Due tricolori già in bacheca. La scelta di Finn era stata giusta…

09.07.2024
5 min
Salva

I campionati italiani juniores di Casella non potevano avere conclusione migliore per la gente locale, visto che a conquistare la maglia tricolore è stato il classico “enfant du pays”, quel Lorenzo Finn che sta riscrivendo con le sue azioni tutta la geografia del ciclismo giovanile italico. Primo italiano ad aver scelto un team straniero già da junior, entrando nella multinazionale del Grenke Auto Eder, con i suoi risultati – in particolare la doppietta tricolore crono-gara in linea – ha dimostrato che l’occhio di Christian Schrot, il suo diesse, era stato lungo…

Il podio di Casella, con Finn fra Proietti Gagliardoni, a 2’38” e Zanutta, a 3’01” (foto organizzatori)
Il podio di Casella, con Finn fra Proietti Gagliardoni, a 2’38” e Zanutta, a 3’01” (foto organizzatori)

E’ pur vero che Finn correva in casa e questo ha rappresentato un bel vantaggio: «Quel percorso lo conosco bene, si passa davvero vicino casa mia. Sapevo che la prima parte era pianeggiante e ci si giocava tutto nella seconda. Serviva grande attenzione e pianificare dove attaccare e così ho fatto. In discesa c’era un punto dove si tornava a salire e lì ho attaccato».

La particolarità è che a quel punto è diventata un’altra corsa, con te contro il gruppo e tu che continuavi a guadagnare, come solo i grandi campioni sanno fare…

Sapevo che le grandi difficoltà della corsa erano finite, bisognava solamente spingere forte, soprattutto in pianura e io contro il tempo me la cavo bene anche se non è la mia specialità. Poi avevo anche le informazioni dalla moto, sapevo che il vantaggio andava crescendo e questo mi ha dato ulteriore forza. Io per natura sono e resto uno scalatore, ma mi difendo bene in ogni situazione. Preferivo però arrivare da solo, non rischiare una volata, questo lo ammetto…

Finn ha corso poco quest’anno, anche a causa della caduta all’Eroica, ora vuole rifarsi d’estate
Finn ha corso poco quest’anno, anche a causa della caduta all’Eroica, ora vuole rifarsi d’estate
E’ chiaro che queste tue vittorie fanno spiccare la tua appartenenza, l’essere l’unico italiano in un team estero. Ci sono davvero tante differenze?

Cambia molto l’impostazione, è come essere già inquadrato in un team professionistico pur essendo ancora uno junior. Ma senza vivere le pressioni che ha un professionista. Abbiamo il supporto di uno staff estremamente qualificato e sempre in contatto con la casa madre (la Bora Hansgrohe, ndr) e soprattutto la disponibilità di materiale appartenente alla prima squadra. Diciamo che è un’impostazione un po’ più vicina a quella di un lavoro di quanto si potrebbe avere in qualsiasi altro team, tenendo però sempre presente che siamo ancora ragazzi che studiano.

Com’è stata questa prima parte della tua esperienza?

Positiva anche se sfortunata, l’infortunio all’Eroica è pesato. Ho però recuperato la condizione in fretta e questo è importante soprattutto considerando tutto quel che ci attende, a cominciare dall’Ain Bugey Valromey Tour dove ci saranno tutti i migliori della categoria a cominciare dall’iridato Withen Philipsen.

Lorenzo Finn è approdato al Grenke Team Auto Eder quest’anno, primo italiano in un team junior estero
Lorenzo Finn è approdato al Grenke Team Auto Eder quest’anno, primo italiano in un team junior estero
L’impressione è che il team tedesco, anche sull’onda dei tuoi risultati (considerando che il campionato italiano si correva per rappresentative regionali) creda molto nelle tue capacità, ossia ti consideri un potenziale leader.

E’ politica del team cercare di far brillare tutti. E’ una vera multinazionale, prendono gli elementi di spicco in varie nazioni per farli maturare, ognuno poi ha le sue possibilità. Si è visto ad esempio quando abbiamo corso in Italia, con più corridori che centravano la Top 10. Siamo tutti elementi leader, ma corriamo per la squadra, è la corsa stessa che dice volta per volta su chi si dovrà puntare.

E questo è un vantaggio rispetto ad avere il team che corre con una gerarchia definita?

Sì, perché la concorrenza interna aiuta a motivarti. Se ti ritrovi davanti con compagni di squadra è sempre meglio che dover correre da solo. La competizione interna è un indubbio aiuto, l’importante però è che tutti alla fine lavoriamo per un obiettivo comune che è vedere la nostra maglia sfrecciare per prima, chiunque la indossi.

Vincitore del titolo italiano a cronometro, il ligure è un corridore ideale per le corse a tappe
Vincitore del titolo italiano a cronometro, il ligure è un corridore ideale per le corse a tappe
E’ cambiata la tua preparazione rispetto allo scorso anno?

Molto, ma non solo perché è cambiata la mano. Sono cresciuto, anzi fisicamente sto ancora crescendo, le gambe sono maggiormente sviluppate. Christian ci segue con molta attenzione, raffronta ogni singolo allenamento. I lavori sono commisurati alla nostra età, perché i risultati sono sì importanti, ma dobbiamo seguire un giusto trend di crescita. Per questo so che queste sono semplici tappe verso obiettivi più importanti per gli anni futuri.

Considerando le tue caratteristiche, il percorso del mondiale di Zurigo diventa a questo punto un obiettivo?

Sicuramente. Sono andato a vederlo due settimane fa, è molto bello, con salite non lunghe ma che non danno respiro, si correrà sempre a tutta e ci sarà grande selezione. Io spero davvero di far bene su quel tracciato mentre credo che quello della cronometro non sia invece molto adatto, è quasi tutto pianeggiante, su quel percorso Philipsen penso che avrà vita facile.

