Search

Ciclocross e strada sempre meno compatibili? Parla Tacchino

06.07.2022
5 min
Salva

L’argomento della multidisciplina ha preso banco nell’ultimo periodo, soprattutto da quando nel ciclismo si sono affacciati fenomeni come Van Aert, Van Der Poel e, successivamente, Pidcock. Non è facile conciliare due stagioni come quelle del ciclocross e della strada, le due preferite da chi ama sia l’asfalto quanto il fango. I due calendari sono più semplici da gestire in quanto non si accavallano durante la stagione. 

I giovani che in Italia tentano di conciliare la via della doppia disciplina vanno incontro a qualche problema logistico. Il divario tecnico ed organizzativo lo abbiamo sondato in una recente chiacchierata con Lorenzo Masciarelli. Il giovane crossista, in forza alla Pauwels Sauzen Bingoal, è volato in Belgio per poter fare tutte e due le attività al massimo livello. 

Dopo l’avvento di Van Aert e Van Der Poel il tema della multidisciplina è esploso
Dopo l’avvento di Van Aert e Van Der Poel il tema della multidisciplina è esploso

Questione di priorità

Lorenzo ha fatto la valigia da giovanissimo ed è andato a vivere ad Oudenaarde, dove il ciclismo è di casa. il corridore abruzzese è arrivato addirittura a dire: «La strada rimane un’attività di preparazione ai mesi più importanti per me, ovvero quelli invernali, dove ci sarà il ciclocross». 

E se per lui, all’apparenza, tutto sembra un po’ più semplice, sono tanti i ragazzi che praticavano ciclocross con buoni risultati che hanno sacrificato tutto alla strada. Parliamo con Fabrizio Tacchino, formatore dei diesse italiani, che di atleti ne ha visti tanti e di esperienza ne ha da vendere.

«A livello giovanile – spiega prontamente – per chi pratica la doppia attività ci sono due vie percorribili: la prima è non abbandonare mai le ruote grasse e fare ciclocross e Mtb. La seconda è fare ciclocross in inverno e strada nel resto della stagione. E’ però difficile fare attività ad alto livello nell’arco di tutta la stagione, si devono per forza prevedere dei periodi di stacco per far rifiatare l’atleta».

La strada è più ricca

Lo spunto per questa nostra riflessione arriva da Lorenzo Masciarelli, che però rappresenta un’eccezione per il mondo italiano. La sua squadra, e di conseguenza lo staff ed i diesse, sono gli stessi durante tutta la stagione. Ciò rende più semplice programmare la doppia attività senza creare conflitti di interesse.

«Qui da noi – riprende con voce forte Fabrizio – è più difficile pensare di fare la doppia attività, soprattutto perché non esistono squadre che curano entrambe le discipline. Un esempio è De Pretto, che aveva vinto il titolo nazionale all’idroscalo a Milano. Lo segnalai subito a Rino De Candido perché il profilo era davvero promettente ed infatti è emerso, ma ha abbandonato il ciclocross e si è dedicato alla strada. Va detto, ad onor del vero, che se un ragazzo vuole emergere in Italia e fare una carriera sulla bici, deve per forza di cose correre su strada, altrimenti rischia di trovarsi tagliato fuori dal panorama ciclistico. Un esempio che posso portarvi è quello di Travella, che va forte nel ciclocross e Mtb, ma ora ha scelto di fare prettamente strada. Lui è un allievo e, rimanendo in Italia, ha più chance di fare una carriera dedicandosi alla strada».

Davide De Pretto ha corso fino al 2019 nel cross, conquistando 3 tricolori, poi ha lasciato l’attività per concentrarsi sulla strada
Davide De Pretto ha corso fino al 2019 nel cross, conquistando 3 tricolori, poi ha lasciato l’attività per concentrarsi sulla strada

Il prestito di attività

La Federazione, per venire incontro a questi ragazzi e permettere loro di fare entrambe le discipline, ha istituito il “prestito di attività” ma è realmente funzionale alla causa?

«Il prestito di attività – dice Tacchino – permette a corridori tesserati con team che corrono su strada di fare ciclocross (o altre attività fuori strada, ndr) con un’altra squadra. E’ un modo per non creare contrasto tra le due attività ed in questo modo hanno incentivato i corridori. Tuttavia è facile capire che si tratta di quel tipo di accordo dove è facile “rubare” il corridore. Mi spiego meglio: se un ragazzo fa doppia attività e si scopre che va forte su strada poi il suo team faticherà a cedere il ragazzo ad un’altra società per la stagione di ciclocross».

Dopo le parole di Tacchino pensiamo subito a Toneatti ed al suo promettente avvicinamento alla strada. L’Astana Development lo gestirà perché possa crescere in entrambe le discipline?

«Toneatti – incalza Fabrizio – è un bel paragone. Con la nascita delle squadre di sviluppo legate ai team WorldTour conciliare la doppia attività potrebbe diventare ancora più complicato. La squadra investe tempo, energie e soprattutto soldi per il corridore e quindi sarà loro interesse fare in modo che lui performi al massimo nella disciplina da loro curata: in questo caso la strada. Poco importa se il ragazzo è forte anche nel ciclocross».

Toneatti 2021
Toneatti, da marzo all’Astana Development continuerà la sua proficua attività nel ciclocross il prossimo inverno?
Toneatti 2021
Toneatti, da marzo all’Astana Development continuerà la sua proficua attività nel ciclocross il prossimo inverno?

Il coraggio e la fortuna di Masciarelli

A seguito delle parole di Tacchino è facile capire quale possa essere il vantaggio di Masciarelli nel correre in un team che curi entrambe le discipline.

«A parte che la cosa che ha fatto Lorenzo – chiude Fabrizio – la consiglierei a tutti, anche al di là della carriera. Noi abbiamo una mentalità più “mammona” anche se ora la rotta un po’ si sta invertendo, sono sempre più i ragazzi italiani che per motivi sportivi partono. Un esempio recente è il nuovo campione italiano: Germani, che è andato in Francia a correre. Come lui ce ne sono altri, uno su tutti Milesi. Questa esperienza fuori confine li fa crescere e maturare come corridori ma soprattutto come uomini».