Van Der Meulen: sembrava sparito, ma in Italia è risorto

15.05.2024
5 min
Salva

Alla corte di Renzo Boscolo, al CTF Victorious, è arrivato all’inizio di questa stagione un ragazzo olandese: Max Van Der Meulen (in apertura foto DirectVelo/Florian Frison). La continental friulana è solamente un punto di appoggio tra il passato nel devo team della DSM e il futuro in Bahrain Victorious, nel WorldTour. Com’è già capitato con Bruttomesso, un corridore promesso sposo al team del Bahrein finisce la sua maturazione tra le file del CTF. 

Max Van Der Meulen, CTF Victorious, vince la seconda tappa alla Ronde de l’Isard (foto DirectVelo/Florian Frison)
Max Van Der Meulen vince la seconda tappa alla Ronde de l’Isard (foto DirectVelo/Florian Frison)

Prima vittoria

Con i colori della squadra friulana Van Der Meulen ha trovato la sua prima vittoria dopo tanto tempo. Lo ha fatto in una corsa difficile come la Ronde de l’Isard, dove il parterre era di tutto rispetto e le tappe impegnative, per corridori veri. Un successo che testimonia come determinate qualità non si possano perdere in poco tempo. 

«Quella in Francia, alla Ronde de l’Isard – racconta – è stata la mia prima vittoria da under 23, mi è piaciuta moltissimo. Purtroppo nella prima tappa ho preso tanto freddo e sono uscito subito di classifica. La sera ero un po’ amareggiato, ma parlando con il team abbiamo deciso di prendere ogni frazione come una corsa di un giorno. Vincere è stato fantastico, ero molto felice per me, ma anche per il team e i miei compagni che mi hanno dato una grande mano. Ho lavorato duramente a partire da questo inverno e vedere che tutti gli sforzi hanno portato a qualcosa è bello, gratificante».

Da junior la bici era un divertimento, senza lo stress del risultato (foto DirectVelo/Aurélien Regnoult)
Da junior la bici era un divertimento, senza lo stress del risultato (foto DirectVelo/Aurélien Regnoult)

Perso in casa sua

La storia di Van Der Meulen è particolare: il giovane corridore olandese, classe 2004, tra gli juniores volava. Vi basti sapere che nel solo 2022, l’ultimo anno nella categoria, aveva ottenuto sei vittorie tra cui quella alla Classique Des Alpes. Risultati che lo avevano portato ad essere il secondo miglior junior al mondo. Poi la chiamata nel devo team di casa, la strada che sembrava già delineata, ma non tutto è andato secondo i piani. 

«Quando ero junior – ci dice subito – mi godevo il fatto di andare in bici e non prendevo la cosa troppo seriamente, per me il ciclismo era un divertimento. Poi sono andato al Development Team DSM e le cose sono cambiate parecchio, tutto veniva fatto al 100 per cento. Gli allenamenti erano diversi, si curava tanto l’alimentazione, è cambiato tutto. Non sto dicendo che la DSM sia sbagliata, ma che io non ero fatto per un ambiente del genere. Quello che non ha funzionato è a livello personale, non dal lato del corridore. Ho inseguito per tanto tempo la mia migliore condizione senza mai trovarla, non ero felice e questa per me è una cosa importante per performare».

L’Italia e il gusto di ritrovarsi

«Il giovane talento olandese – ci aveva detto qualche giorno fa Renzo Boscolo team manager del CTF – è uno dei corridori che viene recuperato da un team italiano, la soddisfazione sta nel far vedere che non tutto l’oro dell’estero luccica più del nostro. Qui da noi si possono fare le cose bene, con metodo e passione. Siamo riusciti a recuperare un ragazzo forte e questo è il nostro orgoglio, nonché di tutto il pianeta Bahrain».