Lorenzo ha già puntato i mondiali di Zurigo, su un percorso adatto alle sue caratteristiche
Lorenzo ha già puntato i mondiali di Zurigo, su un percorso adatto alle sue caratteristiche
Tu hai vinto il titolo italiano in linea, ma pensi di essere più tagliato per le corse a tappe, visto che vai forte sia in salita che a cronometro?

Io penso di sì, che quello sia il mio approdo ideale considerando anche che finora ho mostrato buone doti di recupero. Anche al Lunigiana lo scorso anno sono andato sempre più forte col passare dei giorni. Teniamo conto che le corse a tappe juniores non sono paragonabili a quelle delle categorie superiori, ma il mio destino dovrebbe essere quello.

La giornata della Auto Eder: iniziata sul podio e finita all’ospedale

18.04.2024
5 min
Salva

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – La giornata della Grenke Auto Eder si divide in due momenti. Il primo è al mattino, quando fin da subito si era capito che la cronometro a squadre sarebbe stata affare loro. I ragazzi di Christian Schrot hanno imposto la loro legge sulla strada che ha portato i corridori da Punta Ala a Castiglione della Pescaia. 

Uniti, veloci e sicuri, appena tagliato il traguardo avevano già la testa alla semitappa del pomeriggio. Avevamo parlato con Lorenzo Mark Finn nel parcheggio delle ammiraglie. Il focus della squadra era recuperare le energie e presentarsi pronti al pomeriggio, per continuare il lavoro iniziato in mattinata. Ma tutto ha preso un verso inaspettato.

La volata ristretta a Castiglione della Pescaia la vince l’olandese Remijn
La volata ristretta a Castiglione della Pescaia la vince l’olandese Remijn

Tutto sotto sopra

Meno di tre ore dopo tutto si è ribaltato, segnando indelebilmente l’avventura della Grenke Auto Eder. Il coraggio non è mancato e la voglia era quella di tenere in mano la corsa. Una volta però imboccato il primo tratto di strada bianca sono iniziati i problemi. Lorenzo Finn, che si trovava in seconda posizione alle spalle del compagno Patrick Casey, scivola e si ritrova ad inseguire. 

La presenza delle radioline permette a Christian Schrot di comandare i suoi ragazzi dall’ammiraglia. I corridori della Grenke rallentano, aspettano Finn e il male sembra alle spalle, ma è solo l’inizio del declino. Pochi chilometri dopo, prima dell’imbocco del secondo tratto di strada bianca, una maxi caduta mette gran parte del gruppo a terra. I danni sembrano subito gravi, la strada in quel tratto invitava ad accelerare e la foga di stare davanti ha chiuso gli occhi ai corridori. 

Attesa e confusione

Dopo la linea del traguardo la vittoria dell’olandese Remijn Senna passa quasi in secondo piano. Il sentimento generale è quello dello sconforto, soprattutto in casa Grenke Auto Eder. Ma non solo, sono molti i corridori che riportano danni fisici dopo questa seconda semitappa. Chi passa con la divisa sporca di sangue, altri hanno segni su gambe e braccia

Quello messo peggio, degli atleti arrivati al traguardo, è Lorenzo Finn. Il genovese raggiunge la zona della ammiraglie in netto ritardo e mentre tutti si assicurano sulle sue condizioni lo sconforto ha preso il sopravvento. Le lacrime gli rigano il volto e dal ginocchio destro il sangue continua a scendere. Il peggio, però, sembra averlo subito la spalla destra, e mentre lo aiutiamo a vestirsi ci racconta…

«Sono caduto due volte – racconta Finn con il dolore attaccato alle ossa e i segni di una caduta che probabilmente lo metterà fuori corsa – la prima è stata una scivolata banale. La seconda caduta, invece, è arrivata mentre stavo rimontando il gruppo e sono finito in un fosso. Andremo a fare i raggi X in ospedale e vediamo cosa è successo».

Racconta Casey

Sotto al palco delle premiazioni per la Grenke Auto Eder c’è Patrick Casey. Massaggiatori e staff del team tedesco gli lasciano una barretta e una banana e si dirigono ad assicurarsi delle condizioni degli altri ragazzi. 

«Della seconda caduta non ho visto nulla – dice – ho seguito due ragazzi e ci siamo avvantaggiati. Non so se fosse un tratto pericoloso o meno. Ogni anno succedono cadute del genere, si va sempre più forte. Non è una questione di percorso, sarebbe potuto accadere anche domani o venerdì. Il problema non sono nemmeno i settori di strada bianca, ma i tratti che li precedono, dove si va forte e tutti vogliono stare davanti». 

«Stamattina tutto andava per il verso giusto – conclude – pomeriggio l’atmosfera nel team è completamente diversa. Eravamo partiti con Finn, Friedl e Fietzke come leader e ora tutti e tre sono caduti e due sono all’ospedale. La corsa è ancora lunga, abbiamo la maglia di leader, vedremo domani cosa accadrà».

Intanto la maglia di leader della classifica dei GPM, conquistata da Finn, viene ritirata dal diesse Schrot. Domani se il giovane italiano sarà al via potrà indossarla, altrimenti passerà di mano, senza possibilità alcuna di difenderla. 

I progetti della Grenke Auto Eder su Finn? Ce li racconta Schrot

01.03.2024
5 min
Salva

MANERBA DEL GARDA – Al tavolo con noi, dopo Lorenzo Finn, si è seduto Christian Schrot, diesse del team juniores tedesco Grenke Auto Eder. Intorno all’arrivo di Finn (foto GRENKE – Auto Eder/Matthis Waetzel in apertura) si è accesa tanta curiosità, allora approfittiamo della disponibilità di Schrot per scoprire i progetti dietro l’arrivo del primo corridore italiano del team. Entrare in un mondo del genere non è facile, ma se riesci a ritagliarti lo spazio per entrare in uno degli otto posti disponibili qualcosa vorrà pur dire

«Lorenzo Finn ha corso molto bene l’anno scorso – attacca subito Schrot – e lo abbiamo visto in diverse gare. Solitamente ci piace prendere parte al calendario italiano, dipende però da anno in anno. Nel vedere Finn in azione abbiamo capito che avrebbe potuto completare il nostro team, portando le sue qualità di scalatore. Infatti quest’anno avremo una squadra molto ben bilanciata, abbiamo cercato e portato da noi i migliori talenti internazionali. Vogliamo far crescere corridori per ogni terreno, cosa che viene utile anche per il team WorldTour (Bora-Hansgrohe, ndr). La nostra squadra, proprio come un team professionistico, è composta da corridori forti nelle corse di un giorno, in salita, sul pavé e in volata».

