Un giorno in giallo con Bardet: Emily Brammeier racconta

03.07.2024
7 min
Salva

VALLOIRE (Francia) – «Avevamo già avuto la maglia gialla in squadra – dice Emily Brammaier, responsabile delle comunicazioni nel Team DSM – ma non avevo mai lavorato con la maglia gialla. Quindi sabato è stata una bella giornata. Avevo lavorato con altri leader. C’ero quando Nicholas Roche prese la maglia della Vuelta e anche quando Wilko Kelderman e Jay Hindley presero la rosa nel 2020. L’anno scorso ancora in rosa con Andreas Leknessund. Questa volta c’è stato Bardet, ma l’attenzione che porta la maglia gialla è nulla in confronto delle altre due».

Emily Brammeier è una bella ragazza bionda, per metà inglese e metà irlandese, che da qualche anno lavora per il Team DSM Firmenich. Ci si saluta ogni giorno, si scambiano poche battute, ma questa volta abbiamo deciso di chiederle qualcosa di più per capire che cosa significhi quando in una squadra (che non ci è abituata) arriva la maglia gialla. Che cosa è successo nel team olandese quando Bardet ha vinto la prima tappa del Tour e ha conquistato la maglia gialla? Lo chiediamo a lei, che ha seguito Bardet in ogni passo. E poi le chiederemo qualcosa di sé: chiunque passi tanti giorni lontano lavorando sodo all’ombra dei campioni merita che il proprio lavoro venga riconosciuto.

Vi aspettavate che Bardet potesse vincere tappe e maglia in avvio del Tour?

Mia cugina si è appena sposata a Firenze ed è in luna di miele in Italia. Così le ho procurato dei biglietti per venire all’ospitalità la mattina della prima tappa. E lei mi ha chiesto: «Allora, qual è il tuo programma per la giornata?». E io le ho risposto che sarei andata a Rimini per conquistare la maglia gialla. Le ho detto che sarebbe stato un sogno assoluto, anche se il piano di attaccare e provare c’era davvero. Volevamo essere nel vivo della gara e quando è arrivata la sera, abbiamo scoperto che il sogno si era avverato.

Da quanto tempo sei in questa squadra?

Dal dicembre 2016. Ho iniziato a occuparmi dei social media e poi, dopo circa un anno, sono passata al ruolo di addetto stampa. Ora invece sono responsabile delle comunicazioni. Mi sono avvicinata al ciclismo perché in realtà provengo da una famiglia di ciclisti. Mio fratello era un ciclista professionista così pure sua moglie, Nikki Harris. Mio padre andava sempre in bicicletta quando eravamo bambini. E poi, per fare sì che i miei due fratelli maggiori continuassero a stare bene, evitando che frequentassero le persone sbagliate, li arruolò nel club ciclistico locale.

Cresciuta fra le bici, insomma…

Abbiamo trascorso tutta la nostra infanzia partecipando a gare ciclistiche. Io ero di supporto per i miei fratelli. E alla fine, come si diceva, uno di loro è stato per alcuni anni un ciclista professionista e ora è allenatore nella nazionale britannica: si chiama Matt Brammaier. Per cui, ecco spiegato come mai io lavori nel ciclismo. Invece sono nelle comunicazioni perché ho studiato pubbliche relazioni e media e quindi… eccomi qui.

Emily con il fratello Matt: ex corridore e ora tecnico della Gran Bretagna (foto Instagram)
Emily con il fratello Matt: ex corridore e ora tecnico della Gran Bretagna (foto Instagram)
Come è stato aspettare l’arrivo di Bardet a Rimini?

Piuttosto folle, perché non avevamo una visione d’insieme. Non avevamo schermi televisivi, a dire il vero, perché il nostro pullman si è rotto mentre arrivavamo a Rimini (in sostituzione è stato chiamato Daniele Callegarin con il pullman Vittoria, ndr). Quindi è stata una fortuna che io sia riuscito ad arrivare al traguardo. Ho avuto un passaggio dalla Israel Premier Tech. Hanno caricato me e il mio operatore in una stazione di servizio sull’autostrada. Il pullman aveva tutte le spie accese sul cruscotto, per cui ho inviato un messaggio ai miei colleghi e ho detto se ci fosse qualcuno dietro di me in autostrada che potesse venire a prendermi. E alla fine, grazia alla Israel, sono arrivata al traguardo con il cibo, le bevande e la borsa per l’arrivo.

Che cosa ha significato gestire la maglia gialla del Tour?

