Search

Il Down Under lancia Williams: gallese e fiero di esserlo

28.01.2024
6 min
Salva

Il Santos Tour Down Under, gara di apertura del WorldTour, spesso regala nomi nuovi all’elenco di vincitori, ma Stephen Williams non può essere considerato fra questi, perché un suo pedigree se l’è costruito negli ultimi anni. Prima alla Bahrain Merida e poi, dallo scorso anno, alla Israel Premier Tech, trionfando in importanti corse a tappe come ad esempio il Giro di Norvegia dello scorso anno. Ha 27 anni, è in quella sorta di “terra di nessuno” fra i giovani talenti e gli esponenti di un ciclismo un po’ diverso da quello attuale.

Williams è innanzitutto un gallese purosangue e ci tiene a essere considerato tale. Eppure la fama che la vittoria australiana gli ha dato lo coglie quasi di sorpresa ed essere intervistato dagli antipodi lo lascia ancor più interdetto.

Il gallese ha vinto già corse a tappe in Francia, Croazia, Norvegia e Australia
Il gallese ha vinto già corse a tappe in Francia, Croazia, Norvegia e Australia
Qual è la tua storia di ciclista?

Sono arrivato a questo sport abbastanza tardi. Avevo 15 anni quando ho avuto la mia prima bici da strada e mi ha cambiato la vita. Ho smesso di giocare a football, cricket e mi sono concentrato esclusivamente sull’andare in bicicletta, iniziando a fare attività agonistica quando avevo forse 16 anni, quando ero junior. Prima in un team Continental nel Regno Unito, poi in una formazione di sviluppo nei Paesi Bassi, la Grayson Academy. Nel 2019 ho firmato per la Bahrain Merida. Ho trascorso quattro anni lì, il che è stato pieno di alti e bassi. Alla fine del 2022 sono entrato a far parte della Israel Premier Tech.

Il tuo successo al Tour Down Under è stato un crescendo con la vittoria nell’ultima tappa. Eri partito da Tanunda con l’obiettivo del successo finale?

Inizialmente, ovviamente, sapevo che sarei arrivato con buone gambe, ma sapevo che il percorso era ovviamente adatto più a Corbin Strong. Era partito lui come leader della squadra, ma ha iniziato a stare male e il percorso molto selettivo di tutta la corsa a tappe non l’aiutava a recuperare. Così la squadra si è stretta intorno a me per il resto della gara.

Sapevi di poter fare bene?

Ho sempre saputo nel profondo della mia mente che sarei potuto essere competitivo, sia che si trattasse di un successo di tappa o di una classifica generale. Penso che all’inizio fosse un po’ 50 e 50, perché a inizio stagione, non sei mai veramente sicuro della forma che hai. Col passare dei giorni però ho capito che avrei avuto buone possibilità di vincere la gara.

Williams con il team che l’ha portato al successo in Australia, in un format a lui adatto
Williams con il team che l’ha portato al successo in Australia, in un format a lui adatto
Non capita spesso di vedere un corridore con la maglia di leader vincere la tappa finale, che cosa hai provato quel giorno?

E’ stato fantastico. Non c’è modo migliore per finire una corsa a tappe. E’ stato un privilegio essere messo in quella posizione dalla squadra e farcela in quel modo in cima al Monte Lofty è stato davvero speciale.

E’ la tua quarta vittoria in una breve corsa a tappe. Pensi che sia quella la tua dimensione ideale?

Sì, penso che al momento sia quello il mio target, insieme alle gare di un giorno piuttosto impegnative. Penso che le gare a tappe di una settimana siano sicuramente quelle in cui mi sento più capace di ottenere risultati in questo momento. Ovviamente, quelle in cui ho avuto successo chiaramente non hanno avuto una cronometro. Quindi questo è qualcosa di cui devo assolutamente essere consapevole per andare avanti. E’ qualcosa su cui devo migliorare per assicurarmi che, se mai mi trovassi in questa posizione in futuro, sarò in grado di trarne vantaggio e non perdere tempo inutilmente.

