Search

Evenepoel e Van Aert, voci fiamminghe dalla Svizzera

18.06.2023
5 min
Salva

Come quello che fece Lance a Limoges. Dell’americano si può dire quel che si vuole, ma in quel giorno del 1995, arrivando con le dita che indicavano Fabio Casartelli nel cielo di Francia, ci toccò i cuori come poche altre volte. Ieri Remco Evenepoel ha fatto qualcosa del genere, anche se Gino Mader non era suo compagno di squadra e Dio solo sa quanto puoi essere scosso quando hai visto morire un tuo amico. Armstrong invece partì per fare quel gesto, il campione del mondo lo ha sentito nascere da dentro e lo ha assecondato.

«Non era questo il piano stamattina – ha detto Evenepoel – volevo aiutare i nostri velocisti Merlier e Van Lerberghe, ma sono stati loro a chiedermi di provare. E’ stata una bella vittoria, ma non è questa la cosa più importante oggi. Era più importante onorare Gino e penso che questo sia stato il modo migliore per farlo. La mia mente non era sulla vittoria quando ho tagliato il traguardo. Ho pensato solo a Gino, alla sua famiglia e ai suoi cari».

Come per Jakobsen

La tappa di Weinfelden è iniziata con un toccante minuto di silenzio in memoria di Gino Mader. I corridori si sono tolti i caschi e una colomba bianca è stata fatta volare verso il cielo. Il Team Bahrain Victorious, la Intermarché e la Tudor Pro Cycling non erano al via, mentre altri 37 corridori si sono ritirati non sopportando il dolore. Il mattino infatti aveva ancora il sapore della morte. Il dio dei ciclisti, che in tante occasioni ha tenuto una mano sul capo dei suoi figli, l’altro giorno non c’era: Evenepoel lo sa bene. A lui ha salvato la vita quando volò giù dal ponte al Giro di Lombardia.

«Questa vittoria – ha detto Evenepoel – mi ricorda quando al Giro di Polonia vinsi per Jakobsen dopo il suo incidente. Questo però è stato molto peggio ovviamente. Fabio può ancora fare quello che gli piace fare con la sua famiglia, purtroppo Gino non può più. Preferisco dare tutti i premi che ho ricevuto per la mia vittoria alla famiglia di Mader. Cercherò di fare il massimo per sostenerli, ma so anche che questo non lo riporterà indietro».

La lettura di Van Aert

Anche Wout Van Aert, giunto secondo all’arrivo, ha raccontato di aver pedalato per tutto il giorno con uno strano senso di disagio addosso.

«E’ stato un po’ strano – ha detto – ma d’altra parte credo fosse giusto ricominciare a correre. Ho pensato che sia stata una decisione giusta e penso che tutti abbiano rispettato il modo in cui l’abbiamo gestita. Ho trovato positivo che non ci sia stata una vera battaglia, ma ho sentito molto rispetto nel gruppo. Alcune squadre non volevano continuare, altre hanno pensato che fosse una buona decisione. Bene che abbiamo rispettato l’opinione di tutti e che non ci sono stati attacchi subito dopo l’inizio. E’ stato più giusto andare di nuovo a tutto gas su una salita e per me è stato il modo giusto per affrontare la giornata. In questo modo abbiamo rispettato anche gli spettatori».

Evenepoel non aveva in programma di attaccare, sono stati i compagni a spingerlo
Evenepoel non aveva in programma di attaccare, sono stati i compagni a spingerlo

Tutto nella crono

E così il Giro di Svizzera è arrivato faticosamente all’ultima tappa: la cronometro di Abtwil, che in 25,7 chilometri metterà ordine fra le ambizioni dei contendenti. La prima, di soli 12,7 chilometri a Einsiedeln, ha visto la vittoria di Kung su Remco e Van Aert. La maglia di leader la indossa ancora Skjelmose, con 8 secondi di vantaggio su Gall, 18 su Ayuso, 46 su Evenepoel.

«Domani cercherò ovviamente di puntare alla vittoria finale – ha detto Remco a Het Nieuwsblad – ma voglio soprattutto avere buone gambe e vincere la tappa. E poi vedremo dove finirò in classifica. Mi rendo conto che sarà difficile rubare la maglia gialla a Skjelmose, ma alla fine siamo davvero vicini».