Search

Pinotti, dicci: quali progetti avete su De Pretto?

19.08.2023
6 min
Salva

La Jayco AlUla ha messo a segno, nell’estate calda e affollata di impegni del ciclismo, un bel colpo di mercato. Il team australiano ha preso Davide De Pretto dalla Zalf. Un corridore che ha dimostrato tanto in questi anni da under 23 e che lascia la continental veneta dopo due stagioni e tanti bei piazzamenti.

Per De Pretto (il secondo in maglia azzurra) quella di Glasgow è stata la seconda presenza al mondiale U23
Per De Pretto (il secondo in maglia azzurra) quella di Glasgow è stata la seconda presenza al mondiale U23

Seguito dal 2022

De Pretto ha 21 anni, nel ciclismo moderno è l’età giusta per passare professionista, e anche la Jayco lo sa, tant’è che lo segue da un anno ormai. Aveva iniziato con uno stage estivo, ad agosto, dove aveva preso le misure. Poi è arrivata la convocazione al ritiro invernale della Jayco-AlUla e, per completare il cerchio, ecco la firma su un biennale che lo porta ufficialmente nel WorldTour. Marco Pinotti è uno dei tecnici che lo ha seguito maggiormente in queste sue esperienze con il team australiano.

«Lo avevo seguito – racconta Pinotti – fin dallo stage del 2022, in realtà lo tenevo monitorato dall’inizio di quella stagione. E’ arrivato ad agosto non nella migliore della condizioni, arrivava dai mondiali di Wollongong e non ha avuto tanto tempo per ambientarsi e correre. Tuttavia non si era comportato male, al Giro dell’Emilia è stato l’unico a finire la corsa insieme a Colleoni. Mentre alla Tre Valli della Jayco è arrivato solo lui al traguardo».

De Pretto quest’anno ha ottenuto degli ottimi risultati nelle gare internazionali di inizio stagione (photors.it)
De Pretto quest’anno ha ottenuto degli ottimi risultati nelle gare internazionali di inizio stagione (photors.it)

Un anno dopo

Poi è arrivata la convocazione al ritiro di gennaio, dove De Pretto ha lavorato tanto con il team. Un rinnovo di fiducia importante, culminato con l’annuncio del suo approdo ufficiale alla Jayco AlUla, poche settimane fa. 

«Quei giorni di lavoro con noi in inverno – spiega Pinotti – gli hanno fatto bene. Sicuramente ha affrontato un buon blocco di lavoro, lo abbiamo spinto fuori dalla sua zona di comfort. Ne ha beneficiato, tanto che a inizio stagione è andato forte. E’ arrivato terzo al Piva, terzo alla Liegi U23 e secondo al Belvedere. Questo suo arrivo da noi è stata la chiusura di un cerchio, di un percorso studiato e portato avanti con precisione.

«Forse – continua – avrebbe potuto fare un anno di maturazione in più tra gli under 23, ma non alla Zalf. Da luglio abbiamo un accordo con la squadra di Axel Merckx (Hagens Bergman, ndr) e vogliamo lasciare da loro qualche corridore che deve crescere e maturare. Ma l’accordo con il team di Merckx è arrivato dopo quello con lo stesso De Pretto».

Già nel 2022, De Pretto ha avuto modo di fare uno stage con il team WorldTour (foto Instagram)
Già nel 2022, De Pretto ha avuto modo di fare uno stage con il team WorldTour (foto Instagram)

Ambientamento

I benefici che De Pretto può trarre dal correre subito con la Jayco-AlUla sono legati al suo ambientamento. Il giovane italiano arriva da un team completamente diverso rispetto a quella che può essere una WorldTour. Prendere le misure sarà importante per lui e per la squadra, così da non perdere troppo tempo. 

«Il suo percorso – dice nuovamente Pinotti – dovrà prevedere un periodo di ambientazione ad inizio anno. Il più grande ostacolo sarà la lingua, ecco perché nel ritiro che ha fatto con noi a gennaio lo abbiamo messo in gruppo con gli italiani (Zana, De Marchi, Sobrero, ndr). Sarebbe l’ideale fargli fare un avvicinamento come quello di Engelhardt. Il quale ha preso sempre più fiducia ed è arrivato a vincere due gare già alla sua prima stagione con noi.

