Search

EDITORIALE / Silvia, Davide e le foto ricordo

05.06.2023
5 min
Salva

«Sopravvivo»: un abbraccio e questa sola parola per raccontare la sua vita da quel giorno di aprile 2021, quando l’auto guidata da una donna con troppa fretta e zero senso di responsabilità portò via sua figlia Silvia Piccini.

Come per Marco Scarponi e Marco Cavorso, la vita di Deyanira Reyes e del marito Riccardo da allora sono diventate una dolorosa esposizione perché l’immenso sacrificio non sia stato invano. Li abbiamo incontrati al Giro d’Italia sulla cima del Monte Lussari, nell’hospitality ricavata sul tetto della stazione della cabinovia, con le magliette che ricordano il sorriso della figlia e la possibilità da quest’anno di donare il 5 per mille in dichiarazione dei redditi per promuovere le loro iniziative (gli estremi a questo link, ricercando Aps Con il Sorriso di Silvia Piccini).

Due mesi dopo la morte di sua figlia, Riccardo aveva pedalato dal Friuli fino a Piazza San Pietro, per portare Silvia a Roma. Lo avevamo incontrato alle porte della Capitale e le sue parole ci avevano scosso. Da quel viaggio, il friulano non ha più toccato la bicicletta, come se la pagina si fosse chiusa in quel momento e senza Silvia su quei pedali non ci fosse più un senso.

Il camionista sparito

E’ davvero difficile vendere il cambiamento, convincersi che qualcosa si stia muovendo. E’ difficile non sentirsi presi in giro, vedendo per l’ennesima volta il servizio realizzato dalle Iene sulla morte di Rebellin e il camionista che lo travolse.

«Dopo mezz’ora avevano tutto per prenderlo – dice il barista veneto intervistato – invece l’hanno identificato dopo tre giorni».

Già, perché il tipo non sarebbe affatto scappato, come farebbe comodo far credere per giustificare il fatto che se ne stia impunito in Germania. Ha visto sì il corpo di Davide – racconta suo fratello – poi sarebbe rimasto sul posto ad aspettare per 10 minuti. Da lì ha fatto pochi chilometri ed è andato a caricare due bancali di vino. In seguito si è spostato a Verona per un altro carico e lì ha dormito. L’indomani ha caricato a Pastrengo e alle 12 a Bolzano. E solo a quel punto è passato in Austria e da lì in Germania.

«La stampa italiana ha già spiegato tutto – il fratello rincara la dose – se la Polizia avesse fatto il suo lavoro e non la stampa, la questione sarebbe stata già chiarita».

Anche se è difficile da credere, il fratello dice che Wolfgang Rieke non si sarebbe accorto di aver procurato lui l’incidente. In ogni caso, forse viziati dalle serie tivù da cui siamo bombardati, troviamo difficile capire. Possibile che un camion segnalato non sia stato rintracciabile nei suoi spostamenti nelle 24 ore successive all’incidente?

Al funerale di Rebellin sono state spese tante belle parole, cadute però nel vuoto
Al funerale di Rebellin sono state spese tante belle parole, cadute però nel vuoto

La condanna indecente

Silvia ha una storia tutto sommato simile. Anche la donna che l’ha uccisa ha ritenuto opportuno rinnegare l’umanità e rifuggire qualsiasi forma di contatto con la famiglia Piccini, evitando persino di presentarsi alle udienze che hanno portato al patteggiamento. Lo stesso giudice lo ha fatto notare, ma la donna aveva il diritto di farlo e ne ha approfittato. Condanna a un anno e 4 mesi, sospensione della patente per tre anni e ugualmente un’annotazione sui social secondo cui il 2021 sarebbe stato un anno molto positivo.

A cosa serve aver istituito il reato di omicidio stradale se poi la punizione è così blanda? E mentre Riccardo Piccini raccontava scenari per nulla (purtroppo) sorprendenti sul fatto che magari certe sanzioni si possono anche aggirare perché tanto nessuno ti controlla, ci è venuta in mente la vicenda di Niccolò Bonifazio.

Il 12 luglio scorso, un’auto che marciava contromano investì e trascinò il corridore ligure. Solo che in questo caso l’investitore, un anziano delle sue parti, ha preso a chiamarlo e perseguitarlo. Nonostante il ritiro della patente, ha continuato a guidare. Finché, solo di recente è stato nuovamente fermato e la storia si è chiusa.

A cosa porterà l’incontro fra il presidente Dagnoni e il ministro Piantedosi? (foto Federciclismo)
A cosa porterà l’incontro fra il presidente Dagnoni e il ministro Piantedosi? (foto Federciclismo)

Le foto ricordo

Giusto ieri, alla partenza della Green Fondo Paolo Bettini di Pomarance (foto di apertura), alla partenza faceva bella mostra di sé il cartello sul metro e mezzo da osservare al momento di sorpassare un ciclista. Ne abbiamo parlato molto ed è giusto continuare a farlo: Silvia Piccini non sarebbe morta, invece l’Audi che la uccise viaggiava a velocità troppo sostenuta e la agganciò per un pedale. Tutti i corridori, chi più e chi meno, hanno messo la faccia su iniziative simili. La loro Associazione ha apposto il proprio logo, ma le cose non cambiano. Il presidente federale Dagnoni ha incontrato il Ministro dell’Interno Piantedosi, poi sono state presentate delle proposte di riforma al Codice della Strada.

