Search

Ciclomercato, il walzer delle firme. Chi va, chi resta, chi saluta

04.08.2022
6 min
Salva

Forse mai come quest’anno il ciclomercato è così avanti. Appena pochi giorni fa, con l’arrivo del primo agosto, che ha riaperto i transfer e gli spazi per gli stagisti, sono emerse news anche abbastanza importanti. News in continua evoluzione: diverse di ora in ora.

Come sempre c’è chi cerca di rinforzarsi (i team) e chi è a caccia di un contratto migliore (i corridori). La questione dei punti e delle retrocessioni da WorldTour a professional poi ha portato uno scossone ulteriore al ciclomercato. Si va alla ricerca degli atleti vincenti, velocisti in particolare, e dei giovani.

Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde completeranno la carriera fine stagione
Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde completeranno la carriera fine stagione

Addii importanti

Ma prima di parlare dei trasferimenti, questa volta è bene partire da chi lascia. A liberare dei posti infatti sono dei corridori importanti, dei veri campioni che hanno anche ingaggi importanti e questo dovrebbe, il condizionale è d’obbligo, lasciare un po’ di manovra in più ai team stessi.

Smettono Nibali, Valverde e Dumoulin, senza dimenticare Philippe Gilbert e Richie Porte. Gli stessi spazi che nel corso della stagione, ma ovviamente con differente impatto, avevano già lasciato Visconti, Zakarin, Trainini. Ma non solo solo loro. La lista dei “fine carriera” supera le venti unità. 

Tuttavia, per ora almeno, proprio le squadre di Nibali e Valverde, cioè Astana Qazqstan e Movistar, non si sono mosse molto.

Dopo la vittoria del Valle d’Aosta 2021 e il 2° posto di quest’anno, Thompson passerà nella prima squadra con molti suoi compagni
Dopo la vittoria del Valle d’Aosta 2021 e il secondo posto di quest’anno, Thompson passerà nel team WorldTour

Rivoluzione francese

Appurati i passaggi di Zana alla BikeExchange-Jayco e di Conci alla professional della Alpecin-Deceuninck, sono interessanti gli arrivi nel WorldTour di Leo Hayter e Lennert Van Eetvelt. Il re del Giro U23 passa dalla Hagens Berman Axeon alla Ineos-Grenadiers. Mentre per il vice del Giro U23, Lennert Van Eetvelt, di fatto si tratta di un salto di categoria: dalla continental della Lotto-Soudal alla prima squadra.

Una vera rivoluzione francese riguarda la Groupama-FDJ: ben otto atleti della continental passano nella WorldTour. Loro l’hanno chiamata la “nouvelle vague”. Gli otto sono: Romain Gregoire, Lenny Martinez, Reuben Thompson, Enzo Paleni, Laurence Pithie, Sam Watson, Paul Penthoet e il nostro Lorenzo Germani. E questo è davvero un evento storico per quel che riguarda i settori giovanili del ciclismo (e del ciclomercato).

Marc Madiot, il team manager, aveva detto di voler rinnovare parecchio, di dare più spazio alla sua “cantera”e con 11 corridori in scadenza lo poteva fare… e lo ha fatto! A proposito: uno di questi atleti in scadenza è Attila Valter, vicinissimo alla Jumbo-Visma che vuole un uomo per la salita… casomai ne avesse pochi!

Stessa sorte di Germani e compagni per un altro italiano, Marco Frigo. Il veneto passa dalla continental alla WT della Israel-Premier Tech. Ma si sapeva da un po’.

Bardet (al centro) resterà al Team Dsm, il quale si sta muovendo non poco. Fatta un’offerta importante a Kung che ha rifiutato
Bardet (al centro) resterà al Team Dsm, la cui offerta è stata invece rifiutata da Kung

Ganna 2027

Ma forse la lista più lunga è quella dei rinnovi. E contrariamente a quel che ci si poteva attendere non appaiono solo nomi di corridori giovani. 

Per esempio hanno prolungato il loro contratto, tra gli altri, Thomas De Gent, Michael Matthews, Ion Izaguirre, Bauke Mollema, Romain Bardet, Jasper Stuyven e Simon Yates.

Ma lo hanno fatto anche Mads Pedersen, Lennard Kamna, David Gaudu, Tiesj Benoot e Biniam Girmay. Tra i rinnovi ce ne sono due che colpiscono: il prolungamento di Thomas Pidcock e di Filippo Ganna. Se per tutti gli altri si tratta di arrivare al massimo fino al 2025, i due campioni olimpici hanno prolungato con la Ineos-Grenadiers fino al 2027.

