Search

Yates, il Giau, il freddo: Bernal chiama la squadra

24.05.2021
4 min
Salva

Quando il sole è sceso sul passo Giau, il cielo era ancora limpido, con qualche nuvolaglia e la speranza che tutto rimanesse com’era. Negli hotel in Friuli i corridori hanno passato la serata saltando da un’app all’altra e riscontrando versioni diverse della stessa previsione. Stando all’ultimo bollettino emesso ieri sera da Rcs Sport oggi si corre sulle strade già annunciate. E’ il tappone dolomitico, una corsa gigantesca nella corsa gigantesca che è il Giro d’Italia. Andando indietro nella memoria, Bernal vinse il Tour del 2019 quando la 19ª tappa venne interrotta sull’Iseran per l’impossibilità di arrivare a Tignes. La stessa elasticità dei francesi è quanto si possa chiedere, avendo tuttavia la certezza che tutto sia stato considerato al meglio.

Giro d’Italia 2021, 16a tappa, Sacile-Cortina: preoccupa la discesa del Giau
Giro d’Italia 2021, 16a tappa, Sacile-Cortina: preoccupa la discesa del Giau

Metterò i guanti

E così intanto Bernal pensa a se stesso e scruta il profilo dei rivali, sapendo che non ci saranno amici né prigionieri. Yates sta bene, dopo aver parlato di non meglio specificati problemi nei primi dieci giorni, che lo avrebbero costretto a non esprimersi al meglio. Vlasov fa i conti con la tattica troppo dispendiosa dello Zoncolan e cerca di recuperare. Nibali è finito nella prima caduta e ha dolori al costato in fase di valutazione. Caruso farà la sua parte.

Puccio sta lavorando tanto. Qui prepara l’attacco di Campo Felice
Puccio sta lavorando tanto. Qui prepara l’attacco di Campo Felice

«Sicuramente sarà una tappa dura – dice la maglia rosa – farà freddo e abbiamo cercato di essere preparati. Ho anche i guanti e tutto quello che serve. Siamo pronti e abbiamo recuperato, ma dovremo essere attenti a tutto. Noi siamo arrivati qua sapendo che non si vincerà il Giro nelle crono, in salita, in pianura o in discesa. Ogni punto è buono. Se qualcuno che ci fa paura in classifica attacca, dovremo essere lì. Siamo venuti per vincere il Giro, ma non possiamo neanche diventare matti a inseguire tutti. Cercheremo di avere la lucidità che serve, per capire cosa fare e cosa non fare».

Mai da soli

In questi giorni ci siamo sforzati di osservarlo, cercando di capire se il tanto citato mal di schiena lo infastidisca, ma la sensazione che si trae osservandolo, è quella di un atleta in salute. Soltanto sullo Zoncolan, rispondendo agli attacchi di Yates, ha scoperto i denti. Poi però, colpo psicologico oppure no, si è affrettato a staccarlo quando l’altro era nel pieno dello sforzo.

Zoncolan, scambio di sguardi. Yates si volta e si ritrova con lo sguardo di Bernal addosso
Zoncolan, scambio di sguardi. Yates si volta e si ritrova con lo sguardo di Bernal addosso

«Cercherò di fare il mio meglio – spiega a proposito del freddo – l’importante sarà essere preparati anche mentalmente. Sarà una tappa lunga, per cui sarà importante avere accanto dei compagni. Per questo penso che la mia squadra con tanta esperienza, saprà gestire la corsa. Comunque vada, non sarà una buona idea rimanere da soli».

Il peso della rosa

Come il condottiero che passa in rassegna le truppe, nel momento in cui racconta che avrà bisogno della squadra, Egan sa anche che sta chiedendo tanto ai compagni.

«I ragazzi – spiega – spendono più degli altri. Puccio sta lavorando tutti i giorni, quindi sicuramente avrà più stanchezza ed è normale. Anche Pippo sta lavorando tanto, in generale tutti i miei compagni lavorano. Ma lo sapevamo, prendendo questa maglia. L’ho detto sin dal primo giorno che avrebbe significato prendersi la responsabilità della corsa. Siamo qua per giocarci il Giro, abbiamo una buona mentalità e tanta fiducia gli uni negli altri. Andiamo a vedere che cosa si potrà fare».

Per Ganna ha concluso a Gorizia un’altra giornata di lavoro piuttosto pesante
Per Ganna ha concluso a Gorizia un’altra giornata di lavoro piuttosto pesante

Notte di attesa

Indubbiamente l’idea di scalare il Giau sotto la pioggia, trovare in cima 2 gradi e poi affrontare la discesa bagnati è molto vicino al limite. Si vedrà se ci saranno cambiamenti dell’ultima ora, ma di certo il giro di messaggi e telefonate è iniziato da un pezzo. Non sarebbe più logico fermare la corsa in cima al Giau, si sono chiesti i corridori, stabilendo lassù l’ordine di arrivo, trovando il modo sin dal mattino di mandare in cima i pullman e mantenendo le premiazioni a Cortina? La tappa manterrebbe la grande dignità tecnica, Cortina avrebbe la sua festa, i corridori avrebbero una risposta alle loro istanze. Il disastro di Morbegno è ancora troppo vicino per sperare che sia stato dimenticato, ma rispetto all’ultima volta, se non altro, i ciclisti e il Cpa che li rappresenta hanno alzato la mano per tempo. Una riunione con Mauro Vegni c’è già stata e almeno fino a ieri sera il direttore del Giro ha fornito rassicurazioni sulla praticabilità della tappa. Ne sapremo di più alla partenza…