Biomeccanica per il ciclismo: le date della formazione MD

16.04.2024
2 min
Salva

MagneticDays ha ufficializzato le nuove date – o meglio, quelle relative al primo semestre di quest’anno – dei corsi di formazione sulla valutazione biomeccanica e funzionale per il ciclismo.
Tutti i corsi si svolgeranno sempre presso la sede MagneticDays in Toscana, nella graziosa Foiano della Chiana, in provincia di Arezzo. Verranno effettuati impiegando la strumentazione MagneticDays, e saranno condotti dal “Coach” ufficiale MD nonchè biomeccanico professionista Alessandro Corsini.

Tutti gli iscritti potranno beneficiare di lezioni sia teoriche che pratiche per poter apprendere le migliori tecniche del “bikefitting” ottimale, per conoscere l’utilizzo degli strumenti necessari per la misurazione e la regolazione della bicicletta, oppure su come effettuare una valutazione funzionale completa del ciclista con svolgimento di BioFit e Studio Antropometrico. Verrà inoltre approfondito il tema della video-analisi di posizionamento in sella e quello della regolazione delle tacchette delle scarpe. Oltre all’esecuzione di protocolli di test per la valutazione funzionale dell’atleta sempre e solo utilizzando la strumentazione MagneticDays.

Il corso si terrà in tre sessioni nei mesi di aprile, maggio e giugno
Il corso si terrà in tre sessioni nei mesi di aprile, maggio e giugno

Una intensa “due giorni”

Tutte le lezioni permetteranno a ciascun iscritto di partecipare attivamente al corso, interagendo con il docente e con gli altri studenti, garantendo un ottimo livello formazione e interazione: tutti elementi necessari per la comprensione dell’utilizzo degli strumenti e della metodologia di valutazione biomeccanica e funzionale.

Le date ad oggi definite sono quelle del 18-19 aprile, del 16-17 maggio e del 20-21 giugno. La quota di iscrizione alle lezioni, per ciascun partecipante, è di 500 euro per le due giornate. Le iscrizioni potranno essere effettuate acquistando il corso direttamente sullo store online MagneticDays, oppure telefonando al numero 348/7078770 per ricevere tutte le informazioni e i metodi di pagamento della quota di iscrizione.

Le sessioni si svolgeranno in Toscana, nella sede di MD
Le sessioni si svolgeranno in Toscana, nella sede di MD

“Last but not least”, qualora non si trovasse una data ideale per le proprie esigenze, lo staff MagneticDays invita ad un contatto telefonico (oppure inviando una mail all’indirizzo info@magneticdays.com) per poter ricevere un’offerta personalizzata.

Per maggiori informazioni sui corsi e per la possibilità di iscrizione online.

MagneticDays

Courtesy JARVIS: il servizio sostitutivo di MagneticDays

26.01.2024
3 min
Salva

«Per quale motivo bisognerebbe forzatamente rinunciare alla sequenza dei propri allenamenti indoor, anche se solamente per pochi giorni, nel caso in cui fosse necessario un intervento di assistenza al proprio trainer?». La domanda che si sono posti i tecnici MagneticDays ha pienamente senso, così come la risposta che prontamente si sono dati… Non c’è nessun motivo per cui ci si debba fermare!

Proprio per andare incontro a questa eventuale, e spesso frequente necessità, MagneticDays ha ideato un nuovo servizio per tutti i propri clienti. Courtesy JARVIS – questo il nome del programma lanciato dall’azienda toscana – intende agevolare al massimo tutti coloro che necessitassero di un intervento di qualsiasi natura da parte del Service MagneticDays da effettuarsi sul proprio smart trainer. Per una revisione finalizzata ad una ricalibratura periodica, ad esempio, oppure per un intervento di riparazione

Per questi ed altri servizi di assistenza, MagneticDays è oggi in grado di mettere a disposizione – su richiesta preventiva dei propri clienti – un trainer JARVIS sostitutivo ad una condizione vantaggiosa e conveniente. Il costo di noleggio del trainer di cortesia è quantificato in 120 euro (IVA naturalmente inclusa), e tale importo è comprensivo sia delle spese di spedizione quanto di quelle relative al ritiro del trainer sostitutivo.

