Search

Al Delfinato una nuova BMC per Van Avermaet

06.06.2023
3 min
Salva

Potrebbe essere una BMC Timemachine di nuova generazione? Potrebbe, ma la realtà dei fatti è che dalla casa svizzera le bocche rimangono cucite e poco o nulla trapela per quello che concerne la descrizione approfondita della nuova bicicletta.

Al Giro del Delfinato viene utilizzata da Van Avermaet, coinvolto da BMC in più di un’occasione per la ricerca e lo sviluppo, ma anche da Ben O’Connor: tutti del Team AG2R-Citroen (siamo certi che il “prototipo” sia stato fornito anche al Tudor Pro Cycling Team e non ci meraviglierebbe di vederla con richiami Red Bull). Cerchiamo di approfondire l’argomento con il materiale in nostro possesso.

Anche O’Connor la sta provando al Delfinato. In Svizzera la useerà Cosnefroy (foto AG2R-Citroen Getty YPmedias)
Anche O’Connor la sta provando al Delfinato. In Svizzera la useerà Cosnefroy (foto AG2R-Citroen Getty YPmedias)

Create Speed, il claim aerodinamico

Create Speed è da sempre il claim che contraddistingue la ricerca legata al segmento di bici aerodinamiche. La bici tutta nera, rispetto alle altre Teammachine SLR01 azzurro/arancioni, non può passare inosservata, come lo è stato con la Masterpiece di Paret Peintre al Giro.

Partendo dall’avantreno si nota la forcella con gli steli dritti e con una vistosa apertura per il passaggio della ruota/gomma. E’ importante la squadratura della testa della forcella. La tubazione dello sterzo è parecchio svasata nella sezione centrale con un abbondante fazzoletto che unisce l’orizzontale e l’obliquo. Quest’ultimo è voluminoso, ma non eccessivo come vuole la tradizione di BMC votata all’equilibrio delle forme. L’orizzontale invece sfina in maniera vistosa man mano che si sposta verso il piantone.

Il piantone è dritto e sfinato nel punto di passaggio della ruota. Una delle particolarità è l’inserzione degli obliqui con una sorta di blocco massiccio e abbondante nelle forme. Il carro posteriore è diviso in due, tra gli stays obliqui più sottili e quelli inferiori voluminosi. C’è un rinforzo appena sopra il perno passante, c’è un volume ampio nel punto in cui i due foderi bassi si uniscono alla scatola centrale.

Il nuovo Campagnolo Wireless

I due corridori citati in precedenza, sicuramente tra i più rappresentativi del Team AG2R-Citroen, stanno usando anche la nuova trasmissione Campagnolo Super Record Wireless e le ultime ruote (sempre Campagnolo) Hyperon Ultra.

Resta ora la curiosità di vedere chi altri la userà al Giro di Svizzera, quando scenderanno in strada i ragazzi della Tudor Pro Cycling Team, team sponsorizzato da BMC. E c’è anche la curiosità di vederla equipaggiata con ruote dal profilo superiore, che potrebbero darle un impatto estetico molto più aggressivo. E se non è ancora dato di conoscerne le caratteristiche specifiche, dalle voci raccolte in gruppo emerge che i corridori che la stanno usando siano molto soddisfatti.