Mareczko a Cremona, due vittorie a 10 anni di distanza

09.05.2024
5 min
Salva

Domenica Jakub Mareczko, da ieri in gara al Giro d’Ungheria (terzo nella prima tappa), è tornato a vincere. Lo ha fatto al Circuito del Porto-Trofeo Arvedi, una delle classiche internazionali del ricco calendario Under 23 aperta anche agli Elite (foto di apertura Sessa). La partecipazione sua e della Corratec ha scatenato un vespaio di polemiche sul quale in seguito torneremo, ma pochi hanno evidenziato un altro aspetto della sua vittoria: il fatto che si è ripetuto a 10 anni di distanza.

Il podio finale di Cremona con Mareczko tra Simone Buda e Alessio Portello (foto Sessa)
Il podio finale di Cremona con Mareczko tra Simone Buda e Alessio Portello (foto Sessa)

Non capita spesso che un ciclista (ma sarebbe meglio uno sportivo in genere) vinca a una simile distanza di tempo, per molti lo spazio fra due carriere. Per Jakub questo pensiero toglie un po’ di quell’amaro che ha coperto la sua vittoria.

«Effettivamente ripetersi a tanto tempo di distanza fa piacere. E’ sempre stata una corsa adatta alle mie caratteristiche, completamente piatta, dove si deve lavorare di squadra per costruire la volata finale».

Il corridore bresciano è al suo primo anno alla Corratec. In Ungheria subito un podio
Il corridore bresciano è al suo primo anno alla Corratec. In Ungheria subito un podio
Che differenze ci sono fra il Mareczko della prima vittoria e quello di oggi?

Ci sono 10 anni da professionista, fatti di momenti più o meno elevati, più o meno felici, ma tutti ricchi di esperienza. Quando vinsi avevo 19 anni, ero al mio secondo anno fra gli under 23 e avevo il cuore pieno di speranze. Diciamo che anche quella vittoria ha contribuito a lanciarmi fra i professionisti. Oggi sono un altro corridore, un altro uomo.

Una gara importante?

Molto, lo è sempre stata. Al tempo era uno degli appuntamenti cardine della stagione per un Under 23, oggi è ancora un evento importante, nel calendario Uci, con molte presenze straniere. Domenica c’era anche la nazionale militare francese.

Mareczko dopo la gara con il suo bimbo in bici, seguirà le sue orme? (foto Sessa)
Mareczko dopo la gara con il suo bimbo in bici, seguirà le sue orme? (foto Sessa)
Con questa vittoria è come se si fosse chiuso un cerchio. A dispetto della tua ancor giovane età, come giudichi questa decade d’intervallo?

E’ stata bella, importante, ricca di soddisfazioni. Ho vinto corse in grandi squadre, ho vissuto il ciclismo del WorldTour. Ho sempre fatto la mia parte e di questo vado orgoglioso. Il mio unico rammarico è non essere riuscito a vincere una tappa al Giro d’Italia, ci sono andato vicinissimo tre volte, è ciò che più mi dispiace, ma magari c’è ancora tempo e occasione per farlo…

E’ vero però che più di qualcuno ha un po’ storto la bocca vedendo la tua vittoria, proprio in relazione ai tuoi quasi 30 anni, non prendendosela naturalmente con te ma con in generale la presenza del tuo team…

Sì, è stata una vittoria contraddistinta da polemiche e questo mi dispiace. Perché eravamo lì? E’ semplice: questione di punti Uci. Il regolamento quest’anno è cambiato e per mantenere lo status di professional, un team deve raggiungere un certo punteggio, quindi è imperativo andare in ogni corsa dove si possono prendere punti. Quella di Cremona era un’ottima occasione per vincere e raccogliere un bel bottino, abbiamo lavorato tutti insieme per questo.

La Corratec ha lavorato per tenere la corsa unita nelle fasi finali e favorire lo sprint (foto Sessa)
La Corratec ha lavorato per tenere la corsa unita nelle fasi finali e favorire lo sprint (foto Sessa)
Oltretutto la Corratec paga anche la mancata partecipazione al Giro d’Italia…

Esatto, quindi siamo costretti a cercare gare random per conquistare punti. Non a caso già lunedì ero su un aereo per venire a correre in Ungheria e appena finita la prova magiara andrò in Grecia. Poi avrò un periodo per ricaricare le batterie e si ricomincerà, andando anche in Asia.

