Una donna a capo di un team maschile: l’esempio della De Jonckere

29.11.2022
6 min
Salva

Non c’è solo la Luperini. In contemporanea con la Toscana approdata alla guida del Team Corratec, un’altra formazione professional, l’americana Human Powered Health ha affidato le “chiavi della squadra” a Ro De Jonckere, manager belga con una vasta esperienza nel mondo del ciclismo maschile. Ro si è fatta la sua gavetta iniziando oltre vent’anni fa seguendo le orme di suo padre, dirigente della Domo Farm Frites che era l’antecedente dell’attuale Quick Step.

«Devo molto a Nico Mattan, un ex corridore che era venuto a vivere proprio accanto alla mia famiglia – racconta Ro – Nico mise in contatto mio padre, che era il direttore marketing della Domo, con Patrick Lefevere, dando così vita al team. Nel 2004 mi diplomai a scuola, nel team serviva qualcuno che lavorasse in ufficio, era per me una bella esperienza professionale così iniziai».

Lo Human Powered Health, con diversi nomi, è in attività dal 2007
Lo Human Powered Health, con diversi nomi, è in attività dal 2007
Hai lavorato 12 anni con Lefevere e 5 anni con Douglas Ryder: che cosa hai imparato da loro?

Penso di poter dire di aver imparato dai migliori. Ho imparato molto sul ciclismo in generale e molto sul business del ciclismo, perché Patrick è un ottimo uomo d’affari. E una delle cose che ricorderò sempre di lui è che mi diceva sempre di stare calma. Sua madre è sempre stata presa dal panico, è una cattiva consigliera e le decisioni affrettate spesso sono decisioni sbagliate. E penso che sia stato un ottimo consiglio. Anche Douglas è un ottimo manager, con una visione più ampia dello sport, che va al di là delle semplici prestazioni. Inoltre, il collegamento con l’ente di beneficenza del Qhubeka è stato davvero un colpo d’occhio che ti mostra cosa può fare lo sport e qual è il suo potere. E c’è bisogno di qualcosa in più oltre al solo lato prestazionale delle cose.

Rispetto alla Luperini, tu hai sempre lavorato in ambito maschile: è un vantaggio?

Non so se sia un vantaggio. L’anno scorso è stato il primo anno in cui sono entrata in contatto con il ciclismo femminile e devo dire che ho cercato di recuperare molto. Penso di aver partecipato solo ad alcune delle nostre gare maschili con la squadra l’anno scorso, ma sono andata a molte gare femminili per capire, perché era davvero una novità per me. Il ciclismo femminile sta davvero crescendo molto, ma ha ancora molta strada da fare. E penso che possa tornare utile portare un po’ dell’esperienza del ciclismo maschile in quello femminile. Certo, ha i suoi aspetti unici e non dovremmo volere che sia completamente uguale. Ma d’altra parte, dato che il ciclismo femminile è più giovane e ancora molto in crescita e in via di sviluppo, ci sono molti aspetti del ciclismo maschile che possiamo usare per far crescere il ciclismo femminile.

La De Jonckere al Tour Femmes 2022, dov’era tra le diesse del team americano
La De Jonckere al Tour Femmes 2022, dov’era tra le diesse del team americano
Attualmente quali sono le principali differenze fra ciclismo maschile e femminile e secondo te sono maggiori rispetto agli altri sport?

Penso che la differenza principale per il momento sia che hai un gruppo molto piccolo di ciclisti davvero forti e manca una buona base per il momento. Tutte le grandi squadre ora stanno fondando una sezione femminile, ma al momento non ci sono abbastanza brave donne per riempire tutte quelle squadre più grandi. Penso che tra qualche anno la situazione migliorerà perché si sta investendo sulle giovani e sullo sviluppo del ciclismo femminile. Penso che per il momento la differenza più grande sia ancora il fatto che la professionalità per molto tempo non è stata allo stesso livello degli uomini. Come, per esempio, adesso vedi che le squadre femminili hanno anche nutrizionisti e allenatori e l’intero ambiente intorno alle squadre femminili sta diventando sempre più professionale e questo aiuterà molto anche a salire al livello successivo.

Ora sarai la responsabile massima in un ambiente quasi completamente maschile: temi ci sia un atteggiamento diverso di corridori e dirigenti verso di te rispetto a un maschio?

No, non proprio, perché vado in bicicletta da quasi 20 anni. È sempre stato un ambiente molto maschile. In molti casi ero l’unica donna della squadra , ma non ho mai pensato che fosse uno svantaggio o che le persone mi vedessero in modo diverso per questo. Ho sempre avuto la sensazione che le persone mi rispettassero per quello che stavo facendo e non per il mio genere. Quindi, personalmente, non ho grossi problemi.

Chad Haga, leader della squadra americana, reduce da una stagione sottotono
Chad Haga, leader della squadra americana, reduce da una stagione sottotono
Quanto è importante il lavoro del tuo team per l’evoluzione del ciclismo americano?

Molto, soprattutto ora che nel post Covid il ciclismo in America è davvero a un livello basso. Quest’anno abbiamo avuto solo una grande gara negli Usa, la Maryland Classic. So per certo che il Maryland Classic vuole organizzarsi di nuovo l’anno prossimo e stavano anche parlando di organizzare la gara femminile. E speriamo che molti altri organizzatori seguano l’esempio. Noi come squadra americana siamo ovviamente un po’ gli ambasciatori del ciclismo a stelle e strisce, anche se date le circostanze, per il momento, il 95% della nostra attività si svolge in Europa.

E cosa ti aspetti dalla prossima stagione? Quali sono i corridori su cui puntare?

Quest’anno abbiamo fatto alcune buone aggiunte alla nostra squadra. Ora abbiamo 22 corridori. Ci aspettiamo molto da loro, soprattutto nelle gare fiamminghe e contiamo molto sul nostro velocista, il polacco Stanislav Aniolkowski. Abbiamo investito tutto intorno alla squadra, abbiamo assunto un nutrizionista e stiamo lavorando con alcuni allenatori extra. Quindi speriamo di essere in grado di alzare il nostro livello il prossimo anno. Per la squadra femminile abbiamo anche alcune nuove atlete, puntiamo molto sulla polacca Pikulik e la cipriota Christoforou, che ha avuto un po’ di problemi di salute l’anno scorso ma verso la fine dell’anno abbiamo già visto che il livello stava migliorando molto. E poi anche Alice Barnes è una delle nostre nuove risorse. Penso che in entrambe le squadre abbiamo fatto delle buone aggiunte e speriamo di sì. Abbiamo una buona stagione.

Aniolkowski, nuovo acquisto dalla Bingoal Pauwels, sarà il velocista leader nelle classiche
Aniolkowski, nuovo acquisto dalla Bingoal Pauwels, sarà il velocista leader nelle classiche
Il tuo team maschile è da anni nel ciclismo. E’ possibile un salto fra le WorldTour nel futuro?

Questa è la nostra ambizione. La nostra squadra femminile, come sapete, è già nel WorldTour. Siamo l’unica squadra in cui le donne sono nel WorldTour prima degli uomini. E speriamo un giorno di poter fare lo stesso con la nostra squadra maschile. Ma come sai, non è così facile, non è solo una questione di budget. Stiamo cercando di migliorare la nostra squadra e tutto ciò che la circonda. E speriamo davvero che un giorno quel futuro possa essere il World Tour. Di sicuro ci proveremo.