Search

Gestione degli juniores: Pontoni ha qualcosa da dire

23.11.2022
4 min
Salva

Se da una parte gli europei di ciclocross di Namur avevano lasciato ottime impressioni per la selezione azzurra, con la perla dell’argento della Corvi, dall’altra qualche riflessione su quel che non ha funzionato ha riempito le giornate del cittì Daniele Pontoni. La debacle degli junior è stata sì una sorpresa, considerando le aspettative e i valori messi in luce dai ragazzi a inizio stagione, ma anche la conferma che qualcosa non va e Pontoni lo aveva segnalato anche prima degli europei.

E’ quindi importante analizzare la situazione in un momento di relativa stasi. La squadra nazionale non era presente alla tappa di Coppa del mondo a Overijse, il cittì ha dato seguito alle sue riflessioni in attesa di rimettere mano alla composizione del team azzurro per i prossimi appuntamenti.

«Bisogna guardare a quanto avvenuto con occhi esterni – afferma il friulano – senza essere troppo legati alle contingenze della gara. Allora capisco che la responsabilità è anche nostra, intendo della nostra generazione e ci metto dentro me per primo, tecnici, genitori. Siamo abituati a dare tutto ai nostri figli, senza lasciare loro la libertà di fare da soli, magari anche sbagliando».

Stefano Viezzi, soli 16 anni, è uno dei nuovi talenti su cui Pontoni conta per il 2023-24
Stefano Viezzi, soli 16 anni, è uno dei nuovi talenti su cui Pontoni conta per il 2023-24
E’ un pensiero legato solo all’attività sportiva?

No, concerne quella ma va al di là, è il frutto della nostra intera società. Noi tecnici prepariamo tutto nei minimi particolari proprio come fa un genitore, ma in certi casi dobbiamo fare un passo indietro, lasciare i ragazzi liberi di fare, di affrontare le situazioni mettendoci del loro, di essere più autosufficienti. I nostri ragazzi sono abituati a questa situazione e quindi non hanno quella “fame” che è necessaria per emergere.

Tu nel recente passato sei stato spesso severo con i ragazzi…

Le mie sono sempre state critiche costruttive, tese a capire che cosa funziona e cosa no. Il primo responsabile se un risultato non arriva sono io, questo sia chiaro, perché significa che qualcosa non ha funzionato. Prima degli europei mi ero reso conto che qualcosa non andava e lo avevo segnalato, anche in maniera forte, ma evidentemente non è bastato. Nel ritiro in Spagna avevo visto ragazzi impegnati, motivati, affamati, poi invece tutto è cambiato. Ho sentito i discorsi che venivano fatti nei giorni alla vigilia di Tabor e mi sono accorto che i ragazzi non avevano più i piedi ben piantati per terra.

Scappini, carattere esuberante, ha grandi potenzialità. Pontoni vuole che sia sfrontato anche in gara
Scappini, carattere esuberante, ha grandi potenzialità. Pontoni vuole che sia sfrontato anche in gara
Che cosa è successo in Repubblica Ceca e poi a Namur?

L’errore è stato sempre lo stesso: avevamo programmato di partire davanti, ma per farlo devi anche essere “cattivo”, farti rispettare, lavorare di gomiti sempre entro le regole. Invece la partenza è stata molle, salvo per Scappini che poi si è però perso. Ora si riazzera tutto: al ritiro di Jesolo porterò un numero ampio di ragazzi, vedremo se le cose cambiano. Quel che è certo è che nessuno è sicuro del posto.

Facciamo un passo indietro, al Pontoni corridore. Alla loro età eri un ragazzo il cui talento andava di pari passo con un carattere esuberante, spesso anche fuori dagli schemi, non facilmente gestibile. Avessi nel gruppo “quel” Pontoni che cosa diresti?

Magari averne… Sarei contentissimo di trovare un giovane che ha carattere, anche per tenermi testa nelle discussioni, nel dire come la pensa. Sono sempre stato convinto che anche le litigate rafforzino i rapporti. Io voglio veder tirare fuori la rabbia agonistica, metterci del proprio in gara, per questo dicono che sono abituati troppo bene. Ai ragazzi ho sempre detto che fuori gara devono avere un comportamento impeccabile perché rappresentano l’Italia, in gara devono stare sempre entro i confini del regolamento, ma devono anche farsi rispettare. Per entrare nella storia devi farla e lo fai con i risultati, non con Instagram…

Valentina Corvi sul podio europeo. Dietro di lei sta crescendo una bella generazione femminile
Valentina Corvi sul podio europeo. Dietro di lei sta crescendo una bella generazione femminile
Uno che sembrava ricalcare un po’ le tue orme è Scappini, parlandoci appare uno molto sicuro di sé, quasi guascone…

E’ vero, ma da un anno a questa parte qualcosa è cambiato. Prima andava dentro ai problemi, oggi la minima contrarietà lo sgonfia un po’, perde quella sua caratteristica che per me era un pregio. Le gare non si vincono solo quando si è al massimo della forma, bisogna anche far vedere all’avversario che sei pronto alla lotta, farti vedere forte a prescindere.

La situazione fra le pari età è più florida…

Indubbiamente e non solo perché abbiamo due stelle come la Corvi, che è tenace, silenziosa ma con dentro un carattere da leonessa in gara e la Venturelli, che ha un talento enorme e che vorrebbe sempre essere da 10, nello sport come a scuola, quando certe volte basta anche essere da 6 o 7. Sta crescendo una bellissima generazione e dovremo essere bravi a coltivarla come si deve. I ragazzi… Bè, rimarranno per me un cruccio che mi porterò fino a fine stagione, devo essere bravo io a trovare la strada per far esprimere il loro potenziale.