Dopo Giro, circuiti e riposo, torna un Ciccone rinnovato

24.06.2022
4 min
Salva

Domenica si corre, il tricolore fa gola. Ciccone ha un bel timbro di voce, rinfrancato dalla tappa vinta a Cogne, ma soprattutto dall’aver ritrovato la salute. Per un po’ è sparito, faceva fatica anche a rispondere ai messaggi.

«Dopo il Giro – dice – ho fatto due giorni di circuiti (nella foto Cycling Stars Criterium in apertura è con Nibali, Cavendish e Ballan, ndr). Poi ho avvertito la necessità di staccare del tutto. Ho riposato per cinque giorni, senza bici. Dopo una corsa come il Giro serve riposo fisico, ma sinceramente avvertivo il bisogno di tornare alle mie abitudini normali. Mangiare qualche piatto sfizioso. Diciamo che in quei pochi giorni non me la sono passata male. Poi ho ripreso in modo serio. Sono rimasto per tutto il tempo a San Marino e adesso sono di passaggio in Abruzzo per andare in Puglia».

Con la compagna Annabruna alla partenza del Giro da Pescara e la promessa (mantenuta) di rifarsi (foto Instagram)
Con Annabruna alla partenza del Giro da Pescara e la promessa (mantenuta) di rifarsi (foto Instagram)

Giro, Tour e niente altura

Non è andato in altura come tutti quelli che poi andranno al Tour, anche se in Francia ci andrà pure lui. E se al Giro il proposito di partenza, poi vanificato dal covid e vari acciacchi, era stato quello di fare classifica, al Tour de France si va per qualche tappa. Come nel 2019, quando tutto sembrava facile e soprattutto possibile.

«Mi piace il programma con Giro e Tour insieme – riflette – e il fatto che il Giro sia andato così e così, con la condizione arrivata alla fine, magari mi avvantaggerà in Francia. C’è di nuovo la Planche des Belles Filles dove presi la maglia gialla, ci sono tante belle salite. Ma onestamente non so se sia un bene o un male il fatto di sapere cosa mi aspetta. Sento addosso quel qualcosa di diverso, ma so anche che non si può abbassare mai la guardia. Correre per le tappe è meno stressante di pensare a una classifica, ma non si può certo dire che il Tour sia una corsa rilassante».

Luca Guercilena, Giulio Ciccone, Tour de France 2019
Ciccone torna al Tour dove nel 2019, nella foto è con Guercilena, conquistò la maglia gialla
Luca Guercilena, Giulio Ciccone, Tour de France 2019
Ciccone torna al Tour dove nel 2019, nella foto è con Guercilena, conquistò la maglia gialla

Obiettivo tricolore

L’umore è buono. Le traversìe di primavera sono alle spalle. La legnata del Blockhaus è stata lavata via dalla vittoria di Cogne e dalle buone sensazioni dei giorni successivi.

«Il Blockhaus – dice – è stato il seguito di un periodo duro iniziato da marzo. Ho smesso di colpo di avere sensazioni buone ed è andato avanti per settimane. Ritrovare la vittoria e tornare al livello migliore mi ha confermato quello che penso di valere. E adesso mi sento sano, sono in forze, una cosa che al Giro non ho mai percepito del tutto. Per questo al campionato italiano ci credo. Anche se non è tanto adatto alle mie caratteristiche, per quello che mi hanno detto. Punto a fare una bella gara, anche se non posso dichiarare obiettivi».

Nessun nemico

Resta da capire – e nel sentirlo si mette a ridere – se abbia finalmente tolto tutti i sassolini dalle scarpe, come cominciò a fare proprio nel giorno di Cogne.

«Mi dispiaceva – dice – ricevere parole quando stavo male. Accetto le critiche se sto bene e non rendo. Non che mi facciano piacere, ma so che ci possono stare. Però le cattiverie quando sai che sono stato male non mi vanno giù. Però, tranquilli… Sono sereno e non ho nessun nemico cui farla pagare. Mi tengo stretto questo morale e le mie gambe. Vado all’italiano e poi finalmente torno al Tour».

Il resto è un recuperare chiacchiere arretrate. Battute su questo e quello. Anche sul fatto che a San Marino abbia scelto di abitare in cima al Titano e non alla Dogana come tutti gli altri. Dice che gli piace farsi tutta quella salita per arrivare a casa e che il clima non è mai stato torrido. E poi alla battuta sul fatto che presto o tardi dovrà sposarsi, il furbo Cicco… Eh, basta così: questo semmai dovrà dirvelo lui!