Search

Pozzovivo non si ferma e cerca il Giro perfetto

31.05.2022
5 min
Salva

Più cerotti che pelle sana, Pozzovivo viene a sedersi dopo la doccia sui gradini nella parte anteriore del pullman. Manca un’oretta alla partenza della crono che chiude il suo 16° Giro d’Italia che ancora una volta chiuderà fra i primi dieci. La caduta del Mortirolo ha condizionato pesantemente la seconda parte di gara, ma per il resto il lucano si è mosso come un grillo nelle prime file del gruppo. E così, mentre infila le calze a compressione e si appresta all’ultima vigilia della corsa, parliamo con lui di quel che ha visto in giro e quel che sarà.

Al via da Marano Lagunare, nella tappa del Santuario di Castelmonte
Al via da Marano Lagunare, nella tappa del Santuario di Castelmonte
Soddisfatto?

Sì, sono soddisfatto perché comunque parlare di top 10 e raggiungerla con tutto quello che ho vissuto questo inverno e comunque dopo il mio incidente, è un grandissimo risultato.

Come l’hai vista la lotta davanti per questo Giro?

Per me è stata anche più di quello che mi aspettassi nelle prime due settimane, perché ero lì allo stesso livello di coloro che se lo sono giocato, quindi questo mi fa ancora più piacere. Vedevo favorito Carapaz, per come si era messa e perché soprattutto in altura di solito trova pane per i suoi denti. Però la condizione di Hindley è stata veramente stellare. Anche due anni fa, quando si e rivelato al grande pubblico, l’ultima settimana per lui fu di altissimo livello. Quindi penso che sarà veramente un osso duro per i prossimi anni.

E’ stato Pozzovivo a tirare la volata di Girmay a Jesi: missione compiuta
E’ stato Pozzovivo a tirare la volata di Girmay a Jesi: missione compiuta
Come si sono mossi i tre blocchi che si sono giocati il Giro?

La Ineos ha fatto la corsa senza prendere nessun rischio e alla fine non ha pagato. Penso che la Bora abbia fatto una cosa offensiva e anche molto spettacolare che in alcuni tratti ha deciso le sorti del Giro. Tolta la tappa di Torino, in cui hanno fatto un’azione spettacolare, è stata praticamente in tutte le fughe. Quindi una corsa molto offensiva. Invece la Bahrain ha cercato di capitalizzare tutto il lavoro in una sola tappa, quella del Fedaia, però alla fine le gambe non erano buone. Insufficienti per battere gli altri due.

Non sono sembrati irresistibili tra Pordoi e Fedaia…

In gruppo penso che fossero al limite delle loro capacità. Perché comunque quando fai una settimana così tirata, c’è anche un livellamento e non sempre si riesce a fare una grandissima differenza. Se loro avessero accelerato di più, perdevano subito anche Buitrago, quindi erano tutti più o meno livellati. Penso comunque che la Bora puntasse dall’inizio su Hindley. Diciamo che aveva anche altri co-capitani, come si usa tanto adesso, perché gli incidenti nei grandi Giri capitano sempre. Però si vedeva che lui era quello più protetto e su cui contavano di più.

Sul Fedaia. Pozzovivo si è piazzato a 3’12” da Hindley, pagando il conto al mal di schiena
Sul Fedaia. Pozzovivo si è piazzato a 3’12” da Hindley, pagando il conto al mal di schiena
Senza caduta come sarebbe cambiato il tuo Giro?

Top 5 invece di top 10 e sarebbe stato ancora più prestigioso. Però devo dire, pensando anche che a me piacciono tanto i numeri, che arrivare ottavo 14 anni dopo il mio primo nono posto in classifica generale è tanta roba. Mi sono state fatte domande sul prosieguo della mia carriera, forse questa caduta mi dà la motivazione per cercare quello che io chiamo il Giro perfetto. C’ero quasi riuscito, ma adesso ho la motivazione per i continuare nei prossimi mesi.

Fosse per te non finirebbe mai?

Ovviamente sono consapevole che rischio qualcosa nel correre, perché il gomito non è al 100 per cento. Però diciamo che ho trovato un buon compromesso nel correre dietro quando me lo posso permettere e sprecare un po’ di più per risalire, ma limitando così i rischi.

La caduta nella discesa del Mortirolo dovuta a una modifica dell’impianto frenante
La caduta nella discesa del Mortirolo dovuta a una modifica dell’impianto frenante
Davvero la caduta è dipesa da una scelta sbagliata dei dischi?

Da un problema con i freni, davvero. Ho limitato tutti i rischi nello stare in gruppo e poi abbiamo cercato di cambiare qualcosa in un impianto frenante che era buono, ma non al 100 per cento. E non è andata meglio.

Si parlava di misura troppo piccola del disco…

Non è quello. Il disco da 140 ce l’abbiamo standard, lo prevede la bici e averne uno superiore sarà diciamo l’evoluzione. Più che altro, abbiamo cambiato qualcosa nella pinza e non ha funzionato.

L’ultima crono chiusa a 2’56” da Sobrero, facendo prove per il Giro di Svizzera
L’ultima crono chiusa a 2’56” da Sobrero, facendo prove per il Giro di Svizzera
Come hai visto il vecchio Nibali?

L’ho visto molto bene, non me l’aspettavo che riuscisse a fare una top 5, dopo l’inizio di stagione tribolato anche per lui. Penso che non se l’aspettasse nemmeno lui, che temesse di avere un crollo da un giorno all’altro, una crisi che lo costringesse a mollare. Invece ha tenuto duro. Diciamo che su binari paralleli abbiamo tenuto duro tutti e due nell’ultima settimana, cercando di tirar fuori il meglio.

Ultima crono sempre a tutta?

Le crono mi piace farle al massimo, altrimenti diventano un’agonia. Quindi cercherò anche di testare qualche cosa nuova sulla bici, visto che al Giro di Svizzera ci sono 25 chilometri contro il tempo. Andiamo avanti, insomma…