«De Pretto – spiega Pinotti – è un corridore sveglio, sa correre bene e ha un buon spunto veloce. Un primo grande obiettivo potrebbe essere quello di farlo correre alla Liegi dei grandi, visto che a quella degli under 23 è arrivato terzo. E’ un’ipotesi, però si è visto che le corse che gli piacciono sono queste».

Al Giro Next Gen ha conquistato la maglia ciclamino, una bella prova per il corridore della Zalf (foto LaPresse)
Al Giro Next Gen ha conquistato la maglia ciclamino, una bella prova per il corridore della Zalf (foto LaPresse)

Un grande cambiamento

A De Pretto manca l’abitudine di correre con regolarità le corse a tappe, nel 2022 ne ha fatta solamente una. Mentre nel 2023 è a quota due, forse farà il Giro del Veneto, e così diventerebbero tre. E’ un numero basso, comunque, visto che nel ciclismo dei grandi ora si lavora per blocchi di lavoro e per corse a tappe, anche brevi.

«Il salto dalla Zalf alla Jayco – dice ancora Pinotti – è importante, da noi si fanno meno gare e ci sono più periodi per allenarsi. De Pretto dovrà essere bravo ad abituarsi e a costruire una grande resistenza per i periodi successivi. Un primo punto sul quale migliorare saranno sicuramente le salite lunghe, dove per peso e caratteristiche può crescere ancora. Lui però è il prototipo del corridore moderno: esplosivo, leggero e rapido».

Sobrero, in uscita a fine stagione, e De Pretto hanno caratteristiche simili nelle corse in linea
Sobrero, in uscita a fine stagione, e De Pretto hanno caratteristiche simili nelle corse in linea

Come Sobrero?

La Jayco-AlUla ha perso Sobrero, passato alla Bora-Hansgrohe di Gasparotto. L’arrivo, quasi simultaneo di De Pretto ha fatto sorgere una domanda: potrà sostituire il piemontese?

«De Pretto – conclude Pinotti – è un corridore che porta tanti punti e noi serviva un profilo così. Un atleta che può fare bene dai Paesi Baschi al Romandia e poi nelle classiche di fine stagione. La perdita di Sobrero ci fa dispiacere, abbiamo provato a tenerlo, ma non ci siamo riusciti. De Pretto e Sobrero si sono incontrati nel ritiro di Livigno, con una battuta ho detto a Sobrero: “Abbiamo trovato il tuo sostituto, che va più forte di te! Se rimani gli fai da gregario”. Chiaramente scherzavo, a livello di corse di un giorno sono simili, l’unica differenza è nelle tempistiche.

«Sobrero nel primo anno in Astana e al primo con noi non ha curato molto le gare in linea, sacrificando tutto alla cronometro. Quest’anno abbiamo provato a rimetterlo in carreggiata, ma gli mancava un po’ di abitudine, anche se poi ha vinto in Austria. Con De Pretto potremo subito concentrarsi sulla sua crescita nelle gare in linea, non avendo alternative sulle quali concentrarci. Sarei contento se De Pretto diventasse come Sobrero, o qualcosa in più. Speriamo che quest’ultimo ci lasci con un bella vittoria di tappa alla Vuelta, sarebbe un bel regalo».

Mondiale lontano. Longo Borghini firma il tris all’Emilia

02.10.2022
5 min
Salva

Australia punto e a capo. Giro dell’Emilia punto esclamativo. Elisa Longo Borghini dimentica il mondiale nella migliore maniera possibile trionfando in cima al santuario di San Luca con un’azione di forza sulla terribile erta finale. Una stoccata che si aspettavano in tanti, che le è valso il terzo sigillo nella classica bolognese ed il 45° successo in carriera.

La 30enne ossolana della Trek-Segafredo sugli ultimi duemila metri ha dimostrato di aver smaltito le scorie sia del fuso orario sia della prova iridata. Già al mattino era parsa serena. Ha voltato pagina anche se avrebbe voluto condividere alcuni momenti con suo fidanzato.