Buona domanda. In realtà c’è differenza tra averla per pochi giorni e quando invece si punta davvero alla classifica. In ogni caso devi provare a gestire la quantità di tempo in cui il corridore è impegnato a partire dai protocolli post gara. Quando lo fai per giorni e giorni di seguito, ci vuole molta energia. Sei sempre l’ultimo corridore a lasciare la gara. Hai il podio, molteplici conferenze stampa, controlli antidoping. Può volerci un’ora e mezza, anche due ore prima che torni in hotel. Quindi penso che se lo fai giorno per giorno e il tuo obiettivo è davvero mantenere la maglia, allora devi cercare di gestire davvero il tempo. Ma per noi, ovviamente, in questo caso non era quello l’obiettivo.

Che cosa ha rappresentato quella maglia per Bardet?

E’ stato un momento davvero speciale, per cui abbiamo vissuto le varie fasi insieme e senza stress. Ci siamo goduti tutta la trafila di cosa significhi essere in maglia gialla. La serata è stata impegnativa. Ogni sera il Tour è affollato, ma credo che questa volta sia stata eccezionale. Come ho detto, non avevamo un pullman al traguardo, quindi i corridori sono saliti in macchina e se ne sono andati. Noi invece (ride, ndr) siamo tornati in bicicletta dal traguardo all’hotel.

Bardet in giallo, Van den Broeck in verde: grande inizio di Tour (foto Instagram)
Bardet in giallo, Van den Broeck in verde: grande inizio di Tour (foto Instagram)
In bici?

Bardet e Van den Broeck erano entrambi reduci dal podio, quindi sono saliti in macchina e sono andati via con il medico. Noi rimasti, quindi il nostro allenatore e il capo delle operazioni, abbiamo preso le loro bici di scorta e abbiamo fatto 10 chilometri fino all’hotel. E’ stato molto diverso dal solito viaggio in macchina…

In che modo avete gestito la maglia sul piano della comunicazione?

Abbiamo cercato di realizzare quanti più contenuti possibili. Commercialmente, la maglia gialla è super interessante ed è un momento che abbiamo voluto massimizzare anche dal punto di vista dei social media e delle pubbliche relazioni. Abbiamo fatto venire un paio di giornalisti in hotel e più tardi la sera abbiamo fatto alcune interviste dal vivo sia con Roman che con Frank Van den Broeck. Però abbiamo avuto anche un momento con lo champagne per fare festa tutti insieme. E mentre eravamo nella hall a fare questo brindisi, in televisione riproponevano la tappa. Così ci siamo seduti e abbiamo visto il finale tutti insieme.

Dai social media si è visto che i ragazzi hanno detto qualcosa.

Hanno fatto un bel discorso e abbiamo bevuto tanto champagne, che alla fine gocciolava dal soffitto. Romain era felice. Penso che indossare la maglia gialla sia stato il sogno di una vita, quindi è stato bello poterlo condividere con lui. Era decisamente emozionato, soprattutto quando è tornato in albergo e ha visto i compagni di squadra e gli altri membri dello staff.

L’intera squadra è stata felicissima per Bardet, in giallo al suo ultimo Tour
L’intera squadra è stata felicissima per Bardet, in giallo al suo ultimo Tour
Il giorno dopo è stato necessario fare qualcosa di particolare, avendo la maglia gialla?

Siamo arrivati un po’ prima alla partenza, in modo da avere abbastanza tempo per fare tutto il necessario. Non abbiamo creato una strategia mediatica, ma di certo è stato un momento di altissima intensità al quale ci eravamo preparati dal mattino. Per ogni Grande Giro prepariamo oggetti su misura, per cui al Tour ne abbiamo gialli, verdi, a pois nel caso arrivi quella maglia. Da un punto di vista commerciale è utile, per cui abbiamo poi passato la mattinata a fotografare quel genere di cose. A scattare foto di gruppo tutti insieme, perché per tutti noi è stato un momento speciale da ricordare.

Quanta attenzione c’è per la maglia gialla?

E’ stato piuttosto folle, considerando che si trattava di un francese dopo una prestazione così spettacolare. Non è stata solo la sua vittoria, ma una vera vittoria di squadra e penso che tutto il mondo del ciclismo sia stato davvero contento vedendoli arrivare al traguardo. Abbiamo ricevuto un quantitativo incredibile di messaggi di complimenti per la strategia e la sua esecuzione. E’ stato davvero speciale farne parte.