Il servizio Courtesy Jarvis permette di non perdere gli allenamenti in caso si necessiti di un intervento sul proprio rullo
Il servizio Courtesy Jarvis permette di non perdere gli allenamenti in caso si necessiti di un intervento sul proprio rullo

Customer Care di gran livello

Vale la pena ricordare che tutti gli interventi di assistenza con necessità di rientro in officina dei prodotti MagneticDays si svolgono in tempi davvero molto brevi (salvo rare riparazioni di grossa entità) impiegando in media tra i cinque ed i sette giorni lavorativi. E questo tenendo conto dei tempi di ritiro del prodotto e di spedizione al cliente. Nel caso in cui il cliente necessitasse di un trainer JARVIS per continuare il proprio programma di allenamento personalizzato senza saltare alcuna sessione, è dunque da oggi possibile richiedere e ricevere un rullo di cortesia da utilizzare per l’intera durata dell’intervento tecnico di assistenza. Nel preciso momento in cui il JARVIS del cliente riparato potrà essere rispedito… verrà rapidamente effettuata al corriere una richiesta di ritiro del JARVIS sostitutivo.

Per il team di MagneticDays la presenza “sul campo” è fondamentale…
Per il team di MagneticDays la presenza “sul campo” è fondamentale…

«Come i nostri clienti già sanno – dichiarano direttamente da MagneticDays, in provincia di Arezzo – ci impegniamo sempre al massimo per trovare risposta alle domande che ci vengono poste, cercando di offrire un servizio di assistenza rapido e che sia il migliore e il più competente possibile. Per rendere la risoluzione dei piccoli problemi, o trovare risposta a molti interrogativi comuni dei nostri clienti, ci piace ricordare che restano sempre a disposizione i nostri sistemi online complementari all’assistenza: il nostro Help Center, dove sono raccolti tantissimi strumenti creati appositamente per aiutare i nostri clienti nella risoluzione dei problemi hardware o software, tutta la sezione Video Tutorial sulla nostra piattaforma MDVIDEO.TV, il Forum MD, dove trovare risposte, porre domande e mettersi in contatto con altri utenti che utilizzano prodotti MagneticDays, e il gruppo Facebook MagneticDays Club dove potersi confrontare con il resto della community scambiando opinioni e sempre preziose informazioni».

MagneticDays

Giovanni Visconti ci porta nel (suo) mondo dei rulli

01.12.2023
4 min
Salva

Giovanni Visconti e il suo modo di vedere ed interpretare il mondo dell’allenamento con i rulli. Il siciliano, professionista dal 2005 al 2022, utilizza un sistema Magneticdays.

A cosa serve uno strumento così fatto e cosa è cambiato nel “mondo dei rulli” fino ad oggi? Un prodotto del genere è da considerare esclusivamente uno strumento per l’allenamento al chiuso, oppure è molto di più? Il training sempre più specifico obbliga a completare l’uscita esterna con una seduta di indoor training?

Visconti con Marco Sbragi di Magneticdays (foto MD)
Visconti con Marco Sbragi di Magneticdays (foto MD)
Cosa significa per te pedalare sui rulli e usare una piattaforma come Magneticdays?

Un sistema come Magneticdays è talmente completo che è quasi riduttivo categorizzarlo come rullo. In generale ti permette di ottimizzare il tempo quando questo è poco, ottenendo il massimo da un lasso di tempo che appunto è ridotto. La qualità dall’allenamento che si ottiene è elevatissima, a tratti anche difficile da replicare all’esterno, se andiamo nello specifico. Tanta, tanta qualità.

Una seduta di specifico eseguita al chiuso può sostituire uno specifico fatto in esterno?

La variabile da considerare non è solo una. Prima di tutto è necessario adeguare il proprio FTP, perché quello che si utilizza outdoor non è lo stesso che si usa al chiuso. Andiamo a stimolare anche una capacità di concentrazione che all’esterno è influenzata da più fattori. A mio parere una seduta specifica che rimane al di sotto dell’ora offre tanta sostanza in fatto di qualità, ma deve essere completata con altre fasi dell’allenamento che si ottengono con l’uscita su strada.