«Jacopo (Mosca, ndr) ora sta correndo in Croazia – racconta Longo Borghini – e non lo vedo dal 31 agosto. Naturalmente mi avrebbe fatto piacere averlo vicino, ma mi ha confortato a distanza. Alla fine però bisogna anche imparare ad affrontare le cose da soli e cercare di andare avanti lo stesso. Non è morto nessuno, è stato solo un mondiale andato un po’ storto e basta. In ogni caso c’è la possibilità di recuperare nei prossimi anni».

Le Elise della Trek-Segafredo. Per Balsamo la prima gara con la maglia tricolore. Per Longo Borghini il tris a San Luca.
Le Elise della Trek-Segafredo. Per Balsamo la prima gara con la maglia tricolore. Per Longo Borghini il tris a San Luca.

Sempre prima della partenza Elisa era intenta a scherzare con la sua amica-compagna Balsamo, che sfoggiava per la prima volta in corsa la livrea tricolore.

«All’Australia non voglio più pensare. Oggi non sarà una necessariamente una giornata per il riscatto – proseguiva la scalatrice – sarà solo una giornata da correre, da godere al massimo per divertirsi e avviarsi verso la fine della stagione».

Così è stato. Al traguardo esulta alzando un braccio al cielo con un’espressione tirata e sinonimo dello sforzo appena compiuto. Dietro di lei non possono fare nulla la combattiva statunitense Veronica Ewers ed una splendida Sofia Bertizzolo, sua compagna di nazionale. «Tra me e Sofia c’è grande rispetto. Lei ha lavorato molto per me al mondiale. Oggi voleva giocarsi le sue carte, però io ho giocato le mie».

Il podio del Giro dell’Emilia Donne. Longo Borghini tra la statunitense Veronica Ewers e Sofia Bertizzolo
Il podio del Giro dell’Emilia Donne. Longo Borghini tra la statunitense Veronica Ewers e Sofia Bertizzolo

Nuove gare

Il sorriso resta sul volto di Longo Borghini anche quando le sue compagne – attardate – si complimentano con lei tra il rituale delle premiazioni e della mixed zone.

«Sì lo so, a volte sono un po’ musona, ma ora posso godermi questo momento. E’ sempre bello vincere in Italia. Queste sono le corse che mi piacciono particolarmente, in cui ti senti un po’ a casa ed è sempre bello parteciparvi.

«Sinceramente – prosegue, facendo una considerazione sulle gare femminili – spero che nei prossimi anni il livello del Giro dell’Emilia possa salire perché è veramente bello. E sarebbe anche bello fare due volte il San Luca. Sarebbe più spettacolare per chi ci viene a vedere. Potrebbe diventare una bellissima classica d’autunno. Fare 120 chilometri non sarebbe un problema per noi. Come ho già detto durante il Giro Donne, mi piacerebbe tantissimo il Lombardia femminile. Nel 2016 ho avuto l’occasione di seguirlo in auto e mi ha affascinato tantissimo. Lanciamo un appello affinché lo possano organizzare».

Un finale all’insù e a denti stretti. Ewers e Bertizzolo stanno per cedere all’attacco di Longo Borghini
Un finale all’insù e a denti stretti. Ewers e Bertizzolo stanno per cedere all’attacco di Longo Borghini

Tris emiliano

In nove edizioni Longo Borghini ha iscritto il suo nome sull’albo d’oro del Giro dell’Emilia per tre volte. «Dalla prima volta ad oggi – ricorda – è cambiata la maglia di club. E la mia età, sono più grande di sette anni. Però è cresciuta anche la mia qualità. Spero di essere come il vino che invecchiando migliora. La prima l’ho vinta con la maglia della nazionale nel 2015 dopo il mondiale di Richmond, in cui avevo fatto quarta. E quella gara l’avevamo presa più come una festa.

«L’anno successivo l’ho corsa con il mio team di allora (Wiggle High5, ndr). Siamo state compatte, c’era stata una bella lead-out. Nel finale avevo fatto una volata molto simile a questa. E quest’anno avete visto com’è andata. Segreti per vincere? Forse non partire troppo lunga quando sei in un gruppetto. Questa è una salita particolare perché ha dei pezzi molto duri poi spiana.»