Incontri, feste e autografi nel suo unico giorno in giallo: qui con Prudhomme
Incontri, feste e autografi nel suo unico giorno in giallo: qui con Prudhomme
Peccato sia durata per un solo giorno…

Quando abbiamo perso la maglia, ovviamente, c’è stata una certa delusione. Sarebbe stato carino per Romain portarla fino in Francia. Ma se avessi detto a chiunque di noi che avremmo avuto una giornata con la maglia gialla, vinto una tappa e anche un secondo posto, che avremmo preso una maglia verde e una maglia bianca e il premio di corridore più combattivo nel primo giorno di Tour, avrebbe firmato subito. Quindi la delusione iniziale, anche per Romain, di aver perso a Bologna, si è ribaltata nell’aver capito che sia stato probabilmente uno dei giorni più speciali della sua carriera. Ed è fantastico che tutti noi lo abbiamo condiviso con lui.

Un corridore speciale come lui al suo ultimo Tour de France.

E’ stato davvero bello essere con Romain nell’ultimo Tour de France. Lavoriamo molto bene insieme, è un ragazzo fantastico da avere in squadra. Dà tantissima energia. Non siamo una squadra che vince spesso, ma quando vinciamo, è davvero speciale. E quel primo giorno di Tour è stato davvero speciale, uno dei migliori della mia carriera nel ciclismo.

Vingegaard incassa, ma un colpo così non l’aveva mai preso

02.07.2024
6 min
Salva

VALLOIRE (Francia) – Se lo aspettavano che Pogacar avrebbe attaccato in quel punto. Così quando lo sloveno è partito, Vingegaard ha fatto quello che tutti si aspettavano da lui: rispondergli. E’ sembrato di rivedere la scena del San Luca e di tante salite dello scorso anno, solo che questa volta il danese è parso meno brillante. Lo ha tenuto lì, ma è bastato che fra le loro ruote si aprisse una crepa, perché Pogacar prendesse il largo e Jonas iniziasse a pensare come limitare i danni.

Evenepoel è arrivato a Valloire al secondo posto ed è secondo anche nella generale
Evenepoel è arrivato a Valloire al secondo posto ed è secondo anche nella generale

Una bomba a orologeria

Come siano andate le cose lo spiega molto bene Remco Evenepoel, secondo all’arrivo dopo una discesa prodigiosa e secondo anche nella classifica generale.

«Ero vicino a Tadej – sorride – ed era come una bomba a orologeria che sta ticchettando. Aspettavo che andasse e l’ho visto partire. Penso che fosse abbastanza chiaro che si sarebbe mosso nell’ultimo chilometro, perché c’era un po’ di vento a favore ed era anche il tratto più ripido. E soprattutto con gli abbuoni sulla cima, penso che sia stato un attacco molto intelligente. Ha mostrato ancora una volta le sue qualità: ritmo elevato e attacco brutale. Penso sia chiaro che è lui il più forte in campo.

«Per un momento ho pensato di seguirlo anch’io, ma poi mi sono detto che sarebbe stato meglio aspettare e non esplodere. I suoi attacchi sono così esplosivi, che è piuttosto difficile prendergli la ruota. Se non lo fai subito, lui va via. Ma penso che arrivare secondo in una grande tappa di montagna di un grande Giro ed essere secondo nella generale, non è così male».

Vingegaard ha meno tifosi di Pogacar, ma i suoi sostenitori si fanno sentire e notare
Vingegaard ha meno tifosi di Pogacar, ma i suoi sostenitori si fanno sentire e notare

Salvare la pelle

La partenza da Pinerolo, nel giorno in cui il Tour ha lasciato l’Italia, per Vingegaard è stata nel segno della grande cautela. La risposta del San Luca è parsa abbastanza pronta, ma l’arrivo di Valloire avrebbe proposto per la prima volta delle grandi salite. Quale sarebbe stata oggi la risposta del danese? Vingegaard ha ricevuto la visita di Nathan Van Hooydonck e poi si è avviato alla partenza sapendo che avrebbe dovuto cercare di limitare i danni.

Così quando lo troviamo al pullman, per la prima volta sconfitto in modo significativo, la sua reazione è di grande calma. Sapeva che avrebbe avuto delle difficoltà. E se è vero tutto quello che ha passato, essere riuscito a duellare sopra i 2.500 metri con Pogacar è stato davvero un gesto da campione.

Vingegaard ha tagliato il traguardo a 37 secondi con Carlos Rodriguez
Vingegaard ha tagliato il traguardo a 37 secondi con Carlos Rodriguez
Cosa ti sembra dei 37 secondi che hai perso oggi?