Perché allora si è creato tutto quel polverone?

Il discorso non era rivolto a noi in quanto tali. Il regolamento permette la partecipazione delle squadre come la nostra, punto. All’estero problemi simili non ci sono, le gare di categoria 1.2 come quella di Cremona sono piene di squadre professional, la stessa Bardiani negli anni scorsi era presente anche al Circuito del Porto. Ricordo ad esempio al Giro di Gran Bretagna come abbia partecipato anche l’Alpecin ed era una corsa di quella categoria. Qui allora si scatenerebbe il pandemonio… I punti bisogna cercarli dove sono, chiaramente è giusto farlo se si può nelle corse più vicine.

Mareczko era stato 3° alla prima tappa dell’Uae Tour, vinta da Merlier
Mareczko era stato 3° alla prima tappa dell’Uae Tour, vinta da Merlier
In che condizioni sei, visto che sei nel pieno della tua stagione?

Direi molto buone. Sono uscito dal Giro di Turchia con una buona forma, modellata proprio in quella corsa così lunga, otto giorni filati senza interruzione servivano per la messa a punto. Ora ci sono corse che hanno tappe a me adatte, con altimetrie non eccessive. L’obiettivo è fare risultato in entrambe.

A Cremona, in quella vittoria, quanto c’è stato di tuo e quanto della squadra?

Penso che ci sia stata una bella commistione, prima lanciando all’attacco un corridore di valore come Tsarenko, poi costruendo la volata con i compagni che sono stati bravissimi a mettermi nelle migliori condizioni, infine con la mia volata. Ma l’aiuto della squadra serve sempre. A dispetto di quel che si possa pensare, del fatto che c’erano corridori molto più giovani, una volata non ha mai un esito scontato…

Sanremo, numeri e sensazioni di Bonifazio che ha tenuto duro

22.03.2024
5 min
Salva

La Milano–Sanremo non smette di tenere banco. E’ il primo monumento dell’anno, è il “nostro” monumento e soprattutto è e resta una corsa particolarissima. Quest’anno ancora di più vista la velocità record con cui si è corsa: 46,113 chilometri orari di media. Tra i 175 atleti che hanno lasciato Pavia per Sanremo c’era anche Niccolò Bonifazio.

Il corridore della Corratec-Vini Fantini ci spiega, anche con i numeri, la sua Classicissima. Numeri che sono tempi di scalata e stime dei valori personali, in quanto non aveva il computerino. «Non lo avevo – ha spiegato Niccolò – per non condizionarmi». Bonifazio è un ligure. Vive lungo il percorso della Sanremo e come pochi sa essere tecnico in merito a questa corsa.

E’ giunto 68° a 1’58” da Philipsen. Da buon velocista ha fatto una corsa di rimessa. Puntando a restare il più possibile con il gruppo di testa, ipotizzando e sperando in una volata. Tenete bene a mente questo concetto perché è alla base di tutto questo articolo e della spiegazione di Bonifazio circa il suo sforzo.

Niccolò Bonifazio (classe 1993) era alla nona Sanremo (foto @niccolo_lucarini)
Niccolò Bonifazio (classe 1993) era alla nona Sanremo (foto @niccolo_lucarini)
Niccolò, come è andata la tua corsa? Raccontaci da quando è partita la fuga in poi…

Di base direi che stavo bene. Ho fatte nove Sanremo e strada facendo ho capito che avremmo fatto il record di velocità. La corsa è stata vissuta sempre con un certo stress, anche in gruppo. E anche dopo che è partita la fuga.

Perché?

Perché il gruppo non è mai stato veramente “appallato” e siamo andati sempre in fila, spesso a due, ma in fila. Quindi si prendeva aria e non si stava poi così comodi. Insomma, per stare a ruota c’era sempre un po’ di difficoltà.

Non avevi il computerino, ma ti sei reso conto che andavate forte, come mai? E quando lo hai capito?