Christian Schrot (in piedi con gli occhiali) è il diesse del team juniores Grenke Auto Eder
Christian Schrot (in piedi con gli occhiali) è il diesse del team juniores Grenke Auto Eder
Cosa avete visto in Lorenzo Finn?

Abbiamo visto molto di quello che può essere il suo processo di crescita. Siamo solamente all’inizio, lavora con noi da poco. Tuttavia siamo abbastanza sicuri che possa diventare un grande scalatore e un uomo da corse a tappe. Di questo abbiamo avuto conferma al Giro della Lunigiana nel 2023, ma avevamo già visto le sue qualità in altre corse in precedenza.

Dopo qualche mese con voi che ci dici di lui?

Stiamo lavorando insieme a lui da ottobre, ha passato un buon inverno, in salute. Durante il training camp è andato molto forte ed è cresciuto giorno dopo giorno. A Mallorca ha fatto un bel lavoro, poi i ragazzi si sono allenati anche in altre discipline, come lo sci di fondo. E’ stata una cosa nuova per lui, ma si è comportato molto bene.

Schrot ha costruito una squadra equilibrata, forte su ogni terreno (foto GRENKE – Auto Eder/Matthis Waetzel)
Schrot ha costruito una squadra equilibrata, forte su ogni terreno (foto GRENKE – Auto Eder/Matthis Waetzel)
Credete molto nella multidisciplinarietà?

Sì, crediamo molto in un approccio tra diversi sport. Non soltanto in campi legati al ciclismo, ma anche in altre discipline, che possono dare valore aggiunto. La cosa bella è che le qualità si mischiano tra ciclismo e sci di fondo, e questo fa bene ai ragazzi. Lorenzo non abita lontano dalle Alpi, quindi in futuro, se vorrà fare un diverso tipo di ritiro invernale potrà andare a sciare

Dai numeri dei vari test cosa avete visto?

Abbiamo fatto i test in estate, nell’area che ci ha dedicato Redbull, che come saprete entrerà nel team in futuro, diventando un grande partner. Ci ha già dato una mano nello scouting l’anno scorso, abbiamo messo in piedi il Redbull junior brothers program. Finn ha valori molto buoni soprattutto di resistenza. 

Quali saranno i suoi obiettivi durante la stagione?

Sicuramente le corse dedicate agli scalatori, come la Classic des Alpes e Valromey Tour. 

Si metterà alla prova anche in gare in altre Nazioni, come il Belgio, pensi che si possa adattare?

Al momento possiamo dire che potrebbe fare molto bene, vedremo nelle classiche di categoria come si comporterà. Lui stesso, però, è molto concentrato sulle corse di più giorni, dove può fare davvero bene. Non abbiamo l’assillo di correre tanto, la nostra squadra è strutturata per far crescere i ragazzi, soprattutto in ottica futura. 

Finn (a sinistra) ha dimostrato grandi qualità in salita e nelle corse a tappe (foto GRENKE – Auto Eder/Matthis Waetzel)
Finn (a sinistra) ha dimostrato grandi qualità in salita e nelle corse a tappe (foto GRENKE – Auto Eder/Matthis Waetzel)
Avete pochi corridori, solamente otto, una scelta dovuta a cosa?

Non ci piace prendere tanti ragazzi e poi scartarli, non ci sembra giusto. Ogni giovane ciclista ha un sogno, quindi non avrebbe senso prenderne tanti ogni anno e poi mandarli via. Ci sembra giusto, invece, prendere solamente coloro sui quali sappiamo di poter lavorare bene.

Hai già detto, in una nostra precedente intervista, che guardi molto alla personalità e al carattere dei ragazzi, cosa hai visto in Finn?

Lui è una persona tranquilla e con una mentalità molto adulta. Molto educato e con una mentalità aperta, che gli deriva dal fatto di avere una famiglia con un background inglese (il padre di Finn è inglese, ndr). Parla un inglese molto fluente, penso che sia una persona familiare, ma molto aperta, mi piace questo mix. E’ un ragazzo che ha una sua opinione e sa esprimerla nel modo giusto, con educazione. 

I ragazzi del team Grenke Auto Eder termineranno il loro ritiro italiano domenica 3 marzo
I ragazzi del team Grenke Auto Eder termineranno il loro ritiro italiano domenica 3 marzo
Come vedi il suo processo di crescita, difficile possa passare direttamente nel WorldTour?

Negli ultimi anni abbiamo lavorato con diversi team under 23, ai quali mandavamo i corridori per crescere e per poi passare nel WorldTour. Siamo convinti che i ragazzi abbiano bisogno di un passaggio tra gli under 23, per maturare ed essere pronti. E’ importante per noi che abbiano una carriera lunga, non veloce. 

Con l’ingresso di Redbull è possibile pensare ad un investimento e avere un team under 23 tutto vostro?

Per il momento non abbiamo ancora preso decisioni interne, nelle prossime settimane ci incontreremo e ne parleremo. Sicuramente la nostra ambizione è diventare i migliori, penso che il team juniores sia cresciuto tanto in questi ultimi anni. Le ambizioni in futuro è di avere una struttura di sviluppo anche negli under 23, ma per il momento dobbiamo aspettare per capire i programmi dei prossimi anni. Guardiamo sempre al futuro, ma dobbiamo allineare le nostre ambizioni con l’investimento di Redbull. 

