Search

Alla Freccia, una Cervélo R5 tutta nuova per Roglic

22.04.2021
4 min
Salva

Con quale bici ha corso Primoz Roglic alla Freccia Vallone? La sua Cervélo R5, a prescindere dalla colorazione nero antracite con filamenti gialli, ci ha subito colpito.

Così ci siamo concentrati meglio, per quel che abbiamo potuto fare viste le ristrettezze di movimento imposte dal Covid, anche per i giornalisti.

Carro rivisto?

Di sicuro si trattava di una Cervélo R5, la bici “leggera”, quella da scalatori, che ha in dotazione la Jumbo-Visma, quella aero infatti è la S5.

Quando Roglic si è presentato in zona mista e abbiamo potuto vedere per quei pochi secondi la bici da ferma, la prima cosa che ci ha colpito è stato il carro, soprattutto la parte alta dei pendenti, nell’incrocio con il reggisella. Non c’era più infatti la copertura in gomma per la brugola di fissaggio del reggisella stesso. Questi pendenti andavano a “circondare” il piantone e proseguivano fondendosi poi con il tubo orizzontale. Inoltre, nella parte posteriore del piantone, la “placca” di carbonio che si formava tra l’incontro dei due pendenti stessi, era più piccola. Forse perché questo telaio nasce per i freni a disco, mentre la “vecchia” placca più grande era pensata anche per l’alloggio del freno posteriore.

In zona mista, scatti rubati alla nuova Cervélo R5 di Roglic. Pendenti modificati?
In zona mista, scatti rubati alla nuova Cervélo R5 di Roglic. Pendenti modificati?

Altra cosa che abbiamo notato, sempre in zona carro è che i foderi bassi sembrano essere leggermente più oversize rispetto ai precedenti. Tra l’altro su di essi troneggiava la scritta FM 140 (Flat Mount), magari per indicare al cambio ruote che Primoz utilizza dei dischi da 140 millimetri. Un dettaglio che in caso di foratura potrebbe fare la differenza, se l’intervento non dovesse operarlo la sua ammiraglia ma quella dell’assistenza fornita dalla corsa.

Cavi anteriori spariti

E poi l’anteriore. I cavi della R5, che prima erano parzialmente integrati, sono spariti del tutto. L’ingresso non avviene più nella parte anteriore del tubo obliquo, nello stelo sinistro della forcella per quel che riguarda il freno anteriore, e nella parte avanzata dell’orizzontale, ma passano direttamente all’interno dell’attacco manubrio stesso e quindi del telaio. Attacco che infatti è cambiato. Non era il Vision utilizzato fino a poco tempo fa ma un Fsa. E con essa anche la piega era diversa.

Niente cavi esterni all’anteriore, tutto passa all’interno dell’attacco Fsa e del telaio
Niente cavi esterni all’anteriore, tutto passa all’interno dell’attacco Fsa e del telaio

Adesso bisognerebbe sapere (e indagheremo) se cambia anche qualcosa sul fronte di materiali e geometrie. A sensazione il telaio sembra leggermente più compatto, ma si è trattato davvero di una breve osservazione. Non si possono cogliere variazioni che semmai sono nell’ordine di pochi millimetri o pochissimi gradi di angolo.

Tuttavia, proprio l’angolo anteriore ci sembra più “dritto”: il che dovrebbe avvantaggiare la bici negli scatti. Se prima l’angolo di sterzo della R5 di Roglic (taglia 54) era di 73° adesso potrebbe essere di 73,3°. Ma ripetiamo: è solo un’ipotesi. Magari è stato solo rivisto il rake della forcella. O è solo la colorazione che inganna l’occhio.

Rumors tecnici

Viste le recenti polemiche, è stato ancora più difficile avvicinarsi alla bici del campione sloveno. Nel dopo gara, pensando volessimo parlare del “caso motorino”, ce l’hanno letteralmente coperta, prima con una giacca, poi con i fiori del podio e infine con lo zaino del massaggiatore.

La R5 usata ai Baschi: si può fare un confronto con la foto di apertura
La R5 usata ai Baschi: si può fare un confronto con la foto di apertura

Per il momento le differenze che abbiamo notato sono state queste. Però qualche info, o meglio qualche rumors, lo abbiamo raccolto e sembra che questa nuova versione della R5 sia stata provata anche da Tom Dumoulin e che potrebbe debuttare già sulle strade del Giro d’Italia.