La Trek-Segafredo al via del Giro dell’Emilia
La Trek-Segafredo al via del Giro dell’Emilia

Relax dietro l’angolo

Il 2022 ormai sta arrivando ai titoli di coda. Per Longo Borghini ci sono ancora alcuni impegni da onorare al massimo prima di pensare alle vacanze.

«Martedì – conclude – correrò la Tre Valli Varesine e poi il Tour de Romandie (dal 7 al 9 ottobre, ndr). Quest’ultima è una gara che sento abbastanza visto che è piuttosto vicina a casa mia. In ogni caso andrò ad entrambe senza particolari pressioni o ossessioni di risultato, anche se vorremmo replicare la bella giornata all’Emilia.

«Per il resto la stagione è stata molto impegnativa. Luglio è stato di fuoco. Poi Vuelta e mondiale senza troppo respiro. Abbiamo fatto tanti viaggi e vorrei iniziare a riposarmi. Comunque manca poco. Tra fine ottobre e inizio novembre Jacopo ed io andremo a La Reunion (isola francese nell’Oceano Indiano, ndr). Sì, è un posto romantico, ma l’ho scelto più che altro perché è avventuroso».

Mas esulta. Pogacar battuto e Pozzo non molla mai

01.10.2022
5 min
Salva

Finora è la giornata che gli salva la stagione. Giocando col suo cognome potremmo dire, “Mas que una victoria (più che una vittoria)”. Già, perché il successo di Enric Mas al Giro dell’Emilia, primo del 2022, è stato ottenuto al settantesimo giorno di gara e all’interno dei quali aveva riposto più di una aspettativa.

Se il secondo posto nella generale della Vuelta era stato il riscatto ad un Tour de France opaco, reso ancor più incolore dalla positività al covid, il 27enne spagnolo della Movistar in cima al San Luca ha dato un ulteriore segnale della sua buona condizione.

Esulta Enric Mas. E’ la prima vittoria del 2022
Esulta Enric Mas. E’ la prima vittoria del 2022

Trionfo Mas

Al penultimo passaggio sulla aspra ascesa che porta al santuario bolognese, Mas ha fatto il forcing, cui ha resistito solo Tadej Pogacar.

Poi nella tornata finale, dove si erano accodati Pozzovivo, Valverde e Uran (che finiranno poi nell’ordine), ha nuovamente attaccato nello stesso punto facendo il vuoto. Don Alejandro ha giocato da stopper favorendo il compagno mentre lo sloveno della UAE Emirates ha staccato solo negli ultimi metri l’incrollabile lucano della Intermarché Wanty Gobert.

Nella ressa post premiazioni, tutti vogliono i protagonisti del podio per diverse motivazioni. D’altronde è un gran bel podio. Tifosi per le foto, addetti ai lavori per le dichiarazioni e gli chaperon per l’antidoping. Blocchiamo Enric Mas prima che vada a completare le formalità del dopo corsa.

«Dopo la Vuelta sono stato a casa per un po’ di vacanza e per recuperare – racconta lo scalatore nato ad Artà, a nord di Maiorca – Mi sono allenato bene perché sapevo che c’era ancora un finale di stagione impegnativo. Ho passato molto freddo nei giorni scorsi e stamattina. Non è il mio clima ideale però Alejandro (Valverde, ndr) era lì ed io volevo aiutarlo, lavorare per lui.

«Negli ultimi chilometri mi sono trovato in fuga con Tadej. E’ stato duro e bello al tempo stesso perché tutto il mondo sa chi è lui. E’ stata una gran salita per me. Batterlo è stato è una grande soddisfazione.»

«Questa vittoria – prosegue – mi ripaga in parte di una stagione difficile difficile difficile (lo ripete tre volte come se gli stesse passando davanti agli occhi in quel momento, ndr). Ho avuto una seconda possibilità alla Vuelta perché la condizione e la fiducia non sono arrivati prima. Dopo il Tour ho fatto un buon reset ed ora ho una buona forma».

Solita cornice di pubblico sui due chilometri che portano al San Luca
Solita cornice di pubblico sui due chilometri che portano al San Luca

Più vittorie

«Al Lombardia – conclude Mas – innanzitutto ci saranno 60 chilometri in più e sappiamo che Alejandro predilige quel tipo di classiche. Vedremo se attuare la stessa tattica. Oggi era oggi e siamo riusciti a conseguire la vittoria, dopo averla sfiorata in un’altra corsa questa settimana (secondo posto di Valverde alla Coppa Agostoni, ndr)».