I primi mesi di Finn alla Grenke Auto Eder: un mondo nuovo

28.02.2024
4 min
Salva

MANERBA DEL GARDA – Lorenzo Mark Finn ci accoglie con una felpa grigia e un sorriso timido all’interno dell’Enjoy Garda Hotel. Il giovanissimo ligure si trova qui con la sua squadra: la Grenke Auto Eder, team juniores satellite della Bora-Hansgrohe. Finn è stato il primo ragazzo italiano della sua categoria a lasciare l’Italia per andare a correre all’estero. Una scelta nuova, diversa, e che ha sollevato diverse domande e qualche dubbio. Abbiamo già sentito la sua voce quando è stato il momento di spiegare il motivo di questa scelta, ora vogliamo sapere come sta andando

Finn si siede e racconta i primi mesi alla Grenke Auto Eder
Finn si siede e racconta i primi mesi alla Grenke Auto Eder

Una squadra internazionale

La Grenke Auto Eder, nonostante sia un team juniores, ha una grande impronta internazionale. Il team è tedesco, ma i suoi ragazzi arrivano da tutta Europa.

«Sta andando molto bene – ci racconta mentre siamo seduti sui divanetti della hall – la squadra è composta da tante nazionalità. Su 8 corridori ci sono rappresentate 7 Nazioni differenti. Parliamo tutti inglese molto bene e quindi non ci sono problemi a livello comunicativo, nemmeno con lo staff».

Questi primi mesi come sono andati?

Stiamo lavorando da tutto l’inverno, questo ritiro finale è per preparare le gare e l’inizio della stagione. Sarà abbastanza duro, finiremo il 3 marzo e da lì a due settimane inizieremo a correre.

Rispetto all’anno scorso c’è stato qualche cambiamento?

Sto lavorando tanto sugli sprint e la forza in palestra, cosa che mi mancava. Abbiamo messo nelle gambe anche tanto fondo, soprattutto in vista degli anni futuri, per sviluppare al meglio il motore. Le ore di allenamento sono aumentate, ma il corpo risponde bene, quindi non lo trovo pesante. 

Finn e i suoi compagni pedalano su bici Specialized, le stesse del team Bora
Finn e i suoi compagni pedalano su bici Specialized, le stesse del team Bora
Hai già un programma?

I ritiri invernali erano già tutti decisi fin dall’anno scorso. Oltre a quelli appena conclusi e questo in Italia, ne faremo uno a maggio e un altro in estate, poi vedremo di mese in mese come andrà la stagione.

Immaginiamo sia una squadra completamente diversa rispetto a quello che sei abituato a vedere.

E’ un bel passo in alto rispetto a quello cui ero abituato, ma è un ambiente tranquillo, non ci mettono pressioni. Dobbiamo essere seri, ma credo sia normale. Sono molto sereno e tranquillo. Abbiamo un preparatore che segue solamente noi ragazzi del team, quindi il rapporto è molto diretto e giornaliero. Si può lavorare in maniera più specifica e lo vedo dalle sensazioni di questi primi mesi. 

I ragazzi e lo staff comunicano tra di loro usando l’inglese, lingua fondamentale in un team internazionale
I ragazzi e lo staff comunicano tra di loro usando l’inglese
Come ti trovi a vivere lontano dalla squadra?

Sto sempre a casa, poi quando ci sono ritiri o gare ci vediamo direttamente sul posto. Comunque facciamo un calendario internazionale, quindi meno gare rispetto all’anno scorso. In questo modo riesco a gestire bene l’impegno, anche con la scuola. Mi alleno da solo, ma ero già abituato a farlo, quindi non è stato un gran cambiamento. Usiamo Training Peaks e mi viene dato un programma settimanale. Mi tengo in contatto con Christian Schrot tutti i giorni via WhatsApp. 

Il calendario lo conosci già?

La prima corsa con la squadra sarà in Belgio: la Guido Reybrouck Classic, il 16 e il 17. Prima però correrò la cronometro di Camaiore, ma andrò da solo visto che è vicina a casa. Penso sia un buon test per vedere a che punto sono dopo il carico di lavoro dell’inverno. 

Un ultimo saluto prima di partire per l’allenamento
Un ultimo saluto prima di partire per l’allenamento
Come ti senti dopo un inverno fatto con la Grenke Auto Eder?

La grande differenza che ho trovato è che dopo cinque o sei ore di allenamento mi sento bene. A livello di prestazione secca non abbiamo fatto molti lavori massimali. Li faremo con le gare e con il passare dei mesi, ne abbiamo fatto qualcuno ma con sforzi controllati.

Ci avevi detto anche di essere andato a fare un ritiro con la Bora, com’è stato?

Siamo andati cinque giorni a dicembre a Mallorca. E’ stata una bella esperienza, stare nell’ambiente dei prof e vedere i meeting che fanno è stimolante. Abbiamo parlato con i ragazzi più giovani come Herzog, che sono passati dall’Auto Eder. Ci hanno detto che è il team giusto, nonostante siano comunque passati da team U23. Herzog, per esempio, ha fatto un anno alla Hagens Berman. Passare appena finita l’esperienza da juniores non è semplice, correre negli under 23 è un processo giusto di crescita. 

Auto Eder rimodellata, Schrot cerca nuovi Herzog

18.06.2023
5 min
Salva

Ricordate l’Auto Eder? La formazione satellite della Bora-Hansgrohe aveva caratterizzato tutta la scorsa stagione degli juniores, soprattutto grazie al campione del mondo Emil Herzog ma anche ai suoi compagni di squadra, l’estone Pajur in primis, protagonisti anche nelle classiche italiane. Andato via il tedesco all’Hagens Berman Axeon (sempre nell’orbita della formazione WorldTour tedesca), la formazione è stata profondamente rinnovata, con 6 elementi nuovi su 8.