La postazione di allenamento di Visconti (foto Visconti)
La postazione di allenamento di Visconti (foto Visconti)
Al massimo un’ora?

Lo ritengo un lasso di tempo produttivo, oltre i 60 minuti entrano in gioco altri fattori, come ad esempio l’idratazione.

Ci sono dei segreti che permettono di sfruttare il lavoro specifico indoor?

E’ fondamentale capire come sfruttare il prodotto e la situazione. Quando si pedala sui rulli bisogna mettersi in testa che non si può fare fondo come lo si fa in esterno, ma si può stimolare la forza. Si possono fare degli ottimi lavori con i cambi di ritmo ed esplosivi, solo per fare tre esempi.

Visconti e Valverde hanno corso insieme dal 2012 al 2016
Visconti e Valverde hanno corso insieme dal 2012 al 2016
Da pro’ usavi i rulli?

Li usavo quando non c’era altra soluzione, ma è pur vero che la mia carriera di corridore ha attraversato tre generazioni. Agli inizi i rulli si usavano per fare girare le gambe e sistemi come Magneticdays non esistevano. Negli ultimi anni preferivo fare alcuni lavori specifici al chiuso, perché mi rendevo conto che la qualità era più elevata e limitavo anche il rischio di malanni.

Hai mai pensato che avendo da subito uno strumento più completo avresti avuto risultati migliori?

Si ci ho pensato, ma sarebbe stato necessario avere anche la mentalità di oggi con l’approccio moderno. La tecnologia aiuta e se usata nel modo corretto è complice del miglioramento.

Il “rullo” Jarvis, una sorta di cuore del sistema MD (foto MD)
Il “rullo” Jarvis, una sorta di cuore del sistema MD (foto MD)
I sistemi di rulli più evoluti sono utili anche per la autovalutazione?

Certo, assolutamente sì e ti permette di farlo con qualità. Lo anche grazie alle diverse possibilità di lettura dei dati, un sistema come Magneticdays ti fa vedere anche i Newton.

Il ciclismo di oggi può fare a meno dei rulli con i suoi numeri?

Ogni epoca ha le sue. A mio modo di vedere saper sfruttare le piattaforme di indoor training di oggi fa parte dei marginal gains di cui tanto si parla. Oggi il ciclismo è fatto di professionisti che curano il minimo dettaglio, anni addietro si andava molto più a braccio.

MagneticDays e DINAMO: una partnership per guardare al futuro 

02.11.2023
3 min
Salva

E’ appena stata ufficializzata, ma sta già facendo parlare di sé molto bene. Stiamo parlando della attiva collaborazione definita da MagneticDays e DINAMO, il giovane brand attivo nel settore dell’integrazione alimentare sportiva. 

MagneticDays ha introdotto una metodologia rivoluzionaria di allenamento e preparazione – chiamata HTTche sta cambiando il modo in cui gli atleti si allenano. Il fulcro di questa filosofia di allenamento personalizzato è rappresentato dallo “smart trainer” Jarvis”. Un dispositivo significativamente all’avanguardia, in grado di raccogliere dati fisiologici e parametri essenziali del ciclista in tempo reale. Questa preziosa e raffinata raccolta di informazioni consente agli allenatori, ma anche agli atleti stessi, di creare programmi di allenamento su misura.

DINAMO crea integratori impiegando il meglio che la natura è in grado di offrire, aiutando lo sportivo ad esprimere al massimo le sue potenzialità. Tutti i prodotti DINAMO, la cui realizzazione avviene esclusivamente in Italia, vengono preparati mediante l’impiego di materie prime di altissima qualità e freschezza, senza (mai!) l’utilizzo di conservanti e coloranti artificiali. Tutta la linea DINAMO di integrazione per lo sport è stata sviluppata grazie alla collaborazione sia dei migliori professionisti nel campo della nutrizione sportiva quanto degli atleti delle più importanti discipline endurance – nel ciclismo i professionisti del team Eolo Kometa – rispettando sempre i più alti standard qualitativi e testando i prodotti secondo la normativa Wada per garantire agli sportivi stessi la massima sicurezza.

