Search

A 18 anni nel WorldTour, prosegue il volo di Markel Beloki

13.12.2023
4 min
Salva

Nella scia di Ayuso e Rodriguez e anche prima di loro, sbarca nel WorldTour anche Markel Beloki, figlio di Joseba: tre volte sul podio del Tour. Lo farà con la maglia della Education First, guidato da Juan Manuel Garate, e lo farà soprattutto con un anno di anticipo anche rispetto agli auspici di suo padre.

«Mi trovo a pensare a lui – ci disse Joseba lo scorso anno – come padre e come tecnico. Come padre, ha molti sogni, gli piace andare in bici e allenarsi come me. Sogna di passare professionista. E’ un atleta che si sta facendo. E’ alto 1,84 e pesa 69 chili. E’ sottile. E’ cresciuto molto rapidamente e altrettanto rapidamente sta migliorando. Il prossimo anno e il primo da U23 saranno importantissimi».

Markel Beloki ha ripreso a pedalare sulle strade di Vitoria, prima del ritiro di Girona (foto Instagram)
Markel Beloki ha ripreso a pedalare sulle strade di Vitoria, prima del ritiro di Girona (foto Instagram)

Da Sanchez a Garate

Da junior, Markel Beloki ha corso nella MMR Cycling Academy di Samuel Sanchez e i suoi progressi sono subito apparsi sotto gli occhi di tutti. Così si è arrivati alla decisione di fare il grande salto con un sottile anticipo. E a 18 anni, dal 2024 ci sarà nuovamente un Beloki nel grande gruppo. L’anomalia semmai è che inizialmente il corridore basco sembrava promesso alla Movistar, con cui aveva anche svolto un ritiro. Invece alla fine a prevalere è stato il team di Jonathan Vaughters.

«Sono molto emozionato – spiega Markel – e desideroso di dimostrare che non avevo torto. Quando è iniziata la scorsa stagione avevo in mente di mettere in pratica il percorso logico per tutti i ciclisti. Correre nella categoria under 23 e poi lottare per un posto nel gruppo professionistico. Invece si è presentata l’occasione e ho deciso di sfruttarla. Immagino che se fosse successo a qualcun altro, avrebbe preso la stessa decisione.

«Diciamo che a convincere tutti che sono pronto sono stati i miei ottimi test, ma soprattutto essere guidato da “Juanma” Gárate sarà come avere accanto uno di casa. Lui mi segue da vicino, mi consiglia e mi aiuterà a fare questo passo. Sono contento dell’anno che ho fatto, con dieci vittorie, ma non mi aspettavo che finisse così. Avrei potuto fare la doppietta ai campionati nazionali, invece nella prova su strada non sono riuscito a riprendere Alvaro Garcia che ha vinto e che correva nella squadra di Valverde».

Qui Beloki vince la prima tappa della Bizkaio Itzulia a Guenes (foto Naikefotosport)
Qui Beloki vince la prima tappa della Bizkaio Itzulia a Guenes (foto Naikefotosport)

Crescere poco a poco

Markel non somiglia per niente a suo padre: tanto era minuto e scalatore Joseba, per quanto è alto e filiforme suo figlio. Li accomuna la passione per la crono, ma è innegabile che il DNA ciclistico sia comune.

«Sono sempre stato forte in salita – conferma Beloki junior – ma sono molto bravo anche a cronometro. Spero di potermi difendere su tutti i terreni e anche se il salto che sto per fare è molto grande, sono preparato. Sia fisicamente che mentalmente, ho fatto i conti con l’idea che potrò fare le cose poco a poco. Intanto ho avuto modo di conoscere i compagni a Girona intorno a metà novembre. Abbiamo trovato bel tempo e abbiamo iniziato a pedalare tutti insieme.

«La squadra è un bel miscuglio di nazionalità diverse, fra spagnoli, colombiani, ecuadoriani e venezuelani. Da fuori sembrano delle ottime persone oltre ad essere grandi ciclisti. Spero che possano aiutarmi con i miei primi passi: la lingua è un vantaggio in questo senso. Inizio a piacermi anche vestito di rosa (sorride, ndr), mentre sono super contento della mia Cannondale, penso sia un’ottima bici».

Nella crono iridata di Stirling (Glasgow) Beloki non è andato oltre il 18° posto
Nella crono iridata di Stirling (Glasgow) Beloki non è andato oltre il 18° posto

Il DNA non mente

E mentre Markel Beloki si accinge a debuttare, un altro giovane spagnolo si affaccia sulla grande ribalta. Per la Spagna, che ha in Ayuso e Rodriguez i primi eredi di Purito Rodriguez, Valverde e Contador, a proposito di DNA ciclistico si prospetta anche il talento di Marcos Freire, figlio di Oscar.

Se lo è accaparrato già Joxean Matxin che lo ha vestito dei colori del UAE Team Emirates, nonostante il ragazzo abbia ancora 16 anni. Il tempo di fare la trafila negli juniores e potremmo probabilmente vederlo nel Gen Z Team della squadra emiratina, in cui per ora sono stati concentrati elementi di solido avvenire, come Glivar e il nostro Giaimi. In Spagna, insomma, c’è più di qualche motivo per cui brindare.