Finora, con la prima metà della stagione andata ormai in archivio, le cose sono andate un po’ diversamente, con 7 vittorie in tutto, 5 delle quali conquistate però nella gara di casa a Cottbus e una sola nel quadro della Nations Cup, con il polacco Krystof Kral primo nella semitappa in linea dell’Eroica. Christian Schrot, il direttore sportivo che si divide fra i ragazzi e la squadra maggiore (sarà infatti in ammiraglia al Tour de France) si aspettava comunque queste difficoltà.

La volata imperiale del polacco Krystof Kral all’Eroica juniores (foto Fruzzetti)
La volata imperiale del polacco Krystof Kral all’Eroica juniores (foto Fruzzetti)

«L’anno scorso abbiamo avuto molti ragazzi forti che sono andati via, quindi abbiamo dovuto rivedere l’assetto della squadra. Abbiamo visto che la generazione del 2006 è molto promettente, ma è chiaro che, confrontati con i secondo anno necessitano di esperienza e pazienza. Quest’anno siamo, penso, una delle squadre più giovani e dobbiamo lavorare soprattutto in prospettiva».

Avete ben 7 nazionalità diverse in un gruppo così ristretto: come riuscite ad unire un gruppo così diversificato?

Prima di tutto, facciamo scouting intensivo, quindi investiamo davvero molto tempo nel trovare i talenti, parlare con loro, le famiglie, studiare la loro attività perché per noi la personalità e il carattere sono elementi importanti. Quindi cerchiamo davvero di trovare persone che possano lavorare insieme come una squadra ma che siano anche talenti eccezionali per il futuro. Non è così facile, ma penso che abbiamo dimostrato negli ultimi anni che è un sistema che funziona. Quando lavoriamo insieme, la lingua principale è l’inglese, quindi tutti i corridori parlano inglese, non è un problema.

Karl Kurits, estone, due volte vincitore all’Internationale Cottbuser Junioren
Karl Kurits, estone, due volte vincitore all’Internationale Cottbuser Junioren
Come mai nel team non c’è e non c’è mai stato un italiano, quando invece sono normalmente presenti nella Bora?

Noi cerchiamo anche talenti italiani, speriamo di averne in futuro, ma finora non è capitato. Molti pensano sia un problema di regole con la Federazione italiana, ma non è così. Non ci sono ostacoli burocratici. E’ più un problema legato alla logistica, so che per i ragazzi italiani potrebbe essere difficile seguire la scuola avendo frequenti trasferte estere anche per lunghi periodi. Ma è un problema risolvibile, se troviamo l’elemento giusto. Siamo aperti ai talenti italiani, saremmo felici di averne anche nel nostro team.

Finora sei soddisfatto della stagione o si poteva ottenere di più, soprattutto nelle prove di Nations Cup?

Penso che siamo andati abbastanza bene, proprio considerando il fatto che siamo una squadra giovane. Siamo molto ben sistemati per lo sprint, con due buoni velocisti con Karl Kuritz e Krystof Kral. Poi abbiamo alcuni bravi specialisti contro il tempo, come Duarte Marivoet che ha vinto il titolo belga. Quindi penso che al momento siamo abbastanza versatili e anche verso i mondiali e gli europei potremo avere nostri atleti in evidenza. Quello che non abbiamo al momento è davvero uno scalatore puro: non c’era nessuno in quella fascia d’età che pensavamo potesse essere interessante.

Duarte Marivoet, campione belga a cronometro, sta crescendo come ottimo passista
Duarte Marivoet, campione belga a cronometro, sta crescendo come ottimo passista
Continui a seguire i ragazzi dello scorso anno che sono usciti dal team e come si stanno adattando alla nuova categoria, Herzog in particolare?

Sono ancora nella nostra struttura virtuale Bora-Hansgrohe, quindi sono ancora connessi a noi. Non abbiamo una struttura propria sotto i 23 anni, ma abbiamo strutture partner con cui stiamo lavorando e tutti stanno andando bene finora. Noi ci concentriamo sullo sviluppo, non siamo stressati dal risultato. Quindi Mathieu Kockelmann, Emil Herzog, Romet Pajur stanno tutti bene e stanno preparando una buona estate.

Herzog, Pajur, Vlot, fra loro chi ha i mezzi maggiori per emergere?

Quando parliamo di gare classiche e anche di corse a tappe, Herzog è probabilmente un talento molto grande, ma anche Pajur, penso che sia un ottimo velocista e corridore da classiche, soprattutto quelle più piatte. Quindi questi direi sono i due che si distinguono davvero dai risultati degli ultimi anni.

Paul Fietzke in trionfo a Cottbus, scortato dai compagni di squadra
Paul Fietzke in trionfo a Cottbus, scortato dai compagni di squadra
Dei ragazzi di quest’anno chi vedi già maturo per grandi risultati, magari per lottare per l’oro ai mondiali?

Paul Fietzke, vincitore della corsa a tappe di Cottbus, è quello che si è messo in maggiore evidenza, ma anche Kral che è in crescita di forma esponenziale e Marivoet, che l’anno scorso fu quarto agli europei e ottavo nel mondiale nella cronometro. La scorsa settimana, alla Classique des Alpes è stato tutto il giorno in fuga. Ho molta fiducia in loro.

Per te che hai esperienza anche nel WorldTour, quanto è bello e quanto è difficile lavorare con ragazzi così giovani?

E’ sempre stato il mio sogno e anche la mia passione lavorare con i giovani. Quindi lo faccio da molto tempo e per me è interessante vedere come crescono e come si sviluppano, lavorare anche per aggiustare il cammino a loro vantaggio. Questo è per me, penso, il più grande piacere di essere un allenatore a questo livello, perché poi vedi i risultati negli anni.

Red Bull lancia il suo “X Factor” a due ruote

10.02.2023
5 min
Salva

Zwift fa scuola. Pian piano Jay Vine sta diventando un esempio da seguire e la favola del corridore australiano che, cimentandosi sui rulli di casa collegato alla piattaforma Zwift, alla fine è diventato un’acclamata stella del ciclismo professionistico affascina tanti ragazzi. C’è chi questi sogni li vuole cavalcare. Così Red Bull, azienda da sempre attenta a tutto ciò che dallo sport può tradursi in spettacolo e immagine, ha deciso di investire anche sul ciclismo, prendendo spunto proprio da questa favola.