De Lie: la sua giovane età e il fatto di essere un velocista tengono a galla la Lotto-Soudal
De Lie: la sua giovane età e il fatto di essere un velocista tengono a galla la Lotto-Soudal

Allarme “arancione”

Da qui si passa ai senza contratto per la prossima stagione. Ad oggi 4 agosto: sono senza squadra a fine anno corridori di spessore come i nostri Pozzovivo, Guarnieri, De Marchi, Pasqualon, Brambilla, Cataldo. Il tempo per risolvere la questione c’è, ma neanche si può stare super rilassati.

E a proposito di Guarnieri, “Jacopone” dovrebbe dormire sonni tranquilli. Se infatti non dovesse rinnovare con la rivoluzionata Groupama-FDJ, c’è pronta la Lotto-Soudal per fare da apripista a Ewan e De Lie (entrambi con il contratto fino al 2024). In virtù dell’anno “jolly” anche in caso di retrocessione a professional, la Lotto, che rischia tantissimo, gioverebbe della wild card che ora spetta alla Alpecin-Deceuninck per intenderci. E questo non è secondario per continuare ad investire e reperire sponsor (tanto più che Soudal passa con Quick Step).

Pozzovivo invece dovrebbe restare alla corte di Piva. Il diesse ci disse che erano soddisfattissimi del lucano. 

Con Jakobsen e l’arrivo ormai certo di Merlier, Cavendish rischia di essere il terzo velocista della Quick Step
Con Jakobsen e l’arrivo ormai certo di Merlier, Cavendish rischia di essere il terzo velocista della Quick Step

Chi firma e chi… forse

Lasciano il WorldTour Clement Champoussin (dall’Ag2R-Citroen all’Arkea Samsic) e Alexander Kristoff (dalla Intermarché Wanty Gobert alla Uno-X) in quello che è un trionfo dello spirito norvegese. Un bel passaggio per chi come il vincitore della Sanremo 2014 è nella seconda parte della carriera. 

Acque un po’ più mosse per gli altri. Ci sta che possano aggiungersi alla lista di coloro che finiscono alle professional.

Tra i senza contratto a fine anni ci sono anche stranieri di calibro. Il nome più caldo è quello di Carapaz. Ma solo su carta, perché è “certo” che sarà nelle fila della EF Education EasyPost, tanto più che che la squadra americana ha ufficializzato Cepeda, suo amico e compagno di allenamenti, e Andrey Amador altro fedelissimo di Richard. Si attende la comunicazione.

Ma il campione olimpico (nella foto di apertura) è in ottima compagnia. Nella stessa situazione ci sono Cavendish e Froome? Di certo loro dovranno prendere una decisione. Entrambi gli inglesi hanno detto di non voler smettere (Froome ha ancora un anno di contratto), ma hanno 37 anni. Cav ha un’offerta importante dalla B&B Hotels che sarà supportata da un grande secondo sponsor: Carrefour. Lui però non sembra propenso a lasciare il WT.

Mentre Froome vorrebbe almeno provare ad iniziare il 2023, valutare come sta visto che è in ripresa, e quindi decidere se continuare o meno. Il tutto sempre con la Israel-Premier Tech.

Pogacar e Quintana in una foto scattata al Tour 2021. Un’inconsapevole anticipazione della collaborazione futura?
Pogacar e Quintana in una foto scattata al Tour 2021. Un’inconsapevole anticipazione della collaborazione futura?

UAE che movimenti

Infine uno sguardo più attento alla UAE Emirates. Sfruttando la scadenza di alcuni corridori, si vira nettamente sui grandi Giri e sul rafforzamento del team, tanto più dopo l’ultimo Tour.

Majka dovrebbe restare in UAE Emirates, semmai per lui si tratta su un ritocco al rialzo del contratto. Ma occhio a Quintana. Solo l’altro ieri, dopo aver parlato ad una radio del Sud della Francia, sembrava stesse per rinnovare con l’Arkea-Samsic, ma proprio la UAE pare abbia puntato gli occhi su Nairo.

Per quanto riguarda le classiche e le ruote veloci, per un Rui Costa che passa dalla UAE alla Intermarché Wanty Gobert, c’è un Tim Wellens che arriva (non ufficiale ancora). Mentre Gaviria potrebbe raggiungere l’amico Sagan alla Total Energies e il velocista non sarebbe rimpiazzato.

Formolo, Trentin, Ulissi, tutti e tre in scadenza, sono dati verso il rinnovo.