Search

Quei trucchi dei pro’ per contrastare la pioggia

23.04.2022
6 min
Salva

Pioggia era prevista e pioggia è arrivata per l’ultima frazione del Tour of the Alps. Non c’è un freddo che morde alla partenza di Lienz, la temperatura è intorno ai 7 gradi: una situazione che potrebbe essere leggermente differente a ridosso degli scollinamenti, ma non è prevista la neve. Analizziamo alcune scelte tecniche, tra quelle che abbiamo visto sulle biciclette e relative all’abbigliamento dei corridori.

Per il Team Movistar, parafanghino al foglio firma
Per il Team Movistar, parafanghino al foglio firma

Il parafanghino, quasi un ricordo

Per un periodo è stato un must, utile soprattuto per chi utilizzava le “selle con il buco”. Ora è quasi sparito, lo usano davvero in pochi e quando si vede montato al foglio firma, non è scontato ritrovarlo al momento della partenza. E’ pur vero che rispetto al passato i capi tecnici fanno la differenza e adesso scendono verso la zona lombare e i glutei, rendendo “quasi” impermeabili queste zone del corpo. Il vecchio parafanghino diventa un impiccio.

Prima si controllano le gomme

Anche nelle condizioni di asfalto bagnato, le scelte si dividono tra tubolari e tubeless, ma è pur vero che la seconda opzione ha la meglio (per numero). Vanno per la maggiore i tubeless da 28, a prescindere dal team e dalla fornitura dello sponsor.

«Per noi i tubeless sono la normalità», dice Matteo Cornacchione del Team Ineos-Grenadiers. «Le scelta del profilo delle ruote è soggettiva, quasi tutti gli atleti usano il tubeless da 28, ad eccezione di “Salva” (Salvatore Puccio) che usa una sezione da 25. In una condizione come quella di oggi la pressione varia fra 4 e 5 atmosfere. Generalizzando si abbassa di 0,3/0,4, rispetto all’asciutto».

I tubolari li troviamo tra le 6 e 7 atmosfere. Dipende molto dalla natura del prodotto, se con carcassa sintetica e/o di cotone. Abbiamo notato i team supportati da Vittoria, con i tubolari gonfiati anche oltre le 7 bar. Notoriamente lo pneumatico Vittoria è elastico e morbido. Di poco superiore alle 6 bar per i Continental, per fare un altro esempio: tubolare con struttura sintetica e “più tosto” rispetto ad un Vittoria.

Poi tocca alla catena

L’extra lavoro dei meccanici è legato anche ad una lubrificazione aggiuntiva delle catene e di alcuni comparti della trasmissione. Viene usato anche del grasso bianco, non solo dei lubrificanti a goccia.

Borraccia prerace di Lopez
Borraccia prerace di Lopez

Il the caldo è sostituito dagli integratori

«Una volta i corridori chiedevano il the caldo, anche prima della partenza – afferma Cenghialta, diesse del Team Astana – ora ci sono gli integratori per ogni momento e questi hanno sostituito anche quelle vecchie abitudini. Non c’è una scelta specifica per il freddo».

E poi l’abbigliamento, fra tecnologia e brand

Capi tecnici sempre più leggeri e sottili, al tempo stesso caldi, confortevoli e protettivi. Guardi i corridori in una giornata di pioggia e capisci veramente quanto valgono le preferenze dell’atleta, così come la fornitura dei materiali che ha a disposizione.

Ci sono le giacche tutte d’un pezzo, quelle che lasciano scoperto l’avambraccio (ma viene indossato un manicotto waterproof) e tutti con le salopette leggere, non termiche (comunque davvero rare e indossate da pochi).

In pochi con i gambali alla partenza, ma l’odore di olii riscaldanti invade la zona dello start.

Caschi tutti chiusi, sì e no. Ci sono le fasce riscaldanti sulla fronte e il cappellino (presenti anche quelli impermeabili) sotto casco. I copriscarpe waterproof, di tutte le taglie, misure ed altezze. Ancor più leggeri in futuro grazie a spray impermeabili protettivi? Nulla è impossibile.

Salopette anti-abrasioni e lenti neutre

La salopette con la pannellatura laterale in Dyneema (prodotta da DSM) non è una novità in senso assoluto, soluzione già utilizzata in passato da Craft. Il tessuto Dyneema è utilizzato anche per le calzature, è particolarmente resistente alle abrasioni ed è meno elastico rispetto ad una fibra di Lycra. In caso di caduta e conseguente scivolamento sull’asfalto non si strappa e protegge la cute. E’ utilizzata da Etxeondo.

Un altro fattore molto soggettivo è la scelta delle lenti, molti con le neutre, qualcuno con le fumé e adattative, in pochi con le scure.