Nei giorni scorsi è stato siglato un accordo tra la multinazionale e il team WorldTour Bora Hansgrohe per lanciare un nuovo concorso, il “Red Bull Junior Brothers”, un programma di talent scouting che intende trovare i campioni del domani relativamente al ciclismo su strada. Al termine di una lunga selezione, due ragazzi verranno scelti per entrare a far parte dell’Auto Eder, la formazione U19 filiera del team tedesco, quella per intenderci dalla quale sono emersi il campione del mondo di categoria Emil Herzog e il talentuoso estone Romet Pajur.

Pajur Eder 2022
L’estone Pajur, uno dei tanti prodotti dell’Auto Eder, ora alla ricerca di nuovi talenti con Red Bull
Pajur Eder 2022
L’estone Pajur, uno dei tanti prodotti dell’Auto Eder, ora alla ricerca di nuovi talenti con Red Bull

Le tappe del concorso

Il sistema è molto simile a quello messo direttamente in atto da Zwift a favore di Alpecin Deceuninck e Canyon Sram al femminile, ossia la selezione che nel 2022 ha premiato il nostro Luca Vergallito.

Attraverso la pagina del concorso ci si iscrive e si iniziano a registrare le corse sulle piattaforme virtuali Zwift o Strava entro il 31 maggio. I corridori più performanti verranno a quel punto presi in esame per un posto nel Performance Camp, dove in agosto si procederà a uno stage riservato a 15 prescelti. Fra questi verranno selezionati i due ragazzi che a settembre entreranno a far parte del team.

Un’idea che inizia davvero a prendere piede e rivoluzionare le vecchie modalità di fare carriera nel ciclismo: non più solo gavetta nelle categorie giovanili, ma una sorta di “scorciatoia”, come almeno la giudicano molti appassionati legati alla tradizione e poco inclini alle novità, almeno stando ai giudizi sui social. Christian Schrot, responsabile del team giovanile tedesco, spiega come si è arrivati a questa scelta.

«Noi facciamo già scouting in vari luoghi e periodi dell’anno – spiega – ma cercavamo idee per ottenere più attrazione internazionale, portare nel nostro team nuovi talenti sparsi per il mondo. Così, grazie a Red Bull che è già da tempo partner della Bora-Hansgrohe ed è ideale per dare luce a questa iniziativa, ci è venuta l’idea di pianificare una campagna internazionale».

L’obiettivo del concorso è portare due ragazzi a fare apprendistato nel team juniores della Bora (foto Auto Eder)
L’obiettivo del concorso è portare due ragazzi a fare apprendistato nel team juniores della Bora (foto Auto Eder)
L’esperienza di Jay Vine approdato all’Alpecin tramite Zwift ha influito sulla nascita di questa iniziativa?

No, non proprio. Noi abbiamo una società di scouting indipendente che curo personalmente e siamo sempre alla ricerca di nuove opportunità per trovare talenti. Tradizionalmente andiamo alle gare, osserviamo, prendiamo nota, intessiamo relazioni. Con la Red Bull abbiamo l’opportunità di allargare gli orizzonti e utilizzare anche la loro rete perché Red Bull è già coinvolta nel ciclismo. L’idea di ottenere input attraverso Strava e Zwift è fantastica, sono piattaforme ideali per trovare talenti in giro per il mondo. L’idea è nata da qui.

Non temi che arrivino alle fasi finali del concorso ragazzi con grande potenza, ma privi di esperienza ciclistica?

Ce lo siamo chiesto. Alla fine, stiamo cercando ciclisti che possano vincere le gare, è per questo che facciamo anche uno scouting tradizionale e lavoriamo sulla nostra squadra juniores e under 23. Ma è un’opportunità che devi sempre considerare per trovare talenti eccezionali, ma che non hanno grandi possibilità di correre, di mettersi in mostra. La domanda è pertinente. Noi dobbiamo sì guardare alla forza fisica, alla potenza, ma anche considerare le possibilità di sviluppo nel ciclismo e nella guida, nella tattica e in tutti gli altri aspetti.

Uno dei percorsi virtuali sui quali gli iscritti al concorso potranno cimentarsi
Uno dei percorsi virtuali sui quali gli iscritti al concorso potranno cimentarsi
Quindi l’esperienza ciclistica maturata nelle categorie giovanili potrà essere un fattore determinante per la scelta?

Nella scelta sarà un elemento importante. Guarderemo al carattere, a come l’atleta sta in bici, allo spirito di adattamento, a come può adattarsi in seguito per andare alle corse e anche alle gare juniores. Sono elementi piuttosto importanti. Ecco perché non esaminiamo solo le tradizionali liste di Zwift e Strava. Lo combiniamo anche con un campo di scouting e passiamo tutto al vaglio.

Che cosa cercate nei ragazzi coinvolti nel concorso, quali caratteristiche?

L’obiettivo è dare una borsa di studio per un corridore. Quindi cerchiamo atleti che siano, da un lato ottimi scalatori e dall’altro che possano adattarsi anche alle corse a tappe. Ciò significa che dovrebbero avere una certa resistenza che gli permetta di essere performanti per diversi giorni. E forse anche in seguito essere bravi nelle prove a cronometro, che è anche un fattore importante per vincere un grande Giro.

Herzog, iridato junior, la stella del team Auto Eder oggi approdato alla Hagens Berman Axeons
Herzog, iridato junior, la stella del team Auto Eder oggi approdato alla Hagens Berman Axeons
Secondo te questa diventerà una via più popolare per entrare nel mondo del ciclismo?

