Search

Pervis, un oro olimpico verso l’America’s Cup di vela

29.12.2023
5 min
Salva

Può sembrare strano, ma la vela può diventare un nuovo approdo per i ciclisti. Lo sa bene Paolo Simion, che ha trovato posto come cyclor su Luna Rossa e lo sa anche François Pervis, suo acclamato collega francese pronto ad affrontarlo nella prossima estate di Coppa America nell’equipaggio di Orient Express, la sfida francese al più importante trofeo velico della storia.

Anche Pervis vestirà i panni del cyclor (o meglio power sailor), questa nuova figura che pedalando dovrà dare energia alla barca, per attivare tutti i meccanismi necessari a dare pieno vento alle vele. Pervis non è certo uno sconosciuto: su pista ha vinto tutto quel che si poteva, compreso l’oro olimpico nel 2016 e ha detenuto il record del mondo nel chilometro da fermo fino a poche settimane fa, quando Hoogland gliel’ha strappato nell’aria rarefatta di Aguascalientes.

Pervis in allenamento con gli altri cyclor della sfida francese (foto Keruzore/Orient Express)
Pervis in allenamento con gli altri cyclor della sfida francese (foto Keruzore/Orient Express)

Una sfida per rimettersi in gioco

Tra un allenamento e l’altro di giornate intensissime, con Orient Express che anche durante le feste natalizie ha lavorato nelle acque di Barcellona, Pervis ha trovato il tempo per raccontare questo nuovo e per certi versi inaspettato capitolo della sua carriera.

«Sono stato contattato dallo staff della squadra – ci ha detto – mi hanno chiesto se fossi interessato a partecipare al progetto, mi sono informato e l’ho trovato molto interessante, così ho accettato la sfida. Tutto molto semplice, era l’occasione giusta per rimettersi in gioco».

Il 39enne di Chateau-Gontier ha detenuto per 10 anni il record mondiale del chilometro con 56″303
Il 39enne di Chateau-Gontier ha detenuto per 10 anni il record mondiale del chilometro con 56″303
Lo sforzo che viene richiesto è più adatto a un pistard o a uno stradista?

Questa è un’ottima domanda e per il momento nemmeno noi possiamo rispondere, non lo sappiamo ancora perché non abbiamo ancora la barca quindi non ci siamo testati appieno. Ma anche in corso d’opera, non sono certo di poter rispondere perché in questo mondo si lavora moltissimo sotto copertura e ci sono tanti segreti che non possono essere svelati.

Quali sono i tuoi compiti?

Lavoro per creare l’energia che attiva i foil e le vele. Abbiamo poco lavoro di squadra fuori dalla barca, a terra. Ci sono piccoli compiti di coordinamento tra i corridori e poi con i media o tra i corridori e lo staff. Ognuno di noi ha anche un piccolo lavoro a parte. L’impegno principale è durante le regate, abbastanza contenuto nel tempo (tra i 20 e 30 minuti, ndr), ma molto intenso e importante ai fini del rendimento generale.

Per lo sprinter transalpino la preparazione è molto cambiata, come anche l’alimentazione (foto Orient Express)
Per lo sprinter transalpino la preparazione è molto cambiata, come anche l’alimentazione (foto Orient Express)
Come è cambiata la tua preparazione rispetto a quando correvi?

E’ vero che quando ero in pista facevo sprint e allenamento con i pesi tutti i giorni. Lì, ovviamente, è cambiato un po’. Ho dovuto impegnarmi di più sulla resistenza perché la gara dura 20 minuti. Mentre per me, solitamente prima era un minuto di fatica. Diciamo che attingo alle mie riserve. Ottengo molta resistenza estendendo i miei sforzi. Ho una formazione specifica, ovviamente, che è simile a quella che potremmo fare in barca.

Quanto è importante la squadra in questa esperienza? E i rapporti con il tuo compagno di squadra sono diversi rispetto a quando correvi?

Oh sì, molto. Siamo davvero nella stessa squadra, condividiamo tutto nel corso della giornata, quello che avviene in barca è figlio della coesione che dev’esserci al di fuori, per questo passiamo un sacco di tempo insieme. Quando ero in pista correvo ed era uno sport individuale. Qui pensiamo tutti insieme a migliorare le cose. Per me è decisamente diverso, ma è nuovo ed è anche bello vedere qualcos’altro.

Nel team è fondamentale fare gruppo, in barca ma anche fuori (foto Orient Express)
Nel team è fondamentale fare gruppo, in barca ma anche fuori (foto Orient Express)
Simion ha detto che da quando fa parte di Luna Rossa è aumentato di 13 chili. E’ successo lo stesso a te?

Sì, anzi sta avvenendo. Sono troppo leggero e devo ingrassare. Quindi mangio molto. E’ un bene perché per un ciclista è sempre difficile il rapporto con il peso. Dobbiamo sempre migliorare il rapporto peso/potenza quando sei un ciclista. Essere il più potente possibile, ma anche il più leggero possibile. Qui è tutto diverso, mi alleno e mangio molto perché servono chili.

Che aspettative hai per questa avventura?

Noi francesi abbiamo una grande barca perché è la stessa dei detentori neozelandesi. La Francia ha acquistato i progetti, quindi sappiamo che la barca sarà fantastica. E’ chiaro che vogliamo andare in finale, per poi vivere un’avventura eccezionale, scoprire, perché per me e per i miei colleghi sarà una scoperta, venendo tutti da uno sport diverso dalla vela. Quindi diamo il massimo, diamo il massimo e alla fine non rimpiangiamo nulla.

In carriera Pervis ha vinto 7 titoli mondiali. Nel 2014 ha fatto tris: keirin, sprint a squadre e chilometro
In carriera Pervis ha vinto 7 titoli mondiali. Nel 2014 ha fatto tris: keirin, sprint a squadre e chilometro
Quanta attenzione c’è in Francia per la vostra partecipazione?

E’ una competizione che in Francia è poco conosciuta dal grande pubblico. Quando dico che ho partecipato all’America’s Cup, la maggior parte delle persone mi chiede: che competizione è? Non se ne rendono conto davvero. Ma il nostro obiettivo è anche sviluppare l’immagine dell’America’s Cup in Francia grazie al nostro team.

Se ti guardi indietro, sei soddisfatto di quel che hai ottenuto in sella a una bicicletta?

Sì, sicuramente. Sono molto contento di quello che ho fatto in passato. Tutti i miei titoli, tutti i miei record mondiali, è fantastico. Ho avuto il record del mondo per dieci anni, attraverso i quali gli ingranaggi, le corone e i pignoni utilizzati sono diventati sempre più grandi. Non mi dà fastidio che sia stato Hoogland a batterlo perché attualmente è il più forte del mondo. Ma io l’ho avuto, per tanto tempo.