto anche dal fatto che quest’anno è la Regione Europea della Sport 2022.

Particolare invece è la frazione successiva, la quinta, da Busco a Peveragno. C’è il Valmala, che è salita vera in avvio. Bisognerà scaldarsi prima del via. Le squadre potrebbero disfarsi e i 118 chilometri dal Gpm all’arrivo potrebbero trasformarsi in una cronometro, con tanti gruppetti ad inseguirsi. Vedremo.

La sesta tappa è quella che deciderà la maglia rosa finale. Si arriva infatti sul Colle della Fauniera. Salita mitica, selvaggia, a quasi 2.500 metri di quota: 21 chilometri con punte al 16 per cento. Lo scorso anno sul tappone verso Campo Moro Ayuso fece il bello e il cattivo tempo, quest’anno ci sarà un dominatore altrettanto forte?

Infine, si chiude con una classica, la Cuneo-Pinerolo. Il suo nome risuona come una filastrocca e il pensiero va all’impresa delle imprese che siglò Fausto Coppi al Giro del 1949. Quel che c’è in mezzo però è tutto diverso. Non ci sono cinque colli giganteschi da scalare, ma tanti saliscendi che premieranno i corridori più potenti, ma soprattutto che avranno ancora energia nelle gambe. 

ExtraGiro è una garanzia in quanto a standard di qualità e sicurezza
ExtraGiro è una garanzia in quanto a standard di qualità e sicurezza

Parola ad Amadori

Al via sono attesi 176 atleti in rappresentanza di 35 squadre, su oltre 70 richieste, e 14 Nazioni. I team italiani saranno 18 il resto stranieri, provenienti da 14 Paesi. 

Di fronte a questa predominanza italiana abbiamo chiesto un parere al cittì degli U23, Marino Amadori.

«Per me – spiega Amadori – si tratta di un Giro equilibrato, anche se è più corto per ovvi motivi. L’unica cosa che manca, e gliel’ho detto a Selleri (che con Pavarini è l’organizzatore del Giro, ndr), è una cronometro. Ma stavolta di più non si poteva fare e capisco anche le loro esigenze».

«Fauniera nettamente predominante nel percorso? Non credo. Sì, è chiaramente la salita più importante e dura, ma anche quella che arriva a Santa Caterina Valfurva avrà il suo bel peso. Ha molto dislivello, propone salite importanti. E se in quella del Fauniera la squadra conta relativamente, in quella di Santa Caterina è importante, ci sono discese, fondovalle».

Capitolo italiani

Con il cittì chiaramente non potevamo non parlare dei nostri ragazzi. Chi potrà fare bene? Il pensiero vola subito a Gianmarco Garofoli.

«Eh – dice Amadori – così mettete il dito nella piaga! Purtroppo quello che poteva fare bene, bene, Gianmarco Garofoli è out. Però abbiamo il buon Marco Frigo. E oltre a lui, pensando alla salita mi vengono in mente anche Piganzoli e Ciuccarelli, anche se magari Ciuccarelli lo vedo più per attacchi da lontano, in anticipo che nel testa a testa finale. Lui è uno che se gli dai spazio è pericoloso».

«E poi non dimentichiamo i ragazzi della Bardiani Csf Faizanè. A volte ancora non li consideriamo nel lotto degli U23, ma ci sono in particolare due corridori che possono fare bene. Uno è Alessio Martinelli e l’altro è Martin Marcellusi.

«Martinelli può pensare alla generale. Sta crescendo, in salita va forte e lo scorso anno ha corso il Giro affianco ad Ayuso quindi ha una bella esperienza e ha visto come si fa. Ecco: lui ci può provare. E Marcellusi potrebbe essere molto adatto per alcune tappe mosse».