Penso che sia un’alternativa. Il modo tradizionale dovrebbe essere ancora andare in un team, imparare il ciclismo dall’inizio. Ma ci sono molti ragazzi di talento che non vanno in bicicletta. Forse fanno, non so, sport invernali o altri sport di resistenza. Attraverso questa campagna abbiamo anche l’opportunità di trovare persone che non sono ancora coinvolte nelle corse.

Alle radici di Herzog: Schrot presenta l’iridato juniores

30.09.2022
5 min
Salva

Probabilmente in Germania un campione come Emil Herzog lo aspettavano da anni. Al di là della medaglia d’oro conquistata a Wollongong nella prova in linea (con robusto contorno del bronzo a cronometro), il quasi 18enne di Simmerberg ha caratterizzato tutta la stagione, conquistando la bellezza di 12 successi solo nelle prove internazionali Uci.

E’ chiaro che le aspettative su di lui sono tante, ora che passa di categoria approdando fra gli under 23 nelle file della Hagens Berman Axeon, guidato da quell’Axel Merckx che ha già dimostrato di saperci fare con i giovani nel prepararli a una grande carriera fra i pro’. Parlando con il suo diesse all’Auto Eder, Christian Schrot, è netta la sensazione che, messa da parte la gioia per il successo australiano, già si pensi al futuro considerandolo un “work in progress”.

Schrot ed Herzog, con cui quest’anno ha vinto ben 4 corse a tappe internazionali (foto team)
Schrot ed Herzog, con cui quest’anno ha vinto ben 4 corse a tappe internazionali (foto team)

Tante chance per vincere

«Il suo successo non mi ha sorpreso, il percorso era ideale per uno come lui, forte in salita ma soprattutto esplosivo. A dir la verità puntavo molto su di lui e sull’estone Pajur (finito 15° proprio dietro al nostro Scalco, ndr), entrambi miei atleti all’Auto Eder. Emil aveva svariate opzioni al suo attivo: un arrivo ristretto, la possibilità di fare selezione, alla fine lo sprint a due è stata la soluzione ideale. Sapevo che a quel punto non avrebbe fallito».

Che tipo di persona è Herzog, come lo definiresti?

E’ soprattutto uno scalatore, ma è anche molto rapido e può dire la sua in certi tipi di volate, senza considerare poi le sue capacità a cronometro. Per questo attualmente non si può dire con precisione che corridore è, se sarà più adatto ai grandi giri o alle classiche. Fondamentale in questo senso sarà l’esperienza che accumulerà fra gli under 23, allora capiremo che tipo di corridore può essere, d’altronde i risultati che si ottengono fra gli junior sono sì importanti, ma bisogna anche saperli soppesare.

Il Team Auto Eder al GP Ruebliland in Svizzera, con Herzog in maglia di campione tedesco e Schrot all’estrema destra (foto team)
Il Team Auto Eder al GP Ruebliland in Svizzera, con Herzog in maglia di campione tedesco e Schrot all’estrema destra (foto team)
E dal punto di vista umano, ci si lavora bene insieme?

Sì e credo che questa sia la sua grande forza. E’ un ragazzo che sa far gruppo, non ha grilli per la testa, è molto semplice. Il suo carattere è un’arma a suo favore, questo è sicuro.

E’ pur vero però che quest’anno Herzog ha vinto ben 4 corse a tappe internazionali, tra cui la Corsa della Pace. Questo significa che ha una particolare predisposizione?

Le sue caratteristiche ben si sposano con le corse a tappe, proprio perché va forte sia in salita che a cronometro, non ha punti deboli e finora ha assimilato bene anche gli sforzi ravvicinati. A lui le gare in più giorni piacciono molto, ma come detto bisogna andarci piano e dargli il tempo di maturare.

Per Herzog anche il titolo nazionale junior di mtb, a dimostrazione della sua poliedricità (foto Ehrard Goller)
Per Herzog anche il titolo nazionale junior di mtb, a dimostrazione della sua poliedricità (foto Ehrard Goller)
Da qualche parte già c’è chi lo paragona ai campioni tedeschi del passato, come Thurau o Ullrich. C’è un modello al quale può essere assimilato?

Domanda difficile. Ognuno è differente a suo modo e avendo lavorato con Emil e guardando al passato non saprei proprio a chi paragonarlo, per me è un corridore speciale che si sta disegnando una strada tutta sua.

Ma nel suo Paese come è considerato?

E’ molto conosciuto nell’ambiente ciclistico, questo è certo, ma anche a livello assoluto è considerato uno dei migliori giovani sportivi tedeschi, anche perché è davvero un polivalente. Non va forte solo su strada, ma ha vinto titoli nazionali anche nella Mtb e addirittura nello sci di fondo a passo pattinato. Tutte esperienze che sicuramente lo hanno aiutato nella sua affermazione e in questo un po’ si distacca dagli esempi del passato.

Il 17enne di Simmerberg ha vinto titoli nazionali giovanili anche nello sci di fondo (foto Facebook)
Il 17enne di Simmerberg ha vinto titoli nazionali giovanili anche nello sci di fondo (foto Facebook)
Pensi che avrà difficoltà nel salto di categoria?

Dovrà abituarsi, mettere da parte tutto quel che ha fatto e aprire una pagina nuova, affrontando le nuove esperienze con umiltà e con la voglia di imparare che certamente non gli manca. Io penso che già in breve tempo metterà il suo marchio anche nella categoria superiore.

Herzog passa di categoria, ma che cosa lascia fra i più giovani? Ci sono altri Herzog all’orizzonte?

Non alla sua altezza, stiamo parlando di un campione del mondo che ha vinto tanto quest’anno. Il movimento tedesco è molto brillante, questo è sicuro, ma non ci sono prospetti che lasciano intendere di poter raggiungere le stesse vette. Non dimentichiamo però che parliamo di atleti molto giovani e non tutti maturano allo stesso tempo. E poi magari l’esempio di Emil farà nuovi proseliti…

Auto Eder, juniores alla tedesca con le idee molto chiare

05.07.2022
5 min
Salva

E siccome sono stranieri, hanno dietro la WorldTour e vincono sempre, chissà poi che faranno quelli della Auto Eder. Magari neanche li mandano a scuola. Li pagano per vincere…

Sembra già di sentirli certi discorsi… anzi li abbiamo sentiti. E siccome un po’ di curiosità di vedere la Bora dei piccoli c’era già venuta, siamo andati alla fonte.