Allora partendo dalle parole di Boscolo la curiosità di sapere cosa Van Der Meulen abbia trovato di diverso da noi ci morde da dentro e la domanda nasce spontanea: «Per me è un modo di fare totalmente differente – dice – il CTF è come una famiglia, siamo molto uniti. Ci sono degli obiettivi, per fare in modo di lavorare bene, ma non importa che siano personali o di squadra qui tutti danno sempre il massimo. C’è molta più motivazione e tanta felicità nel godersi il ciclismo, è una squadra passionale. Mi piace averli intorno, con lo staff si lavora benissimo e mi danno tanto supporto».

Van Der Meulen, scalatore puro, ora fa rotta sul Giro Next Gen (foto DirectVelo/Florian Frison)
Van Der Meulen, scalatore puro, ora fa rotta sul Giro Next Gen (foto DirectVelo/Florian Frison)

Il sogno rosa e il futuro nel WT

Tra meno di un mese toccherà agli under 23 darsi battaglia lungo tutto lo stivale, o in buona parte di esso, per conquistare la maglia rosa. Il Giro Next Gen, alla luce della recente vittoria e delle qualità di Van Der Meulen, diventa un obiettivo per risalire un altro gradino che lo porterà, comunque vada, nel WT il prossimo anno. 

«Sto bene – continua a raccontarci – sono tornato dalla Francia, ho recuperato bene e sono partito per Andorra. Ora mi trovo qui da una settimana, insieme a due miei compagni di squadra, e starò altre due per preparare al meglio il Giro Next Gen. Prima però sarò in Repubblica Ceca per correre l’appuntamento di Nations Cup con la nazionale olandese.

«Sono fiducioso di poter fare ancora tanto quest’anno – conclude Van Der Meulen – in vista del mio approdo alla Bahrain Victorious. Voglio migliorare tanto per superare quel gradino che mi manca ma sono fiducioso. Il CTF da questo punto di vista mi dà una grande mano, mi fa crescere sia come corridore che come persona. Non ho paura di quello che potrà succedere in futuro».

Il quarto anno da U23? Per Boscolo (e il CTF) è superfluo

23.04.2024
5 min
Salva

In un ciclismo che corre sempre più veloce fin da quando i ragazzi si trovano nella categoria juniores ha senso, per una squadra continental, puntare su corridori di quarto anno? La domanda è nata dopo un colloquio con Renzo Boscolo, diesse del team CTF Victorious e ci è riecheggiata in testa per un po’. Il fatto di essere stati all’Eroica Juniores, poi, ci ha fatto crescere ancora di più la curiosità riguardo questo tema. Allora ieri ci siamo messi a parlare con Boscolo e ne sono nati spunti interessanti. 

Oliver Stockwell (qui all’AIR 2022) è l’unico corridore di quarto anno al CTF in questa stagione
Oliver Stockwell (qui all’AIR 2022) è l’unico corridore di quarto anno al CTF in questa stagione

Eccezioni, non regole

Negli ultimi anni, tra i corridori degni di nota all’interno del CTF, ci sono stati solamente due ragazzi giunti al quarto anno della categoria U23. Il primo è stato De Biasi, il secondo, invece, è Stockwell. 

«Al CTF – ci dice – come ragazzo di quarto anno abbiamo solo Oliver Stockwell. La scelta è dovuta al fatto che ha perso un anno a causa di una frattura al femore, così la decisione di tenerlo con noi ci è sembrata naturale. Come lo era stata per De Biasi, che era arrivato da noi nell’anno del Covid, avendo perso un anno ci è sembrato giusto fargli proseguire il cammino. Al di là di casi del genere, noi come CTF riteniamo che un ragazzo di quarto anno non lo teniamo».

Il mercato chiede corridori giovani e preparati, il CTF si è mosso di conseguenza (foto Instagram)
Il mercato chiede corridori giovani e preparati, il CTF si è mosso di conseguenza (foto Instagram)
Come mai?

Ci siamo resi conto, numeri alla mano, che non ha senso. Il percorso di crescita previsto per i ragazzi dura tre anni, il quarto anno di categoria aggiunge ben poco. Guardando i dati, si vede che la curva di miglioramento si sviluppa, nella sua massima espressione, tra il secondo e il terzo anno da U23. 

Al quarto anno i margini sono minori?

