Active Case Teen Strék, l’angolo dedicato alla bici

14.12.2023
4 min
Salva

Per il ciclista la bici è il bene più prezioso. Il prendersene cura prevede la manutenzione e la custodia. Dedicargli un angolo in casa, garage o bike room che sia, fa parte dell’abc del buon ciclista. Active Case ha ideato il Teen Strék LT e il Teen Strék LE, supporti da muro che creano un vero e proprio spazio pensato per la bicicletta. Facile da montare e universale, è un’ottima idea regalo per il periodo delle Feste e non solo. Il brand italiano è pronto ad assecondare le richieste di privati e aziende con colori dedicati e soluzioni tecniche. 

Nel video i pochi e semplici passaggi per montare il supporto

Montaggio facile e intuitivo

Il Teen Strék LT e la sua evoluzione il Teen Strék LE potenziata con illuminazione, ventola e pulsanti per ricaricare i dispositivi elettronici, godono di un montaggio semplice e veloce. 

«Abbiamo realizzato – spiega Fabio Pellacani, fondatore di Active Case e ideatore del Teen Strék – un video caricato sul nostro canale YouTube per quanto riguarda le varie fasi di montaggio, per il supporto. Inseriamo comunque le istruzioni ma al giorno d’oggi un video di pochi secondi deve essere alla portata di tutti. Il filmato fa vedere in poche mosse, il fissaggio a parete, quindi le operazioni per installare il supporto. Nella seconda parte invece, si vede come mettere in bolla la bici una volta che il Teen Strék è al muro. Questo per agevolare lo stazionamento e per farla stare orizzontale in maniera tale che anche all’occhio le ruote siano la stessa altezza del terreno.

«Nella terza parte – dice Pellacani – si può vedere come estrarre il braccio telescopico per posizionarlo ad hoc. Sul nostro profilo instagram (@activecasebike) abbiamo pubblicato dei Reel sul come si posizionano i vari accessori, quindi dove vengono posizionate gli occhiali, il casco e la borraccia. Non solo, faremo vedere dove sono posizionate le porte USB, le ventole e quindi facciamo vedere in pochi secondi la sua utilità in fatto di caricare dispositivi elettronici».

Il design grazie ai colori si presta per molte combinazioni

Colori e sicurezza

Anche l’occhio vuole la sua parte. Se mettere le ruote in orizzontale rispetto al terreno è il primo passo, i colori sono un altro dettaglio fondamentale. Che venga acquistato per un utilizzo casalingo o per un utilizzo commerciale, Active Case è pronto ad assecondare le richieste dei ciclisti per renderlo il più personalizzato possibile. 

«La tavolozza dei colori – fa notare Pellacani – si sta arricchendo sempre di più rispetto a quando lo abbiamo presentato.  Abbiamo fatto diversi mix. Già la prima versione che abbiamo portato all’Italian Bike Festival aveva riscosso successo ed era piaciuta. Ora ci stiamo lanciando in più combinazioni. Molti ci chiedono in versione bicolore con tonalità che si sposano perfettamente al materiale metallico cdi cui è costruito. Il supporto ha quindi una tonalità mentre la parte telescopica viene colorata da un altra. L’effetto visivo è efficace e si può anche abbinare ai propri gusti o alla colorazione della bici per rendere tutto più armonioso».

Oltre allo stoccaggio di bici e accessori, il Teen Strék è un alleato in campo di sicurezza. E’ infatti prevista la possibilità di installare un lucchetto che può spaziare su tutti i gradi di sicurezza in base alle esigenze o implementarne uno di cui già si dispone.

Il supporto forma un vero e proprio ecosistema dedicato al ricoveri della bici
Il supporto forma un vero e proprio ecosistema dedicato al ricoveri della bici

Collaborazioni

L’idea nata dall’intuizione di Fabio Pellacani sta creando sempre più interesse nel mercato delle due ruote. Alla porta di Active Case infatti, stanno iniziando a bussare privati e non solo. Il Teen Strék con il suo design semplice ma estremamente funzionale si candida ad essere un ottimo alleato.

«Stiamo iniziando ad avere – afferma Pellacani – una risposta convincente dalla proposta online. Il prodotto è di nicchia ma allo stesso tempo è un qualcosa che ogni ciclista sa che potrebbe utilizzare. Stiamo ricevendo dei contatti anche da alberghi per allestire bike room. 

«Abbiamo partecipato come sponsor – conclude – ad un evento gravel a Brescia, il Franciacorta Gravel ZERO.5, e anche in quel contesto abbiamo creato interesse tra privati e strutture. Stiamo collaborando con un’azienda che fa caschi appunto multimediali. Questo perché i loro sistemi hanno bisogno di essere caricati perché hanno accessori molto importanti come luci, sistemi audio e interfono. Con il nostro Teen Strék LE permettiamo di alloggiarli assieme alla bici mentre i dispositivi si ricaricano e il casco si asciuga rapidamente dal sudore. Non nascondo che nei progetti per l’anno prossimo ci sarà anche una collaborazione con un importante rivenditore tedesco che ci permetterà di allargare il nostro bacino e arrivare anche sul mercato estero. Per quanto riguarda i prezzi chiunque voglia ci può contattare e comunicare la propria esigenza. Saremo felici di rispondere e accontentare ogni desiderio».

ActiveCase