Search

Waterways Experience: a Treviso si chiude il cerchio

26.06.2023
5 min
Salva

L’ultimo episodio della nostra esperienza alla scoperta delle vie d’acqua del Veneto ci fa ripartire da Mogliano Veneto. Cittadina di origine romana che trae il suo nome da quelli che erano i possedimenti di tale Molius. La nostra ultima pedalata parte da qui e si snoda lungo le sponde del Sile, direzione Treviso.

Hotel The Foscarini

La notte l’abbiamo trascorsa ospiti dell’Hotel The Foscarini, un bike hotel nato in questi ultimi anni e diventato un punto di riferimento per appassionati e non solo. Chiunque ami la bici, in tutte le sue forme, da queste parti trova i servizi giusti. In questa villa storica del 1600 è stata creata un’intera area dedicata ai ciclisti. The Foscarini è il punto di partenza ideale per raggiungere i principali percorsi ciclabili, tra cui quello che intraprendiamo noi. 

Il Sile

Le nostre ruote girano sulle strade della provincia di Treviso e ci portano fino a Casale sul Sile. Da qui prendiamo il percorso numero 7, con destinazione appunto: Treviso. Il lento scorrere del Sile e la sua ciclabile sono un teatro a cielo aperto, pronti ad accogliere sportivi di tutte le tipologie. Dalle bici, di qualsiasi genere, fino alle canoe, che sulle larghe sponde si lanciano in acqua per godere di questo panorama da un diverso punto di vista. 

Una delle aree più spettacolari che ci si apre davanti agli occhi è il “cimitero dei burci”, situato all’interno del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile. Le imbarcazioni, delle quali vi abbiamo raccontato nel primo episodio di questa esperienza, furono abbandonate negli anni ‘70. 

Treviso

Nella città entriamo dalla Porta San Tommaso, situata a nord e raffigurante un leone, a richiamare il legame con la Repubblica di Venezia. Uno dei siti principali è Piazza dei Signori, situata al centro di Treviso, è il suo luogo di maggior importanza storica. Costruita nel XIII secolo ha ospitato nei secoli i palazzi dell’antica signoria trevigiana, da qui il nome Piazza dei Signori. 

Treviso è una città che lega parte della sua esistenza all’acqua, è infatti attraversata da diversi canali. I quali creano delle “vene” interne alla città, e regalano particolari scorci, che rendono così Treviso un posto suggestivo. 

Slow Flow

Buona parte dell’organizzazione di questa Waterways Experience è stata ideata e coordinata da Slow Flow. Un progetto che ha la volontà di riunire le diverse facce della Regione Veneto con quello che è un modo di viaggiare lento e sostenibile. Ritrovare i ritmi e capirne l’importanza, perché non si può apprezzare una città o un territorio, senza immergersi nella sua più intima natura

Il progetto è in sé legato alle via dell’acqua, tesoro azzurro che in Veneto ha sempre avuto un ruolo importante per lo sviluppo della società. Attraversare e riassaporare questi luoghi aiuta a farli tornare a vivere, riscoprendo valori che si sono via via sbiaditi nel tempo.

Gravel in the Land of Venice

NEGLI ARTICOLI PRECEDENTI

Gravel in the Land of Venice: la Waterway Experience
Waterway Experience, giorno due: tra Padova e Barene