Oltre ad essere minori si rischia l’effetto opposto. Un ragazzo al quarto anno si ritrova con l’acqua alla gola, perché in questa categoria viene visto come all’ultima spiaggia. Il discorso poi cambia radicalmente quando si passa elite. 

Anche Max Van Der Meulen è uno dei corridori con un contratto già firmato nel WT (foto Instagram)
Anche Max Van Der Meulen è uno dei corridori con un contratto già firmato nel WT (foto Instagram)
Ci sono ragazzi che da elite si sono guadagnati lo spazio tra i pro’.

Sono eccezioni italiane o internazionali? Per come la vediamo noi al CTF, gli elite non hanno grande senso. Noi siamo una squadra di sviluppo della Bahrain, quindi il nostro ragionamento è diverso da chi ha una continental. In altri Paesi una squadra continental può svolgere il ruolo che da noi hanno le professional. Ad esempio: la Polonia ha un bel movimento ma non ha team professional, quindi le loro continental hanno una logica diversa dalle nostre. 

In Italia le professional ci sono…

E ci sono anche le continental che ragionano sulle vittorie e sul voler sembrare dei team di professionisti. Allora portano ragazzi grandi a fare corse con i pro’ così si fanno vedere. Il discorso per loro funziona, per noi no. 

Voi da quanto avete “accantonato” il discorso quarti anni ed elite?

Da quando abbiamo iniziato a girare molto di più l’Europa. Negli ultimi 7-8 anni il mercato è cambiato, prima passavano anche corridori elite, ora si cercano i ragazzi prima.

Se si pensa che Kristoff, vincitore di due tappe all’Eroica Juniores, ha già un contratto firmato con una squadra WorldTour…

Capite? Non sto dicendo che sia giusto o sbagliato, ma il mercato va in questa direzione. Anche noi abbiamo ragazzi che hanno già un contratto con la Baharain per i prossimi anni (Ermakov ed Erzen, ndr). Il sistema messo in piedi è questo e bisogna ragionare così.

Il calendario del CTF prevede un aumentare costante delle gare e degli impegni ed è tarato sui ragazzi giovani (foto Instagram)
Il calendario del CTF prevede un aumentare costante delle gare e degli impegni ed è tarato sui ragazzi giovani (foto Instagram)
Lo fareste anche senza un legame con un team WT?

Sì. Io credo che un team continental debba far crescere i ragazzi. Siamo appena stati alla Gent U23 dove Borgo è arrivato quinto (in apertura foto Ieper.Fietst, ndr). Lui è un primo anno, in squadra ne abbiamo ben cinque, la nostra scelta è di puntare sui giovani.

E’ una questione di scelte, o si punta sui giovani o su corridori più maturi, ma entrambi non possono coesistere.

E’ così. Per come interpretiamo noi l’attività, è corretto avere ragazzi di primo anno. In generale preferiamo partire piano e aumentare la caratura delle corse mese dopo mese. Inserire un ragazzo di quarto anno in una struttura del genere rischia di farla esplodere.

Borgo, al primo anno da U23, ha già raccolto risultati importanti anche all’estero (foto Koksijde – Oostduinkerke)
Borgo, al primo anno da U23, ha già raccolto risultati importanti anche all’estero (foto Koksijde – Oostduinkerke)
Perché?

Un corridore di quarto anno deve partire forte, per trovare risultati e farsi vedere, perché le squadre professionistiche a giugno hanno già la rosa chiusa. Inserire un ragazzo così vorrebbe dire cambiare il nostro calendario e portare la squadra a fare corse impegnative fin da subito, come il Laigueglia. Ma che senso ha far correre ad un ragazzo di primo anno una gara del genere a inizio stagione? Nessuna. Ripeto la nostra scelta è di puntare sui giovani e farli crescere, non di metterli in vetrina. 

Ragazzi al primo anno come Borgo, Capra e Mottes hanno già esperienze importanti…

Borgo ha fatto sesto alla Youngster e quinto alla Gent U23. Capra non ha vinto, ma è stato fondamentale per la squadra e Mottes ha potuto fare gare importanti e imparare. Questi potrei portarli al circuito di paese e vincerebbero, ma che senso avrebbe?

