Search

Donne, chilometri e categorie confuse: bell’intrigo

07.07.2023
5 min
Salva

Parte tutto da una frase di Paolo Sangalli, cittì delle donne. «Tra i professionisti esiste la soglia dei 200 chilometri, fra le donne c’è da considerare il limite dei 150». Per questo il campionato italiano si è corso su quella distanza: affinché andando al mondiale, le ragazze siano avvezze a una distanza più importante di quelle che affrontano di solito.

Il mondiale vinto lo scorso anno da Annemiek Van Vleuten misurava 164,3 chilometri. Per contro il campionato europeo di Monaco, vinto da Lorena Wiebes, si fermava a 128,3.

Longo Borghini e le sue eredi Barale, Ciabocco e Realini. Fra la tricolore e le altre c’è differenza per solidità, esperienza, capacità di prestazione
Longo Borghini e le sue eredi Barale, Ciabocco e Realini. Fra la tricolore e le altre c’è differenza per solidità, esperienza, capacità di prestazione

Natura e lavoro

E’ davvero così? Lo abbiamo chiesto a Paolo Slongo, che attualmente è proprio al Giro Donne, allena da anni Elisa Longo Borghini e in carriera ha lavorato con fior di professionisti.

«Si dice che negli uomini – inizia Paolo – i 200 chilometri siano un gradino e poi dopo i 250 ce n’è un’altro. Ci sono atleti che magari sono performanti sotto i 200, chi intorno ai 200 e poi c’è un’ulteriore selezione sopra i 250. Dipende dalla capacità aerobica, dalla resistenza e l’efficienza del loro corpo. Spendono meno di altri e quindi alla fine sono più performanti. Sono qualità legate alla genetica, però sono allenabili. Se uno ha la predisposizione di fibre rosse e il peso adeguato, può migliorare. Non è indispensabile essere magri, un corridore che fa il Fiandre può essere anche 70-75 chili e ugualmente può essere performante su percorsi duri. Guardiamo Van Aert…».

Fem Van Empel ha 20 anni, Marianne Vos ne ha 36: esigenze diverse e differenti fisiologie da allenare
Fem Van Empel ha 20 anni, Marianne Vos ne ha 36: esigenze diverse e differenti fisiologie da allenare
Le nuove conoscenze in campo alimentare aiutano?

Tante volte alimentandosi bene, si decade di meno oltre certe soglie di chilometraggio. Però secondo me, vale di più l’allenamento. Se di base non c’è un’elevata efficienza su cui hai lavorato, puoi alimentarti bene, ma non ti sposta il limite in modo significativo. Adesso va di moda qualcosa che esiste da vent’anni. Si legge di Pogacar e del suo allenatore che parlano di allenamenti in Z2. E’ il famoso medio basso, il lavoro a frequenze che spingono il corpo a diventare sempre più efficiente, quindi a usare sempre più i grassi come carburante.

E ora veniamo alle donne, che corrono su distanze basse rispetto all’evoluzione delle prestazioni. Come mai, secondo te?

Il ciclismo femminile è cambiato in modo repentino. Con l’arrivo del Tour c’è stato uno sviluppo che però non ha riguardato la lunghezza delle gare. Chiaramente non c’è da fare paragoni con gli uomini che fanno la Sanremo di 290 chilometri, però donne ben allenate possono fare chilometraggi più alti di quelli che fanno attualmente.

Secondo Sangalli esiste il limite dei 150 chilometri, ma forse è anche poco non credi?

Credo che se per le classiche e i mondiali le ragazze facessero gare di 180 chilometri, si vedrebbe ancora di più la differenza tra atlete di maggior fondo. Penso a un’atleta come Longo Borghini, che per certi versi è com’era Nibali. Forse anche per merito dell’allenamento, Elisa va meglio se la gara è più lunga e impegnativa. Nel senso che lei rimane nel suo standard alto, mentre altre calano alla distanza. Probabilmente non si allena come la Van Vleuten che fa 6-7 ore (in apertura a Livigno, foto Instagram), ma sta regolarmente sulle 5 ore, 5 ore e mezza, per cui un allungamento delle corse le farebbe bene.

Gaia Realini, 22 anni, sta battagliando al Giro con Van Vleuten che ne ha 40. Dei fuori giri su cui ragionare
Gaia Realini, 22 anni, sta battagliando al Giro con Van Vleuten che ne ha 40. Dei fuori giri su cui ragionare
Non sarà che le distanze restano basse perché nello stesso gruppo si ritrovano atlete solide come Van Vleuten e Longo Borghini e ragazzine di primo anno?

Sicuramente questo è un punto importante. Le categorie non sono ancora ben distinte come negli uomini e quindi nel professionismo ti trovi anche delle juniores appena passate, ragazzine di 18 anni. Quindi devi trovare un compromesso tra i due mondi, tenendo conto che anche fra le grandi ci sono differenze abissali. Quando accelerano quelle buone, al primo scatto restano in 20-30 e al secondo le conti sulle dita di una mano. Per cui, in effetti, allungando le corse, per quelle ragazzine e le ragazze che corrono nei team continental la situazione diventerebbe insostenibile.

Come allenatore avresti qualche dubbio ad allenare una diciottenne per farla stare al pari delle grandi oppure sei per la gradualità?

La progressività ci vuole sempre, si deve crescere per step. Sarebbe sbagliato affrettare i tempi o saltare dei passaggi, perché rischieresti di bruciarle o di non costruirle nel modo giusto. Nei professionisti è rarissimo vedere un neopro’ nel grande Giro, qui è la regola, ma solo perché manca la categoria di mezzo e magari non ci sono i numeri per farla. Se nel gruppo ci sono differenze di livello troppo marcate, poi magari finisce che te li ritrovi attaccati alle macchine…

Paolo Slongo ha seguito la preparazione al Giro d’Italia Donne della Lidl-Trek
Paolo Slongo ha seguito la preparazione al Giro d’Italia Donne della Lidl-Trek
Van Vleuten che domina così è conseguenza del tanto lavoro o di una sua natura superiore?

Secondo me di entrambe le cose. Le atlete di alto livello sostengono volumi di lavoro importanti e se questo poggia su una predisposizione così evidente, è chiaro che le differenze si vedono. E piuttosto aprirei la porta sulla mentalità del lavoro, che vedo in giro fra le ragazze e anche fra i corridori giovani. Hanno quasi paura di faticare, perché pensano di finirsi, senza rendersi conto che i loro colleghi e colleghe che vanno forte affrontano carichi di lavoro ben più sostanziosi.