Search

Birra San Gabriel partner degli eventi 3Epic

28.03.2023
3 min
Salva

Ritornano alla grande gli eventi 3Epic, con ben due manifestazioni che attenderanno i ciclisti e le loro biciclette sulle mitiche strade dolomitiche attorno alle Tre Cime di Lavaredo. Due appuntamenti in calendario a cavallo della tappa, o meglio del tappone del Giro d’Italia 2023 che venerdì 26 maggio condurrà il gruppo da Longarone fino al Rifugio Auronzo sulle Tre Cime di Lavaredo. Una frazione durissima, e tutta da seguire, che per 183 chilometri vedrà i corridori scalare in sequenza, e prima dell’arrivo sulle Tre Cime, i passi Campolongo, Valparola, Giau e Tre Croci…

Si inizierà domenica 21 maggio con la “3Cime Bike day” – From the Lake to the Sky”, con partenza dalla deliziosa Auronzo di Cadore, nei pressi del Lago Santa Caterina, ed arrivo al Rifugio Auronzo sulle Tre Cime, lungo un percorso di 32 chilometri. Ci sarà un solo avversario da battere… e sarà Google Maps. Impostando il percorso in modalità bike, il tempo che si dovrebbe impiegare è di 3 ore e 32 minuti!

Il secondo appuntamento 3Epic, fissato nel weekend del 2-4 giugno, in coincidenza con la giornata mondiale della bicicletta, è invece con il “Grand Tour delle Tre Cime”: due i percorsi cicloturistici in programma da poter pedalare con bici da strada, in Mtb oppure con la gravel per così godere al massimo la bellezza e lo spettacolo di questo meraviglioso angolo di dolomiti bellunesi.

Per l’evento “3Cime Bike Day”, in programma il 21 maggio, la promo iscrizioni (appena 25 euro) scade il 30 aprile.

Gabriele Tonon, il fondatore del Birrificio San Gabriel
Gabriele Tonon, il fondatore del Birrificio San Gabriel

Birra & ciclismo

E più ci si avvicina all’evento, più cresce l’interesse di brand ed aziende, di settore e non, nel voler affiancare i due appuntamenti targati 3Epic. Fra questi, il birrificio artigianale San Gabriel, partner delle manifestazioni

La storia di San Gabriel nasce nel 1997 a Busco di Ponte di Piave (la provincia è quella di Treviso) per iniziativa di Gabriele Tonon, deciso ad investire sulla sua grande passione per la birra unitamente alla profonda conoscenza dei prodotti tipici del territorio tra i fiumi Piave e il Sile. La produzione San Gabriel ebbe inizio in un’antica villa a ridosso dell’antica Abbazia Benedettina dove già nel medioevo si preparavano le bevande medicate (tra cui la birra), e dalle quali il Birrificio Agricolo San Gabriel ha preso spunto per l’ideazione delle proprie ricette, continuando così, idealmente, l’attività brassicola dei Monaci.

San Gabriel, le birre venete che affiancheranno gli eventi di 3Epic
San Gabriel, le birre venete che affiancheranno gli eventi di 3Epic

Nel corso di oltre 20 anni, San Gabriel ha saputo distinguersi nel rinnovato panorama dei birrifici artigianali italiani puntando sulla qualità, attraverso la scrupolosa attenzione alle tecniche produttive dei maestri bavaresi, e sulla costante ricerca di materie prime autoctone. Oggi San Gabriel – già partner di RCS Sport per quanto riguarda il Giro-E – è una realtà con una capacità produttiva di quasi un milione di litri/anno, con più di 10 linee di prodotto, una distribuzione ramificata sia in Italia che all’estero, e con numerosi riconoscimenti di qualità ottenuti nel contesto di prestigiose fiere internazionali di settore.

3Epic

San Gabriel

Con il Giro d’Italia ad Auronzo di Cadore, torna la 3Epic!