Quando siamo arrivati in Riviera. Di solito lì c’è sempre un buon vento a favore. Almeno così è stato nelle ultime tre, quattro edizioni. Da Genova a Sanremo ci mettevamo poco più di tre ore. E si andava via a 55 all’ora. Stavolta quel vento non c’era e andavamo lo stesso a quella velocità. In particolare è stato fatto forte il capo Berta, abbiamo demolito il record del tratto.

Anche nelle prime fasi gruppo allungato, non proprio in fila indiana, ma quasi
Anche nelle prime fasi gruppo allungato, non proprio in fila indiana, ma quasi
C’è un motivo particolare perché siete andati forte in quel punto?

Perché la UAE Emirates si è messa davanti, in modo molto agguerrito. Ha fatto un bel “casino”. E ho pensato subito: “Qui non si mette bene per la Cipressa”. 

Tu come stavi a quel punto?

Io bene. Tutto sommato sono stato bene per tutta la gara. Mi ero preparato a puntino… e anche il Berta l’ho superato benone, nonostante il ritmo elevato. Peccato che ho scelto la Sanremo sbagliata! Quella del record.

Hai detto dell’attacco alla Cipressa. Eravamo a bordo strada e volavate. Raccontaci quelle fasi.

La UAE l’ha presa come se fosse una volata. E’ stata fatta tutta “a blocco”. Lì, per me che sono un velocista, sono iniziati i guai. Dietro un po’ ci siamo sfilati e staccati. Però non sono andato alla deriva. Ho scollinato con 30” e in discesa, che conosco bene, ho recuperato un bel po’, circa 20″. Fino a rientrare nel gruppo di testa ad Arma di Taggia.

Poco prima del Poggio…

Esatto. E il problema è quello: se ti stacchi nella prima parte della Cipressa, anche se rientri, non recuperi più. E rientrare forse è stato lo sforzo maggiore. Vi dico un dato che è emerso da Strava. Nel tratto tra Poggio e Cipressa abbiamo fatto 58 di media. Se non è stato 58 preciso sarà stato 57,7, Se calcolate che sono rientrato, immaginate che sforzo abbia fatto. Una media assurda. E infatti appena è iniziato il Poggio mi sono staccato.

Bonifazio ha parlato dell’azione violenta della UAE sulla CIpressa, che ha sparigliato le carte
Bonifazio ha parlato dell’azione violenta della UAE sulla CIpressa, che ha sparigliato le carte
Niccolò, hai perso le ruote, ma visto come sono andati e il distacco finale, non sei naufragato. E’ lì che sei andato in acido lattico?

No, lì ormai no. Primo perché la corsa era fatta e si sapeva che non saremmo mai rientrati dal Poggio in poi. Si andava regolari, di buon passo. Semmai in acido ci sono andato sul Berta, il cui sforzo è durato poco più di 3′. Quello è un po’ il limite del tenere o meno quando manca ancora un bel po’. In quel caso poi si scendeva. E lo stesso sulla Cipressa. Solo che la Cipressa è più lunga di 3′ e non vai proprio oltre il limite del tutto, altrimenti salti e poi davvero naufraghi. Io comunque l’ho fatta in meno di 10′. Un dato ottimo. Pensate che quando feci quinto, la scalammo in 10’20”. Poi è chiaro che ho spinto fortissimo e ho speso molto, così come in fondo alla Cipressa stessa. 

Hai snocciolato dei numeri, riusciresti a dare una stima dei tuoi wattaggi?

Sulla Cipressa credo di averne fatti almeno 450-460 watt, calcolando il mio peso e il mio tempo. Qualcosa in meno sul Poggio 430-440: come ho detto a quel punto spingere a tutta per un 50° posto anziché un 60° avrebbe avuto poco senso. E poi il peso cala un po’ col passare dei chilometri e c’è qualche variazione ulteriore. Comunque anche il Poggio l’ho fatto benone, tra i 6’20”-6’30”.

Restava il tratto finale: anche negli ultimi 3.000 metri piano non andavate. Viaggiavate a 45-46 all’ora?

Anche 50… e abbondanti direi. Eravamo in tre (gli altri due Milan ed Eenkhoorn, ndr) e abbiamo girato regolari fin sull’arrivo.