Penso, ovviamente, che sia un peccato essere indietro. Ma ad essere onesti, ci aspettavamo di essere dietro dopo queste prime quattro tappe, di perdere tempo quasi ogni giorno. Quindi essere stati in difficoltà oggi per la prima volta è qualcosa che potrebbe anche soddisfarmi. In più la maggior parte del tempo perso oggi è venuto nella seconda parte della discesa, dove il peso conta un po’ di più.

Cosa ti è mancato in discesa?

La differenza in vetta era di 10 secondi e al traguardo è stata di 37. La discesa è andata abbastanza bene sino alla fine del tratto con più curve. Lo tenevo davanti a 10 secondi, poi quando la strada è diventata dritta, la gravità ha fatto la sua parte e ho perso terreno. Devo accettarlo.

La discesa è stata un accumulo di acido lattico: Vingegaard ha pagato proprio nel finale
La discesa è stata un accumulo di acido lattico: Vingegaard ha pagato proprio nel finale
Devi accettare anche il fatto che sul Galibier sei rimasto presto da solo?

Aiuta sempre avere qualcuno accanto in salita, forse lo avrei messo davanti. Ma oggi è andata così e non cambia la stima che ho nei confronti di Jorgenson e Kelderman. So quello che possono fare e so che lo faranno. Pensavo che sarebbero rimasti davanti più a lungo, ma ormai è cosa fatta.

Hai detto di voler aspettare il passare dei giorni. Credi di poter crescere?

Sì, di sicuro. Ci aspettavamo a questo punto di essere 50 secondi indietro, quindi penso che sia una piccola vittoria. Ora mi trovo in una situazione nuova, ma sappiamo cosa fare e certo non lo dirò qui. Negli ultimi due anni abbiamo creduto nel nostro piano e ci crediamo anche oggi. Quindi vedremo come andranno le cose alla fine del Tour.

In casa Visma temevano di avere già un passivo superiore, invece tappe come Bologna hanno detto che Vingegaard c’è
In casa Visma temevano di avere già un passivo superiore, invece tappe come Bologna hanno detto che Vingegaard c’è

Il piano della Visma

Il piano dello scorso anno consisteva nel far sfogare Pogacar nelle prime tappe e di… cucinarlo poi nel finale, come era stato anche nel 2022 con l’attacco sul Granon. La grande differenza la fa il punto di partenza. Lo scorso anno lo sloveno usciva da un infortunio e non aveva una squadra di superstar. Quest’anno l’infortunio è toccato a Vingegaard e la sua Visma-Lease a Bike non è nemmeno parente di quella che lo scorso anno vinse Giro, Tour e Vuelta. Mentre il UAE Team Emirates ha fatto un altro deciso salto di qualità.

«Speravamo che Jonas potesse tenere Pogacar sul Galibier – dice Grischa Niermann, diesse del team olandese – ma non è stato così. Abbiamo perso un po’ di tempo in discesa e anche questo era fra le possibilità. Ora abbiamo 50 secondi di ritardo da Pogacar, ma se me lo aveste proposto venerdì prima della partenza del Tour, avrei firmato subito. Oggi è stato il primo, grande test in montagna e Jonas è stato bravo: oggi come nei primi giorni. In una tappa come questa c’è solo un corridore che può staccarlo ed è Tadej Pogacar, quindi non sono assolutamente preoccupato del fatto che Jonas non sia all’altezza».

Vingegaard ha perso abbastanza presto l’appoggio di Jorgenson, con 2’42” all’arrivo
Vingegaard ha perso abbastanza presto l’appoggio di Jorgenson, con 2’42” all’arrivo

«Ora Tadej dovrà difendere la maglia – conclude Nierman – ma ha una squadra molto forte, soprattutto in salita, quindi sarà in grado di farlo. Per noi potrebbe essere un vantaggio, ma credo sia sempre meglio essere in vantaggio che dover inseguire. Semmai, parlando di noi, sapevamo che Jonas non avrebbe avuto gregari in cima alla salita. Il nostro miglior scalatore è Sepp Kuss e non è qui.

«Quindi quando Pogacar accelera e in testa restano appena 3-4 corridori, sappiamo che Jonas dovrà cavarsela da solo. Mentre Yates, Ayuso, Almeida e Pogacar sono fra i 4-5 migliori scalatori al mondo. Noi dobbiamo solo aspettare che le cose migliorino. E in questo abbiamo molta fiducia».