13.03.2023
4 min
Salva

Il Giro d’Italia non è solo la corsa alla maglia rosa. Il “nostro” Giro porta con sé tante esperienze alcune quasi magiche, come gli eventi collaterali legati alla bici, allo sport, al territorio e il ritorno della 3Epic è uno di questi.

Massimo Panighel è un po’ il collettore di questi eventi a margine della 19ª tappa Longarone-Tre Cime di Lavaredo (Rifugio Auronzo). Come avrete notato abbiamo detto eventi, al plurale. Infatti la 3Epic, ex prova iridata marathon nella mountain bike, torna in doppia veste.

From the Lake to the Sky

Scopriamo dunque queste vesti. Non più l’agonismo in primis, ma il pedalare. La bellezza del viaggio, della scoperta del territorio, tra l’altro un territorio di pregio paesaggistico unico, come quello della Valle di Auronzo e delle Tre Cime di Lavaredo, Patrimonio dell’Uncesco.

«Il Giro d’Italia – spiega Panighel – arriva alle Tre Cime il 26 maggio, ma noi inizieremo prima. Il 21 maggio ci sarà la Tre Cime Bike Day – From the Lake to the Sky. Una giornata di puro ciclismo, nella splendida Valle di Auronzo. Si tratta di una sfida diversa, personale con sé stessi, con gli amici e con GoogleMap.

«Il noto programma di navigazione infatti è il vero avversario. GoogleMap dice che da Auronzo alle Tre Cime in bici servono 3 ore e 32′. Ebbene per “vincere” bisogna arrivare entro questo tempo».

Chiaramente si tratta di un time molto ampio che consente di prendersela comoda e di vivere il territorio, osservare, fermarsi a fare delle foto.

Il traffico sarà aperto fino a Misurina, dopodiché la scalata, la parte più iconica, sarà a traffico chiuso. Questo evento si chiama “From the Lake to the Sky” (dal Lago di Auronzo al cielo delle Tre Cime, ndr).

Gran Tour delle Tre Cime

Passato il Giro d’Italia, su Auronzo e la sua valle i riflettori di certo non si abbasseranno, anzi… Ecco un’altra grande novità, se vogliamo ancora più avventurosa, il Gran Tour delle Tre Cime.

«Questo – va avanti Panighel – è davvero il simbolo dell’avventura e del pedalare in modo diverso. Il Gran Tour propone due grandi anelli intorno alle Tre Cime. Un anello è offroad, mtb o bici gravel. Si va nel cuore delle Dolomiti. S’intersecano Misurina, la Val Fiscalina, il Comelico e chiaramente la Valle di Auronzo, sede di partenza e di arrivo».

«Anche l’anello su strada parte da Auronzo. Procede verso Misurina, Passo Tre Croci, Cortina e il Passo Cimabanche che porta in Val Pusteria. A quel punto si svolta a destra e ci sposta nel Comelico attraverso il Passo Monte Croce. Ma il clou sarà la panoramica del Comelico che s’imbocca da Padola. Infine si rientra ad Auronzo passando per Danta e il Passo Sant’Antonio tra abetaie verdissime, secolari e con davvero una scarsa antropizzazione». 

Entrambi gli anelli prevedono 2.900 metri di dislivello: quello offroad è leggermente più corto, 134 chilometri contro i 141 di quello su strada.

«Per affrontare questi loop è necessario avere un dispositivo Gps, sia esso un computerino specifico o un comunissimo smartphone. Niente frecce, tutta avventura. Anche questo aspetto è un mettersi in gioco, sperimentare cose nuove».

Info preziose

Per completare questi anelli, ed anche questo è un approccio diverso all’evento cicloturistico, si ha a disposizione l’intero week-end 2-4 giugno. «Pedalare anziché competere», ribadisce Panighel.

Fino al 30 aprile, le iscrizioni per la From the Lake to the Sky costano euro 25 euro, mentre quelle per il Gran Tour delle Cime costano 30 euro. Entrambe poi subiranno un sovrapprezzo. Oltre a tutti i servizi ci saranno anche un pacco gara prezioso e una medaglia di finisher.

3Epic