Toccata e fuga in Belgio per Borgo e il CTF: un’esperienza unica

21.03.2024
6 min
Salva

La voce di Alessandro Borgo dietro la cornetta fa trasparire tutta la sua giovane età. Il 19enne del CTF Victorious è tornato sui banchi di scuola dopo un intenso periodo di gare tra Belgio e Slovenia. Ora è il momento di recuperare dagli sforzi sportivi e mettersi sotto con lo studio: la maturità di luglio inizia a farsi intravedere. 

«Oggi divano e tanti libri – ci dice – niente bici. Ho corso tanto in questi giorni, anche martedì. Sono stato un periodo in Belgio per correre la Youngster Coast Challenge, che ho terminato sesto (foto Koksijde – Oostduinkerke in apertura), poi ho fatto la Popolarissima e due giorni fa in Slovenia l’ultima gara. Ora, invece, ho un altro bel blocco: quello delle verifiche! Devo preparare chimica e storia. Sono all’ultimo anno di Agraria ed Enologia a Conegliano. Quando ho scelto questo indirizzo, il ciclismo non era ancora il mio primo pensiero e ho unito la passione per l’aria aperta a quella per il mio territorio».

Il podio della Youngster Coast Challenge con al centro Behrens, a sinistra Debruyne e a destra Teutenberg (foto Koksijde – Oostduinkerke)
Il podio della Youngster con al centro Behrens, a sinistra Debruyne e a destra Teutenberg (foto Koksijde – Oostduinkerke)

Debutto al Nord da U23

Ora il ciclismo occupa uno dei primi posti per Borgo, tanto da portarlo a correre in Belgio e piazzarsi sesto alla Youngster Coast Challenge. Il giovane corridore veneto ha già corso da queste parti negli anni da junior, ma questo era il suo esordio al Nord da U23. 

«E’ stata una gara impegnativa, dura e lunga – racconta – abbiamo percorso ben 174 chilometri, è stata proprio una gara da Nord, c’era tantissimo vento, con raffiche fino a 30 chilometri orari. Nel mezzo del percorso c’erano anche tre muri, tra cui il Kemmelberg. Il ritmo è stato davvero sostenuto, dall’inizio alla fine, anche perché il livello era elevato. C’erano tutte le devo team con la Alpecin che ha praticamente fatto il bello e il cattivo tempo, anche se poi non hanno vinto. Ogni rettilineo arrivavano dei ventagli, ogni tot chilometri c’erano corridori che saltavano via come birilli. In due o tre momenti ho rischiato anch’io di rimanere tagliato fuori dalla corsa, in particolare in un rettilineo di quattro chilometri. Avevo poca esperienza con il vento e una posizione errata mi ha portato fuori dal primo ventaglio. Devo ammettere che mi ha salvato uno dei consigli di Modolo (Sacha Modolo, ndr) che dall’anno scorso mi segue e mi aiuta». 

Borgo è rimasto nel ristretto gruppo che si è giocato la vittoria (foto Koksijde – Oostduinkerke)
Borgo è rimasto nel ristretto gruppo che si è giocato la vittoria (foto Koksijde – Oostduinkerke)
Cosa ti ha detto?

Che se fossi rimasto fuori da un ventaglio, avrei dovuto aprirne subito un altro, altrimenti avrei solamente perso tempo. Da solo contro un gruppo di dieci o quindici già si fa fatica, in più se ci si aggiunge il vento… Quindi ho aperto un secondo ventaglio, ma mi hanno seguito solamente in due, siamo stati per una decina di chilometri a 15 secondi dai primi. Siamo rientrati solamente una volta iniziato il circuito finale.

Com’è andata?

Gli Alpecin erano in cinque su 15, hanno fatto il bello e il cattivo tempo. Ma a spuntarla è stato Behrens della Lidl-Trek Future Racing. Dietro ci siamo trovati in cinque a giocarci il podio, io sono entrato per primo alla curva dell’ultimo chilometro, con un buco di due metri tra me e gli altri. Ho deciso di tirare dritto e anticiparli, ma sono tornati sotto proprio a 300 metri dal traguardo e con la volata mi hanno saltato. Comunque ho fatto sesto, non male direi. 

