Search

Pulsium SAT Allroad, un po’ strada e un po’ gravel

07.06.2023
5 min
Salva
Il test della Lapierre Pulsium SAT Allroad

La nuova Pulsium SAT Allroad di Lapierre è inserita nella categoria delle bici endurance. E’ una sorta di punto di unione tra la gamma da strada e quella gravel, una bicicletta capace di mettere d’accordo diverse interpretazioni.

Utilizza la tecnologia SAT (shock absorbtion technology), che consiste in un elastomero inserito tra il terminale dei due profilati obliqui ed il piantone. Entriamo nel dettaglio del nostro test.

In salita è bici molto “stradale” di quelle reattive
In salita è bici molto “stradale” di quelle reattive

Geometria endurance

La geometria della Pulsium Allroad è uno dei punti chiave del progetto. Si basa su quote numeriche marcatamente endurance, per nulla banali e che ci mostrano una bici tanto votata al comfort, ma anche compatta e con valori del reach ridotti taglia per taglia.

Traducendo, a prescindere dalla taglia la Lapierre Pulsium SAT Allroad in questione ha un anteriore alto ed è piuttosto corta, due fattori che nell’insieme permettono di utilizzare al pieno delle potenzialità anche una misura più piccola, rispetto a quella ottimale. Non si tratta di estremizzazione, ma bensì di allargare l’orizzonte dell’utilizzo, sfruttando l’agilità di questa bicicletta. Noi l’abbiamo fatto durante il test e abbiamo usato una taglia small, invece di una media.

La Pulsium SAT Allroad 6.0 del test

Il telaio e la forcella sono completamente in carbonio undirezionale Superlight. L’impatto estetico adotta un disegno tipico delle bici Lapierre, con questa sorta di triplo triangolo che si sviluppa a ridosso del nodo sella, con i pendenti obliqui che oltrepassano il piantone e si innestano nell’orizzontale. Al contrario dei modelli Xelius, le due tubazioni oblique sono unite al verticale. In questa zona è presente l’inserto SAT. Di fatto è un elastomero, che ha una funzione meccanica ed estetica. Meccanica perché aiuta a fermare le vibrazioni che arrivano dal basso, estetica perché uniforma questa sezione della bici alle altre. Questo perché la tubazione obliqua interna al triangolo principale non è interrotta, ma è più sottile proprio nel punto ricoperto dall’elastomero SAT.

Il montaggio è composto da una trasmissione meccanica Shimano GRX 2×11. Le corone anteriori sono 48/31, mentre i pignoni posteriori hanno una scala 11/34. il comparto manubrio è in alluminio, per lo stem e per la piega. Il primo ha una sorta di placchetta inferiore che nasconde una parte delle guaine, mentre la piega ha una curvatura flare verso l’esterno di 16°, molto utile e tanto sfruttabile anche sullo sterrato. Il reggisella è Lapierre in alluminio e monta una Selle San Marco Shortfit.

Le ruote sono in alluminio, le DT Swiss E1800 Spline, gommate Schwalbe G-One RS con una sezione di 35 millimetri e sono nella versione TLE (tubeless). La misura massima tollerata è 38, ma bisogna comunque fare attenzione alla tipologia di tassellatura laterale, perché gli stays bassi/posteriori tendono a stringersi nel punto d’inserzione alla scatola del movimento centrale, limitando il passaggio della ruota. Il peso da noi rilevato (senza pedali) è di 9 chilogrammi ed il prezzo di listino è di 3799 euro.

Le nostre considerazioni

La Lapierre Pulsium SAT Allroad è un giusto compromesso. E’ una bicicletta che si basa su una piattaforma endurance, con i vantaggi che ne derivano nei termini di comfort, piacere di guida nei lunghi periodi e di facilità di guida sui vari terreni. Ha una posizione di guida che non obbliga a sacrifici e a posizioni da “mal di schiena”. E’ parecchio versatile ed il fatto di poter montare gli pneumatici da gravel ne è la conferma.

Non è adatta ai percorsi sterrati eccessivi, ma crediamo al tempo stesso che l’utente tipo di questa bici non è colui che si getta come un proiettile in un sentiero troppo scassato e roccioso. Piuttosto è quello che sbircia il gravel e le strade non asfaltate dal buco serratura, le approccia, ci entra trattenendo il respiro per poi lasciarsi andare ad un divertimento che fa parte di questa bicicletta.

Lapierre Bikes