«Il Lombardia comunque resta l’ultimo obiettivo dell’anno. Dove pongo il mio successo di oggi in carriera? Lo metto nel 2022, che è stato un anno complicato per me. Vorrei che non fosse l’unico. Ci sono ancora un paio di gare in cui voglio fare bene».

Pogacar riesce a staccare un indomito Pozzovivo proprio negli ultimi metri
Pogacar riesce a staccare un indomito Pozzovivo proprio negli ultimi metri

Pozzo c’è

Le fasi finali del Giro dell’Emilia sono diventate anche uno scontro di generazioni. Col terzo gradino, Domenico Pozzovivo ha tenuto alta la bandiera dei vecchietti terribili provando il colpaccio ma tuttavia dando filo da torcere al ragazzino Pogacar. Ne approfittiamo mentre è in attesa dell’antidoping per rivivere le ultime ore e quelle che verranno.

«E’ stata una corsa regolare, con una andatura abbastanza sostenuta tutto il giorno – spiega Domenico che è diventato pro’ nel 2005 – Alla fine c’è stata una scrematura naturale senza grossi attacchi fino agli ultimi due giri in cui ci sono stati movimenti più importanti.

«Ho cercato di gestire la gamba, che già all’Agostoni avevo visto che era buona. Oggi però ho trovato due corridori che sono più forti di me ma sono molto soddisfatto del podio. Questo è il mio miglior risultato al Giro dell’Emilia, che è una corsa che ho sempre sentito tanto per il percorso e per il pubblico».

«Sono riuscito a rientrare sulla testa all’inizio dell’ultimo giro – continua – e per un po’ stare con Pogacar. Sento di essere ad un buon livello in salita. Peccato perché ho sofferto più del dovuto il long-covid dopo il Giro di Svizzera. Ce l’ho avuto molto forte e per due mesi ho pagato tanto le conseguenze. Alla Vuelta non ero al livello che speravo. In ogni caso sono riuscito a non mollare di testa ed ho ricostruito un’ottima condizione per queste ultime gare».

Il podio del Giro dell’Emilia. Qualità, gioventù ed esperienza
Il podio del Giro dell’Emilia. Qualità, gioventù ed esperienza

Verso il Lombardia

«E’ stato importante restare con corridore del calibro di Tadej. Mi dà fiducia e morale. Significa che ho lavorato bene… e che non ho quasi 40 anni (dice sorridendo mentre ci ricorda che li compirà il 30 novembre, ndr)».

«Farò sia Tre Valli Varesine che Lombardia – chiude Pozzovivo – Nella prima faremo gara in parallelo Rota ed io. Lui arrivava dall’Australia e qui credo che abbia pagato il jet-leg ma la Tre Valli è più adatta a lui che a me. Personalmente a me servirà per fare ancora più gamba. Al Lombardia è cambiato il finale, dove ci sarà più da lottare per imboccare bene il primo San Fermo della Battaglia perché ci saranno più corridori, rispetto al passaggio sul Muro di Sormano. Comunque il finale sarà da gambe. Le discese sono tecniche perché dove finisci la salita poi è difficile rimontare posizioni scendendo».

«Dal punto di vista tecnico, i giri del San Luca sono piuttosto simili alla parte conclusiva del Lombardia. Ho provato a prendere dei riferimenti, specie per il ritmo. Non avendo corso dalla fine della Vuelta, queste gare mi sono servite per capire i limiti fino a dove spingere. Fin dove puoi farlo. E penso di avere preso buoni riferimenti, anche perché come squadra ci siamo mossi bene.

«Raccogliere un podio ad una gara come l’Emilia è importante e speriamo sia di buon auspicio per sabato prossimo.»

Roglic re dell’Emilia, più forte di Almeida ed Evenepoel

02.10.2021
5 min
Salva

«Quello che non ho capito – dice Petacchi che ha commentato il Giro dell’Emilia in Rai con Pancani – è se Remco corresse per sé o per la squadra. Almeida è rientrato al secondo giro sul San Luca e davanti c’era lui che menava. Poi è stato Almeida a staccare Evenepoel sull’ultima scalata. Ci sta che volessero sorprendere Roglic, ma qualche domanda mi resta...».