Una giornata da Nord, a tutta dall’inizio alla fine con il vento a incidere sulla corsa (foto Koksijde – Oostduinkerke)
Una giornata da Nord, con il vento a incidere sulla corsa (foto Koksijde – Oostduinkerke)
Correre nel vento è tanto diverso?

Diciamo che ho imparato a fare un ventaglio e ho capito come entrarci. Sembra banale, ma nessuno di noi del CTF aveva esperienza in queste situazioni. 

Facciamo un gioco, raccontaci come si fa un ventaglio.

Supponiamo che il vento arrivi da sinistra. Il primo uomo si mette tutto a sinistra, gli altri lo seguono posizionandosi leggermente a destra, per ripararsi dal vento. Poi si gira, quindi il primo si fa sfilare e si mette in coda, sempre a destra. 

Borgo è al primo anno da under 23, da junior ha corso alla Work Service Speedy Bike
Borgo è al primo anno da under 23, da junior ha corso alla Work Service Speedy Bike
Che tipo di fatica si fa nel correre in questo modo?

Non è come andare in salita dove hai un’andatura costante, ma si vive di attimi. Nel senso che ci sono momenti in cui sei a 200 watt e poi per trenta secondi vai a 800 per chiudere un buco. Ad un certo punto senti le gambe bruciare dalla fatica. Però è stato bello, ho visto che in queste gare dove c’è da soffrire vado bene.

Voi del CTF avete alloggiato nella villa della Bahrain Victorious, emozionante?

Abbiamo vissuto in quella casa per tre giorni. Poche settimane prima vedevo le storie dei pro’ che erano lì per correre e poi ci siamo andati noi. Vederla dai social e poi viverci dentro è stato incredibile. Eravamo in sette ragazzi più un massaggiatore, il diesse, un meccanico e un preparatore. Io ero in camera con Skerl e Capra. Gli altri erano Shtin, Ermakov, Olivo e Andreaus. 

I ragazzi del CTF Victorious hanno alloggiato nella villa belga della Bahrain Victorious
I ragazzi del CTF Victorious hanno alloggiato nella villa belga della Bahrain Victorious
Come avete organizzato le giornate?

Come prima cosa, appena arrivati, abbiamo provato gli ultimi 100 chilometri di gara. E’ stato un passaggio davvero importante perché mi ha aiutato a capire i tratti salienti e quelli pericolosi. In Francia e Belgio hanno tanti spartitraffico e rotonde. Grazie alla ricognizione mi ricordavo quasi chilometro dopo chilometro tutti gli ostacoli. 

La vita di tutti i giorni, invece? Chi faceva da mangiare?

Il cibo lo preparava il massaggiatore, ma anche noi ci siamo messi ai fornelli per cucinare la pasta o il pollo. In quei giorni c’era anche una gara dei professionisti (la Nokere Koerse, ndr) e l’abbiamo vista tutti insieme. Giovedì, il giorno prima della corsa, abbiamo fatto un giro sui muri delle Fiandre, dove l’organizzazione stava già preparando il percorso. Pedalare su quelle strade con la consapevolezza che tra pochi giorni ci sarà la gara è stato unico.

Una casa super attrezzata, anche con lo spazio officina per le bici
Una casa super attrezzata, anche con lo spazio officina per le bici
Com’era il clima alla vigilia?

In squadra un po’ teso, ma io devo ammettere che ero sereno. Sono al primo anno, ogni esperienza è bella e mi porta qualcosa. Quello che arriva è tutto un di più. Il giorno prima della corsa ho chiesto anche qualche consiglio a Raccagni Noviero, che corre nel devo team della Soudal-Quick Step. Lui queste gare ormai le conosce come le proprie tasche. Non mi sarei mai aspettato che il vento potesse fare tutti questi “danni”. 

Possiamo dire che la verifica del Nord l’hai passata, ora mancano storia e chimica.

Vedremo di passare anche quelle!