Search

La valigia di Bennati, Ulissi a casa e due nodi da sciogliere

06.09.2022
4 min
Salva

Il fatto che la UAE Emirates gli abbia negato la possibilità di candidare Ulissi, a Bennati non è andato giù. Soprattutto per il modo in cui è avvenuto. Il commissario tecnico aretino è alle prese con il meccanismo delle convocazioni che, dovendo andare in Australia, passa anche per la richiesta dei visti. Dovendo farlo tre settimane prima della partenza, Bennati aveva avvisato tutti i corridori della rosa che li avrebbe avvisati il primo settembre.

«Lo sapeva anche Diego ovviamente – precisa Bennati – invece la sera del 31 agosto mi ha chiamato Matxin (team manager della squadra, ndr), dicendomi di non portarlo. Ha detto che avevano fatto una riunione con Gianetti e quella era la loro decisione, perché hanno bisogno di corridori per fare punti. Gli ho detto che avrei potuto convocarlo ugualmente e che loro non avrebbero potuto rifiutare, poi ho pensato che avrei creato problemi al corridore e ho lasciato perdere. Però questa storia non mi è piaciuta per niente. Forse sono rimasto alla maglia della nazionale come qualcosa di romantico. Ma evidentemente di quel romanticismo oggi è rimasto ben poco».

Ulissi non andrà a Wollongong per decisione della UAE Emirates, perdendo il suo 8° mondiale
Ulissi non andrà a Wollongong per decisione della UAE Emirates, perdendo il suo 8° mondiale
L’ultima volta che ci siamo sentiti via messaggio, eri appena stato a casa di Bettiol, nel giorno in cui si è letto delle tue dimissioni…

Eravamo a casa sua guardando la tappa della Vuelta (era il pomeriggio del 31 agosto, ndr), quando mi è arrivato il primo messaggio. Sul momento ho pensato a uno scherzo. Poi il telefono ha cominciato a prendere fuoco. Non c’era niente di vero, ma nessuno mi ha chiamato per verificare. Così l’ho fatto io per chiedere spiegazioni e mi hanno risposto che se mi avessero chiesto, io avrei detto che non era vero (Bennati ha subito pubblicato un post di smentita su Instagram, ndr).

Torniamo a Bettiol, come l’hai trovato?

Alberto è uno dei cardini della nostra squadra. Quando sta bene, non ha paura di questi chilometraggi e degli appuntamenti importanti. E’ una garanzia. La squadra sarà pronta per supportarlo e fare altro se necessario. Lui è super motivato, da ieri è in Canada.

Ci sarà un velocista?

Premesso che la lista lunga dei nomi la darò il 10 settembre, il solo velocista poteva essere Nizzolo, ma non sta abbastanza bene. In ogni caso ci sarà Trentin e Matteo dopo tanti chilometri diventa veloce. E anche Bettiol ultimamente si è provato negli sprint e non è andato male.

Trentin è stato il regista di Bennati agli europei di Monaco e sarà uno dei leader per il mondiale
Trentin è stato il regista di Bennati agli europei di Monaco e sarà uno dei leader per il mondiale
Non puoi dare i nomi, ma si può avere un’idea del gruppo dei gregari?

Ho dovuto lasciare fuori corridori come Puccio e De Marchi, dando spazio ad Affini e Sobrero che saranno già laggiù per la crono. La trasferta è impegnativa e sarebbe stato sciocco non approfittare di due atleti così forti e già sul posto. Per il resto ci sono solo due corridori da cui aspetto risposte, il resto è tutto definito.

L’europeo ti ha lasciato o insegnato qualcosa?

Poco sul piano tecnico. Sapevamo che sul quel percorso sarebbe finita così, come andare a fare i 100 metri contro Marcell Jacobs sapendo di poter fare al massimo 11 secondi. Contro Jakobsen e su un percorso privo di ostacoli, non potevamo fare molto di più. Errori sono stati fatti, ma sbagliare su un percorso facile è molto più probabile.

Con qualche corridore ancora in ballo, com’è stato dire i primi no?

Alcuni sanno già di venire, altri che aspetterò la fine della Vuelta e le due classiche in Canada. Ho trovato dei ragazzi molto sensibili e onesti. Se uno ti dice che non ha la condizione e si chiama fuori, tanto di cappello. L’ho detto a tutti: la prima cosa è l’onestà, perché al mondiale si va solo al 101 per cento e a volte anche il 99 non basta. Potrebbero fare i furbi, invece ho trovato tanta correttezza.

Edoardo Affini e Matteo Sobrero andranno in Australia per la crono, poi rimarranno per la strada
Edoardo Affini e Matteo Sobrero andranno in Australia per la crono, poi rimarranno per la strada
Come la stai vivendo personalmente?

E’ una bella soddisfazione e una responsabilità. Sono gasato. Non ci voleva tutto l’extra di questi giorni che un po’ inevitabilmente condizionerà, ma il mio compito sarà fare in modo che la squadra non ne risenta.

Cosa cambia fra la vigilia del corridore e quella del tecnico?

E’ tutto un altro mondo. Il corridore deve pensare a due cose: a stare tranquillo e alla corsa. Il mio ruolo prevede controllo su più fronti. Poi questa è una trasferta particolare, per cui gli ultimi 20 giorni sono stati impegnativi. Avendo dovuto anticipare tutto, ho dovuto fare una lista più larga, lasciandomi aperta la porta per eventuali inserimenti dell’ultima ora. I visti si pagano e per fortuna ho le idee chiare. Non è tanto per i costi, ma proprio per la possibilità di fare le cose. Non andrò alla Vuelta, perché non ho cose particolari da vedere. Faccio gli ultimi preparativi e il 16 settembre partiamo. Ormai ci siamo.