Il britannico ha sempre messo la sua firma’. Nel 2018 ha vinto la tappa di Pian delle Fugazze al Giro U23 (photors.it)
Il britannico ha sempre messo la sua firma’. Nel 2018 ha vinto la tappa di Pian delle Fugazze al Giro U23 (photors.it)
Sei al secondo anno all’Israel dopo una lunga esperienza alla Bahrain: quali sono le principali differenze fra i due team?

Penso che non ci siano troppe differenze, davvero. Entrambi i team sono molto professionali, molto ben gestiti e organizzati. Per me la cosa principale era solo ottenere un calendario di gare coerente, gare per le quali potessi prepararmi e andare con una buona base. Non ho mai avuto quel ritmo in Bahrain, ma qui dove sono adesso, sento che le cose stanno andando bene e sono in grado di esibirmi ad alto livello in gara e di fare bene.

Ti senti più gallese o britannico e che effetto ti ha fatto vestire la maglia del Galles ai Giochi del Commonwealth?

Sono un gallese molto orgoglioso. Mi è piaciuto correre ai Giochi del Commonwealth, anche se i risultati non sono stati dalla nostra parte. Ma è stato un privilegio sentirmi parte del mio popolo, simboleggiarlo. Sfortunatamente nel 2018 avevo dovuto rinunciare. Decisi di restare in Europa mentre i Giochi si svolgevano in Australia, due anni fa essendo in Inghilterra è stato più facile. Ora, con la squadra gallese, abbiamo un ottimo gruppo di ragazzi e un’ottima selezione di uomini e donne che rappresentano il Paese, che sono così bravi di per sé. E non c’è niente di meglio che rappresentare il tuo Paese in una delle più grandi manifestazioni multisportive.

Nell’ultima tappa ha rintuzzato l’attacco di Del Toro, trionfando con la maglia di leader
Nell’ultima tappa ha rintuzzato l’attacco di Del Toro, trionfando con la maglia di leader
Quanto è popolare il ciclismo in Galles?

Molto. Penso che il fermento che è arrivato dal 2018 con Geraint Thomas vincitore del Tour de France sia stato enorme e fondamentale per i giovani ciclisti in Galles. Ma anche i successi in pista con Eleanor Barker, penso che sia stato anche qualcosa di enorme nello sviluppo dei giovani ciclisti e nella possibilità di utilizzare la pista nel Galles del Sud e tutti gli altri impianti indoor in Galles. Il numero di praticanti è sicuramente in aumento e spero di vedere molto presto altri giovani talenti arrivere dal Galles nei prossimi anni.

Dopo la lunga trasferta australiana, che gare ti aspettano e con quali obiettivi?

Tornerò in Europa dopo la Cadel Evans Ocean Race e poi farò gare in Francia, Drome e Haut Var. Un paio di settimane di lavoro prima della Volta a Catalunya, poi andremo direttamente alle classiche dell’Ardenne. Abbiamo sicuramente una squadra forte lì e speriamo di poter fare qualcosa come squadra e raccogliere dei bei risultati.

Il tallone d’achille di Williams restano le crono. Per ora le ambizioni nei grandi giri vanno ridimensionate
Il tallone d’achille di Williams restano le crono. Per ora le ambizioni nei grandi giri vanno ridimensionate
Ti senti competitivo per un grande Giro, ossia di poter puntare alla classifica finale?

E’ qualcosa che voglio assolutamente provare a realizzare, sia nel prossimo futuro che tra qualche anno. Ma penso che, viste le mie caratteristiche al momento, sia più probabile andare a caccia di tappe nelle giornate difficili. E’ sempre stato nella mia mente da quando sono diventato professionista, quindi spero di poter raggiungere un livello in cui possa provare a puntare alla classifica generale quando sono coinvolte prove a cronometro. Ma c’è da lavorare.