Botta e risposta

Uno come Remco Evenepoel non ci sta ad uscire di scena senza lasciare il segno. Quello che non è chiaro è se certe azioni le faccia perché se le ritrova addosso o se siano frutto di un ragionamento. E così nel finale del Giro dell’Emilia, ormai staccato dall’attacco del compagno Almeida alla curva delle Orfanelle, è tornato sotto col passo del cronoman e poi ha attaccato. Lo ha fatto così forte, che forse il primo ad essere sorpreso è stato il compagno. Roglic ha risposto subito come un cane da caccia. Almeida ha dovuto faticare per prendergli la ruota. E quando lo sloveno ha calato un dente, per il portoghese si è spenta la luce.

Roglic e Bologna

Finale pirotecnico al Giro dell’Emilia e stesso vincitore del 2019, quando Roglic andò a riprendersi lo stesso traguardo che appena pochi mesi prima, al Giro d’Italia, gli consegnò la prima crono e la prima maglia rosa. In quel giorno di maggio, il campione olimpico della crono poté impostare da sé la scalata finale, questa volta invece ha lasciato gestire ai compagni di fuga in cui a lungo gli ha fatto compagnia Vingegaard. Poi quando ha ritenuto di averne avuto abbastanza e ha misurato la giusta distanza, ha preso decisamente il largo. E nel suo scatto si è rivista la qualità, che lo accomuna a Tadej Pogacar, già raccontata da Adriano Malori: quel cambio di ritmo feroce nei finali che non concede scampo.

«Uno che riesce a fare gli ultimi 350 metri del San Luca a quel modo vuole dire che ne ha più di tutti. I due della Deceuninck – dice ancora Petacchi – se ne erano accorti e probabilmente hanno cercato di coglierlo in castagna. Lui aveva capito che i due da guardare fossero loro. Il jolly poteva pescarlo Adam Yates, che è stato sempre nascosto e ha fatto lo scatto nel punto migliore. Uno scatto e basta, ma non è servito molto».

Prima Mavi Garcia

La vittoria di Roglic è stata preceduta da quella di Mavi Garcia fra le donne. La spagnola, già in fuga al mondiale e quindi in ottima condizione di forma, sull’arrivo di San Luca se l’è giocata in volata su Arlenis Sierra e Rachel Neylan. Mentre al quinto posto, prima italiana, si è piazzata la campionessa europea U23 Silvia Zanardi e subito dietro di lei l’altra azzurra Borghesi.

La contemporaneità con la prima Parigi-Roubaix Femmes, che malgrado le caratteristiche tecniche della corsa ha richiamato in Francia anche scalatrici come Marta Cavalli, ha sicuramente assottigliato il campo partenti dell’Emilia. In un calendario fitto e… sovrapposto in rapporto agli organici delle squadre, ancora troppo esigui.

Verso il Lombardia

Sulla via del Giro di Lombardia, il Giro dell’Emilia indica una serie di nomi da prendere con le molle, fra cui primeggia ovviamente quello di Roglic.

«E’ stata una corsa dura – ha ammesso Roglic – abbiamo avuto il controllo per tutto il giorno. Tutto il team ha contribuito. A circa 40 chilometri dal traguardo, ci siamo ritrovati in testa con diversi corridori forti. Era un buon scenario tattico con me e Jonas (Vingegaard, ndr) lì davanti. Siamo stati attenti tutto il giorno e io sono stato in grado di seguire ogni attacco nella fase finale. Nelle ultime centinaia di metri ho visto la mia occasione e ho deciso di attaccare a mia volta. Per fortuna avevo buone gambe e sono riuscito a vincere. Ancora una volta mi sono goduto il pubblico. Questo rende questa vittoria ancora più bella. Ho molti bei ricordi di questa salita e sono contento di essere stato in grado di aggiungerne uno oggi. Spero di poter tornare qui in futuro e lottare ancora per la vittoria. Ora il focus è su MilanoTorino e Giro di Lombardia. Sono pronto a concludere la stagione in bellezza».