Da sinistra: Marco Bettazzi, Direttore Commerciale DINAMO, e Marco Sbragi, CEO di MD
Da sinistra: Marco Bettazzi, Direttore Commerciale DINAMO, e Marco Sbragi, CEO di MD

Una collaborazione all’avanguardia

«La nostra nuova collaborazione con MagneticDays – ha dichiarato Marco Bettazzi, il Direttore Commerciale di DINAMO – sarà particolarmente incentrata sulla creazione di protocolli di integrazione alimentare sportiva specifici per l’allenamento indoor. L’obiettivo sarà quello di fornire agli atleti gli strumenti e le conoscenze necessarie per ottimizzare la loro alimentazione in modo da supportare al meglio il proprio allenamento HTT.

DINAMO e MagneticDays creeranno dei protocolli di integrazione alimentare sportiva per l’allenamento indoor
DINAMO e MagneticDays creeranno dei protocolli di integrazione alimentare sportiva per l’allenamento indoor

«Questa sinergia tra DINAMO e MagneticDays – continua – promette di rivoluzionare l’approccio all’allenamento sportivo, portando i risultati degli atleti a nuovi livelli di eccellenza. Inoltre, grazie all’utilizzo degli smart trainer Jarvis, gli atleti avranno la possibilità di contribuire attivamente allo sviluppo dei prodotti. Questo significa che il feedback diretto degli utenti sarà un elemento chiave nel miglioramento continuo dei dispositivi e dei programmi di allenamento MagneticDays. In sintesi, siamo estremamente felici per questa partnership con MagneticDays, e non vediamo l’ora di lavorare insieme per aprire nuove strade nell’allenamento sportivo personalizzato. Con la combinazione di tecnologia all’avanguardia, allenamento su misura e integrazione alimentare mirata, siamo certi che i nostri atleti potranno raggiungere prestazioni straordinarie».

MagneticDays

DINAMO

La tecnologia MagneticDays strizza l’occhio alla Coppa America

25.09.2023
3 min
Salva

Non rappresenta una novità rilevare che le specifiche caratteristiche tecniche del trainer JARVIS, unitamente alle possibilità di analisi che il sistema MagneticDays è in grado di offrire all’utente, vengano frequentemente utilizzate come strumenti per la ricerca e la sperimentazione da parte di importanti Università Italiane. Quello che sin dalle sue prime versioni non è mai stato considerato quale un semplice “rullo” per affinare i propri allenamenti in bicicletta, è stato difatti nuovamente scelto ed individuato quale strumento di analisi a supporto della ricerca scientifica applicata al movimento e alla fisiologia umana. Nello specifico, lo studio più recente è stato pubblicato lo scorso agosto sulla piattaforma Frontiers. Il titolo era:Ventilation and perceived exertion are sensitive to changes in exercise tolerance: arm+leg cycling vs. leg cycling.

Il progetto è stato condotto da un gruppo di ricerca, che ha coinvolto attivamente due dipartimenti. Quello di Scienze del Movimento, dell’Uomo e della Salute dell’Università degli Studi di Roma “Foro Italico”. Il secondo è stato il Division of Respiratory and Critical Care Physiology and Medicine dell’Istituto Lundquist per l’Innovazione Biomedical che fa parte del Centro Medico americano Harbor-UCLA con sede a Torrance, in California.

Un rendering della strumentazione ideata da MagneticDays per i test
Un rendering della strumentazione ideata da MagneticDays per i test

Due Università coinvolte

Lo studio proviene da un ambito sportivo ben lontano da quello del ciclismo, ovvero dalla vela. Non a caso il promotore e finanziatore di questa ricerca è stata la divisione Italiana di Harken. Azienda internazionale specializzata nella produzione di hardware per la vela ad alte prestazioni i cui prodotti sono un vero e proprio “must” in eventi di livello mondiale quali la Coppa America, l’Ocean Race, le Olimpiadi e il mondiale Maxi. Nel 2017, il Team New Zealand presentò per la prima volta un’innovazione all’interno del proprio equipaggio, i cosiddetti “grinder-ciclisti”. Questi sfruttavano la forza delle gambe, invece di quella delle braccia, per alimentare i sistemi idraulici di bordo, generando così una potenza decisamente superiore. Anche grazie a questo accorgimento, il team velico neozelandese ottenne una vittoria netta in quell’edizione della Coppa America.