Servirebbe a qualcosa fermare o ritardare una tappa del Giro d’Italia in onore dei morti della strada, anziché per le avverse condizioni del meteo?

Nel 2021, anno della morte di Silvia Piccini, come pure oggi, i notiziari riportavano gli orrendi numeri dei femminicidi in Italia: 119 donne ammazzate, numeri da bollettino di guerra. Negli stessi 12 mesi i ciclisti ammazzati sulle strade sono stati invece 229, quasi il doppio. Peccato però che loro non facciano per nulla notizia.

EDITORIALE / Riccardo, papà di Silvia: «Diamo un senso a questa storia»

14.06.2021
3 min
Salva
Queste sono le parole molto toccanti di Riccardo Piccini, il papà di Silvia, vittima di un'auto alla fine di aprile. Con la sua squadra ha compiuto un viaggio di sei tappe fino a Roma, indossando la maglia e il casco rosa ricevuta da De Marchi, per raccontare la storia di sua figlia e richiamare a una maggior sensibilità sul tema sicurezza. Ascoltate con attenzione le sue parole. Ne riparleremo presto. Promesso!

Nessuno di noi la conosceva personalmente, ma Silvia Piccini è entrata nelle nostre vite e non deve più uscirne. Aveva 17 anni, classe 2003. Il 22 aprile si stava allenando, come faceva ogni giorno. Dopo scuola, tornava da Udine in pullman e intanto mangiava la sua ciotola di riso. Rientrava, si cambiava, usciva in bici e al ritorno studiava. Silvia voleva diventare un medico, la bici era la sua grande passione. Quel giorno però a casa non c’è tornata. La sua colpa è stata trovarsi sulla traiettoria di un’auto con troppa fretta, che l’ha uccisa.

Due giorni prima della partenza per Roma di Riccardo, Alessandro De Marchi si è presentato a casa Piccini portando in dono maglia rosa e casco
Due giorni prima della partenza per Roma di Riccardo, De Marchi ha portato in dono maglia rosa e casco

A Roma con Silvia

Passiamo le nostre giornate cercando racconti di campioni, imprese, dettagli tecnici, approfondimenti, biciclette bellissime, ma questa volta ci fermiamo e vi proponiamo una riflessione più profonda attraverso le parole di Riccardo Piccini, il papà di Silvia.

Lo abbiamo incontrato alle porte di Roma, mentre con gli amici del Picchio Rosso Bike stava concludendo il suo viaggio dal Friuli verso Roma. In bicicletta.

«Vi dico quello che mia moglie ripete sempre a tutti. Silvia non l’ha uccisa la bicicletta, la bicicletta non c’entra niente. Silvia l’ha uccisa un errore umano. Un errore umano, che poteva essere evitato. Non potevo dire a mia figlia di non andare in bicicletta e che la bicicletta è pericolosa. Era la sua passione. Ma dopo quello che è successo, schiere di bambini che sognavano di correre, adesso hanno paura di farlo. E non lo troviamo giusto».

Hanno distribuito questi cuori con il nome di Silvia lungo il percorso
Hanno distribuito questi cuori con il nome di Silvia lungo il percorso

Gli occhi di Riccardo

Ci ha messo in contatto De Marchi e Riccardo si è prestato a raccontarci di sua figlia. Mentre parlava, nel suo sguardo abbiamo rivisto il dolore di Giacomo Scarponi, Marco Cavorso e di altri genitori sgomenti. E quando abbiamo avuto paura di avergli chiesto troppo, è stato lui a voler andare avanti.

«Questa morte non deve essere stata invano. Ognuno di noi deve dare il suo esempio, ma le regole vanno imposte dall’alto. Ho pensato tanto in questi giorni e dovunque andassimo, abbiamo raccontato di Silvia. Alessandro lo ringrazio tantissimo. Incontrarlo è stata un’emozione grandissima, ci ha dato una forza incredibile. Oltre che un campione di ciclismo, secondo me è un campione di vita. Una grandissima persona, da stimare, da seguire».

Riccardo con la maglia rosa e il casco di Alessandro De Marchi: inizia l’ultimo tratto verso Roma, il viaggio volge al termine
Riccardo con la maglia rosa e il casco di Alessandro De Marchi

In silenzio

Vi lasciamo in silenzio con le sue parole, ma ci prendiamo l’impegno che non finirà qui e per questo vi chiederemo presto di fare qualcosa con noi. Tutti coloro che, nessuno escluso, nel ciclismo vivono e dal ciclismo traggono da vivere hanno l’obbligo di non limitarsi al solito carosello di belle parole. Quelle dopo un po’ si somigliano tutte e allora questo dolore non avrà avuto alcun senso.