Search
Persico 2022

Fra tricolore e strada, ecco la nuova Persico

19.01.2022
5 min
Salva

Il momento di fare le valigie per l’America è vicino, ma d’altro canto a smontare e montare l’interno dei trolley Silvia Persico c’è abituata, il suo inverno è stato ricco di viaggi, di gare e anche di soddisfazioni. Ora c’è una maglia tricolore da mostrare e si è visto già domenica, nella tappa di Coppa del mondo a Flamanville (FRA) come quel simbolo le abbia dato energie in più, facendola arrivare al quinto posto a un minutino dal podio, cogliendo il suo miglior risultato internazionale di sempre. «E avrebbe potuto anche essere migliore – racconta l’azzurra – ma è stata una delle gare più lunghe dell’anno e alla fine non avevo tante energie per sprintare per la quarta piazza».

Molto è cambiato per Silvia e molto è destinato a cambiare. Intanto l’approdo alla Fas Airport Services, condividendo la stagione con Lechner e Arzuffi, ossia il meglio del ciclocross italico racchiuso in un solo team, si è rivelato fondamentale per la sua crescita: «La conquista della maglia tricolore è qualcosa che non mi aspettavo ma testimonia il salto di qualità che ho fatto. Lavorare con gente d’esperienza, condividere le trasferte e gli impegni mi ha fatto crescere, ora affronto le gare con più consapevolezza, mi sento più libera di esprimermi».

Persico Flamanville 2022
A Flamanville la Persico ha colto il suo miglior risultato in Coppa, quinta a 1’33” dalla Van Empel
Persico Flamanville 2022
A Flamanville la Persico ha colto il suo miglior risultato in Coppa, quinta a 1’33” dalla Van Empel
Solitamente dopo la fine della stagione di ciclocross iniziava una fase più tranquilla per te, ma ora sei particolarmente attesa anche su strada…

A dir la verità anche nelle stagioni scorse non è che mi fermavo, la strada ha sempre fatto parte delle mie annate agonistiche. Diciamo che prima preferivo il ciclocross e nel cuore è ancora un po’ così. Privilegiavo l’inverno, non lo nego. Ora però le aspettative sono altre, sia da parte del team che anche mie, questa ritrovata sicurezza devo trasportarla su strada sapendo che godrò di maggiore libertà.

Hai già un’idea di quel che ti attende?

So che dovrò lavorare tanto, questo è sicuro… Io dico che sarà una buona stagione se avrò fortuna e potrò sfruttare questa nuova consapevolezza unita alla fiducia del team. Sicuramente appena chiusa la stagione del ciclocross tirerò diritto per sfruttare la mia condizione nelle prime prove del calendario, fino alle classiche, poi faremo il punto della situazione.

Persico tricolori 2022
A Variano di Basiliano la 24enne di Alzano Lombardo ha conquistato il suo primo tricolore
Persico tricolori 2022
A Variano di Basiliano la 24enne di Alzano Lombardo ha conquistato il suo primo tricolore
Intanto prima c’è la scadenza mondiale…

A Fayetteville vado per fare bene, centrare una Top 10 che con la concorrenza che c’è sarebbe un risultato molto importante. Considerando sia il momento che sto attraversando, sia le caratteristiche del percorso che abbiamo avuto la possibilità di provare in occasione della Coppa del mondo, credo che potrò fare bene. E’ chiaro che non sarà semplice, anche perché siamo sulla corda da molte settimane, visti tutti gli impegni internazionali, ma di semplice in questo mondo che cosa c’è?

Hai detto che dopo il Mondiale tirerai dritto, non temi di chiedere troppo al tuo fisico?

Chi viene dal ciclocross ha da una parte il vantaggio della condizione acquisita, dall’altro la maggiore fatica rispetto a chi inizia, oltretutto chiaramente dovrò saltare i primissimi impegni. Dopo la chiusura della stagione, farò una settimana di sosta per poi riprendere e andare al ritiro della squadra (la Valcar Travel & Service, ndr) in Spagna dove mi ritroverò con le compagne. Le prime gare saranno a fine febbraio, proprio per riacquisire dimestichezza con il mezzo e sfruttare la condizione.

Persico Consonni
Con Chiara Consonni, capitana da quest’anno della Valcar. Ma Silvia avrà più libertà
Persico Consonni
Con Chiara Consonni, capitana da quest’anno della Valcar. Ma Silvia avrà più libertà
Che tipo di gare preferisci su strada?

Io prediligo i percorsi abbastanza mossi, anche con strappi brevi, di un paio di chilometri, ma dove si fa fatica, perché posso sfruttare la mia esplosività. Un percorso che secondo me fa al caso mio è quello del Giro delle Fiandre, ma in passato non ho mai potuto giocare le mie carte per ragioni di squadra. E’ questo che mi piace di più della nuova situazione, la maggiore libertà per far vedere quel che valgo. Ora ci voglio provare…

Conoscendoti come crossista e stradista, ci sono tecnicamente dei punti in comune?

Difficile a dirsi, sono mezzi diversi con caratteristiche e gare diverse. Mi verrebbe da pensare che il cronoprologo sia qualcosa di abbastanza vicino al concetto di durata del ciclocross. Sicuramente però l’attività invernale dà qualcosa di fondamentale, come ad esempio la capacità di guida che è qualcosa che si migliora sempre, io ad esempio so che devo ancora lavorarci sopra.

Persico Balsamo
2011. Al Trofeo Edil Palazzolo per esordienti la Persico è battuta solo da una certa Elisa Balsamo…
Persico Balsamo
2011. Al Trofeo Edil Palazzolo per esordienti la Persico è battuta solo da una certa Elisa Balsamo…
Ci hai detto delle tue aspirazioni per il Fiandre: quali sono le gare, a parte quella dei muri, che ti piacciono di più?

Potreste pensare a quelle belghe, invece in generale prediligo molto le prove spagnole, come la Vuelta a Burgos, oppure il Giro del Lussemburgo. Sono gare che si attagliano perfettamente alle mie caratteristiche, come un vestito su misura. Poi c’è la Roubaix: volevo tanto farla nel 2021, ma con lo spostamento si è andata a sovrapporre alla stagione di ciclocross: non potete sapere quanto sono curiosa di affrontarla…