Proprio da quello specifico avvenimento è notevolmente aumentato l’interesse verso il ciclismo e l’utilizzo del movimento delle gambe al posto di quello degli arti superiori. Per questo Harken ha promosso una ricerca approfondita per lo sfruttamento combinato dei due movimenti. Lo studio della componente fisiologica dal 2017 è stato il centro di molti studi portati avanti dai Team principali di Coppa America e dalle grandi aziende coinvolte nel mondo della vela professionistica con l’obiettivo di sfruttarne tutti i vantaggi per elaborare strategie sempre più competitive.

Alessandro Vanotti, ambassador MD, con Marco Sbragi che di MagneticDays è il CEO
Alessandro Vanotti, ambassador MD, con Marco Sbragi che di MagneticDays è il CEO

Un test con due JARVIS indipendenti

L’utilizzo della tecnologia MagneticDays ha ricoperto un ruolo fondamentale nella valutazione dei parametri fisiologici oggetto di questo complesso studio. La finalità era quella di verificare l’effettiva condizione della frequenza respiratoria (fR) quale marcatore dello sforzo fisico, e variabile sensibile alle modificazioni della tolleranza all’esercizio. Per lo studio sono state utilizzate due tipologie di attività: un esercizio simultaneo gambe e braccia (Arm+Leg) come quello dei “grinder-ciclisti”, e uno con coinvolte solamente le gambe (Leg). La ricerca ha coinvolto un campione di dodici uomini sottoposti a sei test di valutazione ciascuno nel corso dei quali sono state registrate durante l’esecuzione la tolleranza all’esercizio, lo sforzo percepito e le variabili cardio respiratorie. 

Tutti i test sono stati eseguiti utilizzando la tecnologia offerta dal JARVIS applicata ad un ergometro multimodale. Si tratta di uno strumento realizzato ad hoc da MagneticDays in grado di combinare il movimento delle gambe a quello delle braccia. La gestione dei due JARVIS è indipendente l’una dall’altra. In modo da consentire la registrazione e la misurazione della potenza erogata dai due diversi movimenti in modo separato.

MagneticDays

MagneticDays Binary Gear, ecco il cambio integrato

21.05.2023
4 min
Salva

MagneticDays rivoluziona la trasmissione con il sistema Binary Gear. Non è una frizione e non è un amplificatore dei rapporti, Binary Gear è a tutti gli effetti un cambio con un doppio rapporto che agisce sulla parte anteriore della trasmissione.

E’ perfettamente integrato nel movimento centrale e comprende l’asse passante e le pedivelle in alluminio. Tutto è ingegnerizzato e prodotto in azienda, in Toscana. Entriamo nel dettaglio.

Binary Gear, sistema destinato a cambiare la trasmissione (foto MagneticDays)
Binary Gear, sistema destinato a cambiare la trasmissione (foto MagneticDays)

Innovare, un imperativo

Prima tutta la piattaforma home training Jarvis, con tutto quello che è lo sviluppo della parte hardware e software. Poi le pedivelle Forza Pura ed ora il cambio Binary Gear.

«Il nostro Binary Gear è un sistema che si differenzia molto dalle pedivelle Forza Pura – ci racconta Marco Sbragi, deus ex machina di MagneticDays – per sviluppo, funzionamento e per quello che realmente sono i due strumenti. Le pedivelle Forza Pura si rivolgono ad un training ancor più specifico ed anche per questo motivo sono facilmente associabili al protocollo di allenamento HTT che comprende anche il Jarvis.

«Binary Gear è a tutti gli effetti un cambio a 2 marce che agisce sulla parte anteriore della trasmissione. Abbiamo sviluppato Binary Gear pensando ad un’eccellente integrazione e alle tendenze attuali che vedono la monocorona sempre più protagonista – continua Sbragi – soprattutto in ambito mtb e gravel. Nessuno vieta di usare il MagneticDays Binary Gear anche con la doppia corona».

Come funziona

MagneticDays Binary Gear è un pacchetto che comprende il suo movimento centrale, con le pedivelle e l’asse passante. Ad oggi può essere installato sulle sedi press-fit46 e su quelle che adottano lo standard T47 di ultima generazione.

