Search

Formolo sul Giau con il 53. A Sega di Ala cosa farà?

26.05.2021
3 min
Salva

Oggi Formolo gioca in casa e vuole vincere: «Monterà il 54?». La battuta cade nell’imbarazzo, con Baldato e Marzano che non sanno più cosa dire. Si arriva sulla durissima Sega di Ala, ma vi siete accorti di quali rapporti spingesse il veronese domenica sul Giau? Quando ha deciso di attaccare, Davide ha messo la catena sul padellone e tutti noi, davanti agli schermi dell’arrivo e forse anche a casa, abbiamo pensato che avesse il montato il 50. Per questo, quando la corsa è finita e siamo arrivati nei pressi del pullman del Uae Team Emirates, siamo andati a guardare, ma decisamente quello era un 53. Sul Giau…

«Che cosa vi posso dire – sbottava Baldato con le mani nei capelli – manca che per la tappa di Sega di Ala gli smontiamo il deragliatore…».

La vittoria di Formolo al Delfinato 2020 con un’azione di forza
La vittoria di Formolo al Delfinato 2020 con un’azione di forza

Cadenza, cadenza…

Il tema è interessante, perché Formolo ha sempre spinto rapporti troppo lunghi sin da quando era dilettante e l’abitudine non è certo venuta meno. Solo che un conto è correre col rapporto avendo nel mirino le classiche, altra cosa voler fare classifica al Giro.

«Ci abbiamo lavorato tutto l’inverno – dice Marzano, primo diesse del team al Giro – ma sono passati troppi anni da quando è professionista per pensare di cambiarlo. Certo vederlo con il 53 sul Giau è stato abbastanza allucinante, soprattutto vedendo come andavano agili gli altri, Almeida e Nibali ad esempio. E’ dall’inverno che ne parliamo. L’anno passato è stato particolare, ma se si vuole provare a fare classifica, il segreto è salvare la gamba. Alla fine però possiamo dirgli quel che vogliamo, ma quando arriva il momento della selezione, a pedalare ci sono loro. Io alla radio non facevo che dirgli “cadenza, cadenza”, ma in certi momenti subentrano le abitudini…».

Le gambe dure

Il tema è anche che quando in montagna fa freddo e magari piove, il rapportone ti inchioda le gambe. Baldato è incredulo.

«Non si riesce a farlo andare agile – dice il vicentino, appena arrivato nel team – è più forte di lui. Mi ricordo quando l’anno scorso ha vinto al Delfinato, ha fatto un’azione di forza, ma non c’era il tempaccio di ieri. Detto questo, il Giro è la prima corsa che faccio con lui. E’ professionista al 100 per cento, ma continua a portarsi dietro questa pecca. Butta via delle belle occasioni. Io non amavo la pioggia, perché mi si induriva la gamba e per questo andavo anche più agile. Lui non vuole farlo e dice che quando attacca, deve usare il rapporto».

Alla lunga però il rapportone sul Giau lo ha sfinito
Alla lunga però il 53 sul Giau lo ha sfinito

Lo stesso dialetto

Come lo convinci uno così? Potresti montargli di nascosto il 50 sperando vanamente che non se ne accorga. Pescando nella memoria, torna a galla il lavoro fatto da Bugno nell’inverno 1993-1994, che gli permise di vincere il Fiandre, ma se il corridore non vuole, c’è poco da rincorrerlo.

«Con Davide ho sempre fatto battute – ricorda Baldato – ricordo che quando Cannondale chiuse, cercai di portarlo dalla Bmc. Abbiamo sempre parlato in dialetto, che per noi veneti è importante. Di Formolo ho sempre apprezzato la naturalezza, la spontaneità e la genuinità. Sta bene. Sega di Ala è una salita che conosce bene, metro per metro. Volete sapere che cosa gli abbiamo detto scherzando per convincerlo a starci attento? Che gli smonteremo il deragliatore…».