Search

Settimana Cicloturistica Internazionale, per una Pasqua in sella

07.01.2023
6 min
Salva

Gabicce Mare è sinonimo di ospitalità e cordialità. La bici da queste parti è il mezzo perfetto che ti permette di scoprire e raccontare storie balzando da un paese all’altro tra cultura ed enogastronomia. La Settimana Cicloturistica Internazionale, in programma dall’8 al 14 aprile, è l’occasione giusta che racchiude tutte queste peculiarità in una manciata di giorni. Sette per l’appunto, dove il ciclista non deve pensare a nulla se non a godersi la Pasqua 2023 in sella alla propria bicicletta.

Scopriamo la 41ª edizione che vanta più di quarant’anni di tradizione con il creatore Angelo Serra, nonché Presidente del Gruppo Albergatori Multiservizi – GAM di Gabicce Mare.

«Far conoscere Gabicce e i suoi dintorni – spiega – è il nostro obiettivo. Una meta in grado di regalare una vacanza completa al turista che viene d’estate e non solo in tutte le sue sfumature. Portiamo alla scoperta di tutti i paesi che ci stanno attorno facendone conoscere la tradizione e lo spirito che si può trovare pedalando nelle nostre zone».

Angelo Serra è l’ideatore di questa settimana all’insegna delle due ruote
Angelo Serra è l’ideatore di questa settimana all’insegna delle due ruote

Pasqua con chi vuoi

Sette giorni, tutte le mattine, alla scoperta del magnifico territorio marchigiano e delle sue bellezze, sette le meravigliose uscite fuori porta che sono state programmate per i partecipanti: si percorreranno dai 46 ai 90 chilometri, con soste in cui sarà possibile gustare i tanti prodotti tipici dell’entroterra. Non solo ciclisti, ma anche accompagnatori e familiari, che per tutta la durata del soggiorno potranno visitare accuditi dalle guide nelle bellezze del territorio. 

«E’ da tanti anni che esiste – dice Angelo Serra – abbiamo attraversato tanti bei momenti, tra quelli più gloriosi a quelli più difficili che ci siamo appena messi alle spalle. La Settimana Cicloturistica Internazionale vanta una vera e propria storia, fatta di passione e due ruote. Vengono da tutta Europa e non solo, ci sono francesi, belgi, olandesi, tedeschi, inglesi, svedesi, ma anche ospiti da Canada e Stati Uniti. Gli italiani ovviamente sono presenti e in gran parte».

Un angolo per la bici

Sei mesi all’anno, i paesi più belli confinanti con la prima località nelle Marche che ha inventato il cicloturismo, sono visitati da ciclisti provenienti da tutto il mondo. Gabicce Mare merita di essere scoperta. Non è solo meta della famosa Settimana Cicloturistica Internazionale, che si svolge da ben 40 anni nel periodo di Pasqua, ma anche una destinazione di vacanza tra le più attrezzate per gli amanti dello sport, del benessere e l’enogastronomia.

Per l’occasione le sette tappe toccheranno le più famose e affascinanti strade che hanno scritto anche qualche pagina nel ciclismo dei grandi e hanno ospitato gli allenamenti di campioni come Marco Pantani. Le tappe proposte per l’edizione 2023 saranno: Montelabbate, Gallo di Petriano, Tavullia (su strada bianca), Montemontanaro, Vallefoglia, Montecalvo in Foglia e Parco Naturale del Monte San Bartolo. 

Anche per le famiglie

La Settimana Cicloturistica Internazionale sarà anche l’occasione per la  4ª edizione di “Escursioni e visite guidate nei paesi, borghi e castelli di tappa”. Un programma per gli accompagnatori e tutti i turisti in vacanza a Pasqua, che per qualsiasi motivo non pedalassero. Tutte le mattine, dopo la partenza dei cicloturisti, con un bus navetta sarà possibile raggiungere le varie località e attendere i ciclisti nei paesi dove faranno tappa. E qui sarà offerta una degustazione gastronomica di prodotti tipici. Il programma prevede inoltre una visita culturale, storica e paesaggistica del luogo (per info: gabiccemarebike.it/it/escursioni)

«Nel tempo – spiega Serra – ci siamo dedicati anche alle famiglie, rendendo l’esperienza adatta anche ai familiari. Una volta il ciclista partiva e faceva la sua corsa. Ci si salutava alla mattina e poi ci si aspettava una volta rientrati. Ci siamo inventati la possibilità per gli accompagnatori di salire nei pulmini, anticipare i ciclisti all’arrivo. Nell’attesa vengono accuditi dalle guide che gli mostrano i paesi e le particolarità del territorio. Questo anche nelle tappe intermedie, con un rinfresco in compagnia tra famiglie e ciclisti per poi ripartire e trovarsi in hotel».

I ciclisti provengono da tutto il mondo per vivere insieme le due ruote
I ciclisti provengono da tutto il mondo per vivere insieme le due ruote

Incontri e festa

Una volta scesi di sella l’accompagnamento e l’organizzazione non si ferma. Ci saranno infatti diversi appuntamenti per affrontare argomenti tecnici e momenti di approfondimento sul mondo della bicicletta. Dalla serata dedicata alla nutrizione, ai momenti di sensibilizzazione come quello con la Fondazione Michele Scarponi ed i suoi familiari con la presenza ed intervento della Polizia Stradale. Non mancheranno i momenti di festa e svago sempre rigorosamente organizzati per fornire occasioni di spensieratezza e convivialità. 

«Questo è un altro aspetto – racconta Serra – a cui teniamo molto. Abbiamo infatti organizzato incontri che si susseguono in tutte le giornate. Per esempio c’è quello con il fisioterapista che spiega l’importanza di questa figura e tutte le accortezze che un ciclista deve tenere in conto per una buona forma fisica. Ci sarà l’appuntamento con la sicurezza, nutrizione, benessere e i momenti di festa. Un’organizzazione che comprende tutta la giornata». 

Ad alimentare le giornate ci sono classifiche e piccole competizioni
Ad alimentare le giornate ci sono classifiche e piccole competizioni

Spazio alla competizione

Praticare ciclismo spesso è sintomo di benessere e relax. Ogni ciclista però sa che pedalare più veloce di qualcuno nasconde un sentimento di gioia e soddisfazione. Per questo durante la Settimana Cicloturistica Internazionale saranno presenti anche piccole competizioni e una grande classifica generale che alimenterà e scandirà amichevolmente le sette giornate in programma. 

«Sarà presente qualche competizione – conclude Serra – come la cronoscalata “Colombarone-Gabicce Monte” con la premiazione dei vincitori con l’intervento della vostra redazione e aziende partner e fornitori. O anche qualche tappa più insolita come quella dedicata alla strade bianche di Tavullia per il gravel. Cerchiamo di rendere la settimana il più variegata e completa possibile per fare capire che a Gabicce si può fare di tutto e a misura di due ruote».

gabiccemarebike.it