Di fatto ha due marce, che si azionano con una piccola levetta, una sorta di blocco/sblocco integrato nel lato opposto a quello delle corone (azionabile in remoto e con la guaina che scorre all’interno della tubazione del telaio). La prima velocità trasmette un rapporto di 1:1, la seconda di 1:1,25.

Il meccanismo che agisce sull’albero passante (foto MagneticDays)
Il meccanismo che agisce sull’albero passante (foto MagneticDays)

Cosa significa

Significa che possiamo aumentare il range di sfruttabilità di una singola corona anteriore. Cercando di semplificare al massimo: pur non cambiando il numero di rpm, la seconda marcia (quella del rapporto 1:1,25) aggiunge virtualmente dei denti alla corona che stiamo utilizzando. Per essere precisi è necessario utilizzare il calcolatore, che (giustamente) considera anche il diametro totale della ruota, comprensivo di pneumatici. Indicativamente una monocorona da 40 denti, montata su una bici gravel con ruote da 700, diventa da 50 denti.

I vantaggi sono molteplici, ma i principali si riferiscono ad una maggiore e più ampia sfruttabilità delle trasmissioni con la corona singola anteriore, con i pignoni posteriori che presentano una serie di mancanze nella fase mediana, in fatto di sviluppo metrico.

Il peso dichiarato dell’intero sistema Binary Gear è di poco inferiore ai 1.400 grammi, considerando che il pacchetto punta prima di tutto sull’affidabilità. Il prezzo di listino è di 890 euro.

MagneticDays

MagneticDays e Arexons: Svitol Bike Challenge al Giro

04.05.2023
3 min
Salva

Il Giro d’Italia è in rampa di lancio… Più di 3.000 chilometri e oltre 50.000 metri di dislivello: sono questi in sintesi i numeri (impressionanti!) dell’edizione 2023 della corsa rosa… Il Giro d’Italia edizione numero 106 si prepara al debutto, sabato 6 maggio, dalla meravigliosa Costa dei Trabocchi (Fossacesia Marina, Chieti) in Abruzzo, mentre la destinazione finale, dopo 21 tappe che si annunciano estremamente spettacolari, sarà Roma, la città eterna, che accoglierà il vincitore e tutta la carovana del Giro domenica 28 maggio. Per la prima volta nella sua storia, MagneticDays sarà presente all’interno dello stand Svitol nel villaggio di partenza di ogni singola tappa.

L’occasione è frutto di una interessante collaborazione definita tra l’azienda di Foiano della Chiana (Arezzo) e Arexons, brand quest’ultimo che da quasi 100 anni è leader nei prodotti per il fai da te, la cura e la manutenzione dell’auto e l’industria, con le linee Svitol e Svitol Bike. 

In ogni singola tappa, durante gli orari di apertura mattutina del villaggio, all’interno dello stand Svitol si potrà partecipare allo Svitol Bike Challenge, pedalando su una postazione MD composta da La Bike e da un trainer Jarvis. Il “contest” prevede di coprire più metri possibili in appena un minuto, a rpm e “wattaggi” a scelta del partecipante. Alla chiusura del villaggio, poco prima della partenza, ogni giorno verrà stilata la classifica… e sono previsti gadget per tutti i visitatori!

Svitol è uno degli sgrassatori per bici più rinomati
Svitol è uno degli sgrassatori per bici più rinomati

Pubblico condiviso

«La tecnologia di MagneticDays nasce nelle antiche officine meccaniche orafe aretine – ha dichiarato il CEO MagneticDays Marco Sbragi – e così abbiamo colto subito questa grande occasione per collaborare con un grande e storico brand che condivide gli stessi nostri valori di eccellenza e lo stesso target di consumatori. Tutti coloro che visiteranno il villaggio di partenza in ogni singola tappa, troveranno all’interno dello stand Svitol anche una postazione MagneticDays con i Coach MD a disposizione per tutte le informazioni, ma soprattutto per partecipare a una prova divertente e stimolante sul nostro Jarvis, che non è solo un rullo intelligente ma anche un vero e proprio laboratorio innovativo».