Il dottor Schrot

Il dottor Christian Schrot ha 46 anni ed è il direttore sportivo, ma anche il responsabile della preparazione e il coordinatore dei talent scout che gravitano attorno al team giovanile tedesco. La squadra esiste dal 2007, da quando Ralph Denk partì con la allora NettApp, ma due anni fa si è deciso di salire a un livello più internazionale, ispirandosi al modello del calcio, per la mentalità e il tipo di struttura.

«Abbiamo provato – spiega Schrot – a portare un concept diverso. Vogliamo corridori da far crescere, per cui facciamo scouting osservando le potenzialità e non i risultati. Detto questo, i ragazzi possono anche stare a casa per allenarsi e andare a scuola, ma è vero che ci piace coinvolgerli in ritiri collegiali, a volte anche con la squadra WorldTour. In quei casi, ci aspettiamo che rispondano: presente. Abbiamo tutto in comune con il team dei pro’, i materiali e l’esperienza per gestirli».

Christian Schrot ha 46 anni ed è il direttore sportivo, ma anche capo degli osservatori
Christian Schrot ha 46 anni ed è il direttore sportivo, ma anche capo degli osservatori
Qualcuno sussurra che per anteporre il risultato al resto, magari se non vanno a scuola va anche bene…

Non è affatto vero. I nostri ragazzi finiscono tutti la scuola, devono essere ben educati. Magari non tutti andranno all’università, ma al diploma vogliamo che arrivino tutti. Devono saper conciliare scuola e allenamento, da questo non si transige.

In questa fase si fa un gran parlare dei rapporti non più limitati: voi li avevate già… sbloccati?

Non li abbiamo mai allenati con rapporti più lunghi. Abbiamo sempre lavorato con gli stessi rapporti che avremmo poi utilizzato in gara.

La dotazione tecnica è identica a quella dei pro’
La dotazione tecnica è identica a quella dei pro’
Pensi sia stata una scelta giusta?

Penso che alla base ci possa essere anche una ragione tecnica. Le aziende che producono pignoni fanno fatica ormai a fare dei pacchi come quelli che servono agli juniores. Sul fronte sportivo, mi sento di dire che si esalterà ancora di più la differenza tra i forti e i deboli. Ci saranno distacchi maggiori e a quell’età basta essere appena un po’ precoce per disporre di più forza. Giusto o sbagliato, dipende da come vuoi farli crescere. Per la nostra mentalità, cerchiamo sempre il miglioramento, ma ci interessa che soprattutto accrescano la loro esperienza. Siamo moderati, non li assilliamo.

Si parla di problemi legati allo sviluppo…

Non ho ricerche che lo sostengano. Non so se ci sarà un impatto su questi aspetti. Obiettivamente conosco le ragioni di quella limitazione e non vedo le ragioni per non eliminarla. Non credo che alla fine vinceranno atleti diversi.

Il team è spesso in ritiro: da solo o con la squadra WorldTour
Il team è spesso in ritiro: da solo o con la squadra WorldTour
Si dice che in realtà serva per farli passare professionisti già da juniores.

Io credo che un’esperienza fra gli under 23 serva. Per questo anche se li inseriamo presto nella Bora-Hansgrohe, ci sta a cuore che corrano con la nazionale della loro età per mantenere la mentalità vincente. Correre fra gli U23 è un bene per i ragazzi e ci permette di mantenere buoni rapporti con le altre squadre.

Capita che voi li facciate crescere e poi altri team li portino via.

Se li cresci, lo fai per la tua squadra. Non parliamo di prodotti da vendere, ma di persone. Se si trovano bene, restano. Altrimenti vanno. Il nostro interesse ovviamente è tenerli con noi, ma se vogliono andare via, non possiamo legarli.

La Auto Eder ha corridori di sei nazionalità diverse
La Auto Eder ha corridori di sei nazionalità diverse
Si guadagna bene alla Auto Eder?

Sono dilettanti. Il grande benefit che possiamo dargli è la vicinanza della squadra maggiore. E’ sempre stato così, vedendo la nostra storia. Quando cominciammo eravamo una continental, la piccola NettApp. Non avevamo tanti soldi, ma siamo cresciuti fino al livello WorldTour. La struttura si è solidificata e nell’età juniores, che poi è il primo step internazionale, non si pensa ai soldi, ma a imparare le tattiche, come allenarsi, cosa mangiare…

Si allenano tanto i vostri ragazzi?

Dipende dalla parte della stagione, dagli obiettivi e dalla storia di ciascuno, il suo background. Abbiamo 8 ragazzi di 6 nazionalità diverse, ognuno ha il suo sviluppo e le sue esigenze. Comunque la media è che si allenino fra le 15 e le 20 ore per settimana.

Alla Coppa Montes, Mees Viot e Romet Pajur del Team Auto Eder prima di Matteo Scalco (foto photors.it)
Alla Coppa Montes, Mees Viot e Romet Pajur del Team Auto Eder prima di Matteo Scalco (foto photors.it)
Che tipo di attività fate?

Cerchiamo di coprire tutta la stagione, ma per fortuna le trasferte nelle principali corse a tappe le fanno con la nazionale e ne siamo contenti. Però abbiamo buone amicizie e garanzie, per cui in una stagione un nostro corridore fa circa 5 corse a tappe. E per il resto, seguiamo il calendario internazionale, che è bello ricco. In Italia siamo venuti per la Coppa Montes e torneremo per la gara di Vertova. Devono fare attività di alto livello, solo così possiamo sperare che crescano nel modo giusto.