Search

Van Aert tornato a casa, il perché della scelta

21.07.2023
4 min
Salva

Anche Richard Plugge ha appoggiato la scelta di Van Aert. Il fondatore della Jumbo-Visma ha raccontato di quanto a sua volta ritenga importante condividere i momenti importanti con la famiglia e ha elogiato la decisione del campione.

La notizia che la presenza di Van Aert al Tour potesse essere a orologeria era nell’aria. Qualcuno aveva visto nella nascita di suo figlio il pretesto per non condividere la Grande Boucle con Vingegaard. Invece il belga ha scortato il compagno fino al giorno di Courchevel. Poi lo ha abbracciato, lo ha guardato negli occhi, ha pronunciato la parola «Incredible» e ha lasciato il Tour de France. La squadra ha diffuso il video il mattino successivo (in apertura un fotogramma dello stesso), ma a quel punto Wout era già nella sua casa di Herentals.

Gennaio 2022, George, primogenito di Wout e Sarah, compie un anno: la famiglia è unitissima (foto Instagram)
Gennaio 2022, George, primogenito di Wout e Sarah, compie un anno: la famiglia è unitissima (foto Instagram)

Nel giorno di riposo

La decisione è stata presa nel giorno di riposo, cosicché quando il piano è scattato, c’erano già pronti un elicottero e un aereo privato della famiglia Van Eerd, titolare dello sponsor Jumbo, che lo hanno riportato in Belgio.

«Lunedì – racconta il diesse Arthur Van Dongen – siamo stati informati che il momento della nascita si stava avvicinando. Wout ha comunicato la sua intenzione ai compagni. Alcuni di loro hanno dei figli, quindi hanno accolto il suo pensiero. Non è stata una vera sorpresa, perché sapevamo che sarebbe potuto succedere. Una volta un fatto come questo non sarebbe stato digerito così facilmente, ma noi crediamo che sia importante pensare alla persona che c’è dietro al corridore. Per cui, mentre dopo l’arrivo si commentava la corsa, nessuno si è accorto che Wout veniva trasferito verso l’elicottero».

Un cambio di rotta

Cipollini lasciò per una sera il Giro del 1997. Era appena nata sua figlia Lucrezia e Mario salì su un elicottero, tornando in gruppo per la tappa successiva. Interrogati dalla stampa belga sulla scelta di Van Aert, alcuni psicologi hanno ravvisato un cambio di direzione nell’essere campioni.

«E’ il segno una più ampia evoluzione sociale – ha detto il dottor Cedric Arijs a Het Nieuwsblad – in passato il valore del lavoro era più alto di adesso, tutto ruotava intorno alla prestazione. Si diceva che il focus doveva essere tutto sullo sport e per questo bisognava rinunciare al resto. La generazione più giovane afferma di volere una vita al di fuori del lavoro o dello sport. La scelta di Wout si sposa bene con questo: tenere conto del benessere. Come psicologo, penso che sia una buona evoluzione. Possiamo dire che un buon atleta di alto livello dovrebbe essere più di un semplice atleta. Ci sono altri ruoli. Quella del padre, per esempio. Sono convinto che una persona che si sente bene in tutti i ruoli ha un’identità più ampia e sarà mentalmente più forte».

Van Aert è uno dei beniamini del pubblico: la vittoria mancata di tappa non intacca la sua popolarità
Van Aert è uno dei beniamini del pubblico: la vittoria mancata di tappa non intacca la sua popolarità

La maglia al sicuro

Van Dongen, che della squadra è il tecnico e anche il padre buono, va avanti nel resoconto delle ore che hanno portato alla partenza di Van Aert. Il quale in ogni caso, ha aspettato che Vingegaard raggiungesse il margine rassicurante di 7’35” sul secondo.

«L’obiettivo – racconta Van Dongen – era vincere una tappa con lui. L’anno scorso c’era stato l’obiettivo della maglia verde, con diverse vittorie. Ora, oltre alla maglia gialla, il nostro obiettivo era conquistare altre tappe. Non ha funzionato. Wout ha lavorato duramente per questo, ma alcune volte ha trovato avversari più forti. E’ un peccato, ma nessuna vittoria di tappa mancata al Tour sminuisce le qualità di Wout van Aert. Quanto alla classifica, anche se dobbiamo rimanere vigili, dovrebbero succedere cose molto strane perché Jonas perda la maglia gialla. Abbiamo una squadra forte, penso che a questo punto del Tour l’assenza di Wout avrà un impatto gestibile».