Una bike MagneticDays per l’allenamento indoor
Una bike MagneticDays per l’allenamento indoor

«Sin dalla prima edizione nel 1909 – ha ribattuto Mario Patrick Parenti, l’Amministratore Delegato di Arexons – il Giro d’Italia è l’appuntamento sportivo capace di raccontare a livello internazionale la cultura e il territorio del nostro Paese, dal punto di vista unico e prestigioso del ciclismo su strada. Per questo motivo siamo felici di avere le innovazioni di MagneticDays a fianco del nostro storico marchio Svitol e della linea Svitol Bike per creare assieme un’esperienza all’insegna delle performance che accomunano i nostri prodotti, con una serie di attività coinvolgenti e divertenti per il pubblico degli appassionati di questo affascinante sport».

MagneticDays

Svitol

MagneticDays… per tutti: arriva la Summer Promo 2023!

22.04.2023
3 min
Salva

Con l’arrivo della primavera, MagneticDays pensa già… all’estate! Sì, proprio così. Il brand toscano, specializzato dell’ottimizzazione dell’allenamento indoor e outdoor, ha difatti recentemente definito una offerta speciale – valida dal 1° aprile e fino al 30 settembre – dedicata a tutti coloro che hanno deciso di inserire un allenamento indoor personalizzato nella propria routine. Dopo la recente introduzione dello Special Trial Pass, la virtual card che con soli 25 euro al mese permette di provare l’intera raccolta di oltre venti pacchetti di allenamenti autogestiti e autocalibranti sviluppati dal team di “coach” MagneticDays (per un totale di oltre 420 allenamenti diversi).

Ecco dunque arrivare la Summer Promo di MagneticDays, per permettere a tutti coloro che lo vorranno, attraverso la sottoscrizione di un contratto di noleggio rulli Smart Rent, di avere a disposizione  numerosi servizi, ovvero ben sei mesi gratuiti di Special Trial Pass, la possibilità di usufruire del nuovo servizio di allenamento personalizzato HTT (outdoor incluso) con coach MD al prezzo di 30 euro al mese anziché 75. Inoltre, per ogni mese del servizio di allenamento HTT acquistato a 30 euro viene scalata una rata da 75 euro dal piano di noleggio rulli Smart Rent a partire dall’ultima rata di riscatto: in poche parole, prima ci si iscrive, più ci si allena e… più si risparmia! 

La Summer Promo di MagneticDays sostiene i ciclisti che vogliono allenarsi indoor anche in estate
La Summer Promo di MagneticDays sostiene i ciclisti che vogliono allenarsi indoor anche in estate

Tecnologia e convenienza

Sono dunque molteplici i vantaggi ed i benefici della Summer Promo 2023 di MagneticDays. In primis il risparmio, tanto maggiore quanto prima si aderisce all’offerta. Un esempio pratico? Iniziando ad aprile, e sfruttando i sei mesi di servizio di allenamento indoor personalizzato HTT, si risparmia una cifra pari ad oltre 800 euro! 

Marco Sbragi con Alessandro Vanotti, ambassador MD
Marco Sbragi con Alessandro Vanotti, ambassador MD

«MagneticDays continua a personalizzare sempre più anche le proprie offerte commerciali – ha  commentato Marco Sbragi, il CEO di MD – per aumentare l’incontro sia con i clienti già fidelizzati quanto a quelli che consideriamo potenziali. Il ventaglio di proposte commerciali per accedere al nostro sistema di allenamento è senza ombra di dubbio il più ricco sul mercato. Non a caso, siamo gli unici ad aver inserito da ben dieci anni la possibilità di noleggiare uno strumento altamente tecnologico e innovativo come il trainer Jarvis che per la nostra visione deve essere proposto alla portata di tutti». 

MagneticDays

JARVIS: ricerca scientifica applicata al ciclismo

27.02.2023
4 min
Salva

«Dall’area scientifica all’applicazione pratica, il passo è breve…». Potrebbe sintetizzarsi così lo spirito che letteralmente muove la visione di MagneticDays, il brand toscano conosciuto per aver ideato e introdotto sul mercato il rivoluzionario trainer JARVIS. In realtà, gli stessi tecnici MagneticDays definiscono JARVIS non un semplice rullo, bensì un vero e proprio strumento a supporto della ricerca scientifica applicata al ciclismo.

«La nostra idea di rullo – ribattono sempre volentieri dalla sede toscana di MD – è sempre stata quella di creare un vero e proprio laboratorio scientifico che permettesse di spaziare dall’allenamento personalizzato alla ricerca».

Il coach MD Luca Bianchini durante una sessione di training
Il coach MD Luca Bianchini durante una sessione di training

Gli studi universitari

E proprio considerando quest’ultimo ambito, non passa inosservato l’impiego del JARVIS in questi anni da parte di diversi gruppi di ricerca universitari italiani. L’ultimo lavoro in ordine di tempo è quello apparso appena qualche giorno fa sull’ultimo numero della rivista americana “The Journal of Strength and Conditioning Research” (JSCR), pubblicato da un gruppo di ricerca che ha visto coinvolti l’Università di Brescia, il centro di ricerca Eurac di Bolzano, il Marathon Sport & Medical Center di Brescia e l’Università Telematica San Raffaele di Roma. 

Jarvis è uno dei prodotti più utilizzato dai ricercatori universitari e non solo
Jarvis è uno dei prodotti più utilizzato dai ricercatori universitari e non solo

Test FTP a confronto

Partendo dal presupposto che le prestazioni nelle gare ciclistiche di lunga durata possono essere valutate con diversi parametri derivanti da analisi in laboratorio e su strada, lo studio (dal titolo “Functional Threshold Power Field Test Exceeds Laboratory Performance in Junior Road Cyclists”) ha messo a confronto i risultati dei test di valutazione della potenza di soglia (FTP) in indoor con quelli in outdoor, prendendo come riferimento un campione di giovani ciclisti su strada dell’età media di 17 anni. Una squadra di giovani ciclisti su strada ha eseguito un test incrementale indoor sui rulli JARVIS di MagneticDays, per determinare i parametri fisiologici e prove indoor a potenza costante. Inoltre, entro i 15 giorni successivi, sono stati svolti anche test all’aperto della durata di 20 minuti, su una salita di 7 chilometri con pendenza dal 5.4% al 6,7%, e ad almeno 24 ore di distanza dalla rilevazione in indoor. 

Nonostante l’utilizzo diffuso tra ciclisti professionisti e dilettanti, non è ancora chiara la relazione tra l’FTP e i confini tradizionali dell’intensità dell’esercizio. Questo studio è stato uno dei pochi a valutare la FTP sul campo, nonché il primissimo a coinvolgere giovani ciclisti su strada su una notevole pendenza in salita

Alessandro Vanotti, ambassador MD, con Marco Sbragi
Alessandro Vanotti, ambassador MD, con Marco Sbragi

Evoluzione continua

«Da questo studio – ha commentato Luca Bianchini, coach MagneticDays – si evince che la potenza rilevata in laboratorio e quella sulla strada sono diverse. Parliamo di una differenza di circa il 14% di potenza. Come riportato nello studio, infatti, i fattori ambientali sono quelli che incidono maggiormente sulla comparazione dei test indoor e outdoor. Il motivo per cui preferiamo fare i test in indoor è perché ci sono meno fattori di disturbo durante l’esecuzione. In outdoor ogni girono è diverso da quello successivo, non tanto per il percorso, ma per le condizioni ambientali. Il motivo per cui si testa in laboratorio è perché ci sono solo le variabili individuali a modificare l’esito del test. I coach MagneticDays considerano sempre queste variabili, e con l’utilizzo del JARVIS riusciamo ancor di più a limitarle.

«Si tratta – riprende – di uno strumento che ci garantisce la stessa misurazione nel tempo, utilizzando sempre il medesimo protocollo. Di conseguenza, la comparazione dei dati ha una altissima accuratezza e affidabilità. Ovviamente dobbiamo avere anche dei parametri outdoor per poter comprendere appieno le caratteristiche dell’atleta, attraverso l’analisi dei sui allenamenti all’aperto. La continua interazione tra esperienza e scienza permette al JARVIS di evolversi ancora di più e in maniera potenzialmente infinita. Con ciò la metodologia di allenamento diventa sempre più personalizzata e, soprattutto, permette un miglioramento continuo dei nostri atleti». 

MagneticDays